Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Il risorgimento

on

  • 4,943 views

 

Statistics

Views

Total Views
4,943
Views on SlideShare
4,939
Embed Views
4

Actions

Likes
3
Downloads
108
Comments
0

1 Embed 4

http://www.miricae.net 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Il risorgimento Il risorgimento Presentation Transcript

    • Il Risorgimento e l’Unità d’Italia
    • L’Italia dopo il « Congresso di Vienna » : un’espressione geografica
      • L’Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte sotto il dominio austriaco. Non è una nazione e non ha un’unità. L’unico Stato indipendente è il regno di Sardegna.
    • Obiettivi del Risorgimento Risorgimento significa « rinascere ancora ». E’ il termine che indica il processo storico che ha portato all’ indipendenza e all’ unità d’Italia.
    • Il fallimento dei moti degli anni 20 e 30 
      • Moti 1820-1821: gli Stati interessati sono il Regno delle due Sicilie, il Piemonte e il Lombardo-Veneto.
      • Repressione austriaca: esempio di Silvio Pellico (patriota imprigionato presso la fortezza dello Spielberg).
      • Moti 1830-1831: riguarda i ducati dell’Italia centrale.
      • Fallimento dell’insurrezione: tutti i vecchi sovrani ritornano sui loro troni.
      • Bilancio fallimentare :
      • Mancanza di unità nelle idee
      • Idee diffuse solo tra i membri delle società segrete
      • Esercito non abbastanza forte e preparato.
    • I diversi orientamenti  I democratici : patrioti che seguono le idee di Mazzini = nazione unita, Repubblica . I neo guelfi : patrioti che volevano una confederazione di Stati sotto la guida del Papa . I liberali : non volevano una rivoluzione popolare ma l’unificazione sotto la guida del Regno di Sardegna. I federali : volevano creare una federazione di stati seguendo il modello degli Stati Uniti d’Europa.
    • In Europa “succede un ’48”
      • Le rivolte del 1848:
      • Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l’Europa è coinvolta, compresa l’Austria di Metternich.
      • Più ampio coinvolgimento di forze (non più le élite delle società segrete).
      • Oltre agli obiettivi costituzionali e nazionali si manifestano istanze democratiche e socialiste.
      • Detonatore : la crisi economica.
    • Il “contagio” rivoluzionario Venezia 17 Marzo Milano 18 Marzo Berlino 14 Marzo Budapest 27 Marzo Città Data Praga 8 Aprile Vienna 13 Marzo Parigi 22 Febbraio
    • La II repubblica in Francia
      • 22/02/48 – Luigi Filippo è rovesciato da una protesta provocata dal tentativo di imbavagliare l’opposizione.
      • Si proclama la Repubblica: il governo emana provvedimenti democratici , come il suffragio universale, abolizione schiavitù e pena di morte, riconoscimento del “diritto al lavoro”.
    • La “brutta” rivoluzione di giugno
      • Le elezioni di aprile mostrano la presenza di una maggioranza conservatrice , timorosa del socialismo.
      • Il nuovo governo conservatore entra in contrasto con gli operai.
      • 23-27/06/48 : la rivolta degli operai è repressa nel sangue dall’esercito.
      • 10/12/48: Luigi Napoleone Bonaparte è eletto presidente della nuova repubblica.
    • Il 1848 in Italia
      • Clima politico di riforme :
      • * Nel 1846 ci fu l ’elezione di Pio IX al soglio pontificio e i neo guelfi lo interpetrarono come possibile realizzazione delle loro idee.
      • * Leopoldo II di Toscana avviò nuove riforme :
      • una consulta, la Guardia civica e la libertà di stampa.
      • Carlo Alberto : promosse una vasta riforma dell’amministrazione e allentò la censura sulla stampa. Costituzione: Lo Statuto Albertino
      • Ribellioni e rivoluzioni :
      • il Regno delle due Sicilie
      • la Toscana
      • il Piemonte
      • lo Stato della Chiesa
