Incas
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Incas

on

  • 681 views

 

Statistics

Views

Total Views
681
Views on SlideShare
680
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

1 Embed 1

http://www.liceozanellaschio.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as OpenOffice

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Incas Incas Presentation Transcript

  • GLI INCAS La cronologia ufficiale consegnaLuoghi:La valle del Cuzco, in Perù,È una lista di 12 governanti, finchestata la culla della civiltà inca, uno dei nel 1532, con linvasionemaggiori popoli nativi americani. spagnola, si interrompe dandoUnificò, conquistando o annettendo fine alla dinastia. Lascesa alpacificamente, la maggior parte dei trono nellanno 1438 dellIncaterritori occidentali dell Yupanqui (grande statistaAmerica del Sud. nominato "Pachacuti" ovvero "colui che inizia una nuova era") diede inizio allespansione e allorganizzazione delPeriodo:L esistenza dellimpero degli Tahuantinsuyu o impero "delleincas va dal XIII secolo fino al quattro regioni.XVI secolo.La lingua: quechua
  • La storia di questa civiltàLe origini:Lorigine dello stato e della dinastia Inca sono avvolti nel mistero e nella leggenda.La loro storia ebbe inizio con un regno locale originatosi per distacco dallimpero Huari.Gli inca furono una carovana di emigranti che alla fine del XII secolo fuggivano da Taipicala(Tiahuanaco) cercando rifugio, dato che la loro terra dorigine era assalita e invasa da ondateumane provenienti dal Sud. Questi invasori erano i chiamati Aymara. Quale che sia la loro origine, agli albori del XIII secolo gli Inca erano stabilmente stanziati nella valle del Cuzco. Non erano lunica comunità che abitava la valle, perché dai racconti che ci sono stati tramandati, apprendiamo che dovevano dividere il territorio con altre tribù consanguinee e, probabilmente, con genti autoctone che avevano trovato lì al loro arrivo.
  • Limportanza del tempioUn unico fattore li differenziava dalle altre genti: il possesso del TEMPIO che avevano edificatonel Cuzco e che era divenuto il punto di riferimento per le pratiche culturali di tutta la vallata. Ilprestigio degli Inca era legato a quello del loro luogo sacro e dipendeva, ovviamente, da quello deiloro sacerdoti che esercitavano unimportante attrazione in tutto il territorio. I capi della etnia Incanon avevano un potere riconosciuto oltre che tra la loro gente. Erano dei "Sinchi", ovvero dei capimilitari, scelti per loccasione, in caso di necessità belliche e destinati a lasciare il potere apacificazione raggiunta.
  • Mayta capac e linizio dellimperoUn cambiamento significativo si manifesta durante il regno del quartosovrano,Mayta capac. La sua figura è sempre mitica, ma il corpo di leggende chelo riguardano, pongono laccento su una nuova concezione dei rapporti con leetnie confinanti.La sua politica si differenziò da quella attuata dai sovrani precedenti, lattrazionedovuta alla maestosità del tempio di Cuzco stava ormai scemando, diventandouna vera e propria dominazione. Questa sua politica si scontrò però con il poteresacerdotale, che vedeva la sottomissione delle altre popolazioni solo attraverso lepratiche religiose.
  • Inca Roca e la divisione fra i due poteri● La sua opera fu continuata da Capac Yupanqui, sotto il quale gli inca consolidarono la loro politica egemonica riunendo tutte le popolazioni in una confederazione da loro guidata. Alla sua morte il successore inca roca non mostrò di essere intenzionato a scontrarsi con il potere sacerdotale, e fu il primo sovrano a rivendicare la sua differenza rispetto ai capi delle tribù circostanti.● La sua dimora si trovava nella parte superiore della città non più nel tempio assieme ai sacerdoti, distinguendo quindi i due poteri.● Continuò la politica espansionistica di Mayta Capac, ampliando notevolmente la supremazia di Cuzco grazie a numerose guerre
