• Save
Presentazione smau roma11 public
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
608
On Slideshare
559
From Embeds
49
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
1

Embeds 49

http://www.smau.it 49

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !eGovernment: dall analisi delle criticitàall innovazione sostenibile! 1 Osservatorio eGovernment Presentazione risultati della Ricerca 2010 Presentazione proposta Ricerca 2011School of Management Politecnico di MilanoClaudio Russo
  • 2. I focus dell’indagine 2010 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !1.  Gestire l’innovazione all’interno della Pubblica Amministrazione Locale: dall’idea al servizio finale attraverso scelte organizzative e tecnologiche2.  I modelli tecnologici ed organizzativi per l’introduzione di 2 sistemi di pagamento multicanale effettuati alla P.A.L. da Cittadini ed Imprese3.  I modelli di adozione degli strumenti per la dematerializzazione, dei sistemi di archiviazione elettronica e conservazione sostitutiva da parte della P.A.L.
  • 3. Le attività di Ricerca dell’Osservatorio Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment 2010Numero di Enti intervistati:22 Realizzazione di tre WS, q  16 Comuni incentrati sulle tre tematiche q  4 Province oggetto della Ricerca q  2 Regioni Interviste Workshop dirette 3 Studio da Survey fonti secondarieCoinvolgimento di 638 Enti: Ricorso a fonti indirette: q  513 Comuni q  Stampa di Settore q  105 Province q  Web q  20 Regioni q  Convegni e seminari
  • 4. eGovernment: questo sconosciutoRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Processo di cambiamento organizzativo volto a migliorare le modalità di interazione fra la P.A. e il suo Sistema 4 dell’Utenza, attraverso il supporto delle tecnologie informatiche
  • 5. eGovernment negli Enti LocaliRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I progetti in corso 5
  • 6. eGovernment negli Enti LocaliRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Gli sviluppi futuri Progetti che saranno avviati nei prossimi 12 mesi 6
  • 7. eGovernment negli Enti Locali La Percentuale di successo delle iniziative di innovazioneRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! 7
  • 8. La gestione dell’innovazione negli Enti Locali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Ruolo di Ente CapofilaProgetti Multi-Ente: in quale percentuale è stato ricoperto il ruolo di Ente Capofila? PROVINCIA COMUNE 8
  • 9. La gestione dell’innovazione negli Enti Locali La struttura organizzativa Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! per la gestione dei progettiDato indagato % rilevata Totale Regioni Province ComuniEsistenza di un organodedicato alla gestione 65% 100% 58% 66%dell’eGovernment 9Esistenza di un Assessorato 65% 33% 53% 69%dedicato all’Innovazione 9
  • 10. La gestione dell’innovazione negli Enti Locali La struttura organizzativa Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! per la gestione dei progettiDato indagato % rilevata Totale Regioni Province ComuniEsistenza di un organodedicato alla gestione 65% 100% 58% 66%dell’eGovernment 10Esistenza di un Assessorato 65% 33% 53% 69%dedicato all’Innovazione Accanto a Comuni che dedicano più di 20 persone alle attività di gestione delle iniziative di innovazione, ne esistono altri di pari dimensioni che hanno solo 2 addetti per gestire tutta la dotazione informatica dell’Ente. 10
  • 11. La nascita del Concept e la Pianificazione I fattori che impattanoRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! sull’avvio di un’iniziativa 11
  • 12. La nascita del Concept e la PianificazioneRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !La copertura finanziaria di un progetto PROVINCE COMUNI 12
  • 13. La fase progettuale Il coinvolgimento dell’utenzaRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! nella fase di analisi 13
  • 14. I pagamenti Multicanale La Ricerca 2010 dell’Osservatorio eGov Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !L’obiettivoAnalisi dei possibili modelli tecnologici e organizzativi per l’introduzione disistemi di pagamento multicanale effettuati alla PAL da Cittadini ed Imprese,con particolare focus su:q  Valutazione degli impatti organizzativi dell’intero processo gestionaleq  Analisi delle leve a disposizione dei decisori che intendono attivare taliinterventiq  Mappatura dello stato di adozione e realizzazione di tali progettualità nella 14Pubblica Amministrazione Locale Italiana. Art. 5 NUOVO CAD - Pagamenti elettronici Prevede una serie di strumenti operativi (ad es. le carte di credito) e consente di avvalersi di soggetti anche privati per la riscossione, aprendo di fatto un nuovo mercato dei servizi.
