SWS - Il sistema di posa in opera Soudal

1,581 views

Published on

L'ing. Mario Sorini di Soudal Italia illustra i più frequenti errori in fase di progettazione e realizzazione dei giunti di posa e le soluzioni Soudal - sistema SWS.

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,581
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

SWS - Il sistema di posa in opera Soudal

  1. 1. Soudal Window System2012
  2. 2. Risparmio energeticoRISPARMIARE sul riscaldamento• SI PUO’• SI DEVE• FA VIVERE MEGLIO
  3. 3. Risparmio energetico: SI DEVE
  4. 4. COSTO ANNUO DIRISCALDAMENTO270 EURO5401.0851.6302.1702.7103.2503.790Fonte: calcolo con softwareCENED; appartamento 100mq, costo energia sett08,Zona ERisparmio energetico: SI PUO’ANNI 60Limiti attualiCasa Passiva
  5. 5. EPB = Energy Performance of BuildingEUROPA 20-20-20 policy entro il 2020EPB introduce il concetto di certificazione energetica per nuove evecchie costruzioni.
  6. 6. • L’Unione Europea sta spingendo fortemente per incrementare l’efficienzaenergetica degli edifici• In Italia le regioni si stanno muovendo spesso autonomamente per attuareil contenimento dei consumiQuesta Direttiva risulta ad oggi fortemente disattesaEPB(Energy Performance of Building Directive)• “Una nuova normativa CE” stimola il processo di marcatura per gli edificicon lo stesso concetto utilizzato negli elettrodomestici anche se ciò risultamolto complesso• Gli standard qualitativi nell’efficienza energetica si sono sviluppatiprincipalmente nelle regioni in lingua tedesca (“PASSIVEHAUSE”,“MINERGIE”, “KLIMAHAUS”)“
  7. 7. Realizzare edifici energeticamente sostenibili è necessarioPERCHE’… il recupero energetico è una grande opportunità per tutti(riduzione emissioni CO2 protocollo di Kyoto) consentirebbe all’Italia di recuperare il divario accumulatorispetto alle emissioni previste il patrimonio immobiliare italiano sicolloca tra le classi E ed F
  8. 8. Certificato Energetico:COS’E’• Valuta l’efficienza energetica di un’abitazione• Fornisce ai committenti/acquirenti un parametro di calcolo dei consumi• E’ previsto dalla direttiva europea, che vincola gli stati membri• E’ obbligatorio nei contratti di trasferimento a titolo oneroso• E’ subordinato alla zona climatica in cui avviene la progettazione
  9. 9. Esempi di certificati energetici
  10. 10. EPB e Passive HouseCosa si sta facendo in Italia ?DL 192/2005 DL 311/2006 DM 59/2009Obblighi dilegge
  11. 11. EPB e Passive HouseCosa si sta facendo in Italia ?55% (2007) 55%(2008) 55%(2010)Incentivifiscali
  12. 12. EPB e Passive HouseCosa si sta facendo in Italia ?Protocollivolontari
  13. 13. Certificazione energetica e fonti rinnovabili:nuovi obblighi e procedure autorizzatorieMarzo 2011: Il consiglio dei Ministri ha approvato ilDecreto Legislativo che attua la DIRETTIVA 2009/28/CEUSO DELL’ENERGIA DA FONTI RINNOVABILITale DIRETTIVA si inserisce nel quadro di azione comunitaria, con l’obiettivo dilimitare la dipendenza energetica da fonti combustibili fossili e le emissioni digas ad effetto serra, promuovendo l’efficienza energetica ed un trasporto piùpulito.EPB e Passive House
  14. 14. Informazioni sulla certificazione energetica nelle compravendite elocazioniLe disposizioni di maggiore interesse sono quelle indicate in materia di rendimentoenergetico in edilizia,In particolare: Contratti di compravendita o di locazione di edifici o di singole unità immobiliari.Obbligo per l’acquirente e conduttore di dichiarare la presa visione delle informazioniinerenti alla certificazione energetica Trasferimento a titolo oneroso di edifici o di singole unità immobiliari. Condecorrenza 01/01/2012 gli annunci commerciali di vendita dovranno riportarel’indice di prestazione energetica contenuto nel certificatoEPB e Passive House