  • Pachacutec e linizio dellimpero● Successivamente vi fu un periodo di totale anarchia del paese, avvenuta dopo la morte del successore. Questo periodo di crisi fu però risanato da Viracocha Inca, ultimo sovrano della federazione. Questo sovrano manifestò una notevole capacità organizzativa, ampliando considerevolmente i suoi domini, ma non si dimostrò allaltezza dei suoi compiti quando si presentò un pericolo esterno particolarmente angoscioso per la sopravvivenza stessa dello Stato Inca.● A confrontarsi con la dinastia dei Cancha fu il suo successore, conosciuto con il nome Pachacutec,che ebbe il merito di sconfiggere le popolazioni avverse nel 1400 e di comprendere che lorgano confederativo dello stato non si prestava più alla posizione politica che si era determinata.● Sotto la sua guida limpero inglobò le varie etnie, mostrando tolleranza verso religioni e culture altrui ma soffocando ogni velleità di indipendenza.● I confini dellimpero furono ampliati dai suoi successori dallEcuador al Cile, consolidando la nuova struttura sociale secondo i canoni previsti dal suo fondatore.● La conquista e la fine dellimpero Inca è avvenuta nei primi decenni del Cinquecento per mano degli avventurieri spagnoli, detti conquistadores, che con un colpo di mano riuscirono a cancellare un impero vasto e consolidato. Lo scontro decisivo, avvenuto nella piazza principale di Cajamarca, nellattuale Perù, decise in poche ore di lotta la fine di una dinastia che aveva forgiato uno stato nellaltipiano andino.
  • ORGANIZZAZIONE● La società● I sovrani● I sacerdoti● Le classi sociali● I tributiGrazie alla loro curataamministrazione il loro fuun grande e prosperosoimpero fino allarrivo deiconquistadores.
  • La societàLa società inca, nella fase imperiale, era suddivisa in classi sociali distinte edeterminate. Allapice della costruzione piramidale risiedeva lInca supremo,garante del legame con le forze celesti che presiedevano alla continuitàdellimpero. Seguivano i sacerdoti che erano visti come gli interpreti del voleredelle divinità. Gli altri componenti della classe dominante, genericamenteappellati "Inca", i nobili o i signori, erano proposti alla conduzione dellestrutture imperiali. I "curaca", i capi delle etnie conquistate, mantenuti nel loropotere, erano i responsabili del potere esecutivo nelle singole province. Ilpopolo, infine, in cui si raggruppava la massa complessiva dei sudditi, forniva lanecessaria manodopera per la sopravvivenza dellintero sistema. In epoca tarda simanifestò la nascita di una classe ulteriore: quella degli yanacona, i serviparticolari dei signori, a metà strada tra la condizione di servitù e quella diinservienti, anche di alto livello.
  • I sovrani● Il sovrano era solito esser chiamato con lappellativo di Quapac inca, che significava signore supremo, così come il suo potere. Godeva inoltre di prerogative che rispecchiavano la sua presunta origine divina.● Ad ogni sovrano veniva costruito un palazzo, e quello del predecessore restava appannaggio della famiglia, vestiva con abiti pregiati e mangiava su vasellame doro. ● Per preservare la purezza della stirpe era solito sposarsi con la sorella, e questo accadde con maggiore frequenza negli ultimi anni dellimpero, mentre inizialmente le mogli erano scelte tra le famiglie nobili. Il successore era il figlio ottenuto da madre di sangue puro, mentre quelli provenienti dalle concubine non godevano di nessun privilegio.
  • I sacerdoti● Il corpo sacerdotale era governato da un sommo sacerdote, detto Villac Umu, rivestì sempre una funzione importante nellimpero inca, spesso in contrasto con quello regio. Vi era una gerarchia anche allinterno del potere sacerdotale. Inti, dio del sole Erano i principali corpi sacerdotali. Dio Viracocha Godevano anchessi di Dio illapa, del tuono elevato E del fulmine prestigio.
