Your SlideShare is downloading. ×
Superiori Milano e provincia - iscritti e frequentanti 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Superiori Milano e provincia - iscritti e frequentanti 2011

547
views

Published on

Iscritti e frequentanti nelle scuole medie superiori di Milano e provincia

Iscritti e frequentanti nelle scuole medie superiori di Milano e provincia

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
547
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado inprovincia di Milano – a.s. 2011/12A cura di Alberto Falletti Area “Servizio Statistica”
  • 2. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 2 di 12 Rilasciato sotto la licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 (ITALIA) http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/it/ Per ogni utilizzo del testo o di sue parti, citare la fonte: “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12 a cura di A. Falletti – CISEM-Area “Servizio statistica” luglio 2011 Area “Servizio Statistica”
  • 3. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 3 di 12Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado inprovincia di Milano – a.s. 2011/12L’analisi si basa sui dati dell’Osservatorio “ScoPe” (Scolarità e Pendolarismo) gestito, per conto della Provincia diMilano, dall’Area “Servizio Statistica” del CISEM e su quelli dell’Anagrafe studenti gestito dalla Regione Lombardia.I dati si riferiscono agli anni scolastici 2010/11 e 2011/12.A cura di Alberto FallettiGruppo di ricerca: Alberto Falletti, Cecilia Cirulli, Fabio Sturaro, Irina TsoiCISEM – Area “Servizio Statistica”Parliamo di:  Iscritti e rischio di abbandono  Come si distribuiscono nei comparti gli iscritti al primo anno?  La possibile approssimazione dei dati regionali degli iscritti al primo anno  L’istruzione liceale  L’istruzione tecnica  L’istruzione professionale Area “Servizio Statistica”
  • 4. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 4 di 12 Area “Servizio Statistica”
  • 5. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 5 di 12Quanti sono e come si distribuiscono nei comparti gli iscritti al primo anno della scuola secondaria di II grado inprovincia di Milano nell’a.s. 2011/12?Il riordino Gelmini ha riordinato gli orientamenti formativi?Continua l’effetto crescita dei licei? Si è verificata l’auspicata valorizzazione dell’istruzione tecnica? Persiste il calo 1di iscritti nell’istruzione professionale? E’ in crescita l’IeFP ? 2Gli interrogativi non sono di poco conto se si considera che in Italia oltre 2 milioni di giovani tra i 15 e i 29 anni 3(pari al 24,5%, 1 giovane su 4) non studiano e non lavorano (NEET ). In particolare non studia (e non lavora) il16,3% dei giovani tra i 15 e i 19 anni.Esiste dunque un problema di abbandono del percorso formativo in età di diritto/dovere di istruzione/formazione(15/18 anni) ed è altrettanto preoccupante la difficoltà di trovare lavoro in un’età (18/29 anni) in cui dovrebberoavviarsi per tutti i giovani i progetti di vita. La crisi economica determina gran parte del fenomenodell’inoccupazione giovanile. C’è però un fatto da considerare: la domanda delle aziende di diplomati tecnici èsuperiore al numero di diplomati tecnici e il gap tra domanda e offerta è di circa 76mila tecnici. Alcune figureprofessionali tecniche (sulla questione torneremo con informazioni precise pubblicate su Iter online) sono peraltro 4introvabili da parte delle aziende perché la propensione dei giovani per quel tipo di formazione è scarsa . Ne sonoconsapevoli giovani e famiglie?Due sono le urgenti azioni che il nostro Paese dovrebbe mettere in campo: la lotta alla dispersione, lavalorizzazione dei percorsi tecnici di istruzione e formazione. E