Fortarezza reati scudo_19-10-2009
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,337
On Slideshare
1,334
From Embeds
3
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
7
Comments
0
Likes
0

Embeds 3

http://www.linkedin.com 2
http://www.slideshare.net 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale Inquadramento generale sui reati presupposto I reati per i quali è esclusa la punibilità I reati per i quali non è esclusa la punibilità Relatore: Antonio Fortarezza Dottore Commercialista Commissione Antiriciclaggio ODCEC Milano Convegno 19 ottobre 2009 - Milano - Sala Convegni ODCEC – Corso Europa, 11
  • 2. Sommario: 1) Principi di carattere generale del diritto penale 2) Inquadramento generale sui reati presupposto 3) I reati tributari quali reati presupposto 4) Scudo fiscale e copertura penale 2 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 3. 1) Principi generali del diritto penale PRINCIPIO DI IGNORANZA • Nessuno può invocare a propria scusa l’ignoranza della norma penale. REATO • Condotta umana contraria a norme imperative di legge. 3 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 4. 1) Principi generali del diritto penale I reati I reati si distinguono in DELITTI e CONTRAVVENZIONI I DELITTI sono puniti con l’ergastolo, la reclusione (pena detentiva da 15 giorni a 30 anni) e la multa; Le CONTRAVVENZIONI sono quei reati puniti con l’arresto (pena detentiva da 5 giorni a 3 anni) e l’ammenda. 4 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 5. 1) Principi generali del diritto penale Configurazione del reato •Come si configura un reato: Affinchè si configuri un reato è necessaria la coesistenza di due elementi: Quello oggettivo (che è il fatto) Quello soggettivo (che è il dolo) (Il dolo è una condotta che presuppone un comportamento intenzionale) Il dolo si distingue in: -Dolo specifico Esempio: -Dolo generico -Dolo eventuale In denaro è stato ripulito (elemento oggettivo) Consapevolezza della provenienza illecita del denaro (elemento soggettivo) 5 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 6. 1) Principi generali del diritto penale Elemento soggettivo: il dolo DOLO SPECIFICO: Si configura quando l’agente ha agito per una determinata finalità la cui concreta realizzazione non è necessaria per integrare il reato essendo sufficiente che essa sia strettamente perseguita (la rapina presuppone il conseguimento di un profitto che è il denaro, ma se il rapinatore non trova il denaro il reato di rapina si commette ugualmente). DOLO GENERICO: Si configura quando è compiuto il fatto descritto dalla norma incriminatrice senza indagare sul fine perseguito dall’agente (per l’omesso versamento Iva l’elemento soggettivo si concretizza per il solo fatto di non aver versato l’Iva indipendentemente dai motivi) DOLO EVENTUALE: Si configura quando l’agente prevede come possibile il verificarsi di un evento che egli non vuole realizzare, ma pone comunque in atto la condotta accettando il rischio che esso si verifichi (durante una rapina il rapinatore non vuole uccidere, ma inciampa e parte un colpo). 6 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 7. 1) Principi generali del diritto penale Quando si configura il reato? ATTENZIONE Per taluni illeciti, non è sufficiente la condotta contraria alla norma di legge, ma è altresì necessario verificare quando lo stesso viene integrato. Ad esempio, per la maggior parte dei reati tributari, è necessario esaminare attentamente la presenza o meno di talune soglie di punibilità, al di sotto delle quali, l’illecito non potrà essere considerato reato e non avrà la relativa sanzione penale. 7 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 8. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Definizione: Il reato presupposto è il delitto non colposo da cui provengono danaro, beni o altre utilità. Il presupposto del riciclaggio è il compimento preliminare di un delitto non colposo. Affinché esista il riciclaggio, deve necessariamente esistere ed essere compiuto anche un altro reato, il reato presupposto. 8 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 9. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Reati presupposto del riciclaggio Nel nostro ordinamento giuridico i delitti non colposi che hanno carattere economico o finalità economiche sono circa 200. Nel nostro ordinamento li troviamo: •Codice civile •Codice penale •Legge fallimentare •Testo unico della finanza •Reati tributari •Testo unico bancario 9 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 10. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Reati presupposto del riciclaggio I principali illeciti di natura economica o con finalità economica - false comunicazioni sociali in danno della società, dei soci e dei creditori (art. 2622 c.c.) - indebita restituzione dei conferimenti ai soci (art. 2626 c.c.) - indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori (art. 2633 c.c.) - indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (art. 316 ter c.p.) - millantato credito (art. 346 c.p.) - frode nelle pubbliche forniture (art. 356 c.p.) - truffa (art. 640 c.p.) - insolvenza fraudolenta (art. 641 c.p.) - usura (art. 644 c.p.) - appropriazione indebita (art. 646 c.p.) 10 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 11. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Reati presupposto del riciclaggio I principali illeciti di natura economica o con finalità economica - bancarotta fraudolenta (art. 216 L.F.) - bancarotta semplice (art. 217 L.F.) - ricorso abusivo al credito (art. 218 L.F.) - falso in prospetto (art. 173 D.lgs. n. 58/1998 TUF) - corruzione dei revisori (art. 174 ter TUF) - abuso di informazioni riservate, c.d. insider trading (art. 184 TUF) - manipolazione del mercato (art. 185 TUF) - mendacio e falso bancario (art. 137 D.lgs. N. 385/1993 TUB) 11 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 12. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Alcuni esempi Appropriazione indebita del dipendente: Roberto, dipendente di una società, preleva dalle casse sociali la somma di euro 100.000, senza autorizzazione e senza giustificazione. Il denaro “distratto” da Roberto viene consegnato a Maria (casalinga e moglie di Roberto) che acquista dei titoli. Detti titoli vengono dati a garanzia per l’erogazione di un finanziamento finalizzato all’acquisto di un immobile. Il reato presupposto (al successivo riciclaggio) è l’appropriazione indebita di somme dalle casse della società di cui Roberto è dipendente. Nel nostro caso noi potremmo trovarci di fronte sia Roberto, nella qualità di autore materiale dell’appropriazione indebita, sia Maria nella sua qualità di “ripulitrice” del denaro sottratto. 12 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 13. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Alcuni esempi Appropriazione indebita dell’amministratore di società: Francesco, amministratore della società, distrae beni o altre utilità dalla cassa (al di fuori dei casi di fallimento). Il denaro distratto dall’amministratore rimane nella sua disponibilità e viene utilizzato per l’acquisto di una macchina a titolo personale. In questo caso, ci troviamo di fronte all’ipotesi di autoriciclaggio, in quanto Francesco, che è l’autore materiale del reato presupposto di appropriazione indebita, è lo stesso autore della condotta finalizzata a far disperdere le tracce del denaro. 13 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 14. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Alcuni esempi Truffa ai danni dello Stato nell’ottenimento di erogazioni pubbliche Giovanni, giovane informatico, mediante una associazione no profit, ha ricevuto dallo Stato la somma di euro 50.000,00 per eventi di carattere culturale e formativo che in realtà non sono mai stati realizzati. Giovanni, l’ideatore del raggiro ai danni dello Stato (reato presupposto), consegnava i denari a Camilla (giovanissima impiegata) che sottoscriveva l’aumento per 50.000,00 euro del capitale di una società immobiliare la X Srl in cui Giovanni era amministratore. Successivamente la X Srl mediante le somme incamerate provvedeva a versare l’acconto per l’acquisto di una unità immobiliare. 14 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 15. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Alcuni esempi Infedeltà patrimoniale dell’amministratore Filippo, amministratore della società Zeta Srl, stipula un contratto a condizioni particolarmente onerose per la società, ma a tutto vantaggio di Caronte, legato più o meno palesemente da una serie di interessi con Filippo. Lo scopo è quello di favorire il deflusso finanziario, apparentemente ineccepibile, a favore di Caronte o di sue società controllate, e naturalmente collegate con Filippo. 15 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 16. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Alcuni esempi Sottrazione di fondi alla società e frode contabile Leonardo, credit manager della Teconi Spa, attraverso delle frodi contabili, effettua disposizioni di pagamento a favore della società estera OS Ltd a lui riconducibile. 16 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 17. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Alcuni esempi Omesso versamento iva Francesca, amministratore della SD Srl, allo scopo di effettuare acquisti immobiliari personali, omette di versare nell’anno 2007 l’importo dell’iva pari a euro 200.000, che defluiscono dalla società mediante alterazioni e frodi contabili. 17 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 18. 