  • I sacerdoti● La loro importanza era legata al dio che pregavano.● Essi erano i destinatari dei proventi delle terre attribuite agli dei e coltivate dalla comunità. Sebbene gli appezzamenti non fossero molti erano sufficienti per garantire una condizione di relativa agiatezza.● Vi erano incarichi poi di minore importanza, come i celebranti dei sacrifici e gli indovini.
  • Le classi sociali● Gli inca costituivano una vera e propria casta allinterno dellimpero, con privilegi rispetto ai comuni sudditi. A questa elitè ci si poteva unire solo per diritto di nascita o per eccezionali meriti militari. I giovani aspiranti, dopo lunghi studi nelle più diverse discipline, dovevano infatti sottoporsi ad un duro tirocinio La nobiltà, i curaca e, al culmine di difficili prove, anche cruente, ricevevano, in caso di successo il beneplacito del monarca. Questa sorta di iniziazione, detta huarachico, terminava con una solenne cerimonia che prevedeva la foratura dei lobi auricolari e lintroduzione al loro interno di quei Il popolo dischi doro che erano linsegna della casta e che avrebbero procurato agli Inca lappellativo di "orejones" da parte degli spagnoli. Da quel momento il nuovo inca entrava a far parte della nobiltà e poteva impiegarsi Le popolazioni in uno dei numerosi compiti che I servi trasferite comportava la sua raggiunta condizione.
  • La nobiltà● I Curaca erano i capi delle popolazioni annesse, ai quali venivano lasciate tutte le loro prerogative precedenti, chiedendo però la loro sottomissione alle istituzioni incaiche e rendendo conto del loro operato alla corte del Cuzco. La successione avveniva quasi sempre pre via patrilineare, ma nonostante questo venivano conservate le tradizioni del contado. Il successore doveva però essere approvato dal cuzco. Se eseguivano il loro compito ricevevano onori e garanzie dagli inca, e in cambio offrivano al sovrano figlie o congiunte per creare legami di sangue.
  • IL popolo ● Layllu era lunità di parentela basilare della struttura sociale andina; esso si riferisce ad una sorta di famiglia allargata, che vedeva partecipare al diritto collettivo delle terre assegnate: Tra i componenti dellayllo esisteva una solidarietà assoluta. I compitiindividuali erano ripartiti tra i suoi membri sia in caso di impedimento di uno opiù individui, sia in caso di assenza per operazioni di guerra, sia in caso dimalattia o decesso del singolo. Layllo riceveva in dotazione una porzione diterra e la coltivava a beneficio di tutte le singole famiglie che partecipavano allasua composizione e rispondeva collettivamente del comportamento dei suoielementi. Al suo interno i singoli si organizzavano in famiglie tradizionali, maconservavano tuttavia il legame comune.
  • IL popolo ● Layllu era lunità di parentela basilare della struttura sociale andina; esso si riferisce ad una sorta di famiglia allargata, che vedeva partecipare al diritto collettivo delle terre assegnate: Tra i componenti dellayllo esisteva una solidarietà assoluta. I compitiindividuali erano ripartiti tra i suoi membri sia in caso di impedimento di uno opiù individui, sia in caso di assenza per operazioni di guerra, sia in caso dimalattia o decesso del singolo. Layllo riceveva in dotazione una porzione diterra e la coltivava a beneficio di tutte le singole famiglie che partecipavano allasua composizione e rispondeva collettivamente del comportamento dei suoielementi. Al suo interno i singoli si organizzavano in famiglie tradizionali, maconservavano tuttavia il legame comune.
  • Layllu I loro doveri:● coltivavano le terre loro assegnate e quelle degli inca e del culto;● manutenzione delle strade del territorio;● uomini per gli esercizi di guerra e staffette(chasqui) per la comunicazione;● Le donne:tessevano e filavano vestiti per lelitè e per il popolo.
  • I servi● Questa classe sociale venne a crearsi sotto il potere di Tupac Yupanqui, e si trattava degli yanacuna, classe che stava tra schiavi e servi. La loro nascita avvenne quando, successivamente alla scoperta di una congiura avversa al sovrano, e condannati a morte i componenti, la regina né impedì la morte consigliando di renderli servi perennemente.● Essi rispondevano solo ai loro signori; addetti alla cura della casa di un monarca o di signori più importanti.