occorre partire dai dati, ovvero dalla conoscenzadei fenomeni sui quali intervenire.1 Istruzione e formazione professionale regionale. Il sistema si organizza sia nella scuola, sia nei Cfp. Prevedepercorsi ordinamentali triennali, un quarto anno sperimentale per conseguire un diploma tecnico e un quinto annosperimentale per una certificazione che permetta l’iscrizione all’università. Attualmente in provincia di Milano sonoprevalentemente offerti i percorsi triennali al termine dei quali si consegue una qualifica professionale (soppressanell’istruzione professionale).2 Fonte dei dati: elaborazioni Confindustria su dati OCSE 2010.3 Not in Education Employment Training.4 Fonte dei dati: elaborazioni Confindustria su dati Excelsior, MPI e Istat. Area “Servizio Statistica”
  • 6. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 6 di 12Iscritti e rischio di abbandonoConsideriamo qui gli iscritti al primo anno del sistema di istruzione e formazione (scuola secondaria di II grado e 5Cfp) in base ai dati forniti dalla Regione Lombardia per la provincia di Milano.Gli iscritti per l’a.s. 2011/12 sono nel complesso 26.290, in lieve aumento rispetto ai 26.161 dell’a.s. 2010/11.E’ difficile soppesare quanti siano i giovani mancanti all’appello delle iscrizioni al primo anno, sia perché i dati Istatdella popolazione residente sono aggiornati al 1 gennaio 2010, sia perché è noto il fenomeno del ritardo scolaregià nella scuola secondaria di primo grado. Il ragionamento è quindi indicativo, si possono considerare:  i 26.300 tredicenni nel 2010 come probabili quattordicenni nel 2011 per l’a.s. 2011/12 da confrontarsi con i 26.290 iscritti al primo anno;  i 25.337 quattordicenni nel 2010 per l’a.s. 2010/11 da confrontarsi con i 26.161 iscritti al primo anno.I dati creano un effetto di conforto, parrebbero iscriversi al primo anno della scuola secondaria di II gradopressoché tutti i giovani in età, ma si ricordi che non è qui computato il ritardo scolare che implica iscrizioni alprimo anno di quindicenni, sedicenni e oltre. A livello nazionale il ritardo scolare è valutato intorno al 10% nella 6scuola secondaria di primo grado e questo potrebbe essere il dato di presumibile rischio di abbandono.Popolazione residente al 1gennaio 2010, per età e sesso - Provincia di Milano – Fonte: istat Totale Totale Maschi + Età Maschi Femmine Femmine 13 13.602 12.698 26.300 14 13.153 12.184 25.337Come si distribuiscono nei comparti gli iscritti al primo anno?Da una decina di anni riscontriamo un effetto crescita dell’istruzione liceale, un calo con minimi segni di ripresadell’istruzione tecnica, un decremento progressivo dell’istruzione professionale. Sono ancora questi i fenomeni daregistrarsi nel 2011/12?  Nell’a.s. 2011/12 più della metà (55,9%) degli iscritti al primo anno sceglie l’istruzione liceale, ma il fenomeno è in lieve calo rispetto all’anno precedente (56,5%).  Di un abbondante punto percentuale cresce l’istruzione tecnica, dal 28,2% dell’a.s. 2010/11 al 29,6% dell’a.s. 2011/12.  E’ in calo l’istruzione professionale, dal 14,0% dell’a.s. 2010/11 al 12,7% dell’a.s. 2011/12. E’ in lieve crescita l’IeFP, dall’1,3% dell’a.s. 2010/11 all’1,7% dell’a.s. 2011/12, per quanto la distribuzione tra scuola (statale e paritaria) e Cfp si mantenga stabile negli ultimi due anni.55 L’anagrafe regionale ha convogliato su di sé le operazioni di iscrizione alla scuola secondaria di secondo grado eha tradizionalmente mantenuto quelle al sistema di IeFP. I dati in questione sono pertanto “ufficiali”. Si consideriperò che i dati possono essere sovrastimati poiché sono accolte le iscrizioni degli alunni dell’ultima classe dellascuola secondaria di primo grado (“scuola media”) prima delle operazioni di scrutinio degli esami finali, ivicomprendendo quindi gli eventuali non promossi. I dati possono altresì essere sottostimati per procedure diiscrizione che hanno attuazione presso le singole istituzioni scolastiche.6 Dati aggiornati al 2011. Fonte: ricerca della Fondazione Agnelli e del DSPM dell’Università di Torino suglistudenti della scuola secondaria di primo grado. Area “Servizio Statistica”