  15. 15. In altri termini entro il 2020 si dovrà sviluppare il concetto di CasaPassivaCosa è una casa passiva?E’ una costruzione “impacchettata” termicamente, nella quale uncomfort di clima interno può essere mantenuto senza sistemi attivi diriscaldamento o raffreddamentoL’involucro termico di una casa passiva è talmente efficiente che nonnecessita di ulteriori sistemi attivi di climatizzazioneEPB e Passive House
  16. 16. Passive HouseNella casa passiva il costo dell’investimento in acquisto vienerecuperato dai vantaggi energetici e quantitativi che ne derivanoFabbisogno di energia:Un edificio passivo non può consumare più di 15 kWh/m2 per anno per ilriscaldamentociò equivale...a circa 1,5 litri di gasolio oppure 1,5m3 di gas metano al mq per annoIl consumo di una casa passiva equivale a due pieni di gasolio di unaautovettura di media cilindrata
  17. 17. Passive HouseTrend di sviluppo di abitazioni a basso consumoenergetico in Europa
  18. 18. COME SI ARRIVA AL ‘QUASI ZERO’1. Progettazione : orientare nel modo migliore2. Materiali : isolare, isolare, isolare.3. Componenti : infissi, vetri.4. Impianti: caldaie a condensazione, pannelli solari.
  19. 19. COME SI ARRIVA AL ‘QUASI ZERO’1. Isolando pareti e tettiPareti esterne 0,7(W/m2K)0,2Tetti 0,5 0,1
  20. 20. COME SI ARRIVA AL ‘QUASI ZERO’1. Isolando pareti e tetti2. Utilizzando finestre con alte prestazioniFinestre(comprensive di vetri)2,7(W/m2K)1,2
  21. 21. COME SI ARRIVA AL ‘QUASI ZERO’Eliminando spifferi e ponti termici
  22. 22. COME SI ARRIVA AL ‘QUASI ZERO’• Ottimizzando la circolazione dell’aria• Impianti di riscaldamento più efficienti
  23. 23. Il ruolo delle finestre• La prestazione delle finestre incide pesantemente sul totaledell’involucro.Sono sottili (rispetto alla massa della parete)Sono ampie (occupano anche più del 40% della superficie)Sono trasparenti (irraggiano all’esterno)Lasciano passare aria (anche quando sono chiuse, purtroppo)
  24. 24. La Marcatura Energetica per le finestreAttualmente• Uw= UF & UG (coefficienti attuali finestra, telaio, vetro)In futuro• Gw value: Classe totale di energia• Una nuova norma ISO 18292 è in preparazioneEPH (winter): Efficienza energetica durante il riscaldamentoEPC (summer): Efficienza energetica durante ilcondizionamento• Scala termica da A a G come nelle classi tradizionali di efficienzaenergetica
  25. 25. Sostenibilità e l’impatto ambientaleIn aggiunta all’efficienza energetica si dovranno considerare:- Metodi produttivi- Costi durante l’uso- Emissioni di sostanze- RicicloSi dovrà valutare l’impatto del manufatto sull’ ambiente:L’intero ciclo di vita degli elementi della costruzione è legato all’ EPD:Dichiarazione dell’impatto sull’ambiente
  26. 26. Non sempre viene considerato elemento fondamentaleil “GIUNTO” ...Le caratteristiche di isolamento termico e di tenuta all’aria deiserramenti sono state progressivamente incrementate, ma molto èancora da fare sul rendimento del “GIUNTO” collegamentoINFISSO- CONTROTELAIO-PARETEGIUNTO PRIMARIOGIUNTO SECONDARIO
