2009 Convegno Malattie Rare Rapellino [23 01]

  • 262 views
Uploaded on

Diseguaglianze …

Diseguaglianze
assistenziali in Italia

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
262
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Diseguaglianze assistenziali in Italia Marco Rapellino Direttore SCDO Qualità, Risk Management e Accreditamento AOU S.Giovanni Battista, Torino
  • 2. Differenze genetiche tra le classi Differenze nella qualità dell’assistenza sanitaria Diversa propensione ad adottare comportamenti insalubri Effetto selezione dello stato di salute Accumulazione selettiva di vantaggi o svantaggi derivanti dai processi sociali Influsso preminente dell’ambiente di vita (G. Costa, T. Spadea, EP, 2004)
  • 3. Risorse Organizzazione Risultati
  • 4. Spesa procapite SSN per Regione 1995-2004 (Fonte ASSR su dati NSIS)
  • 5. (Fonte ASSR su dati NSIS)
  • 6. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 7. Numero Presidi Ospedalieri 33 Aziende Ospedaliere o IRCCS 6 Case di Cura private 37 In alcune ASL della Calabria il rapporto Case di Cura private / Presidi Ospedalieri è maggiore di 3/1
  • 8. Posti letto DH Ordinari Totale Presidi pubblici 975 (95.6%) 4776 (59%) 5751 (63%) Case di cura 45 (4.4%) 3323 (41%) 3368 (37%) Totale 1020 (100%) 8099 (100%) 9119 (100%)
  • 9. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 10. Classi di posti letto Numero Presidi Posti letto totali % Fino a 50 pl 8 313 (5.44) 51-120 pl 17 1494 (25.98) 121-200 pl 8 1165 (20.26) Oltre 200 pl 6 2779 (48.32) Totale 39 5751 (100)
  • 11. (Annuario Statistico Italiano 2007)
  • 12. (Annuario Statistico Italiano 2007)
  • 13. (Annuario Statistico Italiano 2007)
  • 14. (Annuario Statistico Italiano 2007)
  • 15. (Annuario Statistico Italiano 2007)
  • 16. ASL 1996 2005 Paola 280 241 Castrovillari 246 240 Rossano 209 243 Cosenza 202 229 Crotone 238 244 Lamezia Terme 217 244 Catanzaro 200 211 Vibo Valentia 198 245 Locri 222 268 Palmi 172 208 Reggio Calabria 212 221 Totale Calabria 214 233
  • 17. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 18. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 19. Sesso Anni Femmine 39.3 Maschi 42.6 La Calabria è all’ultimo posto della classifica nazionale. La media nazionale è di 48.1 per le femmine e di 49.9 per i maschi (Dati HFA, dicembre 2005)
  • 20. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 21. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 22. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 23. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 24. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 25. ASL Parti Cesarei % Reggio Calabria 54.9 Palmi 53.5 Locri 51.8 Vibo Valentia 49.2 Catanzaro 38.1 Lamezia Terme 42.5 Crotone 33.6 Cosenza 38.9 Rossano 29.2 Castrovillari 37.2 Paola 54.2 Totale Calabria 43.7
  • 26. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 27. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 28. (Da E.Granaglia, V. Compagnoni, 2007)
  • 29. Ricoveri 1996 2005 Intra Azienda 55.2 50.2 Intra Regione 31.5 34.7 Fuori Regione 13.3 15.1 La quota di mobilità in assoluto più consistente è quella relativa alle specialità di base (66%), seguita dalla mobilità per media assistenza (22%) e da quella per elevata assistenza (7%)
  • 30. (ISTAT, Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari, 2005)
  • 31. (ISTAT, Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari, 2005)
  • 32. Italia Nord Centro Sud-Isole Molta 5 5 7 3 Abbastanza 49 61 39 38 Molta+abbast. 54 66 46 41 Poca 40 31 48 51 Nessuna 6 3 6 8
  • 33. Italia Nord Centro Sud-Isole Del tutto 8 12 5 3 soddisfacente Soddisfacente 43 62 36 20 Del tutto 51 74 41 23 sodd.+soddisfa cente Poco 35 24 44 46 soddisfacente Per nulla 14 2 15 31 soddisfacente
  • 34. Carenze Nord Centro Sud-Isole organizzative Molto diffuse 37 57 82 + diffuse Limitate + del 63 43 18 tutto limitate
  • 35. Italia Nord Centro Sud-Isole Molto preparati 7 6 10 4 Preparati 68 74 58 68 Molto preparati 75 80 68 72 + preparati Poco preparati 25 20 31 27 Per nulla 0 0 1 1 preparati
  • 36. Area geografica/Regione Percentuale risposte Nord 98% Centro 95% Sud Isole 80% Calabria 60% Sicilia 77% Puglia 57% ISO 9000 68%, Peer Review 12%, JCI 9%, EFQM 3%, CCHSA 0.5%, Altro 19%
  • 37. ° Area geografica/Regione N° medio settori certificati ISO 9000 Nord 12 Centro 4 Sud Isole 4 Calabria 0 Sicilia 2 Puglia 4
  • 38. (Da V. Mapelli, 2007)
  • 39. La realtà nel Mezzogiorno appare assai diversificata. Accanto a regioni (Campania, Sicilia e Calabria) che presentano una significativa concentrazione di diseguaglianze, esistono regioni come Basilicata e Puglia che non presentano drammatici scostamenti dalla media nazionale. La Puglia ad esempio ha attesa di vita tra le migliori in Italia e la Basilicata ha valori di utilizzo di ADI tra i più alti e di consumo di farmaci tra i più bassi d’Italia
  • 40. E’ indubbia l’influenza dello svantaggio socio- economico sulle disuguaglianze sanitarie e l’importanza del ruolo di interventi extrasanitari nel contrastarle I dati sulle dotazioni di risorse sono emblematici di carenze sanitarie in alcune zone del Mezzogiorno (insufficienza di dotazioni tecnologiche e soprattutto obsolescenza di quelle esistenti). In alcuni casi vi è inoltre una assoluta schizofrenia nella distribuzione delle risorse stesse
  • 41. Le responsabilità dei governi locali appaiono rilevanti sia per quanto riguarda problemi strutturali (eccesso di ospedali di piccole dimensioni, concentrazione di tecnologie in ospedali non adeguati), sia organizzativi (inappropriatezza dei ricoveri ordinari, sottoutilizzo di strutture residenziali e ADI), sia “politici” (incremento di spesa per la sanità privata, in assenza di valide misure di accreditamento)
  • 42. Alcuni fattori organizzativo-culturali sono causa di diseguaglianze: Mancata organizzazione dell’accesso ai servizi Assenza di percorsi DTA Divisione netta tra attività territoriali e ospedaliere Non adeguato livello di utilizzo delle risorse umane e strumentali Frammentazione dei presidi ospedalieri con irrazionale articolazione delle specialità Modesta presenza di sistemi di valutazione esterna della qualità
  • 43. Mentre si vogliono applicare tecnologie avanzate, vi è scarsa cultura della sicurezza dei pazienti. Assenza di vigilanza su dispositivi biomedici e strutture Mancanza di sistematicità nel controllo e nella sorveglianza delle infezioni Assenza di piani di emergenza (PEIMAF, emergenza interna) Mancanza di rete per le emergenze sanitarie Scarsa formazione degli operatori Debole gestione della comunicazione e del disservizio
  • 44. Differenze genetiche tra le classi Differenze nella qualità dell’assistenza sanitaria Diversa propensione ad adottare comportamenti insalubri Effetto selezione dello stato di salute Accumulazione selettiva di vantaggi o svantaggi derivanti dai processi sociali Influsso preminente dell’ambiente di vita (G. Costa, T. Spadea, EP, 2004)