• Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
287
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LEuropa dei nuovi Stati
  • 2. PremessaAbbiamo scoperto che alcune caratteristiche del continente europeo studiate, aitempi delle scuole medie, dai nostri genitori e anche dalla nostra insegnante, sipresentavano in maniera molto diversa da quelle che abbiamo analizzato durantequestanno scolastico.Abbiamo capito che la storia recente ha modificato gli assetti politico – territorialidel nostro continente e che, in molti casi, le situazioni sono ancora instabili e incontinua evoluzione.Ripercorriamo, in forma molto sintetica, in questo piccolo opuscolo, le tappe principalidel nostro percorso. LEuropa della guerra fredda (...ovvero lEuropa che hanno studiato i nostri genitori)[Carta tratta dallatlante di Alfonso Desiderio "Il triangolo del secolo breve" pubblicato nel volume di Limes 5/2009 "A est diBerlino".]La carta illustra la divisione che caratterizzava il continente europeo durante laguerra fredda (dalla fine della seconda guerra mondiale agli anni 90 del secoloscorso...poco prima che noi nascessimo).Vengono evidenziate da una parte le successive annessioni e gli stati satellitidellUrss. Dallaltra troviamo lindicazione degli stati occidentali membri della Nato.Vengono messe in risalto anche le democrazie alloccidentale legate allUnionesovietica da trattati di alleanza, gli stati neutrali e la Jugoslavia. 2
  • 3. La Geografia degli anni ottanta(...dalla lettura di alcuni libri e manuali) 3
  • 4. [Atlante geografico metodico Istituto Geografico De Agostini - Novara Umberto Bonapace e Giuseppe Motta, 1969] 4
  • 5. LEuropa oggi (...ovvero lEuropa che abbiamo studiato)[Editore: Commissione europea]Nella carta sono riportati i nomi originali di ogni Paese. La carta riporta le divisioniamministrative di ogni Stato, così come stabilito dalle autorità nazionali. 5
  • 6. Gli attuali ordinamenti degli Stati europei Stati unitari e Stati federali oggi 6
  • 7. L’Unione europea (…una piccola Europa in continua evoluzione)Dopo la Seconda guerra mondiale la storia dell’Europa si intreccia con quella dellaprogressiva collaborazione e integrazione tra i vari Paesi, che ha portato alla nascitadell’Unione europea.Il grande avvenimento che dimostra come la storia dell’Europa e quella dell’Unioneeuropea siano fortemente collegate è stato, senza dubbio, il crollo del muro di Berlino.Questo evento ha determinato un’espansione geografica della UE che, accogliendo, apartire dal 2004, i Paesi che erano nell’orbita dell’Unione sovietica, ha posto fine allagrande divisione interna iniziata nel 1945. 7
  • 8. Un film sul muro di Berlino (...per ricostruire unepoca)Siamo a Berlino est, nel 1984: il capitano Gerd Wiesler è un ufficiale della Stasi, freddo, idealista,abilissimo a interrogare sospetti e a farli crollare. Viene contattato da un alto dirigente moltocarrierista, il colonnello Anton Grubitz, che gli dà lincarico di sorvegliare a tempo pieno lo scrittore edrammaturgo Georg Dreyman, fiore allocchiello del regime, la cui unica colpa è essere il compagnodellattrice teatrale Christa-Maria Sieland, donna sensuale, tormentata e dipendente dalle pillole, dicui si è invaghito il ministro della Cultura.Per Wiesler, almeno in apparenza, un lavoro come un altro. E anche poco interessante, visto cheDreyman è attentissimo a non fare nulla che possa spiacere al regime. Le cose però cambiano quando unsuo amico dissidente, il regista Albert Jerska, muore suicida; allora lo scrittore prende coraggio edecide di inviare clandestinamente un suo articolo di denuncia, al di là del Muro. Una scelta che porteràanche luomo che spia ogni sua mossa a cambiare atteggiamenti, modi di pensare, certezze. E solo dopoalcuni anni, con la riunificazione della Germania, la verità verrà a galla...Il tutto in un film cupo, noir, in parte romantico, vista la storia di passione e disperazione che unisce loscrittore e lattrice. Girato nei veri luoghi simbolo della Ddr, come lex quartier generale della Stasi.Frutto di anni di ricerche, da parte del regista e sceneggiatore. Ricco di particolari realistici, sullaGermania comunista.E, soprattutto, efficace nel rendere quella atmosfera di sottile paura, di terrore vero anche sesottotraccia, in cui vivevano i cittadini di Berlino est.Il film è un tentativo riuscito di raccontare quegli anni 8