  • 15. I pagamenti MulticanaleRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I motivi scatenanti 15
  • 16. I pagamenti MulticanaleRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I freni allutilizzo da parte degli utenti 16
  • 17. I pagamenti Multicanale Le esperienze degli enti innovatori:Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! diffusione degli strumenti Con  quali   strumenti  il  tributo  pdi pagamento online uò  essere   pagato  online? Addebito  su  conto  bancoposta 4% F24 13% Bonifico 14% 17 Mav 13% Rid  online  con  addebito  sul  conto 17% Carta  di  credito 92% 0% 20% 40% 60% 80% 100%
  • 18. I pagamenti Multicanale Le esperienze degli enti innovatori:Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! livello di digitalizzazione dell’intero processo 100% 14% 28% 80% 36% 46% Nessuna   automatizzazione/ digitalizzazione 60% 56% Parziale   18 57% 43% 40% automatizzazione/ 35% digitalizzazione 20% 30% Completa   18% 21% 16% automatizzazione/ 0% digitalizzazione Sollecitazione  del   Registrazione   Controllo  posizioni   Archiviazione  delle   pagamento contabile debitorie ricevute
  • 19. I pagamenti Multicanale Le esperienze degli enti innovatori:Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! impatti organizzativi sull’intero processo 100% 23% 19% Maggiori  oneri  di   80% gestione  per  il   50% personale 73% 40% 60% Nessuna  variazione 41% 19 40% 50% Minori  oneri  di   20% 42% 36% gestione  per  il   27% personale 0% Sollecitazione  del   Registrazione   Controllo  posizioni   Archiviazione  delle   pagamento contabile debitorie ricevute
  • 20. I pagamenti MulticanaleRoma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I motivi della mancata attivazione Analizzate diverse soluzioni, economicamente troppo oneroseMancanza di tempo per affrontare l’argomento L’utenza è già soddisfatta dai sistemi tradizionali Benefici per l’Ente ridotti Il progetto comporta un sforzo 20 organizzativo non sostenibile Non è una priorità di mandato dell’Amministrazione Il canale online ha un tasso di penetrazione ancora limitato Altro
  • 21. I pagamenti Multicanale Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Le prospettive futureVi è l’intenzione di Sì, ma solo in caso diimplementare in futuro cofinanziamento pubblicouna soluzione di (19%)pagamento online? No (3%) 21 Non saprei (12%) Sì (66%)
  • 22. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Un approccio integrato !La Ricerca 2010 ha studiato l’Archiviazione Elettronica come strumento funzionale alla digitalizzazione dell’intero ciclo di vita del documento. 22 Formazione Gestione Conservazione u  Redazione u  Trasmissione u  Chiusura del fascicolo documentale u  Copia u  Scarto documentale u  Sottoscrizione u  Archiviazione u  Ricerca
  • 23. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Stato di avanzamento dei progettiUna percentuale molto significativa degli Enti coinvolti nell’analisi si staconfrontando con la tematica Conservazione Sostitutiva Sì, su alcune specifiche tipologie documentarie 29% 36% Non ancora, stiamo realizzando l’intervento ma 23 non si è ancora concluso Non ancora, stiamo progettando l’intervento 11% Non ancora, l’Ente non si è ancora confrontato con 24% questa tematica
  • 24. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Gli obiettivi dei progetti ! Riorganizzare e razionalizzare i 66,67% 100,00% processi interni 68,75% Comune 34,09% 10,23% 20,45% 35,23% 55,56% Adeguamento alla normativa 66,67% Sì, su alcune specifiche tipologie 81,25% documentarie 55,56% Non ancora, stiamo realizzando Risparmio / Riduzione dei costi 22,22% l’intervento ma non si è ancora concluso Provincia 9,09% 13,64% 40,91% 36,36%50,00% 24 0,00% Non ancora, stiamo progettando Visibilità / Ritorno di immagine 0,00% l’intervento 0,00% Non ancora, l’Ente non si è ancora 16,67% confrontato con questa tematicaRiduzione dell’impatto ambientale 16,67% Regione 33,33% 0,00% 16,67% 33,33% 0,00% 5,56% Altro 11,11% 0,00% 20,00% 0,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00%
  • 25. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I documenti sottoposti a
 Conservazione Sostitutiva ! Delibere di Giunta 88,37% Delibere di Consiglio 88,37% Ricevute di PEC 74,42% Ordinanze 69,77% Fatture 67,44% Bandi di gara 62,79% Ricevute di pubblicazione atti sullAlbo pretorio 60,47%Verbali delle sedute di Giunta/Consiglio/Commissioni 55,81% Concessioni amministrative 55,81% 25 Determinazioni dirigenziali 13,95% Mandati di pagamento 11,63% Registro di protocollo 4,65% Atti di liquidazione 4,65% Registro di pubblicazione Albo pretorio 2,33% Preferenza accordata a tipologie Fascicoli personali e previdenziali 2,33% documentarie che non prevedono dichiarato   I  risponden+  hanno   di  operare  all’interno  di  un   Nomine Posizioni Organizzative 2,33% interazione con il sistema dell’utenzala   Ente  che  ha  approcciato   Certificati anagrafici 2,33% esterna tema+ca  Conservazione   Sos-tu-va   Certificazione impianti 2,33% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00%