  27. 27. Posa in opera: come si verifica la tenuta all’ariaLa TENUTA ALL’ARIA può essere verificata medianteil BLOWER DOOR TEST (secondo la UNI EN 13829)In una CASA PASSIVA o CASA CLIMA Classe A la tenuta all’aria deveessere inferiore o uguale a 0,60 volumi/h ad una differenza dipressione di 50 Pa UNI 13829– Classe C 7 litri di gasolio al m2 per anno– Classe B 5 litri di gasolio al m2 per anno– Classe A 3 litri di gasolio al m2 per anno– Classe A-Gold 1,5 litri di gasolio al m2 per anno
  28. 28. Tenuta all’ariaVerifica con termocamera ed analisi dei fumi
  29. 29. CondensazioneBicchiere freddocon acquaghiacciata 10°Aria nell’ambienteCome e perchè si manifestanoSi stanno verificando problemi di condensa?CONDIZIONI STANDARDPREVISTE DALLA LEGGE• 20°C Temperatura• 65% RH Umidità relativa
  30. 30. 20°CF = Umidità assoluta = massa H2O / V aria secca (g/m³)Fmax = Umidità assoluta max. o di saturazione = massa H2O,max / V aria secca(g/m³)15 g/m³12 g/m³9,65g/m³9,75 g/m³U.R. = F / FmaxL’aria a 20C può contenere circa 15 g/m3 di acquaPERCHE’ SI FORMA LA CONDENSA..16°C 13°C65% 80%100%
  31. 31. 12°C9°CU.R. 60%U.R. 50%U.R. 75%16°CAll’aumentare dell’umidità relativa aumenta la temperatura dellalinea di condensa. Fenomeni di condensa possono quindimanifestarsi su materiali a 9°C a 16°C20°CIl fenomeno di condensa...DM 59/2009 UNI EN 13788
  32. 32. La formazione di condensa è un fenomeno variabile...Il mutare delle temperature interno/esterno e l’aumentodell’umidità relativa nell’ambiente creano effetti di condensaCon il 75% di umidità relativa una superficie può “mostrare”fenomeni di condensa a 16°CLa formazione di condensa sulle superfici è generata da: Ponti freddi Alta umidità relativa nell’ambiente Ventilazione non idonea
  33. 33. Esempio di posa di un sistema finestra persiana
  34. 34. Alcuni effetti di un’errata posa in opera
  35. 35. Come si verificanoPonti termiciAnalisi agli infrarossiL’analisi termografica agli infrarossi consente di individuare difetti dovuti a ponti termicinel nodo infisso-parete o in corrispondenza del distanziatorePonte termicoINFISSO-PARETEPonte termicoDISTANZIATORE
  36. 36. Bassa temperaturaintorno al telaioInternoEsternoIl calore sidisperde versol’esternoPonti termiciNon sottovalutate i giunti serramento parete!!
  37. 37. Ponti termiciL’interruzione dell’isolamento con la parete genera ponti termici efenomeni di condensa
  38. 38. CONDENSAZIONE & MUFFAI giunti freddi generano fenomeni antiestetici
  39. 39. INFISSO CON FORMAZIONE DI “MUFFE”Termogramma
  40. 40. Condensazione & muffaL’analisi termica ad infrarossi consente di verificare i giunti freddi
  41. 41. Punti criticiInfluenza dell’isolamentoesterno RischiCondensazione & muffaSpecifici software consentono di verificare i punti di condensa nelnodo serramento parete
  42. 42. Ponti termici= problemi di muffa !– Superfici fredde sul latointerno del giunto muro-infisso generano fenomenidi condensa– Condensazione: la muffa siformerà entro 5 giorniConseguenze ed effetti
  43. 43. 1) Evitare perdita d’aria e quindi perdita di calore= tenuta alla pressione dell’aria (requisitiEPB)!!+Evitare la formazione di condensa nel giuntoper mantenere le proprietà di isolamento =Tenuta al vapore2) Isolamento del giunto muro finestra = evitareponti temici e condensazione3) All’esterno, tenuta alla pioggia battenteCome risolvere il problema
  44. 44. Garantire i requisiti in opera(1,4 *0,73) + (1,1*1,87) + (0,071*7,8)(0,73+1,87)Uw =Norma EN 10077 – 1/2Uf = 1,40 – Ug = 1,1 - ψ = 0,071Af = [(1,1*3)*0,1] + [(2*2)*0,1] = 0,73 mq;Ag = (1,3*2) – 0,73 = 1,87 mq;Ig = (1,1*4) + [(1,7*2) = 7,8 m;(Uf *Af) + (Ug*Ag) + (ψ*lg)(Af+Ag)Uw =1,39 W/m²KUfψUgUn serramento posato mantiene le sue caratteristiche termiche?
