La storia della biologia - Federica Argnani

  • 107 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
107
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LA STORIA DELLA BIOLOGIA FEDERICA ARGNANI
  • 2. ETIMOLOGIA DELLA PAROLA L’etimologia di biologia è formata dalla combinazione del termine greco βίος (bios) che significa vita e il suffisso λόγος (logos) che significa pensiero o discorso o studio o scenza, ovvero scienza della vita o studio della vita. Il termine biologia nella sua accezione moderna sembra essere stato introdotto: •dal fisiologo tedesco Karl Friedrich Burdach nel 1800 •da Gottfried Reinhold Treviranus, naturalista tedesco •da Jean-Baptiste Lamarck
  • 3. Prima di biologia, c'erano molti termini usati per indicare lo studio di animali e piante. L'espressione "storia naturale" si riferiva agli aspetti descrittivi della biologia, sebbene includeva anche la mineralogia e altri campi non biologici. Possiamo affermare che lo "studio della vita" abbia avuto inizio con la filosofia e la teologia naturale le quali comprendevano le basi di tutto ciò che era, ed è tutt'ora, vegetale e animale.
  • 4. V SECOLO a.C. LA GRECIA Empedocle sosteneva che il sangue fosse la sostanza vitale Ippocrate DI KOS, fu il primo medico a visitare i malati e a seguire il decorso delle loro malattie. Elaborò inoltre la ‘Teoria degli Umori’. IPPOCRATE DI KOSEMPEDOCLE
  • 5. ARISTOTELE Aristotele ha fondato la biologia come scienza empirica, compiendo un importante salto di qualità nell'accuratezza e nella completezza descrittiva delle forme viventi, e soprattutto introducendo importanti schemi concettuali che si sono conservati nei secoli successivi. Ordinò 540 specie di animali in catene, nelle quali incluse anche l’uomo, classificandolo come «animale politico». Da questi poi ne dissezionò 50.
  • 6. IL MEDIOEVO •Al-jahiz descrisse primitive idee evoluzioniste come la lotta per la sopravvivenza e introdusse l'idea di una catena alimentare, e fu un primo aderente del determinismo ambientale. • Il biologo curdo Al-dinawari è considerato il fondatore della botanica araba con il suo Libro delle Piante, nel quale egli descrisse almeno 637 piante e discusse lo sviluppo delle piante dalla nascita alla morte, descrivendone le fasi della crescita e la produzione di fiori e frutti. •Nella medicina sperimentale, il fisico persiano Avicenna introdusse prove cliniche e la farmacologia clinica ne «Il Canone della Medicina»
  • 7. IL RINASCIMENTO •Leonardo da Vinci, si dedicò allo studio dell’anatomia umana ed ebbe molti successi •Galileo (1564-1642), introdusse il metodo scientifico, il quale si basa sull’osservazione, descrizione e riproduzione in laboratorio dei fenomeni naturali • Harvey, espose la sua teoria sulla circolazione sanguigna • Cartesio, elaborò la teoria sul meccanicismo, la quale paragona l’uomo ad una macchina. • Georg ernst stahl, con la teoria del vitalismo, sostiene che le parti dell’uomo sono indivisibili perché tenute insieme dall’anima. • Leeuwenhoek, inventò il microscopio, strumento rivelatosi molto utile negli anni successivi • Teoria della generazione spontanea: molte forme di vita possono nascere spontaneamente da materia inorganica in decomposizione.
  • 8. •1669 Nicola stenone pubblicò un saggio su come i resti di organismi viventi potessero essere stati intrappolati in strati di sedimenti ed essersi mineralizzati per produrre i fossili •1773 Linneo, pubblicò la classificazione linneana, la quale divide tutti gli esseri viventi in categorie …VERSO L’EVOLUZIONISMO
  • 9. La più significativa teoria evoluzionista prima di quella di Darwin fu quella di Jean-Baptiste Lamarck, basata sull'ereditarietà delle caratteristiche acquisite ,che descriveva una catena di sviluppo dal più piccolo dei microbi agli uomini.
  • 10. …CON DARWIN Il naturalista britannico Charles Darwin, combinando l'approccio biogeografico di Humboldt, la geologia uniformitaria di Lyell, gli scritti di Thomas Malthus sulla crescita della popolazione, e la sua personale esperienza morfologica, creò una più efficace teoria evoluzionista basata sulla selezione naturale; simile evidenza condusse Alfred Russel Wallace a raggiungere indipendentemente le stesse conclusioni.
  • 11. Inizialmente indeciso sulla pubblicazione della propria teoria, ma fortemente convinto su di essa, finalmente nel 1859, Darwin la espose al mondo nel libro "Sull'origine della Specie per mezzo della Selezione Naturale«. Questo fu sicuramente un evento centrale nella storia della biologia moderna.
  • 12. Ed in fine MENDEL Formulò le sue leggi sull’ereditarietà. Fu inoltre alla base della genetica moderna