2) Inquadramento generale sui reati presupposto Alcuni esempi Sottrazione al pagamento delle imposte Giovanni, allo scopo di evitare la riscossione coattiva per il pagamento delle imposte pari a euro 500.000, attraverso alienazioni simulate o il compimento di altri atti fraudolenti sui propri beni, cerca di rendere inefficace da parte dell’amministrazione la procedura di riscossione. 18 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 19. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 Tra i delitti non colposi, che possono costituire i reati presupposto ai fini della disciplina antiriciclaggio, ci sono anche gli illeciti tributari • La normativa in argomento, che disciplina i reati tributari, può essere suddivisa in due diverse figure delittuose: Delitti in materia di dichiarazioni fiscali Delitti in materia di documenti e pagamento di imposte Naturalmente per ognuno di essi, andrà puntualmente verificato, il momento consumativo del reato e la presenza di eventuali soglie di punibilità, il che presuppone che il mancato superamento di dette soglie non integra la punibilità a titolo di delitto e quindi non costituirebbe il reato presupposto ai fini della disciplina sull’antiriciclaggio 19 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 20. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 Art. 2 - Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti che commette chi, al fine di evadere le imposte, utilizza fatture o altri documenti “falsi”; la frode si realizza senza che si debba raggiungere una soglia minima; quindi anche la fattura “falsa” per Euro 100,00 integra la fattispecie del reato; il fatto si consuma nel momento della presentazione della dichiarazione annuale; Art. 3 - Dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici che commette chi, al fine di evadere le imposte, mediante falsa rappresentazione nelle scritture contabili espone elementi attivi inferiori a quelli effettivi ovvero elementi passivi fittizi; questa frode si realizza solo se, congiuntamente, l’imposta evasa -avendo riferimento a ciascuna imposta- è superiore a Euro 77.468,53 e l’ammontare complessivo degli elementi sottratti all’imposizione è superiore al 5% dell’ammontare degli elementi attivi indicati in dichiarazione o comunque superiore a Euro 1.549.370,70); il fatto si consuma nel momento della presentazione della dichiarazione annuale; 20 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 21. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 Art. 4 - Dichiarazione infedele che commette chi, al fine di evadere le imposte, indica nella dichiarazione elementi attivi inferiori a quelli effettivi ovvero elementi passivi fittizi; questa frode si realizza solo se, congiuntamente, l’imposta evasa -avendo riferimento a ciascuna imposta- è superiore a Euro 103.291,38 e l’ammontare complessivo degli elementi sottratti all’imposizione è superiore al 10% dell’ammontare degli elementi attivi indicati in dichiarazione o comunque superiore a Euro 2.065.827,60; il fatto si consuma nel momento della presentazione della dichiarazione annuale; Art. 5 - Omessa dichiarazione che commette chi, al fine di evadere le imposte non presenta la dichiarazione; questa frode si realizza solo se l’imposta evasa -avendo riferimento a ciascuna imposta- è superiore a Euro 77.468,53; il fatto si consuma nel 90° giorno successivo alla scadenza del termine previsto per la presentazione della dichiarazione annuale; Art. 8 - Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti che commette chi al fine di consentire a terzi l’evasione delle imposte emette fatture o altri documenti “falsi”; la frode si realizza senza che si debba raggiungere una soglia minima; il fatto si consuma nel momento di emissione dei documenti; 21 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 22. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 Art. 10 - Occultamento o distruzioni di documenti contabili che commette chi, al fine di evadere le imposte, agisce in modo da non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume d’affari; la frode non ha una soglia minima e può essere commessa anche a favore di terzi; il fatto si consuma nel momento della distruzione o occultamento delle scritture; Art. 10-bis - Omesso versamento di ritenute che commette chi non versa, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione del sostituto d’imposta, le ritenute certificate per un importo superiore a Euro 50.000,00; il fatto si consuma nel momento successivo alla scadenza del termine per la presentazione della dichiarazione annuale dei sostituti d’imposta; Art. 10-ter - Omesso versamento di I.V.A. che commette chi non versa, entro il termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo d’imposta successivo per un importo superiore a Euro 50.000,00; il fatto si consuma nel momento successivo alla scadenza del termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo d’imposta successivo; 22 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 23. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 Art. 10-quater - Indebita compensazione di imposte che commette chi non versa le somme dovute utilizzando in compensazione crediti non spettanti o inesistenti per un importo superiore a Euro 50.000,00; il fatto si consuma nel momento di effettuazione della compensazione con riferimento al singolo periodo di imposta; Art. 11 - Sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte che commette chi al fine di sottrarsi al pagamento delle imposte simula l’alienazione o il compimento di atti fraudolenti su beni propri o altrui per rendere inefficace la procedura di riscossione coattiva; la frode si realizza soltanto se l’importo delle imposte non pagate è superiore a Euro 51.645,69; Il fatto si consuma nel momento del compimento dell’alienazione simulata; 23 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 24. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 ATTENZIONE Con specifico riferimento ai reati tributari, e per la particolarità degli stessi, intorno al problema, si stanno sviluppando considerazioni che distinguono sostanzialmente gli stessi in due figure principali: 1. quelli che determinano l’immissione di denaro “nuovo” nel sistema finanziario (emissione e utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti ed altri) 2. quelli che danno luogo esclusivamente ad un risparmio d’imposta e quindi non alla realizzazione di un incremento patrimoniale. 24 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 25. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 Richiede espressamente di - 15/01/2009 CNDCEC, chiarire che devono (Osservazioni al considerarsi reati documento dell’Ufficio presupposto del riciclaggio di Informazione esclusivamente quei Finanziaria “Indicatori reati tributari che di Anomalia per i professionisti e i comportino un effettivo revisori”. ingresso di denaro o di altri beni nel patrimonio del cliente. 25 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 26. 3) I reati tributari quali reati presupposto Reati fiscali – D.Lgs. 74/2000 La figura delittuosa presupposta al reato di riciclaggio dovrebbe (ma allo stato attuale così non è) considerarsi solo l’emissione e/o utilizzo di fatture per operazioni inesistenti Il punto di (articoli 2 e 8 del Dlgs 74, rispettivamente, dichiarazione vista del fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per CNDCEC operazioni inesistenti ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti). 26 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 27. 4) Scudo fiscale e copertura penale Effetti dello scudo fiscale 2009 Preclusione da accertamenti tributari e contributivi; Estinzione delle sanzioni amministrative comprese quelle relative al monitoraggio fiscale; Copertura penale per alcuni reati; Per i professionisti non obbligo di segnalazione per i reati coperti dallo scudo fiscale; 27 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 28. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale …l’effettivo pagamento dell’imposta comporta in materia di esclusione della punibilità penale, limitatamente al rimpatrio e alla regolarizzazione, l’applicazione di cui all’art. 8, comma 6, lettera c) Legge 289/2002… Il decreto legge 103 del 2009 (correttivo del decreto 78) ha esteso la tutela penale a tutti i reati coperti dai precedenti scudi, vale a dire quelli indicati all’articolo 8, comma 6, lettera c), della legge 289/2002. Il legislatore in materia penale rinvia alle disposizioni del condono di cui alla Legge 289/2002 28 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 29. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale Articolo 8, comma 6, lettera c), della legge 289/2002. c) l'esclusione ad ogni effetto della punibilita' per i reati tributari di cui agli articoli 2, 3, 4, 5 e 10 del decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74; d) l'esclusione ad ogni effetto della punibilita' per i reati previsti dagli articoli 482, 483, 484, 485, 489, 490, 491-bis e 492 del codice penale, nonche' dagli articoli 2621, 2622 del codice civile, quando tali reati siano stati commessi per eseguire od occultare i reati di cui alla lettera c), ovvero per conseguirne il profitto e siano riferiti alla stessa pendenza o situazione tributaria. L'esclusione di cui alla presente lettera non si applica ai procedimenti in corso. 29 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 30. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale Articolo 8, comma 6, lettera c), della legge 289/2002. Nel dettaglio, si tratta dei seguenti reati: • dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (articolo 2 decreto legislativo 74/00); dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici (articolo 3 del decreto 74); dichiarazione infedele (articolo 4 del decreto 74); omessa dichiarazione (articolo 5 del decreto 74); occultamento o distruzione di documenti contabili (articolo 10 del decreto 74). • Inoltre, lo scudo estingue alcune reati di falso previsti dal codice penale (articoli 482, 483, 484, 485, 489, 490, 491-bis e 492): falsità materiale commessa dal privato; falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico; falsità in registri e notificazioni; falsità in scrittura privata; uso di atto falso; soppressione, distruzione e occultamento di atti veri; falso in documenti informatici; falso in copie autentiche che tengono luogo degli originali mancanti. • Infine vengono estinti questi reati societari disciplinati dal codice civile: false comunicazioni sociali (articolo 2621); false comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei creditori (articolo 2622). 30 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 31. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale E’ necessario il collegamento causale • Dalla formulazione dell’articolo 8, comma 6, lettera c), della legge 289/02, perché i reati ivi previsti, siano non punibili occorre l’esistenza di un collegamento causale. • L’esclusione della punibilità è garantita “quando tali reati siano stati commessi per eseguire od occultare i predetti reati tributari, ovvero per conseguire il profitto e siano riferiti ATTENZIONE alla stessa pendenza o situazione tributaria”. 31 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 32. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale Collegamento causale delle false comunicazioni in bilancio Per quanto riguarda, in particolare, le false comunicazioni in bilancio, il collegamento con lo scudo fiscale fa sì che l’estinzione riguardi soltanto quelle falsità che si risolvono in un’evasione dell’imposta che sia penalmente rilevante e non invece, altre ipotesi (esempio alterazioni e ATTENZIONE frodi di bilancio per affidamenti banari). 32 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 33. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale degli illeciti tributari Tipo di violazione penale Sanzione (articolo 2, decreto 74/00) Reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. Quando Dichiarazione fraudolenta (imposte dirette o Iva) mediante l’ammontare complessivo degli elementi passivi fittizi è utilizzo di fatture false per qualunque importo inferiore a 154.937,07 euro si applica la reclusione da 6 mesi a 2 anni. Dichiarazione fraudolenta (imposte dirette o Iva) mediante utilizzo di fatture indicanti un importo superiore a quello (articolo 3, decreto 74/00) Reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. Dichiarazione fraudolenta (imposte dirette o Iva) mediante altri artifizi indicando elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo o elementi passivi fittizi, quando congiuntamente: l’imposta evasa supera 77.468,53 euro; e l’ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all’imposizione, anche con l’indicazione di elementi passivi fittizi, è superiore al 5% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o, comunque, superiore a 1.549.370,70 euro 33 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 34. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale degli illeciti tributari Tipo di violazione penale Sanzione (articolo 4, decreto 74/00) Reclusione da 1 a 3 anni Dichiarazione infedele (imposte dirette o Iva) con l’indicazione di elementi attivi inferiori a quelli effettivi o elementi passivi fittizi, quando congiuntamente: l’imposta evasa supera, con riferimento a ogni imposta, 103.291,38 euro; e l’ammontare complessivo degli elementi sottratti all’imposizione, anche con l’indicazione di elementi passivi fittizi, è superiore al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o, comunque, superiore a 2.065.827,60 euro 34 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 35. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura penale dello scudo fiscale degli illeciti tributari Tipo di violazione penale Sanzione (articolo 5, decreto 74/00) Reclusione da 1 a 3 anni Omessa presentazione dichiarazione (imposte diretti o Iva) quando l’imposta evasa supera 77.468,53 euro, con riferimento a ciascuna imposta (articolo 10, decreto 74/00) Reclusione da 6 mesi a 5 anni. Occultamento o distruzione di scritture contabili per evadere le imposte sui redditi o l’Iva, o consentire l’evasione a terzi, non consentendo la ricostruzione dei redditi o del volume d’affari 35 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 36. 