  45. 45. 0,19(1,4*0,73) + (1,1*1,87) + (0,071*7,8) + (0,11*4,6) + (0,19*2,0)(0,73+1,87)Uw =Uf = 1,40 – Ug = 1,1 - ψ = 0,071Af = [(1,1*3)*0,1] + [(2*2)*0,1] = 0,73 mq;Ag = (1,3*2) – 0,73 = 1,87 mq;Ig = (1,1*4) + [(1,7*2) = 7,8 m;1,74 W/m²K(Uf *Af) + (Ug*Ag) + (ψ*lg) + ∑(ψposato*lp)(Af+Ag)Uw, posato =ψposato = 0,19 – 0,110,110,110,11+ 20%Si deve tener conto del valore termico del giunto
  46. 46. 0,190,110,110,11Altra considerazione :Il solo ponte termico ha aggiuntoquasi 1W/K di dispersioneSe il serramento e la parete fosserostati eccezionali(e quindi costosi),la penalizzazione sarebbe statapercentualmente maggioreControllare, evitare e correggere i ponti termiciNON E’ UNO SFIZIOE’ UNA NECESSITA’1,39 1,74
  47. 47. 0,19ψposato = 0,19 – 0,110,110,110,11Come si calcolano? Da dove vengono?0,2540,3560,549
  48. 48. Soudal Window SystemECCO PERCHE’...
  49. 49. • = Soudal Window System• Sistema di posa in opera: installazione delle finestre secondo le norme EPB• Combinazione di prodotti nuovi ed esistenti nella realizzazione del giuntofinestra – controtelaio - muro• Aree applicative:– nuove costruzioni e ristrutturazioni– tutti i tipi di finestre– da “Standard” a Passive House– Internazionale: Belgio, Germania, Polonia, Italia,...Soudal Window System
  50. 50. Soudal Window SystemGamma prodottiBenda freno vapore, nastro auto-espandente, schiuma poliuretanica e sigillantiappropriati garantiscono:ALTE PRESTAZIONI TERMICHE ED ACUSTICHEEvitano• la formazione dicondensa all’interno• spiacevoli effettiantiestetici di muffa
  51. 51. Il GIUNTO nella TEORIAµ = 80000µ = 70InternoEsternoMaterialiadaltapermeabilitàMaterialiabassapermeabilità Usare materiali a bassa permeabilità al vapore all’interno(µ = resistenza alla diffusione del vapore) Area rossa Isolare l’interno del giunto (ψ) Area gialla Usare materiali ad alta permeabilità all’esterno Area bluwindow jointwindow jointwindow jointGiunto infisso-pareteSchiuma diisolamento
  52. 52. Esempio 1Materiali apertialla diffusione delvaporeMateriali chiusialla diffusionedel vaporeEsternoInternoMuffa1. Isolamento2. Tenuta al vapore & aria3. Pioggia battenteLinea dicondensazioneIl GIUNTO nella TEORIA
  53. 53. Esempio 2EsternoInternoMuffa1. Isolamento2. Tenuta al vapore & aria3. Pioggia battenteL’isolante si bagna ediventa inefficaceIsolamento con schiumaLinea dicondensazioneIl GIUNTO nella TEORIA
  54. 54. Esempio 3Materiali chiusialla diffusionedel vaporeEsternoInterno1. Isolamento2. Tenuta al vapore & aria3. Pioggia battenteLinea di condensazioneMateriali apertialla diffusionedel vaporeIl GIUNTO nella TEORIA
  55. 55. μ=±85800μ=761. Isolamento2. Tenuta al vapore & aria3. Pioggia battenteEsempio 4Materiali chiusialla diffusionedel vaporeEsternoInternoIl GIUNTO nella TEORIA
  56. 56. μ=±85800μ=761. Isolamento2. Tenuta al vapore & aria3. Pioggia battenteEsempio 5Materiali apertialla diffusione delvaporeMateriali chiusialla diffusionedel vaporeEsternoInternoIl GIUNTO nella TEORIA