  • 9. Le nostre riflessioni(…il prodotto finale di alcune ore di compresenza) 9
  • 10. 10
  • 11. Un film sulla guerra nella ex – Iugoslavia (…per ricostruire alcuni tragici eventi)1993, in Bosnia. Due soldati, un bosniaco e un serbo, si trovano bloccati in una trincea nella terra dinessuno con un bosniaco ferito, sdraiato sopra una speciale mina anti-uomo dalla quale non si puòrimuoverlo perché l’ordigno scoppierebbe. Arrivano prima i caschi blu dellONU, poi i giornalisti avidi diuno scoop. Il finale è tragico e amaro.E’ il primo film del bosniaco D. Tanovic. Il film, premiato a Cannes per la Sceneggiatura, e acquistatonel mondo intero inclusa la Jugoslavia, è una commedia tragica in cui lironia e il grottesco dellasituazione si intrecciano strettamente allatrocità del dramma della ex Iugoslavia.Il film di Tanovic non è un film sulla guerra, non accusa né un fronte né laltro: la sua storia non puntail dito contro chi ha sbagliato. Con questa ottica il regista affronta ogni elemento di quella guerra:lincomprensione totale dei due protagonisti; la disperazione del sergente francese delle NU davantiallinutilità della neutralità e alla follia di volerla credere possibile; lesaltazione dei media davanti aduno straordinario scoop e la loro totale indifferenza nei confronti della follia omicida che si svolgedavanti ai loro occhi.Gli antieroi di "No mans land" combattono strenuamente, scoprono di avere unamica in comune ma nonriescono ad accettare che la guerra non abbia colpevoli. I loro pensieri di vendetta si mescolano aquelli della ragione. 11
  • 12. Una canzone (…per sentire paure e speranze e per compiacere la nostra insegnante) In Europe and America, theres a growing feeling of hysteria Conditioned to respond to all the threats In the rhetorical speeches of the Soviets Mr. Krushchev said we will bury you I dont subscribe to this point of view It would be such an ignorant thing to do If the Russians love their children too How can I save my little boy from Oppenheimers deadly toy There is no monopoly in common sense On either side of the political fence We share the same biology Regardless of ideology Believe me when I say to you I hope the Russians love their children too There is no historical precedent To put the words in the mouth of the President Theres no such thing as a winnable war Its a lie that we dont believe anymore Mr. Reagan says we will protect you I dont subscribe to this point of view Believe me when I say to you I hope the Russians love their children too We share the same biology Regardless of ideology What might save us, me, and you Is that the Russians love their children too[tratta da “The dream of the blue turtles” di Sting - 1985] 12
  • 13. Dalla storia recente ai giorni nostri 13
  • 14. 14
  • 15. Glossario (...per fissare e chiarire alcuni concetti)GENOCIDIO Distruzione sistematica di un gruppo etnico, razziale o religioso compiuto attraverso losterminio degli individui e l’annullamento dei valori e dei documenti culturaliCOMUNISMO Dottrina politica, economica e sociale fondata sulla proprietà non individuale ma comunedei mezzi di produzione e dei beni. Si attua anche attraverso l organizzazione collettiva del lavoro.EUROGRUPPO L Eurogruppo è un centro di coordinamento che riunisce i ministri dellEconomia e dellefinanze degli Stati membri della UE che hanno adottato lEuro.LIBERALISMO Il liberalismo è un insieme di dottrine, definite in tempi e luoghi diversi duranteletà moderna e contemporanea, che pongono precisi limiti al potere e allintervento dello stato, al finedi proteggere i diritti naturali, di salvaguardare i diritti di libertà e, di conseguenza, promuoverelautonomia creativa dellindividuo. Storicamente il liberalismo nasce come ideale che si affiancaallazione della borghesia nel momento in cui essa combatte contro le monarchie assolute e i privilegidellaristocrazia a partire dalla fine del XVIII secolo.LIBERISMO Il liberismo è una teoria economica, filosofica e politica che prevede la libera iniziativae il libero mercato, mentre lintervento dello Stato nelleconomia si limita al massimo alla costruzionedi adeguate infrastrutture (strade, ferrovie ecc.) che possano favorire il mercato.NATO La Nato è unorganizzazione internazionale per la collaborazione nella difesa.Il trattato istitutivo della NATO, il Patto Atlantico, fu firmato a Washington, D.C. il 4 