  • 26. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Le criticità riscontrate!Resistenza al cambiamento da parte degli operatori di 44,19% Settore Difficoltà nell’effettuare lintervento nei tempi 44,19% prospettati Inadeguatezza della normativa di riferimento 41,86% Costo elevato della fornitura di servizi/applicativi 37,21% informatici per conservazione sostitutiva Scarso interessamento del Dirigente di Settore 32,56% Complessità nell’utilizzo delle soluzioni individuate 32,56% 26 Scarso interessamento della classe politica 30,23% Scarsa percezione dei benefici economici e 27,91% organizzativi ottenibiliCosti elevati di gestione del progetto (per consulenze 23,26% I  risponden+  hanno   esterne, acquisizione delle tecnologie strumentali, dichiarato  di  operare   Inadeguatezza dell’infrastruttura informatica 11,63% all’interno  di  un  Ente  che   ha  approcciato  la   tema+ca  “conservazione   Inadeguatezza dell’attività di gestione del progetto 11,63% sos+tu+va”   0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00%
  • 27. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Le criticità riscontrate!Resistenza al cambiamento da parte degli operatori di 44,19% Settore Difficoltà nell’effettuare lintervento nei tempi 44,19% prospettati Inadeguatezza della normativa di riferimento 41,86% Costo elevato della fornitura di servizi/applicativi 37,21% informatici per conservazione sostitutiva Scarso interessamento del Dirigente di Settore 32,56% Principali problematiche: 27 Complessità nell’utilizzo delle soluzioni individuate 32,56% q Gestione dei progetti Scarso interessamento della classe politica q Complessità del quadro 30,23% Scarsa percezione dei benefici economici e normativo 27,91% organizzativi ottenibili q Costo della fornituraCosti elevati di gestione del progetto (per consulenze 23,26% I  risponden+  hanno   esterne, acquisizione delle tecnologie strumentali, dichiarato  di  operare   Inadeguatezza dell’infrastruttura informatica 11,63% all’interno  di  un  Ente  che   ha  approcciato  la   tema+ca  “conservazione   Inadeguatezza dell’attività di gestione del progetto 11,63% sos+tu+va”   0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00%
  • 28. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I fattori critici di successo! Garanzia/sicurezza di conservazione del documento 93,75%Competenze di coloro che hanno collaborato al progetto (fornitori di 87,50% tecnologia, consulenti, ecc.)Semplicità e immediatezza delle soluzioni tecnologiche selezionate 87,50% Garanzia di semplicità di ricerca della documentazione conservata 87,50% Promozione/disseminazione interna (comunicazione, 81,25% sensibilizzazione, ecc.) Partecipazione dei Dirigenti di Settore alle attività di progetto 75,00% 28 Presenza delle adeguate competenze interne all’Ente 75,00% Qualità dell’attività di formazione interna (seminariale, didattica) e 75,00% training on the job Partecipazione degli operatori di Settore alle attività di progetto 68,75% Piena consapevolezza dei benefici ottenibili 68,75% Chiarezza delle linee guida elaborate da istituzioni terze (Soprintendenza Archivistica, CNIPA, ecc.) 50,00% I  risponden+   hanno  dichiarato   Rigoroso controllo delle tempistiche di progetto 43,75% di  effe:uare  la   conservazione  Possibilità di fare sinergia con altri Enti (per scambio di esperienza, sos+tu+va     31,25% riuso, ecc.) 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00%
  • 29. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I fattori critici di successo! Garanzia/sicurezza di conservazione del documento 93,75%Competenze di coloro che hanno collaborato al progetto (fornitori di 87,50% tecnologia, consulenti, ecc.)Semplicità e immediatezza delle soluzioni tecnologiche selezionate 87,50% Garanzia di semplicità di ricerca della documentazione conservata 87,50% Promozione/disseminazione interna (comunicazione, 81,25% sensibilizzazione, ecc.) Partecipazione dei Dirigenti di Settore alle attività di progetto 75,00% 29 Presenza delle adeguate competenze interne all’Ente 75,00% Qualità dell’attività di formazione interna (seminariale, didattica) e 75,00% training on the job Partecipazione degli operatori di Settore alle attività di progetto 68,75% Piena consapevolezza dei benefici ottenibili COMPETENZE 68,75% Chiarezza delle linee guida elaborate da istituzioni terze (Soprintendenza Archivistica, CNIPA, ecc.) 50,00% I  risponden+   hanno  dichiarato   Rigoroso controllo delle tempistiche di progetto 43,75% di  effe:uare  la   conservazione  Possibilità di fare sinergia con altri Enti (per scambio di esperienza, sos+tu+va     31,25% riuso, ecc.) 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00%
