Fisiologia dell’esercizio fisico (effettiacuti e cronici su organi e apparati)             G.P. Ganzit
watt62003500
Portata cardiaca                30portata l/min                25                20                15                10   ...
Frequenza cardiaca         210         190         170FC bpm         150         130         110          90          70  ...
Volume ventricolare sinistro            150Volume ml            100                                                       ...
Contenuto ematico di O2       20       18       16       14       12                                      diff a-v O2ml % ...
Variazioni della pressione arteriosa       225       200       175                                                        ...
Afflusso di sangue a riposo e durante              esercizio intenso nei diversi organi        18                         ...
Variazioni % durante esercizio al 65% del                    VO2max    200    150                                     adre...
Variazioni % durante esercizio al 65% del                    VO2max    250    200                                         ...
Soggetti         capillari/mm2      fibre/mm2     capill./fibraSedentari             600             440              1,1B...
Soggetti                a riposo (ml)                             massima (ml)Non allenati             55 - 75            ...
prima               dopoFC (bpm)                     166                 126Lattato (mmol/l)               3,1            ...
sedentari   sed. dopo allen.   atleta eliteVol. cardiaco (ml)     750             820           1200Vol. sangue (l)       ...
Modificazioni a lungo termine della forza muscolare con l’allenamento(Wilmore e Costill)
TESSUTO CONNETTIVO• aumento del diametro delle fibre  collagene• aumento del numero delle fibre e della  densità dei fasci...
TESSUTO OSSEO• correlazione positiva fra la forza muscolare  e la densità minerale delle ossa• attività che comportano un ...
SISTEMA NERVOSO CENTRALE• miglioramento dell’umore• maggior della sensazione di  benessere• miglior controllo dell’ansia e...
SISTEMA NERVOSO CENTRALE Aspetti biologici• aumento di flusso ematico cerebrale• rilascio di endorfine• variazioni dei neu...
SISTEMA NERVOSO CENTRALE Aspetti psico-sociali• distogliersi dallo stress della vita  quotidiana• miglior controllo dell’a...
Linfedema torino 4 e 5  marzo   ganzit gian pasquale
Linfedema torino 4 e 5  marzo   ganzit gian pasquale
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Linfedema torino 4 e 5 marzo ganzit gian pasquale

1,051 views
940 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,051
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Linfedema torino 4 e 5 marzo ganzit gian pasquale

  1. 1. Fisiologia dell’esercizio fisico (effettiacuti e cronici su organi e apparati) G.P. Ganzit
  2. 2. watt62003500
  3. 3. Portata cardiaca 30portata l/min 25 20 15 10 5 0 0 1 2 3 4 5 VO2 l/min
  4. 4. Frequenza cardiaca 210 190 170FC bpm 150 130 110 90 70 50 0 1 2 3 4 5 VO2 l/min
  5. 5. Volume ventricolare sinistro 150Volume ml 100 VTD 50 VTS 0 riposo leggero medio massimo intensità del carico
  6. 6. Contenuto ematico di O2 20 18 16 14 12 diff a-v O2ml % 10 venoso misto 8 arterioso 6 4 2 0 0 1 2 3 4 5 VO2 l/min
  7. 7. Variazioni della pressione arteriosa 225 200 175 PAS a.i.mmHg 150 PAD a.i. 125 PAS a.s. 100 PAD a.s 75 50 20 40 60 80 100 % VO2max
  8. 8. Afflusso di sangue a riposo e durante esercizio intenso nei diversi organi 18 16.5 16 14 12l/min 10 riposo 8 lavoro 6 3.8 4 1.10.7 1.4 1.3 2 0.7 1 0.2 1 0.3 0.8 0.50.7 0 cervello cuore rene fegato pelle muscoli altro
  9. 9. Variazioni % durante esercizio al 65% del VO2max 200 150 adrenalina 100 glucagone% cortisolo 50 insulina 0 glucosio -50 0 30 60 min
  10. 10. Variazioni % durante esercizio al 65% del VO2max 250 200 nor-adrenalina 150% GH 100 FFA aldosterone 50 0 0 30 60 min
  11. 11. Soggetti capillari/mm2 fibre/mm2 capill./fibraSedentari 600 440 1,1Ben allenati 640 557 1,5Numero assoluto di capillari e numero di capillari per fibramuscolare in maschi in funzione dell’allenamento
  12. 12. Soggetti a riposo (ml) massima (ml)Non allenati 55 - 75 80 – 110Allenati 80 – 90 130 – 150Molto allenati 100 – 120 160 – 220Valori medi della gittata sistolica in funzione del livello diallenamento Volume ventricolare sinistro 150 Volume ml 100 VTD 50 VTS 0 riposo leggero medio massimo intensità del carico
  13. 13. prima dopoFC (bpm) 166 126Lattato (mmol/l) 3,1 1,4Adrenalina (ng/ml) 1,8 0,8Nor-adrenalina (ng/ml) 0,6 0,3Valori ematici medi prima e dopo 9 settimane di allenamentoa un carico di lavoro pari al 60% del VO2max iniziale (135watt)
  14. 14. sedentari sed. dopo allen. atleta eliteVol. cardiaco (ml) 750 820 1200Vol. sangue (l) 4,7 5,1 6,0Qmax (l/min) 21 25 35VEmax (l/min) 110 135 195VO2max (ml/kg min) 40 50 77
  15. 15. Modificazioni a lungo termine della forza muscolare con l’allenamento(Wilmore e Costill)
  16. 16. TESSUTO CONNETTIVO• aumento del diametro delle fibre collagene• aumento del numero delle fibre e della densità dei fasci di fibre• aumento della resistenza della giunzione fra il tendine e la superficie ossea
  17. 17. TESSUTO OSSEO• correlazione positiva fra la forza muscolare e la densità minerale delle ossa• attività che comportano un aumento della massa e della forza determinano uno stimolo di crescita sul tessuto osseo• Azione è specifica (effetto solo sulle ossa interessate dalla contrazione muscolare)
  18. 18. SISTEMA NERVOSO CENTRALE• miglioramento dell’umore• maggior della sensazione di benessere• miglior controllo dell’ansia e della depressione• miglioramento della risposta allo stress
  19. 19. SISTEMA NERVOSO CENTRALE Aspetti biologici• aumento di flusso ematico cerebrale• rilascio di endorfine• variazioni dei neurotrasmettitori monoaminici• aumento temporaneo della temperatura corporea
  20. 20. SISTEMA NERVOSO CENTRALE Aspetti psico-sociali• distogliersi dallo stress della vita quotidiana• miglior controllo dell’ambiente attraverso l’aumento della forza, della resistenza e dell’abilità motoria• maggiore autostima• maggior interazione sociale

×