aprile 1949 edentrò in vigore il 24 agosto dello stesso anno . Il Patto Atlantico traeva origine dalla percezione che ilcosiddetto mondo occidentale - costituito da USA, Canada, Regno Unito, Francia, Scandinavia e moltiPaesi dellEuropa che, al termine della seconda guerra mondiale erano entrati nella sfera di influenzaUSA - stesse cominciando ad avere tensioni nei confronti dellaltro paese vincitore della guerra, ossialUnione Sovietica con suoi Paesi satellite.NAZIONE Una nazione (dal latino natio, in italiano "nascita") è un complesso di individui che, avendoin comune caratteristiche quali la storia, la lingua, il territorio, la cultura, letnia, la politica, siidentifica in una comune identità a cui essi sentono di appartenere legati da un sentimento di 15
  • 16. solidarietà e che sentono di condividere un destino comune. Spesso la nazione aspira a diventare Stato,cioè a darsi un ordinamento giuridico che ne affermi la sovranità. Quando una nazione diventa Stato dàvita a quello che più specificatamente viene chiamato Stato-nazione. Oltre gli stati esistenti, alcunipartiti politici e associazioni rivendicano di appartenere a nazioni senza Stato e, per quanto riguardalEuropa occidentale, si riuniscono nella Conferenza delle nazioni senza stato dEuropa occidentale(CONSEU).PATTO DI VARSAVIA ll Patto di Varsavia o Trattato di Varsavia fu unalleanza militare tra ipaesi del Blocco Sovietico intesa a organizzarsi contro lavversaria Alleanza Atlantica, NATO, fondatanel 1949. Il trattato fu elaborato da Nikita Khruščёv nel 1955 e sottoscritto a Varsavia il 14 maggiodello stesso anno . Nel Patto di Varsavia, lUnione Sovietica (allora U.R.S.S.) aveva una preminenza sia alivello gestionale sia decisionale. I tentativi di abbandonare il Patto da parte di Stati membri furonoschiacciati con la forza, ad esempio durante la Rivoluzione Ungherese del 1956.PROTEZIONISMO Il protezionismo è una politica economica che tende a proteggere le attivitàproduttive nazionali dalla concorrenza di stati esteri mediante interventi economici statali.RUSSIFICAZIONE Assimilazione di un popolo al dominio russo. In particolare si fa riferimento alprocesso diretto a imporre la lingua e la cultura russe e la religione ortodossa a popolazioni entrate afar parte dell’impero zarista: in particolare nei territori polacchi assegnati alla Russia con le spartizionidella fine del Settecento.SOCIALISMO Il socialismo è un ampio complesso di ideologie, orientamenti politici, movimenti edottrine che tendono a una trasformazione della società in direzione delluguaglianza di tutti i cittadinisul piano economico e sociale, oltre che giuridico. In senso più specificatamente economico si fariferimento ad ogni movimento che persegua l’emancipazione della classe lavoratrice.STATO Lo Stato è un ordinamento giuridico politico che a fini generali esercita il poteresovrano su un determinato territorio e sui soggetti a esso appartenenti. Esso comanda anche medianteluso della forza armata, della quale detiene il monopolio legale. Lo Stato dunque è un entitàterritoriale delimitata da confini , presidiata da un esercito e sulla quale è in vigore un controllo dinatura amministrativa (pagamento delle tasse e dei tributi). 16
  • 17. STATO SOCIALE Lo Stato sociale è una forma di Stato che si fonda sul principio di uguaglianzasostanziale, da cui deriva la finalità di ridurre le disuguaglianze sociali. In senso ampio, per Statosociale si indica anche il sistema di norme con il quale lo Stato traduce in atti concreti tale finalità.Lo Stato sociale è un sistema che si propone di fornire servizi e garantire diritti considerati essenzialiper un tenore di vita accettabile (Assistenza sanitaria; Pubblica istruzione; Indennità didisoccupazione, sussidi familiari, in caso di accertato stato di povertà o bisogno; accesso alle risorseculturali (biblioteche, musei, tempo libero); assistenza dinvalidità e di vecchiaia; difesa dellambientenaturale.Questi servizi gravano sui conti dello Stato in quanto richiedono ingenti risorse finanziarie, le qualiprovengono in buona parte dal prelievo fiscale che ha, nei Paesi democratici, un sistema di tassazioneprogressivo in cui limposta cresce più che proporzionalmente al crescere del reddito.UNIONE EUROPEA L Unione Europea è un soggetto politico a carattere sovranazionale (che sta aldi sopra delle nazioni) ed intergovernativo (le decisioni vengono prese fra governi).URSS L URSS fu uno stato federale comunista dellEurasia nordorientale . Sorse il 30 dicembre del1922 sulle ceneri del vecchio impero nazista .In seguito a scissioni e annessioni divenne un un’unione di15 stati . L URSS si sciolse nel 1991 e tutte le singole repubbliche sono state dichiarate indipendenti. 17
