Migrazione da sistemi proprietari a sistemi open source Claudio Cardinali – Open Source Specialist  ( [email_address] ) Pa...
Migrazione <ul><li>Che cosa significa? </li><ul><li>La migrazione nella terminologia informatica indica un  procedimento  ...
Perché migrare ?
Perché migrare ? <ul><li>Sicurezza
Abbandonare sw closed
Integrazione
Affidabilità
Costi (risparmio)
Compatibilità
Indipendenza (da fornitori)
Interoperabilità
Evitare &quot;lock-in&quot;
Adattabilità  e Personalizzazione </li><ul><li>Non prodotti ma servizi...  </li></ul></ul>
Perché migrare ? <ul><li>Sicurezza </li><ul><li>Sorgente aperto
Update e patch rapidi (community)
Assoluto controllo dei propri dati </li></ul></ul>
Perché migrare ? <ul><li>Riduzione Costo Totale di Proprietà </li><ul><li>Sostenibilità Economica
Risparmio
Costi update/upgrade </li></ul></ul>
Perché migrare ? <ul><li>No “Vendor Lock­In” (Libertà di Scelta) </li><ul><li>Software
Hardware
(con relativi ulteriori risparmi “indotti”) </li></ul><li>Indipendenza (da fornitori) </li></ul>
Perché migrare ? <ul><li>“ Apertura”/Adesione agli Standard </li><ul><li>Compatibilità
Integrazione
Interoperabilità </li></ul></ul>
Perché migrare ? <ul><li>Adattabilità e Personalizzazione </li><ul><li>Ad-hoc
Customizzazione
Su-misura </li></ul></ul>
Perché migrare ? <ul><li>Multi­Piattaforma </li></ul>
Perché migrare ? <ul><li>Qualità e innovazione </li><ul><li>Performances
Funzionalità
Superiorità Tecnologica
“ Open Source:
come for the price, stay for the quality” </li></ul></ul>
Fasi della Migrazione <ul><li>Analisi (contesto, metodologie di lavoro, stato, organizzazione)
Conoscenza approfondita dell'azienda
Progettazione
Pianificazione
Comunicazione: (coinvolgimento degli utenti)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Migrazione da sistemi proprietari a sistemi open source

1,038

Published on

Processi e Casi reali di migrazione da sistemi proprietari a sistemi open source, Linux Day 2011 Magione Perugia, Claudio Cardinali – Open Source Specialist
(claudio@csolution.it)
Paolo Giardini – Consulente per la sicurezza delle informazioni
(paolo.giardini@solution.it)

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,038
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Migrazione da sistemi proprietari a sistemi open source

