Linfedema torino 4 e 5  marzo   ganzit gian pasquale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Linfedema torino 4 e 5 marzo ganzit gian pasquale

on

  • 1,010 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,010
Views on SlideShare
1,010
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Linfedema torino 4 e 5  marzo   ganzit gian pasquale Linfedema torino 4 e 5 marzo ganzit gian pasquale Presentation Transcript

  • Fisiologia dell’esercizio fisico (effettiacuti e cronici su organi e apparati) G.P. Ganzit
  • watt62003500
  • Portata cardiaca 30portata l/min 25 20 15 10 5 0 0 1 2 3 4 5 VO2 l/min
  • Frequenza cardiaca 210 190 170FC bpm 150 130 110 90 70 50 0 1 2 3 4 5 VO2 l/min
  • Volume ventricolare sinistro 150Volume ml 100 VTD 50 VTS 0 riposo leggero medio massimo intensità del carico
  • Contenuto ematico di O2 20 18 16 14 12 diff a-v O2ml % 10 venoso misto 8 arterioso 6 4 2 0 0 1 2 3 4 5 VO2 l/min
  • Variazioni della pressione arteriosa 225 200 175 PAS a.i.mmHg 150 PAD a.i. 125 PAS a.s. 100 PAD a.s 75 50 20 40 60 80 100 % VO2max
  • Afflusso di sangue a riposo e durante esercizio intenso nei diversi organi 18 16.5 16 14 12l/min 10 riposo 8 lavoro 6 3.8 4 1.10.7 1.4 1.3 2 0.7 1 0.2 1 0.3 0.8 0.50.7 0 cervello cuore rene fegato pelle muscoli altro
  • Variazioni % durante esercizio al 65% del VO2max 200 150 adrenalina 100 glucagone% cortisolo 50 insulina 0 glucosio -50 0 30 60 min
  • Variazioni % durante esercizio al 65% del VO2max 250 200 nor-adrenalina 150% GH 100 FFA aldosterone 50 0 0 30 60 min
  • Soggetti capillari/mm2 fibre/mm2 capill./fibraSedentari 600 440 1,1Ben allenati 640 557 1,5Numero assoluto di capillari e numero di capillari per fibramuscolare in maschi in funzione dell’allenamento
  • Soggetti a riposo (ml) massima (ml)Non allenati 55 - 75 80 – 110Allenati 80 – 90 130 – 150Molto allenati 100 – 120 160 – 220Valori medi della gittata sistolica in funzione del livello diallenamento Volume ventricolare sinistro 150 Volume ml 100 VTD 50 VTS 0 riposo leggero medio massimo intensità del carico
  • prima dopoFC (bpm) 166 126Lattato (mmol/l) 3,1 1,4Adrenalina (ng/ml) 1,8 0,8Nor-adrenalina (ng/ml) 0,6 0,3Valori ematici medi prima e dopo 9 settimane di allenamentoa un carico di lavoro pari al 60% del VO2max iniziale (135watt)
  • sedentari sed. dopo allen. atleta eliteVol. cardiaco (ml) 750 820 1200Vol. sangue (l) 4,7 5,1 6,0Qmax (l/min) 21 25 35VEmax (l/min) 110 135 195VO2max (ml/kg min) 40 50 77
  • Modificazioni a lungo termine della forza muscolare con l’allenamento(Wilmore e Costill)
  • TESSUTO CONNETTIVO• aumento del diametro delle fibre collagene• aumento del numero delle fibre e della densità dei fasci di fibre• aumento della resistenza della giunzione fra il tendine e la superficie ossea
  • TESSUTO OSSEO• correlazione positiva fra la forza muscolare e la densità minerale delle ossa• attività che comportano un aumento della massa e della forza determinano uno stimolo di crescita sul tessuto osseo• Azione è specifica (effetto solo sulle ossa interessate dalla contrazione muscolare)
  • SISTEMA NERVOSO CENTRALE• miglioramento dell’umore• maggior della sensazione di benessere• miglior controllo dell’ansia e della depressione• miglioramento della risposta allo stress
  • SISTEMA NERVOSO CENTRALE Aspetti biologici• aumento di flusso ematico cerebrale• rilascio di endorfine• variazioni dei neurotrasmettitori monoaminici• aumento temporaneo della temperatura corporea
  • SISTEMA NERVOSO CENTRALE Aspetti psico-sociali• distogliersi dallo stress della vita quotidiana• miglior controllo dell’ambiente attraverso l’aumento della forza, della resistenza e dell’abilità motoria• maggiore autostima• maggior interazione sociale