  • 30. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I fattori critici di successo! Garanzia/sicurezza di conservazione del documento 93,75%Competenze di coloro che hanno collaborato al progetto (fornitori di 87,50% tecnologia, consulenti, ecc.)Semplicità e immediatezza delle soluzioni tecnologiche selezionate 87,50% Garanzia di semplicità di ricerca della documentazione conservata 87,50% Promozione/disseminazione interna (comunicazione, 81,25% sensibilizzazione, ecc.) Partecipazione dei Dirigenti di Settore alle attività di progetto 75,00% 30 Presenza delle adeguate competenze interne all’Ente 75,00% Qualità dell’attività di formazione interna (seminariale, didattica) e 75,00% training on the job Partecipazione degli operatori di Settore alle attività di progetto 68,75% RISORSE Piena consapevolezza dei benefici ottenibili 68,75% Chiarezza delle linee guida elaborate da istituzioni terze (Soprintendenza Archivistica, CNIPA, ecc.) 50,00% I  risponden+   hanno  dichiarato   Rigoroso controllo delle tempistiche di progetto 43,75% di  effe:uare  la   conservazione  Possibilità di fare sinergia con altri Enti (per scambio di esperienza, sos+tu+va     31,25% riuso, ecc.) 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00%
  • 31. Archiviazione elettronica
 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I fattori critici di successo! Garanzia/sicurezza di conservazione del documento 93,75%Competenze di coloro che hanno collaborato al progetto (fornitori di 87,50% tecnologia, consulenti, ecc.)Semplicità e immediatezza delle soluzioni tecnologiche selezionate 87,50% Garanzia di semplicità di ricerca della documentazione conservata 87,50% Promozione/disseminazione interna (comunicazione, 81,25% sensibilizzazione, ecc.) Alla domanda “Come giudicherebbe Partecipazione dei Dirigenti di Settore alle attività di progetto complessivamente l’adozione 75,00% della soluzione di Conservazione Sostitutiva all’interno dell’Ente?” i 31 partecipanti hanno risposto dichiarandosi complessivamente Presenza delle adeguate competenze interne all’Ente 75,00% soddisfatti: Qualità dell’attività di formazione interna (seminariale, didattica) e 75,00% training on the job q Soddisfacente: 75% Partecipazione degli operatori di Settore alle attività di progetto RISORSE 68,75% q Molto soddisfacente: 19% COMPETENZE Piena consapevolezza dei benefici ottenibili 68,75% q Poco soddisfacente: 6% Chiarezza delle linee guida elaborate da istituzioni terze (Soprintendenza Archivistica, CNIPA, ecc.) 50,00% I  risponden+   hanno  dichiarato   Rigoroso controllo delle tempistiche di progetto 43,75% di  effe:uare  la   conservazione  Possibilità di fare sinergia con altri Enti (per scambio di esperienza, sos+tu+va     31,25% riuso, ecc.) 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00%
  • 32. Archiviazione elettronica Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Le barriere ! Assenza di risorse finanziarie da dedicare al progetto 56,76% Mancanza di un indirizzo strategico da parte degli 54,05% Mancanza di infrastrutture informatiche adeguate 29,73% Elevati costi di attuazione dell’intervento 29,73% Indisponibilità di personale con competenze informatiche 27,03%Mancanza di metriche adeguate a misurare i costi e i benefici 24,32% Elevati costi di gestione dell’iniziativa a regime 21,62% Pochi benefici percepiti 18,92% 32 Mancanza di sostegno da parte della Dirigenza 16,22% Normativa poco chiara/inadeguata alle esigenze degli Enti 16,22% Scarsa conoscenza delle soluzioni tecnologiche 13,51% Indisponibilità di personale con competenze informatiche 13,51% I  risponden+  hanno  dichiarato   Mancanza di sostegno da parte della classe politica 13,51% che  l’Ente  in  cui  operano  non  si   è  ancora  confrontato  con  la   Assenza di un possibile project manager interno 8,11% tema+ca  “conservazione   sos+tu+va”   Altro 0,00% 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% 60,00%