4) Scudo fiscale e copertura penale Reati tributari non coperti dallo scudo fiscale Tipo di violazione penale Sanzione (articolo 8, decreto 74/00) Reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. Emissione fatture false Quando l’ammontare complessivo degli Emissione di fatture con importo superiore al elementi fittizi è inferiore a 154.937,07 reale (articolo 8, decreto 74/00) euro si applica la reclusione da 6 mesi a 2 anni. (articolo 10-bis, decreto 74/00) Reclusione da 6 mesi a 2 anni. Omesso versamento di ritenute di acconto risultanti dalla certificazione rilasciata ai sostituti, per un ammontare superiore a 50.000 euro per ciascun periodo d’imposta 36 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 37. 4) Scudo fiscale e copertura penale Reati tributari non coperti dallo scudo fiscale Tipo di violazione penale Sanzione (articolo 10-ter, decreto 74/00) Reclusione da 6 mesi a 2 anni. Omesso versamento dell’Iva per un ammontare superiore a 50.000 euro (articolo 10-quater, decreto 74/00) Reclusione da 6 mesi a 2 anni. Indebita compensazione mediante omesso versamento di somme dovute in violazione dell’articolo 17, decreto 241/97, relative ai crediti non spettanti o inesistenti (articolo 11, decreto 74/00) Reclusione da 6 mesi a 4 anni. Sottrazione al pagamento di imposte sui redditi o Iva, o di interessi o sanzioni amministrative per un ammontare superiore a 51.645,49 euro, ponendo in essere la vendita simulata o altri fatti fraudolenti sui beni propri o altrui per rendere inefficace la procedura di riscossione 37 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 38. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura dello scudo fiscale di illeciti previsti dal codice penale Tipo di violazione penale Sanzione (articoli 482, 483, 484, 485, 489, 490, Rispettivamente: 491-bis, 492 del codice penale) reclusione da 1 a 6 anni; Falsità materiale commessa dal privato. da 6 mesi a 3 anni; Falsità ideologica commessa dal privato in atto da 1 a 4 anni, ridotta di un terzo; pubblico. fino a 2 anni; Falsità di registri e notificazioni. fino a 6 mesi o multa fino a 309 euro; Falsità in scrittura privata. da 6 mesi a 3 anni; Uso di atto falso. riduzione di 1/3 rispetto ai reati relativi Soppressione distruzione e occultamento di atti vari. Falsità di documenti informatici. Falsità in copie autentiche che tengono luogo degli originali mancanti finalizzati alla realizzazione o all’occultamento di reati tributari. 38 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 39. 4) Scudo fiscale e copertura penale Copertura dello scudo fiscale di illeciti penali societari Tipo di violazione penale Sanzione (articoli 2621 e 2622 del codice Arresto fino a 2 anni. Reclusione da civile) 6 mesi a 3 anni (se commesse in False comunicazioni in bilancio, nelle danno della società, dei soci, dei varie forme, commesse per eseguire od creditori) occultare reati tributari “scudati” o per conseguire il profitto e sia riferito alla stessa pendenza o situazione tributaria 39 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 40. 4) Scudo fiscale e copertura penale Riciclaggio I reati di riciclaggio e di impiego di denaro di ATTENZIONE provenienza illecita rispettivamente previsti dagli artt. 648-bis e 648- ter del codice penale, non sono coperti dalle disposizioni dello scudo fiscale. 40 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE
  • 41. 4) Scudo fiscale e copertura penale Alcuni problemi…dal codice penale… • Art. 170 CP - Estinzione di un reato che sia presupposto, elemento costitutivo o circostanza aggravante di un altro reato • Quando un reato è il presupposto di un altro reato, la causa che lo estingue non si estende all'altro reato. La causa estintiva di un reato, che è elemento costitutivo o circostanza aggravante di un reato complesso, non si estende al reato complesso. L'estinzione di taluno fra più reati connessi non esclude, per gli altri, l'aggravamento di pena derivante dalla connessione. • Art. 182 CP - Effetti delle cause di estinzione del reato o della pena • Salvo che la legge disponga altrimenti, l'estinzione del reato o della pena ha effetto soltanto per coloro ai quali la causa di estinzione si riferisce. • Art. 119 Valutazione delle circostanze di esclusione della pena • Le circostanze soggettive, le quali escludono la pena per taluno di coloro che sono concorsi nel reato hanno effetto soltanto riguardo alla persona a cui si riferiscono. Le circostanze oggettive che escludono la pena hanno effetto per tutti coloro che sono concorsi nel reato. • Art. 648 ultimo comma CP - Ricettazione • Le disposizioni di questo articolo si applicano anche quando l’autore del delitto da cui il denaro o le cose provengono non è imputabile o non è punibile ovvero quando manchi una condizione di procedibilità riferita a tale delitto. 41 S.A.F.- SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE