• Save
L'acqua racconta 5 B
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

L'acqua racconta 5 B

on

  • 797 views

 

Statistics

Views

Total Views
797
Views on SlideShare
796
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.comprensivoruffano.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

L'acqua racconta 5 B Presentation Transcript

  • 1. Giulia Le divertenti avventure dei Cuccioli protagonisti della serie animata “H2ooooh” realizzata dall’ UNESCO di Venezia e Rai Fiction ci hanno presentato il tema dell’Acqua e della sua importanza. Alberto La visione del cartoon nella Sala Teatro della nostra scuola infatti, ha promosso in noi la conoscenza storico - scientifica di questa fondamentale risorsa, contribuendo ad incrementare la consapevolezza di noi giovaniverso le tematiche dell’acqua ed i temi relativi alla sua storia , al suo uso , al suo sfruttamento ed alla sua disponibilità .
  • 2. Matteo La gocciolina Cristallina ci haaccompagnati e guidati nel meraviglioso viaggio alla scoperta dell’ ACQUA,durante il quale, tutti insieme, abbiamoimparato l’importanza di questa risorsa naturale per la vita! Abbiamo poi scoperto che …
  • 3. … con la propria comparsa, l’uomo cambiò Laura anche la storia dell’acqua.Da subito, infatti, ne ha intuito l’importanza per la sua sopravvivenza e l’esistenza della vita stessa. Samuele L’ uomo si rapportò all’acqua con modalità differenti in relazione ai diversi periodi storici.
  • 4. SimoneFederico Dal NEOLITICO con la costruzione dei primi villaggi su Palafitte,… alle CIVILTA’ DEI FIUMI, alle CIVILTA’ DEL MEDITERRANEO, …
  • 5. Annagiorgia … all’acqua come servizio pubblico durante l’IMPERO ROMANO,… … fino alla costruzione del nostro prezioso ACQUEDOTTO PUGLIESE all’inizio del ‘900, grazie al quale si ebbe un’Italia unita anche nel segno dell’Acqua.Alessandra
  • 6. Tecla AndreaAbbiamo poi imparato che l’acqua è … e perciò è considerata un l’elemento base per la vita sul DIRITTO FONDAMENTALE Pianeta … dell’essere umano.
  • 7. Eppure, secondo l’OMS Nicolo’ 1.680.000.000 di persone non hanno a disposizione acqua potabile e oltre 10.000 ogni giorno muoiono per malattie legate alla mancanza d’acqua, oppure per l’utilizzo di acqua inquinata.Andrea Circa il 70% della superficie della Terra è formata d’Acqua, ma abbiamo scoperto che solo il 3% è costituita da acqua dolce, cioè acqua pulita e potabile che comincia a scarseggiare ed in alcune zone della Terra
  • 8. Le cause della CRISI IDRICA sono rintracciabili Mariantonietta , inoltre, nella distribuzione irregolare delle precipitazioni sulla Terra, nella crescita demografica, nei cambiamenti climatici, ma soprattutto nei comportamenti irresponsabili dell’uomo e nell’inquinamento.Elisa Abbiamo così capito che l’acqua è un bene prezioso da conoscere, da amare, da proteggere, da rispettare e da non sprecare!
  • 9. Wafaa
  • 10. I nostri preziosi compagni di viaggio: i QUADERNI/RACCOGLITORI ! Eleonora
  • 11. Chiara
  • 12. Abbiamo così messo in scena uno spettacolo Angelika diverso dal solito, in cui ognuno di noi si ètrasformato in un piccolo artista: chi un ballerino, chi un cantante, chi un giornalista, un acrobata o un umorista …. … NEL SEGNO DELL’ACQUA!
  • 13. Beatrice Ecco alcuni momenti del nostro spettacolo tenutosi nella SALA TEATRO della nostra Scuola il 07/06/2012
  • 14. Cinque anni son passati e al capolinea siamo arrivati. A malincuore dobbiamo salutare chi questa scuola ci ha fatto amare. Ci sembra ieri il primo giorno: quante nuove facce a noi intorno! Quando il suono della campanella ci portò nell’aula, nell’aula più bella! E’ proprio qui che sono passati i bei momenti che ci hanno legati. Siamo stati bene come fratelli: amici di classe, maestre e bidelli! E che dire della Dirigente che è stata sempre presente? In noi la gioia è mista alla tristezza. Un sentimento vago, quasi di dolore di uno che parte e lascia il cuore. E’ forte il nodo che si stringe in golaquando pensiamo di dover lasciare questa scuola. Ma purtroppo non c’è altro da fare che ringraziare, ringraziare e poi … … SALUTARE !