  • 7. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 7 di 12La massiccia propensione per l’istruzione liceale ha numerose motivazioni. In buona parte dipende dalla riformaannunciata (il progetto Moratti del 2003, non portato a termine) che ha prospettato un’idea di licealizzazione ditutta la scuola secondaria di II grado, cosicché l’opinione pubblica, a torto o a ragione, ha cominciato a guardarecon diffidenza l’istruzione tecnica e professionale, dal futuro incerto e connotate di un valore di inferiorità nelleprospettive di riforma. A poco sono valse le iniziative dei ministri Fioroni e Gelmini per una valorizzazionedell’istruzione tecnica e professionale.Una seconda motivazione è assai più antica, fa capo al nostro sistema di valutazione e orientamento: è infatti inuso nella scuola secondaria di I grado licenziare gli alunni con un consiglio orientativo che indirizza i più bravi ailicei, i meno dotati all’istruzione tecnica, i ragazzi in difficoltà all’istruzione professionale. Un siffatto orientamento,che non si riferisce alle attitudini e alle prospettive professionali e occupazionali, determina nell’opinione pubblicauna concezione gerarchica dei valori delle tipologie di istruzione. E chi non vuole il meglio per i propri figli?Sulla seconda si innesta la terza motivazione. Giacché, come si è detto, non è facile per un giovane trovare lavoro,l’opinione pubblica ha maturato, a torto o a ragione, l’idea che un diploma di maggior valore (nella prospettivaanche di una possibile laurea) possa offrire maggiori garanzie di occupazione. Per i propri figli le famiglie giocanocosì al rialzo, scelgono il liceo indipendentemente dai risultati scolastici, dalle motivazioni dei giovani allo studio,dalle attitudini. Si accetta anche il rischio di un insuccesso e di un conseguente ritardo scolare, meglio stare ascuola piuttosto che in giro senza lavoro.Sulla questione torneremo, con interventi di orientamento e valorizzazione dell’istruzione tecnica e professionale.Iscrizioni al 1° anno - Dati Regione Lombardia 2010/11 statale + paritaria Istruzione liceale 13.171 56,5% statale + paritaria istruzione tecnica 6.562 28,2% statale + paritaria Istruzione professionale 3.264 14,0% statale + paritaria Istruzione e formazione professionale 312 1,3% Totale statale + paritaria 23.309 100% 89,1% % stat+par CFP Istruzione e formazione professionale 2.852 10,9% % CFP TOTALE iscritti tutti 26.161 100% 2011/12 statale + paritaria Istruzione liceale 13.091 55,9% statale + paritaria istruzione tecnica 6.944 29,6% statale + paritaria Istruzione professionale 2.981 12,7% statale + paritaria Istruzione e formazione professionale 405 1,7% Totale statale + paritaria 23.421 100% 89,1% % stat+par CFP Istruzione e formazione professionale 2.869 10,9% % CFP TOTALE iscritti tutti 26.290 100% Area “Servizio Statistica”
