Netcomm Forum Milano 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Netcomm Forum Milano 2013

on

  • 670 views

Si può vendere con i Social Media?

Si può vendere con i Social Media?

Statistics

Views

Total Views
670
Views on SlideShare
466
Embed Views
204

Actions

Likes
0
Downloads
16
Comments
0

2 Embeds 204

http://www.boraso.com 192
http://feeds.feedburner.com 12

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Netcomm Forum Milano 2013 Netcomm Forum Milano 2013 Presentation Transcript

  • Si può vendere coni Social Media?Canali sociali aperti e canali chiusi, proprietari.Sono gli strumenti giusti per vendere in rete?
  • Marketing Made inInternet a 360°Una Digital Agency con 18 anni diesperienze, oltre 2.000 progettirealizzati e decine di professionisti chelavorano con grande passione.Abbiamo sede a Milano e operiamo intutta Italia con uffici in Veneto e inEmilia Romagna.
  • Lavoriamo su grandi progetti…
  • Studiamo, facciamo, testiamo…
  • Trasferiamo le ns esperienze…
  • |…….…..….…....WEB 2.0…............|N.B. BLOGGER nasce il23/08/99 da "Pyra Labs".Nel 2003 viene acquistatoda Google.|…...MOBILE ERA..Breve storia del web sociale
  • Sui Social è difficile vendere, come lo è inmetro o in autobus.• Per vendere sui social servono App,ADV e strategie mirate, ma nonpuntate tutto e solo sulla vendita.• I social servono per approcciare il target,per comprendere di cosa abbia bisogno e cosagli interessi e per portarlo verso il nostronegozio. In modo cortese e discreto. Ascoltate,valutate, rispondete. DIALOGATE.• Non tutti i mezzi sono uguali. Ciascuno ha le suecaratteristiche, il suo target, i suoi pregi e i suoilimiti, che non si debbono ignorare.1. Consapevolezza2. Interesse3. Desiderio4. Azione5. Fedeltà6. AppoggioA I D AI Social network, sono solo dei mezzi?
  • Come si dialoga sui Social?Dialogare e proporre, non pubblicizzare oimporre! Da dove iniziare?• Ascoltare la rete, comprenderne illinguaggio.• Identificare le esigenze degli utenti eintercettarle, senza spammare offerte oproposte commerciali.• Farci conoscere per qualcosa in più, oltre ainostri prodotti e servizi, far capire «comesiamo».Es. Pinterest: sfruttare la capacità dicomunicare in modo istantaneo, emozionale eprofondo, tipica di immagini e video. Delresto… un’immagine vale più di milleparole!
  • Chi può aiutarci?Blogger e influencer possonoaiutarci a diffondere i nostriprogetti.Anche instagrammer e pinnerpossono adoperarsi per questo.Brand e aziende possonopatrocinarci e offrirci visibilitàsu siti e social.Fare sistema con altreorganizzazioni simili alla vostra.
  • I Social ele Aziende in Italia
  • CREDITS: vincos.it - DATI: Audiweb / NielsenSocial Media in ItaliaUTENTI FACEBOOKNel mondo, nelprimo trimestre2013 sonoaumentati del 26%su base annua.Utenti mobilie+54%.
  • Situazione fotografata prima dell’arrivo di GooglePlus, ma Facebook è ancora leader indiscusso.
  • Aggiornati al03/05/2013Socialbakers.com
  • Aggiornati al03/05/2013Socialbakers.com
  • CREDITS: http://socialmouths.com/blog/wp-content/uploads/2012/03/The_Social_Commerce_Opportunity.jpgSecondoNielsen,entro lafine del2013 inItalia piùdella metàdelleconnessioniad internetavverrà dadevicemobili.
  • CREDITS: http://socialmouths.com/blog/wp-content/uploads/2012/03/The_Social_Commerce_Opportunity.jpg
  • Meglio un canale aperto a tutti, non di proprietàdell’azienda, oppure uno privato, in cui dati e utentisono di proprietà?dipende da cosa siamo, da quanto siamo conosciuti eamati dal nostro target, da cosa vendiamo, dai nostriobiettivi.Semplificando: siamo famosi e amati da tutti (es.Ferrari)? Allora possiamo permetterci un canale«chiuso» e privato su cui convogliare il nostropubblico.Vendiamo B2B componenti speciali per l’astronautica?Anche in questo caso è meglio pensare ad uncanale chiuso e proprietario.Per tutto il resto c’è Facebook e poco altro.Social aperto o piattaforma proprietaria?
  • La gente è lì, se i vostri prodotti / servizi sonoper un target vasto ed eterogeneo.• se vendeste scarpe e vi proponessero un belnegozio in centro, di grande metratura e suuna via trafficata e ad un prezzoragionevole, rifiutereste?• I social media sono piazze affollate di genteche si diverte e interagisce.• Verranno a comprare da voi se la vetrina èallettante, il personale è cortese, i prezzi sonoonesti e il vostro approccio è quello giustoVendere non deve essere la vostra priorità, inquesti p.v. Tutti i grandi brand sono in perdita,nei loro negozi più belli…Social network «mainstream», perché?