  57. 57. Il sistema SWS nei prodottiIntorno al serramentoall’internoIntorno al serramentoall’esternoNel centro delgiunto
  58. 58. ESEMPIO di Nodo SERRAMENTO –PARETE in LEGNOSoudalSWSPosa del serramento afilo interno con coprifilo
  59. 59. SoudalSWSPosa del serramentocon aletta internaESEMPIO di Nodo SERRAMENTO –PARETE in ALLUMINIO-PVC
  60. 60. SWS: Prodotti
  61. 61. SWS Folienband Inside interni• Nastro in polietilene per applicazione Controtelaio – Parete• Chiuso al vapore, resistente alla pressione dell’aria (Sd ≥ 50m)• Garantisce la tenuta all’aria e l’impermeabilità al vapore acqueodall’interno verso l’esterno• Facilmente intonacabile e sovraverniciabile• Nastro Colore rosso• 2 misure: 70, 100 mm (lunghezza nastro 25m)
  62. 62. SWS Folienband inside
  63. 63. SWS Folienband Outside esterni• Nastro in polietilene per applicazione Controtelaio - Muro• Aperto al vapore, resistente alla pressione dell’aria e pioggia battente (Sd≤ 0,05m)• Garantisce la tenuta all’aria e all’acqua del giunto esterno fino a 600 Pa• Facilmente intonacabile e sovraverniciabile• Nastro colore bianco• 2 misure: 70, 100 mm (lunghezza nastro 25m)
  64. 64. SWS: esempio di installazione delleFolienband
  65. 65. Nastro autoespandente Soudaband PRO BG 1 Coefficiente di permeabilità del giunto a 10 Pa = 0,1 m3/h.m (daPa)n Resistenza alla pioggia battente = 600 Pa ( se usato nei limiti previsti) Resistenza alla temperatura = -30°C a +100°C Classe di infiammabilità = B1 Permeabilità al vapore acqueo μ = 10 (compresso al 20%) Isolamento termico λ = 0,07 W/mK Isolamento acustico RS,T = 48 dB
  66. 66. Codice DescrizioneFormatoLarghezzagiuntoNastro compressoin mmNastro dopoespansione in mm110265 SOUDABAND PRO BG1 10 mm x 20 mt 1-2mm 1 5-6110267 SOUDABAND PRO BG1 15 mm x 13 mt 1-4mm 1,5 6-8121843 SOUDABAND PRO BG1 20 mm x 13 mt 1-4mm 1,5 6-8121842 SOUDABAND PRO BG1 12 mm x 12 mt 2-6mm 2 10110268 SOUDABAND PRO BG1 15 mm x 12 mt 2-6mm 2 10121841 SOUDABAND PRO BG1 20 mm x 12 mt 2-6mm 2 10121840 SOUDABAND PRO BG1 15 mm x 8 mt 4-9mm 4,5 20-25121338 SOUDABAND PRO BG1 20 mm x 8 mt 4-9 mm 4,5 20-25122339 SOUDABAND PRO BG1 15 mm x 4,3 mt 6-15 mm 6,5 30-35121839 SOUDABAND PRO BG1 20 mm x 4,3 mt 6-15mm 6,5 30-35Soudaband PRO BG 1Come scegliere
  67. 67. SOUDABAND Aktiv PLUSNastro autoespandente multifunzione• Usato su pareti singole dopo la finitura incombinato con sistemi ETICS• Il giunto è chiuso su entrambi i lati (nocavità, no ventilazione)• Il serramento è fissato meccanicamentemediante il telaio e il nastro.Il nastro usato è solitamente 6 mm meno profondo dell’infisso stesso
  68. 68. Perché Nastri Multifunzione?• Tenuta all’aria all’interno• Isolamento nel mezzo• Tenuta acqua aria e vento all’esterno (BG1)3 FUNZIONE CON UN SINGOLO PRODOTTONessun liner/adesivo per dividere le multifunzioni – unico strato multifunzione
