Your SlideShare is downloading. ×
0
La vita durante la guerraDurante la Seconda guerramondiale le città, le campagne,le strade e i villaggi sisvuotarono. Gli ...
Le cittàLe città erano il bersaglio preferito deibombardamenti aeri, perché erano nodi ditraffico (cioè reti di trasmissio...
Gli attacchi aerei nelle cittàGli attacchi aerei venivano anunciati da unlungo e ripeturo sibilo (suono) di sirena(=l’alla...
I rifugi antiaereiI rifugi antiaerei erano luoghi in cui sicercava riparo dai bombardamenti: i genereerano tunnel, galleri...
La vita dopo i bombardamentiDopo diversi giorni, iniziavano a scarseggiaregeneri di prima necessità (cioè iniziavano amanc...
Il razionamentoA ciascun cittadino spettava, perlegge, soltanto una quantitàprestabilita di generi alimentari,diversa a se...
Il mercato neroIl mercato nero (o anche detta borsanera) vendeva prodotti a prezzialtissimi, che solo una piccola partedel...
Uomini, donne e bambini nella tempesta della guerra
Uomini, donne e bambini nella tempesta della guerra
Uomini, donne e bambini nella tempesta della guerra
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Uomini, donne e bambini nella tempesta della guerra

106

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
106
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Uomini, donne e bambini nella tempesta della guerra"

  1. 1. La vita durante la guerraDurante la Seconda guerramondiale le città, le campagne,le strade e i villaggi sisvuotarono. Gli uominipartirono per il fronte. Ledonne, mentre aspettavano chegli uomini tornassero a casa,iniziarono a lavorare.
  2. 2. Le cittàLe città erano il bersaglio preferito deibombardamenti aeri, perché erano nodi ditraffico (cioè reti di trasmissione) o sedi distabilimenti industriali.
  3. 3. Gli attacchi aerei nelle cittàGli attacchi aerei venivano anunciati da unlungo e ripeturo sibilo (suono) di sirena(=l’allarme antiaereo) che avvertiva lapopolazione del pericolo imminente.
  4. 4. I rifugi antiaereiI rifugi antiaerei erano luoghi in cui sicercava riparo dai bombardamenti: i genereerano tunnel, gallerie,sotteraneidi antichefotezze o anche grotte o cantine.
  5. 5. La vita dopo i bombardamentiDopo diversi giorni, iniziavano a scarseggiaregeneri di prima necessità (cioè iniziavano amancare cibi), come il pane, il latte, le uova,anche il burro, il sapone, e diventavanosempre più care le scarpe e le stoffe.
  6. 6. Il razionamentoA ciascun cittadino spettava, perlegge, soltanto una quantitàprestabilita di generi alimentari,diversa a seconda dell’età: aibambini veniva dato più latte,agli adolescenti veniva dato piùpane che agli adulti. Per riceverela propria razione bisognavapresentare una tessera, da cuivenivano staccati dei bollini.
  7. 7. Il mercato neroIl mercato nero (o anche detta borsanera) vendeva prodotti a prezzialtissimi, che solo una piccola partedella popolazione poteva permettersidi acquistare.
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×