  • 18. Distrazioni (...per mettersi alla prova giocando)Nella seguente tabella sono nascoste(in orizzontale, in verticale, in diagonale e adangolo retto) le parole dell’elencoE U R O P E A F S R U R S S Y I V G J HN U F S A N O T G E R M A N I A E S T GO Y R L J D D Q I P O Q E X R G D F F CI N D O Y U B A T S U A J I H R N V B EN G Y V P T R E N X U P J G U L O I W CU Y U A A A G F D U H J K S T A E U W OF G H C G G H J P K B H S R E L S G R SI U O C O J P K X O K I U J O V B O E LM Y U H I B J J K P A U O R I J M S D OO R H I T A L I A K V H U S X A E L D VS E W A D K F C M F G S T T N T H A X AC S I K C K S A X S S D K I L O L V S CA J H S D G K O L I D H A X I S Q I H CV B U C S O C I A L I S M O S H J A I HF V E T I L L E T A S O T A T S S K M IT Y Y G E O G R A F I A Q Z A C W A N AC O M U N I S M O K H O Y P U S D B X HV S W E R D K O N I L R E B I D O R U MF S T A L I N G R A D O V K D S W K F FS E R B I A U S D B Z M F A I N E C E CEUROPA , SLOVACCHIA , URSS , ITALIA , IUGOSLAVIA , SERBIA, BIELORUSSIA,GEOGRAFIA, MURODIBERLINO, MOSCA, DANUBIO, RUSSIA, STALINGRADO, CSI,CECENIA, GERMANIAEST, COMUNISMO, SOCIALISMO, ROMANIA, STATOSATELLITE,CECOSLOVACCHIA, UNIONEEUROPEA 18
  • 19. L’intervista ai genitori Modulo per intervista ai genitori – classe 2C predisposto dagli alunni1) Genitore: padre madre2) Hai intenzione di rispondere alle nostre domande? si no3) Anno di nascita: prima del 1960 1960-1965 1966-1971 dopo il 19714) In quale ordine di scuola hai studiato per la prima volta le caratteristiche del continente europeo? primaria (elementari) secondaria di 1° grado (medie) secondaria di 2° grado (superiore) altro5) Ti ricordi quando è stato abbattuto il muro di Berlino? si no (se no vai alla domanda n.7)6) Quando? 1991 1989 1976 19997) Cosa pensavi del muro di Berlino? ero indifferente mi preoccupava mi rassicurava altro8) Secondo te la geografia dell’Europa che studio io è diversa da quella che hai studiato tu? si no (se no vai alla domanda 10)9) Motiva la tua precedente risposta è più difficile è più facile sono cambiate le condizioni politico-territoriali altro10)Hai mai sentito parlare di “Guerra Fredda”? si no (se no vai alla domanda 12)11)Che sensazioni provavi nel sentire parlare di “Guerra fredda”? indifferenza entusiasmo paura preoccupazione altro12)Hai mai sentito parlare del massacro di Srebrenica? si no (se no vai alla domanda 15) 13)Ti ricordi quando è avvenuto? si no (se no vai alla domanda 15) 14)Quando? 1965 1975 1985 1995 15)Durante le guerre iugoslave (1991-1999) come hai reagito sentendo le notizie di attentati e massacri? ero preoccupato/a ero spaventato ero indifferente mi sentivo impotente non ero molto interessato non ricordo GRAZIE PER LA COLLABORAZIONE. 19
  • 20. Breve riflessione sui datiIl nostro campione: 16 genitoriHanno risposto alla nostra intervista: - 10 babbi - 6 mammeIl 44% del campione è nato nel periodo 1966 – 1971.Il 94% ritiene che la nostra geografia sia diversa dalla loro e pensa che la diversitàsia imputabile al mutamento delle condizioni politico - territoriali.Alle altre domanda i nostri genitori hanno risposto in maniera nel complesso uniforme.Si registra, invece, una diversità di posizioni a proposito delle guerre dei Balcani. Inparticolare: - il 44% non aveva mai sentito parlare del massacro di Srebrenica e alla domanda “Durante le guerre iugoslave come hai reagito sentendo le notizie di attentati e massacri?” - il 44% era preoccupato - il 6% era spaventato - il 31% si sentiva impotente - il 13% non ricorda. 20
  • 21. Ringraziamenti particolariRingraziamo tutti i genitori che hanno dedicato qualche minuto al nostro piccolosondaggio.Ringraziamo la mamma di Matteo Alessi per aver conservato l’Atlante dal qualeabbiamo preso le immagini dei “vecchi” Stati.Ringraziamo la prof Arrighi per il lavoro svolto durante le preziose ore dicompresenza.L’immagine di copertina è stata ideata e realizzata da Marco Telara, 2CIC Buonarroti, Marina di Carrara (MS). Anno scolastico 2010/11Classe 2CDocente: Claudia Tomasi 21