  69. 69. SOUDABAND Aktiv PLUS• Un solo prodotto invece di un sistemacompleto• Applicazione facile e veloce• Da applicare prima del montaggio dellafinestra• Pulizia nell’applicazioneVANTAGGI
  70. 70. • Criticità negli angoli• Minore isolamento termico (λ: 0,048W/mK) vsFlexifoam (λ: 0,035W/mK)• Costoso• Incompatibilità con i cunei - supporti per i profililasciano poco spazio al nastro multifunzione• Espansione dipendente dalle condizioni diumidità: più freddo espansione più lentaSOUDABAND Aktiv PLUSSVANTAGGI
  71. 71. Soudaseal 215 LMSigillante adesivo MS Polymer® verniciabileCaratteristiche• Privo di isocianati, solventi• Resistenza ai raggi UV• Non macchia su materiali porosi quali granito e pietra naturale• Ottima adesione in presenza di umidità superficiale• Buona estrudibilità anche a basse temperatureApplicazioni• Giunti di espansione e di connessione in edilizia• Ideale per il fissaggio di Folienband su qualsiasi tipo di superficie, anchein presenza di umidità.ISO 11600 F25LM
  72. 72. Acryrub F4Sigillante acrilico elastico verniciabileCaratteristiche• Buona applicabilità, verniciabile• Elevata elasticità• Buona adesione su alluminio, supporti porosi, applicazioni all’interno eall’esternoApplicazioni• Giunti soggetti a movimenti (massimo 12,5%)• Riempimento di fessure su cemento ed intonaco• Giunti di raccordoISO 11600 F12,5 PSNJF
  73. 73. Flexifoam: caratteristiche Elastica Comportamento al fuoco classe B2 Utilizzo con pistola Bassa Espansione Estate/Inverno (-10°C) TÜV qualità certificata“SCHIUMA PU DI NUOVA GENERAZIONE”
  74. 74. Flexifoam: caratteristiche principali Recupero elastico (ISO 1856):o Flexifoam: al 75% di compressione recupera più del 95%o Schiuma tradizionale: compressa più del 10% recupera 0% Allungamento a rottura (DIN 18540):o Flexifoam: max. 45%o Tradizionali PU-foam: max.15% Flexifoam segue forti movimenti di dilatazione in giuntilarghi e mantiene le caratteristiche di isolamento termico edacustico nel tempo
  75. 75.  Eccellente isolamento termico: meglio di una schiuma tradizionale Resiste ai movimenti meccanici senza fessurarsi: isolamento termicodurabileFLEXIFOAM: ISOLAMENTO TERMICODeterminazione della conduttività termicaResoconto di collaudo n° 070598.1-Hu = 0.0345 W/(m.K)MPA BAU HANNOVER: NORMA DIN 52612-1:1979-09
  76. 76.  Eccellente isolamento acustico grazie alla struttura cellulare aperta Durabilità nell’isolamento acustico grazie all’elasticità. Anche unapiccola fessura può danneggiare l’isolamento Norme europee più restrittive; nuovi standard ad esempio: Italia eBelgio (NBN S 01-400-1)FLEXIFOAM: ISOLAMENTO ACUSTICOIFT ROSENHEIM: (EN ISO 717-1RST,w= 60 ( -1;-4) dB giunto di 10 mmRST,w= 60 ( -1;-4) dB giunto di 20 mm
  77. 77. FLEXIFOAM: ISOLAMENTO ACUSTICOIFT ROSENHEIM: (EN ISO 717-1RST,w= 60 ( -1;-4) dB giunto di 10 mmRST,w= 60 ( -1;-4) dB giunto di 20 mmTest effettuati anche da Reynaers Aluminium