  • Le popolazioni deportate● Per evitare le ostilità dunque che si frapponevano alla loro politica di integrazione delle popolazioni si servirono della deportazione di particolari gruppi sociali, detti mitmaq. Motivi:● Etnie che si dimostravano ostili al processo di assimilazione.● Etnie che dimostravano invece totale fedeltà trasportate allinterno di popoli più ribelli per darne lesempio. Queste deportazioni avvenivano nel rispetto delle abitudini climatiche, mantenevano le loro caratteristiche e costumi e non potevano mutuare quelle delle popolazioni del territorio di destinazioni. Potevano portare con sé oggetti sacri e mantenere la stessa religione ma non potevano mai, in nessun caso, sotto pena di morte, tornare al luogo dorigine.
  • I tributi● La caratteristica fondamentale, almeno per quanto riguarda la contribuzione alle risorse dello Stato, era quella della solidarietà.Esisteva una categoria di opere solidali, quella chiamata "Mitta" o "Mita" che siriferiva ad una vera e propria forma di lavoro collettivo prestata in favore delloStato. La "Mita" costituiva lunica forma di tributo conosciuta allepoca degliInca. In una società che non conosceva la moneta e nella quale la proprietàindividuale era assai limitata, la forza lavoro era, infatti, il vero ed unicosupporto delleconomia dello Stato. Un esempio sono i proventi raccolti daicampi che venivano consegnati (la maggior parte) allelitè e al clero; in annatefertili il surplus veniva mantenuto per la comunità negli anni di carestia.
  • Lamministrazione● Essa si è sviluppata di pari passo con laumento del potere e di estensione dellimpero. Inizialmente erano utilizzati pochi funzionari per regolare la vita delle comunità, ma quando le etnie assimilate divennero numerose fu necessario espandere le strutture addette al loro controllo. La caratteristica principale era quella di RIDISTRIBUZIONE e reciprocità.● Il fulcro era il curaca, amministratore del proprio territorio e intermediario con il Cuzco. Sopra di lui vi era un gruppo di funzionari che controllava il suo operato.● I funzionari regi dovevano sorvegliare tutto limpero che, allo scopo era suddiviso amministrativamente in quantità di sudditi raggruppati in gruppi di cento, mille e diecimila famiglie. Ogni gruppo aveva un suo referente che ovviamente era di grado più elevato quanto più il numero era maggiore.● Su tutto il sistema vegliava un corpo di ispettori, i temuti "Tucuiricuc" che riferivano personalmente allInca o ai suoi incaricati. Linca supremo comandava aiutato da un Consiglio composto dai rappresentanti di ciascuna parte dellimpero.● Lorganizzazione amministrativa, pur elaborata e articolata, era quanto mai rapida ed efficace e, soprattutto, non era minimamente affetta dalla paralisi e dalla corrutela, i mali che affliggono di solito, la burocrazia. HOME
  • La lingua● Il quechua, o Runa Simi, è una delle lingue native del Perú, la cui diffusione risale probabilmente alla metà dellanno 1000. Parlata da 8-10 milioni di persone, oggi rappresenta il ceppo linguistico più diffuso in Bolivia , Perú e Ecuador dopo le lingue indoeuropee.● Oggi è la lingua nativa americana più estesa in tutto il mondo e la quarta lingua più estesa nel continente. È seguita dallaymara e dal guarani. È lingua ufficiale in Perù e Bolivia assieme allo spagnolo e allaymara.● È una lingua agglutinante sintetica nel quale né laccento né il tono della voce modificano il significato della parola. Alcuni studiosi la considerano una famiglia di lingue.● Yayayku hanaq pachapi kaq / sutiyki yupaychasqa kachun/ Kamachikuq-kayniyki takyachisqa kachun / munayniyki kay pachapi ruwakuchum/ Imaynan hanaq● http://www.youtube.com/watch?v=A0Vusk1jgfs