Your SlideShare is downloading. ×
Slide pubblicità psicologia ecologica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Slide pubblicità psicologia ecologica

158
views

Published on

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
158
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHELaurea in Scienze della comunicazione politica e sociale Esercitazione del Corso di Psicologia della Comunicazione Prof.ssa F.R. Puggelli A.A. 2009-10 Gruppo 2: Maria Adelaide Foschiatti, Claudia Cantalamessa, Valentina Migliorini, Giorgio Aringhieri, Alfio Franco, Andrea Prezzavento, Andrea Alfieri, Paolo Brianzoni.
  • 2. DIFESA DEL VERDE• La campagna pubblicitaria è stata realizzata tra il 1972 e il 1973 al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo a tutti i problemi che riguardano l’ambiente quali: difesa del verde pubblico dai rifiuti, dagli incendi, dai vandalismi.• Numerosi enti offrono il loro appoggio alla campagna: dal Ministero dell’Agricoltura e Foreste al Club Alpino Italiano, a enti regionali e provinciali per il turismo, scuole, gruppi privati di naturalisti ed ecologisti. Diversi enti riuniti insieme per un solo scopo: la salvaguardia dell’ambiente.
  • 3. Campagna pubblicitaria 1972-1973 punti di forza • FOTOGRAFIA la fotografia è molto diretta infatti sprona ad una maggiore responsabilizzazione di tutti, enfatizzando lo squallore della natura deturpata dai rifiuti e dal vandalismo in occasioni come pic-nic o scampagnate. Immortalando i rifiuti e rendendoli protagonisti, si riesce a mostrare in maniera estremamente aggressiva e immediata le conseguenze di un comportamento disinteressato alla pulizia dei parchi.
  • 4. • SIMBOLO simbolo adoperato (un “uomo-albero” raffigurato in posizione di difesa) e dallo slogan come: “ il verde è tuo: difendilo! “, si cerca di rimarcare come ogni persona possa ritenersi “proprietaria” della natura e quindi mantenerla pura e inalterata per poter continuare a beneficiarne. Così facendo si esorta a difendere il verde anche da altre persone meno coscienziose e rispettose. • BAMBINI Un altro punto di forza di questa specifica campagna progresso è anche l’educazione dei bambini a mantenere pulito l’ambiente attraverso immagini a fumetti e giochi. In questo modo, si cerca di far divertire il bambino, facendogli imparare allo stesso tempo come la cura per la natura sia un valore giusto e fondamentale.
  • 5. Punti di debolezza• Le immagini scelte dovrebbero essere più forti così da riuscire a rimanere impresse nella memoria e a suscitare maggior coscienza e sdegno verso tutti i gesti che vanno a danneggiare la natura.• La parte scritta dovrebbe essere meno ampia per cedere il posto alle immagini.• La presenza di personaggi dello spettacolo riuscirebbe ad attirare con più intensità il cittadino.• Le tematiche non dovrebbero essere affrontate solo durante il periodo estivo ma nel corso di tutto l’anno così da poter essere assimilate e aumentare le possibilità che il messaggio venga recepito.
  • 6. PROPOSTA DI UNA NUOVA CAMPAGNA• Logo tipo: “Come vorremmo che fosse il nostro mondo?” È questa la domanda che ci siamo posti come punto di partenza per la nostra campagna. Siamo così arrivati al nostro logo. La nostra risposta è infatti stata: “Un mondo verde”. Da qui la decisione di trasformare in maniera letterale le nostre parole in immagini. Anche la scelta di accostare al nostro logo un albero non è stata affatto casuale. Lalbero è universalmente considerato lassoluto protagonista del concetto di “verde”, e di conseguenza limmagine più diretta e alla quale siamo istintivamente portati a pensare quando trattiamo questo argomento.
  • 7. • HEADLINE: Per quanto riguarda lheadline della nostra campagna pubblicitaria, abbiamo ritenuto che, posizionandola sotto a due immagini dal forte significato, avrebbe portato a una maggiore sensibilizzazione del pubblico. Inoltre, abbiamo reputato opportuno riferirci al lettore con la seconda persona singolare, affinchè egli si potesse sentire in qualche modo maggiormente vicino e considerato dalla nostra campagna di comunicazione sociale.• VISUAL Il visual che abbiamo creato dal punto di vista strutturale possiamo definirlo molto semplice, basti pensare che al suo interno abbiamo tre immagini, lheadline e il nostro marchio. Questa semplicità ci è sembrata elemento fondamentale per far si che il pubblico potesse interessarsi al tema da noi trattato.• Le immagini scelte presentano due ambienti diversi: il primo raffigura uno stupendo paesaggio ricco di vegetazione, mentre per quanto riguarda la seconda immagine abbiamo scelto un’immagine forte per poter attirare ulteriormente lattenzione del target. La figura centrale, ovvero il bivio, rappresenta la scelta che ognuno di noi deve fare. Questo elemento si può considerare il più sensibilizzante della campagna poiché vuole essere elemento di riflessione per ogni singolo individuo della società.
  • 8. LA NOSTRA CAMPAGNA