  78. 78.  Valore minore di 0,1 m³, trascurabile Stesso risultato della schiuma classica nonostante la struttura acellule aperteFLEXIFOAM: RESISTENZA ALLA PRESSIONEDELL’ARIAIFT ROSENHEIM DIN 18542, PART 7.2Resoconto di collaudo 10533428A < 0,1 m³ / (h.m ( daPa )2/3 )
  79. 79.  Valore ideale per facilitare la traspirazione Ideale per permettere all’umidità di evaporare dal giuntoFLEXIFOAM: PERMEABILITA’ AL VAPOREACQUEOIFT ROSENHEIM DIN EN ISO 12572Valore di resistenza alla diffusione del vaporeacqueo μ = 20.Resoconto di collaudo 50933428
  80. 80. FLEXIFOAM: CARATTERISTICHE MECCANICHE Resistenza alla pressione (DIN 53421)0.5 N/cm² Resistenza alla rottura (DIN 18540)5.0 N/cm² Resistenza al taglio ( DIN 53427 )3.0 N/cm² Allungamento (DIN 18540)ca. 45%
  81. 81. 9000 cicli al 12,5% di movimento del giunto 3000 cicli con sforzo perpendicolare 3000 cicli con sforzo longitudinale 3000 cicli con sforzo trasversale– Dimensione del giunto: 20mm– Test di invecchiamento accelerato: 1 movimento ogni minutoFLEXIFOAM: ELASTICITA’IFT ROSENHEIM REPORT 10535276 Nessuna rottura visibile dopo 9000 movimenti di 2,5 mm La schiuma tradizionale mostra crepe dopo soli 150 movimenti
  82. 82. FLEXIFOAM: ELASTICITA’
  83. 83. FLEXIFOAM: BASSE EMISSIONI
  84. 84. Flexifoam = isolamento termico ed acusticodurabile elevato coefficiente di elasticità per profili in vari materiali:o Alluminio: 2,35 mm per metro (a 100°C)o PVC: 8,0 mm per metro (a 100°C) un telaio di finestra in PVC ad es: 2x2 m a 70°C genera un possibilemovimento di11,2 mm dilatazione del giunto > 5mm. Ciò equivale al 25% di dilatazione su una fessura di 2 cmFLEXIFOAM: CONCLUSIONI
  85. 85. Alcuni esempi applicativi in alcune tipologie dinodo serramento-parete
  86. 86. Le Fasi di Montaggio nella posa delcontrotelaio
  87. 87. Posa del controtelaioNastro freno vapore Folienband Interni
  88. 88. Posa del controtelaioMessa in bolla del controtelaio
  89. 89. Posa del controtelaioNastro barriera acqua, aria e vento Folienband Esterni
  90. 90. Posa del controtelaioIncollaggio delle Folienband esterni alla muratura utilizzando Soudaseal215 LM
  91. 91. Posa del controtelaioIncollaggio delle Folienband alla muratura utilizzando Soudaseal 215 LM
  92. 92. Posa del controtelaioApplicazione della schiuma elastica Soudal Flexifoam tra controtelaio emuratura
  93. 93. Posa del controtelaioIncollaggio delle Folienband interni alla muratura utilizzando Soudaseal215 LM
  94. 94. Posa del controtelaioControtelaio posato
  95. 95. Certificazioni del sistema SWSIstituto CERT di Treviso Tecnologie
  96. 96. Certificazioni del sistema SWSIstituto CERT di Treviso Tecnologie
  97. 97. Certificazioni del sistema SWSIstituto CERT di Treviso Tecnologie
  98. 98. Certificazioni del sistema SWSIstituto CERT di Treviso Tecnologie
  99. 99. SWS: Esempi applicativi
  100. 100. In generale...• Curare i dettagli durante l’applicazione!!!– Blower Door – Analisi termografica– Coordinazione e comunicazione !!