  1. 1. Migrazione da sistemi proprietari a sistemi open source Claudio Cardinali – Open Source Specialist ( [email_address] ) Paolo Giardini – Consulente per la sicurezza delle informazioni (paolo.giardini@solution.it)
  2. 2. Migrazione <ul><li>Che cosa significa? </li><ul><li>La migrazione nella terminologia informatica indica un procedimento atto a modificare il software oppure l'hardware in uso su uno o più computer. L'esempio più classico e rilevante di migrazione è quella che riguarda il sistema operativo di una macchina. Migrare da un sistema operativo verso un altro significa quindi smettere di utilizzare il sistema operativo x in favore dell'utilizzo di y. Altri esempi di migrazione possono riguardare software meno fondamentali (ad esempio un programma di fotoritocco), il passaggio di un sito da un server ad un altro oppure un cambio di architettura dell'hardware dell'elaboratore. </li><ul><ul><li>(fonte WIkipedia) </li></ul></ul></ul></ul>
  3. 3. Perché migrare ?
  4. 4. Perché migrare ? <ul><li>Sicurezza
  5. 5. Abbandonare sw closed
  6. 6. Integrazione
  7. 7. Affidabilità
  8. 8. Costi (risparmio)
  9. 9. Compatibilità
  10. 10. Indipendenza (da fornitori)
  11. 11. Interoperabilità
  12. 12. Evitare &quot;lock-in&quot;
  13. 13. Adattabilità e Personalizzazione </li><ul><li>Non prodotti ma servizi... </li></ul></ul>
  14. 14. Perché migrare ? <ul><li>Sicurezza </li><ul><li>Sorgente aperto
  15. 15. Update e patch rapidi (community)
  16. 16. Assoluto controllo dei propri dati </li></ul></ul>
  17. 17. Perché migrare ? <ul><li>Riduzione Costo Totale di Proprietà </li><ul><li>Sostenibilità Economica
  18. 18. Risparmio
  19. 19. Costi update/upgrade </li></ul></ul>
  20. 20. Perché migrare ? <ul><li>No “Vendor Lock­In” (Libertà di Scelta) </li><ul><li>Software
  21. 21. Hardware
  22. 22. (con relativi ulteriori risparmi “indotti”) </li></ul><li>Indipendenza (da fornitori) </li></ul>
  23. 23. Perché migrare ? <ul><li>“ Apertura”/Adesione agli Standard </li><ul><li>Compatibilità
  24. 24. Integrazione
  25. 25. Interoperabilità </li></ul></ul>
  26. 26. Perché migrare ? <ul><li>Adattabilità e Personalizzazione </li><ul><li>Ad-hoc
  27. 27. Customizzazione
  28. 28. Su-misura </li></ul></ul>
  29. 29. Perché migrare ? <ul><li>Multi­Piattaforma </li></ul>
  30. 30. Perché migrare ? <ul><li>Qualità e innovazione </li><ul><li>Performances
  31. 31. Funzionalità
  32. 32. Superiorità Tecnologica
  33. 33. “ Open Source:
  34. 34. come for the price, stay for the quality” </li></ul></ul>
  35. 35. Fasi della Migrazione <ul><li>Analisi (contesto, metodologie di lavoro, stato, organizzazione)
  36. 36. Conoscenza approfondita dell'azienda
  37. 37. Progettazione
  38. 38. Pianificazione
  39. 39. Comunicazione: (coinvolgimento degli utenti)
  40. 40. Migrazione dei contenuti
  41. 41. Deployment: (installazione)
  42. 42. Formazione
  43. 43. Assistenza e supporto
  44. 44. Collaborazione (da parte dell'azienda) </li></ul>
  45. 45. Azienda #1 <ul><li>Azienda privata del comparto sanità
  46. 46. Varie sedi sparse nel territorio, con relativi uffici amministrativi facenti capo a sede centrale
  47. 47. Personal computer utilizzati sia per gestione aziendale che come supporto all'attività assistenziale e sanitaria
  48. 48. Necessità di ristrutturare il sistema informativo in occasione dell'aggiornamento hardware e dell'adeguamento alle vigenti normative
  49. 49. Previsione di ulteriori necessità e sviluppi (cartella sanitaria elettronica) </li></ul>
  50. 50. Servizi <ul>Servizi Azienda #1 </ul>
  51. 51. Enterprise Server (PDC) <ul><li>Sistema centralizzato per l'organizzazione del lavoro
  52. 52. Archiviazione dei dati aziendali
  53. 53. Copia di sicurezza dei dati (backup)
  54. 54. Autenticazione centralizzata utenti
  55. 55. Protezione dei dati
  56. 56. Gestione dei permessi e degli accessi
  57. 57. Gestione password
  58. 58. Scadenza password 3 mesi
  59. 59. Recupero dati (giornaliero, incrementale, storico)
  60. 60. Server antivirus
  61. 61. Login multi-piattaforma </li></ul>
  62. 62. ClearOS
  63. 63. ClearOS
  64. 64. Desktop Linux (Ubuntu)
  65. 65. Integrazione Sistema Atlante Sistema centralizzato ove accedono le 4 ASL dell'Umbria per la gestione dei servizi di residenzialità e di cure domiciliari , nonché tutte le strutture residenziali e semi-residenziali della Regione (oltre 55 strutture) per la gestione dei processi di presa in carico, valutazione e gestione delle persone assistite.
  66. 66. Cartella sanitaria elettronica (to-do..)
  67. 67. Azienda #2 <ul><li>Azienda di progettazione nel campo dell'energia da fonti rinnovabili