  • 8. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 8 di 12La possibile approssimazione dei dati regionali degli iscritti al primo annoSi è detto di una certa possibile approssimazione dei dati regionali degli iscritti al primo anno. Al fine di soppesarel’entità dell’eventuale scarto si possono comparare i dati degli iscritti 2010/11 con quelli degli effettivi frequentantinell’a.s. 2010/11 (dati relativi alla sola scuola statale e paritaria; il sistema IeFP è qui presente solo per i percorsiorganizzati nelle istituzioni scolastiche).Dei 26.161 iscritti, sono 23.309 quelli riferiti alla scuola statale e paritaria. I frequentanti risultano essere 27.669,l’incremento tra iscritti e frequentanti è del 18,7%.Si badi che il dato dei frequentanti computa anche gli iscritti “ripetenti” e il dato della ripetenza al primo anno ècirca del 10% (tra il 13 e il 14% per l’istruzione tecnica e professionale, circa del 6% per l’istruzione liceale).In conclusione, il dato regionale degli iscritti può essere valutato come sottostimato e la variazione potrebbeessere particolarmente sensibile nell’istruzione tecnica e professionale.Iscrizioni al 1° anno (dati Regione Lombardia) a confronto con i Frequentanti al 1° anno (dati CISEM) - diurno e serale di statale + paritaria Iscritti 2010/11 Iscritti 2011/12 Frequentanti 2010/11 CFP IeFP - cfp 2.852 10,9% 2.869 10,9% Statale + paritaria Totale 23.309 89,1% 23.421 89,1% 27.669 TOTALE iscritti tutti 26.161 100% 26.290 100% Statale + paritaria Istruzione liceale 13.171 56,5% 13.091 55,9% 14.173 51,2% Statale + paritaria istruzione tecnica 6.562 28,2% 6.944 29,6% 8.162 29,5% Statale + paritaria Istruzione professionale 3.264 14,0% 2.981 12,7% 4.595 16,6% Statale + paritaria IeFP - scuola 312 1,3% 405 1,7% 739 2,7% Totale statale + paritaria 23.309 100% 23.421 100% 27.669 100% a.s. 2010/11 % di incremento differenza tra iscritti tra iscritti e frequentanti e frequentanti Statale + paritaria Istruzione liceale 1.002 7,6% Statale + paritaria istruzione tecnica 1.600 24,4% Statale + paritaria Istruzione professionale 1.331 40,8% Statale + paritaria IeFP - scuola 427 136,9% Totale statale + paritaria 4.360 18,7% Area “Servizio Statistica”
  • 9. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 9 di 12 Area “Servizio Statistica”
  • 10. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 10 di 12L’istruzione licealeLe iscrizioni al primo anno dell’istruzione liceale, nel confronto dei dati 2010/11 e 2011/12, mostrano andamentirelativamente stabili.  Lievi incrementi sono da registrarsi per il liceo linguistico (entrato in ordinamento con il riordino Gelmini) e il liceo delle scienze umane.  In minima flessione sono il liceo classico e il liceo scientifico.La differenza tra iscritti e frequentanti è del 7,8%, ma va ricordato che i frequentanti computano anche il dato diripetenza, mediamente del 6% in questo comparto.Confronto tra le iscrizioni per la.s. 2010/11, quelle per la.s. 2011/12, e i frequentanti del 1° anno nella.s. 2010/11- Comparto liceale Iscritti 2010/11 Iscritti 2011/12 Frequentanti 2010/11LA artistico 1.090 8,3% LA artistico 1.096 8,4% LA artistico 1.209 8,5%LC classico 1.803 13,7% LC classico 1.696 13,0% LC classico 1.902 13,4%LL linguistico 2.131 16,2% LL linguistico 2.313 17,7% LL linguistico 2.309 16,3%LMC musicale coreutico 76 0,6% LMC musicale coreutico 56 0,4% LMC musicale coreutico 70 0,5%LS scientifico 6.650 50,5% LS scientifico 6.420 49,0% LS scientifico 7.029 49,6%LSU scienze umane 1.421 10,8% LSU scienze umane 1.510 11,5% LSU scienze umane 1.654 11,7% TOTALI 13.171 100% TOTALI 13.091 100% TOTALI 14.173 100% a.s. 2010/11 % di incremento differenza tra iscritti tra iscritti e frequentanti e frequentanti 1.002 7,6% Area “Servizio Statistica”