  101. 101. Polonia
  102. 102. Polonia
  103. 103. Belgio
  104. 104. Belgio
  105. 105. Belgio
  106. 106. Belgio
  107. 107. Belgio
  108. 108. Belgio
  109. 109. Belgio
  110. 110. Belgio
  111. 111. Belgio
  112. 112. Italia
  113. 113. Italia
  114. 114. Italia
  115. 115. Italia
  116. 116. Italia
  117. 117. Italia
  118. 118. Tenuta acustica del giunto
  119. 119. Foro di 4 cm21.5 m1.5m1.5mFinestra montata con schiuma PU Giunto = 2 cm1.5 m2cmForoPiccole perdite nell’isolamentoPerdita dell’isolamento acustico del giuntoSWS & rendimento acustico
  120. 120. Tests at ITB35dB 30dBRiduzione del rumore Rw:SWS & rendimento acusticoPerdita di isolamento acustico di 5 dBIncremento del livello di rumore del 300%
  121. 121. Tenuta acustica del giuntoClassificazione acustica degli edificiCon la nuova UNI 11367 (in attesa di decreto attuativo)E’ stata definita la procedura di valutazione e verifica in opera dellecaratteristiche acustiche di una unità immobiliare.Dalla progettazione alla realizzazione dell’opera tali caratteristichepossono essere verificate per la tutela di tutti gli attori chepartecipano alla realizzazione
  122. 122. Tenuta acustica del giuntoClassificazione acustica di unità immobiliare La norma si applica alle singole unità immobiliari Si effettua al termine dell’opera Consente di informare i futuri proprietari sulle caratteristichedell’unità stessa Si applica a tutte le tipologie di edificio eccetto quelli ad usoagricolo artigianale o industriale
  123. 123. Prevede 4 classi di efficienza energetica Classe 1 Più silenziosa Classe 4 Più rumorosaTenuta acustica del giuntoIl livello “BASE” è rappresentato dalla Classe 3, l’attualepatrimonio immobiliare Italiano non raggiunge la Classe 4Nel caso di un condominio la classe acustica deve essereassegnata ad ogni unità immobiliare
  124. 124. Tenuta acustica del giuntoLa valutazione complessiva di efficienza sarà accompagnataobbligatoriamente dalla valutazione dei singoli requisiti: Isolamento di facciata esterna Isolamento superficiale rispetto ai vicini Livello di rumore da calpestio sul pavimento Livello di rumore degli impianti
  125. 125. Abbattimento acustico db (decibel)Rumore percepito db (decibel)ClasseacusticaIsolamentofacciataIsolamento superficialeorizzontale/verticaleRumorecalpestioRumore impiantiin continuoRumore impiantidiscontinuiI 43 56 53 25 30II 40 53 58 28 33III 37 50 63 35 35IV 32 45 68 37 42I nuovi valori della UNI EN 11367
  126. 126. Isolamento acusticostandardizzato difacciataCapacità di una facciata di abbattere rumori aerei misurati a 2 mt dalla facciatastessa per il tempo di riverberazione dellambiente internoIsolamento superficialeRwIndice di potere fonoisolante di una partizione divisoria tra differenti ambientidi abbattere rumori aereiRumore di calpestio Capacità di un solaio normalizzato di abbattere rumore impattiviRumorosità impianti afunzionamento continuoMisurazione del livello di rumore continuo prodotto da impianti qualiriscaldamento, aerazione e condizionamentoRumorosità impianti afunzionamentodiscontinuoMisurazione del livello di rumore , picco massimo, prodotto da impianti qualiascensori, scarichi idraulici, bagni, servizi igienici e rubinetteriaI nuovi valori della UNI EN 11367In dettaglio:
  127. 127. SWS: un principio guida1. Isolare per evitare le superfici fredde all’interno sulgiunto muro-infisso2. Come realizzare il giunto: all’interno materiali chiusi alladiffusione del vapore per ottenere la tenuta al vapore,materiali aperti alla diffusione del vapore all’esterno3. Continuità nel giunto per ottenere la miglioreperformance possibile nell’isolamento acustico4. Tenuta alla pressione del vento e pioggia battente

×