      • il Lombardo- Veneto
      • Esito dei moti del 1848:
      • Tutti i rispettivi sovrani furono obbligati a concedere una Costituzione.
      • Diffusione del movimento di ribellione nel Lombardo Veneto .
      • La battaglia delle famose « cinque giornate » : l’esercito austriaco fu obbligato a ritirarsi da Milano.
    • La prima guerra d’Indipendenza
      • Grande entusiasmo dei patrioti per l’esito delle ribellioni del 1848.
      • Il regno di Sardegna aiutato dai regni di Toscana, Roma e Napoli dichiara guerra all’Austria (23 marzo 1848).
      • Prime vittorie dell’esercito italiano a Curtatone e Montanara. Vittoriosa battaglia a Goito.
      • Ritiro di Pio IX e degli eserciti italiani dei vari regni .
      • Sconfitte italiane a Custosa e Novara. Carlo Alberto abdica in favore del figlio Vittorio Emanuele II.
      • Trattato di resa .
    • La politica di Camillo Benso, conte di Cavour
      • Per vincere contro l’Austria Camillo Benso dovette fare un accordo con Napoleone III ma, segretamente ( gli accordi di Plombières) : la Francia avrebbe aiutato l’Italia solo se sarebbe stata l’Austria ad attaccare. E in cambio del loro aiuto militare e, quindi dell’unificazione dell’Italia, l’attuale Savoia e Nizza sarebbero state assegnate come territorio francese.
      • Così dopo l’accordo il Regno di Sardegna provoco’ la reazione dell’Austria e riuscì a farsi attaccare. Con l’aiuto dell’esercito francese riuscì a vincere
      • e liberare La Lombardia dal potere austriaco.
    • La Seconda Guerra d’Indipendenza (1859/1860)
      • L’Italia con l’aiuto della Francia sconfisse l’Austria (1859). Con una serie di vittorie.
      • Dopo di che ci furono dei “plebisciti” (1860) in Toscana e in Emilia che permisero l’annessione dell’Italia centrale al Regno di Sardegna e così l’unificazione dell’Italia poteva sembrare sempre più possibile.
    • Garibaldi e l’Impresa dei Mille (maggio/settembre 1860)
      • Garibaldi con un insieme di volontari partì da Genova per andare a conquistare tutto il sud Italia. ( 5 maggio 1860)
      • Sbarcato in Sicilia ( a Marsala ) incominciò la sua impresa.
      • Conquistò tutto il Regno delle due Sicilie partendo con soli 1000 uomini e spodestò i Borboni dal loro trono.
    • La proclamazione del Regno d’Italia
      • Incontro a Teano tra Giuseppe Garibaldi e Vittorio Emanuele II (26 ottobre 1860). Garibaldi saluta il futuro re d’Italia.
      • Plebiscito: annessione dell’Italia meridionale al Regno di Sardegna.
      • Gennaio 1861: Primo Parlamento
      • Marzo 1861: Proclamazione del Regno d’Italia.
      • I soli territori mancanti sono: Stato della Chiesa e Veneto.
    •  
    • La Terza Guerra d’Indipendenza. (1866)
      • Quando Vittorio Emanuele II di Savoia divenne re d’Italia, il 17 marzo 1861, il nuovo Regno non controllava ancora né Venezia, né Roma.
      • Però grazie ad una alleanza con la Prussia ( guerra austro-prussiana), l’Italia riuscì a conquistare il Veneto (1866).
      • In seguito (1870/1871) ci fu il completamento dell’unità d’Italia.
      • Napoleone III ritira le truppe francesi dallo Stato della Chiesa ( guerra contro la Prussia) e l’esercito italiano entra a Roma con la breccia di Porta Pia.
      • 1870: Plebiscito annessione del Lazio
      • 1871: Roma capitale.
    • 1815 - 1859
    • 1861
    • 1870
    • 1919
    • Credit
      • Questa presentazione è in parte tratta dal documento in rete alla pagina
      • www.ecole-internationale.ac-aix-marseille.fr/.../Il_Risorgimento_e_l_Unita_d _Italia.ppt
    • Precisazione
      • Le informazioni, i testi inseriti e le immagini di questa presentazione sono forniti esclusivamente a titolo indicativo e a scopo didattico (Legge 22 aprile 1941 n. 633, art. 70 comma 1 bis).