  68. 68. Elevato trend di crescita
  69. 69. Necessità </li><ul><li>Adeguarsi rapidamente alle mutabili esigenze del mercato e dei clienti
  70. 70. Aumentare il livello di sicurezza dei propri dati
  71. 71. Integrazione fra ambienti eterogenei
  72. 72. Condivisione delle informazioni in tempo reale, con clienti, collaboratori esterni o dipendenti in trasferta anche all'estero </li></ul></ul>
  73. 73. Servizi <ul>Servizi Azienda #2 </ul>
  74. 74. Virtualizzazione <ul><li>Per virtualizzazione si intende la creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita fisicamente.
  75. 75. Qualunque risorsa hardware o software può essere virtualizzata: sistemi operativi , memoria , spazio disco , applicativi, reti .
  76. 76. Tra gli impieghi della virtualizzazione il più utilizzato è probabilmente la virtualizzazione di sistemi operativi .
  77. 77. Via software è necessario un sistema operativo in esecuzione ( host ) che esegua un software di virtualizzazione che crei ad alto livello le varie virtual machine ( guest ) che girano come se fossero dei normali programmi e che comunicano con l'hardware solo indirettamente, tramite il software di virtualizzazione che agisce a basso livello. </li></ul>
  78. 78. <ul>Vantaggi della virtualizzazione </ul><ul><li>Riduzione dei costi di implementazione e di gestione, consolidando l'hardware
  79. 79. Riduzione dello spazio e complessità
  80. 80. Riduzione consumo energetico
  81. 81. Allocazione delle risorse dinamicamente (quando e dove necessario)
  82. 82. Riduzione tempo di inattività
  83. 83. Isolamento architettura (sicurezza)
  84. 84. Gestione più semplice delle risorse
  85. 85. Facilità testing e debugging di ambienti controllati
  86. 86. disaster recovery </li></ul>
  87. 87. Virtualizzazione
  88. 88. KVM - Kernel Based Virtual Machine
  89. 89. KVM <ul><li>Integrato nel kernel Linux (dalla versione 2.6.20, uscita nel 2007)
  90. 90. Principale sistema di virtualizzazione di distribuzioni come Red Hat Enterprise Linux e Debian/Ubuntu (hanno abbandonato il supporto a Xen in favore di KVM)
  91. 91. Integrazione profonda: sicuro , stabile e veloce .
  92. 92. Le macchine virtuali sono nel sistema dei processi
  93. 93. gestire / monitorare una macchina virtuale come si fa con qualunque altro processo del sistema operativo Linux
  94. 94. Guest support: Windows*(98,2000,XP,7,2003,2008..), Linux, Android, FreeBSD, OpenBSD, Solaris/OpenSolaris, Plan9, FreeDOS, ecc...
  95. 95. Gestione testuale/grafica </li></ul>
  96. 96. Virtual Machine Manager
  97. 97. Groupware
  98. 98. Zimbra <ul><li>Zimbra Collaboration Suite ( ZCS ) è un Software applicativo di gruppo (Groupware) creato dall'omonima azienda. A settembre del 2007 fu acquistata da Yahoo! e successivamente il 12 gennaio 2010 la proprietà passò a Vmware.
  99. 99. Viene sviluppato usando principalmente la tecnologia AJAX
  100. 100. Zimbra utilizza progetti open source come:
  101. 101. Postfix, MySQL, OpenLDAP, Apache, Verity, ClamAV, SpamAssassin, AMaViS and Amavisd-new, DSPAM, Aspell, James, Sieve, ecc.. </li></ul>
  102. 102. Zimbra funzionalità
  103. 103. Zimbra funzionalità <ul><li>Le funzionalità che di default sono presenti nella versione open source sono:
  104. 104. Email Ajax, Calendari, Rubriche, Gestione dei Task e cartella per la gestione dei documenti;
  105. 105. Zimbra Desktop per le piattaforme Windows, Mac e Linux
  106. 106. Email POP e IMAP
  107. 107. Protocolli standard anche per contatti e calendari (CardDAV, iCal e CalDAV)
  108. 108. Gestione lato server per email, rubrica, calendario, task e gestione dei file
  109. 109. Supporto della community su wiki e blog </li></ul>
  110. 110. Email Multi-Tasking
  111. 111. Zimbra Mobile
  112. 112. Calendario collaborativo
  113. 113. Briefcase e Documenti, attività
  114. 114. Zimlets <ul><li>La tecnologia degli zimlets permette di integrare servizi e creare dei all'interno dell'interfaccia di Zimbra; tramite zimlets, per esempio, è possibile effettuare chiamate via Skype a contatti, o mandare SMS ai propri colleghi per avvisarli di un appuntamento improvviso oppure visualizzare un indirizzo ricevuto via email sulle mappe di Google. Le possibilità date dalle zimlets sono pressoché infinite e basano la loro efficacia su un sistema service oriented a web services. </li></ul>
  115. 115. LibreOffice
  116. 116. Migrazione da sistemi proprietari a sistemi open source Claudio Cardinali – Open Source Specialist ( [email_address] ) Paolo Giardini – Consulente per la sicurezza delle informazioni (paolo.giardini@solution.it) GRAZIE PER L'ATTENZIONE

×