  • Perché un’azienda di nicchia su un social«aperto» fa fatica a trovare il suo target• voi non vendete a tutti e i vostri prodotti /servizi non sono per tutti. Perché perderetempo sulla piazza affollata?• Se siete «belli e famosi» e tutti vi cercano,perché la piazza e non un privèe esclusivo?• meglio un canale chiuso e proprietario e cheper entrare la gente faccia la fila all’ingresso easpetti la vostra selezione.Si tratta di un grande investimento, ma ilritorno? Molto prima e molto meglio chesui «canali aperti», che comunque nonfanno per voi.Social network «corporate», perché?
  • Facebook: è l’oggi, il grande acquario pieno di pescidi ogni dimensione, razza e colore. Se siete orientativerso un social «aperto» questo è il vostro canale,ora.Google Plus: è senza dubbio il futuro, dapraticare e imparare oggi, per esserecompetitivi domani.G+ è un grande progetto che prefigura glisviluppi e le opportunità che fra 1/2 anni tuttisapranno apprezzare.Le sue cerchie sono già oggi un incredibilestrumento di personal branding e siinterfacciano in modo perfetto construmenti quali gmail e calendar.Quale canale social «mainstream» scegliere?
  • Semplifico: LIKE ha fatto la fortuna diFacebook, l’hashtag quella di Twitter: dove puòarrivare una piattaforma che li ha entrambi emolto di più?Un social con tutto il meglio delle migliori piattaforme, macon un’intuizione in più: le cerchie, molto più efficaci delleliste di FB e TW e molto più «virali», grazie alla loropossibile condivisione.Google Plus non è un social network, ma lapiattaforma più completa che il web abbia maiconosciuto.Profilazione utenti al top, integrazione con tutti gli strumentiGoogle, hashtag, +1, temi caldi, pagine sociali e aziendali,community, pagine local, eventi… live, HANGOUT !Search, plus Your WorldEVENTI LIVEPerché Google Plus è il futuro?
  • Dato da prendere con le molle, ma di grandeimpatto. In soli 24 giorni G+ ha totalizzato 20milioni di utenti e la sua crescita è molto rapida,nonostante le apparenze. Nell’arco di 1/2 annisarà a livelli paragonabili a Facebook.Un vero progetto perun nuovo web, questoè Google Plus!Google Plus, crescita e futuro
  • Boraso.com ha scelto la piattaforma MEEMI,100% italiana e con molti anni di esperienzaalle spalle.Nata come social network «duro e puro», MEEMI siè evoluta nella direzione delle communitytematizzate e del social networkingaziendale, attraverso la creazione di piattaformedi condivisione, verticalizzate e geolocalizzate.La partnership con MEEMI, ci permette di offrirealle aziende un canale social proprietario, sicuro,customizzato secondo le richieste e le necessità.Your Brand, Your Customers,Your WorldCanale social «corporate»: cosa scegliere?
  • Solo un esempio…
  • • Google sta riscrivendo la storia del web,mettendo al centro gli utenti e le lorocompetenze, passioni e gusti. Google Plus(Search, plus Your World).• Facebook punta sullo storytelling, con la suanuova timeline, anche sulle brand page.Engagement + ADV!• Social Search, Social Commerce. Al centrodi tutto gli utenti e gli argomenti, topics.• Liste e cerchie, pagine, community e hashtagsono le nuove directory. Personal branding econtent curation si incrociano in un nuovoecosistema.Dove sta andando il web?
  • • La rete ha cambiato il mondo in meno di 30anni, ma i prossimi 5 vedranno icambiamenti più eclatanti!• Il mobile è già realtà, ma nuove sfide sonoalle porte, con utenti sempre connessi.• La AR (Augmented Reality) sta perdare il via a una nuova RIVOLUZIONEinsieme ad altre tecnologie.• Il mondo reale e la c.d. Realtà Virtualesi toccano e si sovrappongono!Una nuova rivoluzione?
  • • Geolocalizzazione egeoreferenziazione.• Nuovi device e applicazioni(wereable computing).• AR (Augmented Reality).• Internet degli oggetti / domoticaavanzata.• Nuove fonti di energia e nuovimateriali• Smart Cities & Smart Citizens: ilWEB al centro di ogniopportunità e motore di tutte letecnologie!Nuovi orizzonti tecnologiciIoE brings together people, process, data andthings to make networked connections morerelevant and valuable than ever before.#WhyIOE — Dave Evans (@DaveTheFuturist)February 21, 2013
  • Il Web sta convergendo verso strumenti e tecnologie per lacondivisione, la collaborazione tra gli utenti e la creazione,organizzazione e fruizione collettiva di informazioni e dati.I Social Network che oggi conosciamo non sono altro che«palestre» per allenare gli utenti a nuove dinamiche sociali:• Società liquida / società in rete• Smart Cities / Smart Citizen• Economia postconsumisticaFrequentare oggi la palestra dei Social Media e iniziare a venderesu questi canali è prerequisito fondamentale per le aziende, pergarantirsi spazio vitale e competenze nel web che sta bussandoalle porte, rappresentazione dinamica di un nuovo modello di societàe di business.Conclusioni
  • Claudio Gagliardiniweb marketing specialist