  • 33. I temi della Ricerca 2011 Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Archiviazione Pagamenti Multicanale Elettronica e verso la PA Conservazione Sostitutiva 33 Le scelte di mix per l’offerta di servizi: quali servizi per quali utenti attraverso quali canaliOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 34. Quali servizi per quali utenti attraverso quali canali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment: un’equazione strategica Benefici totali (T) = Benefici per transazione × Numero di transazioni (T) Numero di transazioni (T) = Numero di utenti × Frequenza di utilizzo (T) 34Numero di utenti = Numero di utenti disponibili × Attrattività del servizio x Conoscenza dell’esistenza del servizioOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 35. Quali servizi per quali utenti attraverso quali canali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment: un’equazione strategica Benefici totali (T) = Benefici per transazione × Numero di transazioni (T) Sono i benefici per gli Numero di transazioni (T) = Numero di utenti ×dal «stakeholder» generati Frequenza di utilizzo (T) servizio rispetto al caso 35 base (l’erogazione del servizio in modalità tradizionale) Numero di utenti = Numero di utenti disponibili × Attrattività del servizio x Conoscenza dell’esistenza del servizioOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 36. Quali servizi per quali utenti attraverso quali canali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment: un’equazione strategica Benefici totali (T) = Benefici per transazione × Numero di transazioni (T)Numero di transazioni (T) = Numero di utenti × Frequenza di utilizzo (T) 36 È il numero di volte che ilNumero di utenti = Numero di utenti disponibili × Attrattività del servizio x servizio viene mediamente Conoscenza dell’esistenza del servizio utilizzato dall’utente durante un periodo di tempo determinato (ad es. un anno)Osservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 37. Quali servizi per quali utenti attraverso quali canali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment: un’equazione strategica Benefici totali (T)il numero di utenti che × Numero di transazioni (T) È = Benefici per transazione hanno la possibilità di utilizzare il servizio e sarebbero disposti a farlo se Numero di transazioni (T) = Numero di utenti × Frequenza di utilizzo (T) soddisfasse le proprie esigenze 37Numero di utenti = Numero di utenti disponibili × Attrattività del servizio x Conoscenza dell’esistenza del servizioOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 38. Quali servizi per quali utenti attraverso quali canali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment: un’equazione strategica Benefici totali (T) = Benefici per transazione × Numero di transazioni (T) È l’insieme delle caratteristiche del servizio che soddisfano le esigenze dell’utente (usabilità, disponilità, personalizzabilità, …) Numero di transazioni (T) = Numero di utenti × Frequenza di utilizzo (T) 38Numero di utenti = Numero di utenti disponibili × Attrattività del servizio x Conoscenza dell’esistenza del servizioOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 39. Quali servizi per quali utenti attraverso quali canali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment: un’equazione strategica È un parametro correttivo che Benefici totali (T) = Benefici per transazione × Numero di transazioni (T) evidenzia la percentuale dell’utenza che è venuta a conoscenza dell’esistenza del servizio Numero di transazioni (T) = Numero di utenti × Frequenza di utilizzo (T) 39Numero di utenti = Numero di utenti disponibili × Attrattività del servizio x Conoscenza dell’esistenza del servizioOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 40. Quali servizi per qualipossibili 1.  Individuazione dei utenti attraverso quali canali benefici Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! eGovernment: un’equazione strategica 2.  Quantificazione dei benefici Scelta dei servizi tramite l’elaborazione e l’applicazione di un modello di analisi dei benefici Benefici totali (T) = Benefici per transazione × Numero di transazioni (T)1.  Individuazione delle determinanti 1.  Individuazione delle determinanti della disponibilità dell’utenza del grado di attrattività Numero di transazioni (T) = Numero di utenti × Frequenza di utilizzo (T) per servizio e per canale di riferimento 2.  Clusterizzazione dell’utenza 40 tramite indagini CATI2.  mappatura territoriale Numero di utenti = Numero di utenti disponibili× Attrattività del servizio xAnalisi delle possibiliazioni per comunicarel’eGovernment e Conoscenza dell’esistenza del serviziovalutazione della loroefficaciaOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011
  • 41. Quali servizi per quali utenti attraverso quali canali Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! –  I possibili modelli organizzativi di servizio –  I canali di offerta –  Il punto di vista dell’utente finale (cittadino, impresa, intermediario) –  La sicurezza dei dati Home banking Sistemi di Social autentica- 41 Networks zione Conserva- zione sostitutiva Sistemi di pagamento Mobile PEC Cloud computingOsservatorio eGovernment 14 Marzo 2011