Linfedema torino 4 e 5 marzo vasario simona [modalità compatibilità]

834 views
755 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
834
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Linfedema torino 4 e 5 marzo vasario simona [modalità compatibilità]

  1. 1. Il Nordic Walking di Simona Vasario
  2. 2. Nordic Walking Tradotto in italiano si presenta come Camminata Nordica.LA STORIALa camminata con i bastoncini appare fin già dagli anni ’30 ed era praticata quale allenamentoestivo-autunnale dagli atleti scandinavi dello sci di fondo e della combinata nordica. In Italia bisogna aspettare gli anni ’60 per vedere correre e camminare nei boschi e sui sentieri gente con i bastoncini, ma è solo nel 1997 in Finlandia che nasce ufficialmente il concetto originale del Nordic Walking. E’ grazie allo studente finlandese Marko Kantaneva che, presentando alcune ricerche sull’utilizzo dei bastoncini nella camminata nella sua tesi di Laurea presso il Finnish Sports Insititute a Vierumäki, in Finlandia (1994- 1997), nasce ufficialmente il Nordic Walking. In Italia, il concetto moderno del Nordic Walking arriva alla fine del 2003 quando l’attività inizia a svilupparsi in Alto Adige per poi continuare ad espandersi in tutte le altre regioni italiane.
  3. 3. LA TECNICAIl nordic walking non è altro cheuna camminata naturale alla qualeviene aggiunto l’utilizzo funzionale didue bastoncini per apportare tutta unaserie di benefici.I bastoncini hanno la funzione di spintaper coinvolgere il maggior numero dimuscoli possibile al fine di aumentare ildispendio energetico e per favorire unesercizio benefico a livellocardiocircolatorio.Per ottenere il massimo dei benefici edavere la massima efficienza daimovimenti, la tecnica diventadeterminante.Il passo alternato (cioè l’alternanza deimovimenti di braccio e gamba opposti)ne è alla base, come per lo sci di fondo.
  4. 4. Per sviluppare correttamente la tecnica i punti principali sono: coordinazione alternata braccia-gambe ampiezza di movimento delle gambe e delle braccia rilassamento delle spalle e decontrazione muscolare nel movimento delle braccia postura eretta rullata del piedeL’uso corretto del bastoncino nell’avanzamento con la tecnica alternata e lo sviluppocoordinativo nel nordic walking si ottengono gradualmente, con esercizi che aiutino l’allievoad attuare la coordinazione continua; si aggiunge anche negli esercizi l’utilizzo della tecnica aspinta parallela per sviluppare un ampiezza dei movimenti e facilitare l’apertura e chiusuradella mano con l’uso del bastoncino.
  5. 5. ELEMENTI POSTURALINel nordic walking, con la giusta tecnica si riesce ad acquisire una posizione eretta durante lacamminata in modo da scaricare tutte le tensioni dalla colonna vertebrale. L’utilizzo corretto delbastoncino ed una ottimale coordinazione braccia-gambe durante il movimento favoriranno ilmetabolismo a livello dei dischi intervertebrali stimolandone la reidratazione e potranno contribuiread alleviare progressivamente i fastidiosi mal di schiena generati dalle scorrette posizioni chespesso si acquisiscono durante l’attività quotidiana.RESPIRAZIONE La respirazione corretta è anch’essa importante sia per il consumo energeticoche per la prestazione fisica.Da sempre si consiglia di camminare, per mantenere la forma e la tonicità muscolare, per contenereil peso nei suoi valori ottimali, per allenarsi o anche solo per piacere. Camminare è il movimentonaturale per eccellenza, camminare con i bastoncini è qualche cosa in più.
  6. 6. NORDIC WALKING E LINFEDEMASebbene non siano stati ancora fatti studi clinici specifici si parla già da qualche anno di NordicWalking e Linfedema.In internet si trovano le prime referenze e blog dal 2008. Viene riportato come la tecnica del Nordic Walking ed in particolare l’alternanza di “stretta e relax” della muscolatura della mano e dell’avambraccio apporti notevoli benefici in particolare ai pazienti con linfedema. Per quei pazienti affetti dalla patologia ad entrambe le braccia e/o alle gambe il Nordic Walking consente una migliore mobilità, specialmente se si tratta di pazienti che necessitino di bastone per camminare. Il fatto di avere i bastoncini come supporto per le braccia minimizza la tensione sull’articolazione della spalla. La tecnica specifica di stretta e successivo rilascio del bastoncino effettuato durante l’oscillazione delle braccia consente di attivare la pompa muscolare dell’avambraccio; questa azione di contrazione e rilascio dei muscoli dell’avambraccio contribuisce a far refluire ’eccesso di linfa dal braccio. Questi movimenti aiutano inoltre a mantenere elastiche le cicatrici dovute a chirurgia o radiazioni.
  7. 7. Per quei pazienti affetti dalla patologia ad entrambe le braccia e/o alle gambe il Nordic Walking consente unamigliore mobilità, specialmente se si tratta di pazienti che necessitino di bastone per camminare.Il fatto di avere i bastoncini come supporto per le braccia minimizza la tensione sull’articolazione della spalla.La tecnica specifica di stretta e successivo rilascio del bastoncino effettuato durante l’oscillazione delle bracciaconsente di attivare la pompa muscolare dell’avambraccio; questa azione di contrazione e rilascio dei muscolidell’avambraccio contribuisce a far refluire l’eccesso di linfa dal braccio. Questi movimenti aiutano inoltre amantenere elastiche le cicatrici dovute a chirurgia o radiazioni.In Italia abbiamo, ad avvalorare tutto quanto riportato, l’esperienza di una collega Istruttrice di Padova.Maria Grazia Pastore ha subito una mastectomia radicale, con conseguente chemio e radioterapia. Poco dopo hainiziato a praticare il Nordic Walking ed è quindi diventata Istruttrice. Effettua, da circa tre anni, corsi di NordicWalking per l’Associazione “Volontà di Vivere” che si occupa, a Padova, di donne operate di tumore al seno, fra lequali diverse soffrono di Linfedema. I risultati sono spettacolari, sia da un punto di vista fisico che da quellopsicologico.
  8. 8. Come Maria Grazia stessa racconta nel suo libro Nordic Walking, gioia di vivere: “all’inizio le donnesi avvicinano con timore, perché hanno paura per il loro braccio, ma quando si accorgono che stannobene e che la loro mente si distrae ogni paura scompare. Camminare insieme a tanti amici le fasentire ancora vive e ancora accettate come donne”.

×