  • 11. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 11 di 12L’istruzione tecnicaNel comparto tecnico le iscrizioni, nel confronto dei dati 2010/11 e 2011/12, mostrano propensioni in crescita e incalo relativamente ai diversi indirizzi.  L’indirizzo in incremento più sensibile è quello del “Turismo”.  Sono in crescita gli indirizzi “Chimica, materiali e biotecnologie”, “Elettronica ed elettrotecnica”, “Meccanica, meccatronica ed energia”, “Trasporti e logistica”.  L’indirizzo in decremento più sensibile è quello di “Informatica e telecomunicazioni”.  Sono in calo gli indirizzi “Agraria, agroalimentare e agroindustria”, “Costruzioni, ambiente e territorio”.La differenza tra iscritti e frequentanti è del 24,4%, ma va ricordato che i frequentanti computano anche il dato diripetenza, mediamente del 13% in questo comparto.Confronto tra le iscrizioni per la.s. 2010/11, quelle per la.s. 2011/12, e i frequentanti del 1° anno nella.s. 2010/11- Comparto tecnico Iscritti 2010/11 Iscritti 2011/12 Frequentanti 2010/11TEafm amministrazione, finanza e marketing 2.259 34,4% TEafm amministrazione, finanza e marketing 2.365 34,1% TEafm amministrazione, finanza e marketing 2.849 34,9%TEt turismo 515 7,8% TEt turismo 671 9,7% TEt turismo 661 8,1%TTaaa agraria, agroalimentare e agroindustria 203 3,1% TTaaa agraria, agroalimentare e agroindustria 183 2,6% TTaaa agraria, agroalimentare e agroindustria 226 2,8%TTcat costruzioni, ambiente e territorio 633 9,6% TTcat costruzioni, ambiente e territorio 589 8,5% TTcat costruzioni, ambiente e territorio 775 9,5%TTcmb chimica, materiali e biotecnologie 423 6,4% TTcmb chimica, materiali e biotecnologie 500 7,2% TTcmb chimica, materiali e biotecnologie 525 6,4%TTee elettronica ed elettrotecnica 432 6,6% TTee elettronica ed elettrotecnica 505 7,3% TTee elettronica ed elettrotecnica 603 7,4%TTgc grafica e comunicazione 320 4,9% TTgc grafica e comunicazione 358 5,2% TTgc grafica e comunicazione 424 5,2%TTit informatica e telecomunicazioni 1.189 18,1% TTit informatica e telecomunicazioni 1.047 15,1% TTit informatica e telecomunicazioni 1.388 17,0%TTmme meccanica, meccatronica ed energia 340 5,2% TTmme meccanica, meccatronica ed energia 419 6,0% TTmme meccanica, meccatronica ed energia 433 5,3%TTsm sistema moda 81 1,2% TTsm sistema moda 79 1,1% TTsm sistema moda 84 1,0%TTtl trasporti e logistica 167 2,5% TTtl trasporti e logistica 228 3,3% TTtl trasporti e logistica 194 2,4% TOTALI 6.562 100% TOTALI 6.944 100% TOTALI 8.162 100% a.s. 2010/11 % di incremento differenza tra iscritti tra iscritti e frequentanti e frequentanti 1.600 24,4% Area “Servizio Statistica”
  • 12. Luglio 2011 - “Iscritti al 1° anno nella scuola secondaria di II grado in provincia di Milano – a.s. 2011/12” - pag 12 di 12L’istruzione professionaleNel comparto professionale, nel confronto dei dati di iscrizione al primo anno 2010/11 e 2011/12, si registranoprincipalmente fenomeni di decremento.  Risultano in incremento percentuale (non in valori assoluti) gli indirizzi dei “Servizi per lenogastronomia e ospitalità alberghiera” e dei “Servizi socio sanitari”.  E’ in forte decremento l’indirizzo “Servizi commerciali”.  Sono in calo gli indirizzi “Manutenzione e assistenza tecnica” e “Produzioni industriali e artigianali”.La differenza tra iscritti e frequentanti è del 40,8%, ma va ricordato che i frequentanti computano anche il dato diripetenza, mediamente del 14% in questo comparto.Confronto tra le iscrizioni per la.s. 2010/11, quelle per la.s. 2011/12, e i frequentanti del 1° anno nella.s. 2010/11- Comparto professionale Iscritti 2010/11 Iscritti 2011/12 Frequentanti 2010/11PIAmat manutenzione e assistenza tecnica 454 13,9% PIAmat manutenzione e assistenza tecnica 423 14,2% PIAmat manutenzione e assistenza tecnica 765 16,6%PIApia produzioni industriali e artigianali 357 10,9% PIApia produzioni industriali e artigianali 288 9,7% PIApia produzioni industriali e artigianali 467 10,2%PSasr servizi per lagricoltura e sviluppo rurale 24 0,7% PSasr servizi per lagricoltura e sviluppo rurale 16 0,5% PSasr servizi per lagricoltura e sviluppo rurale 34 0,7%PSc servizi commerciali 774 23,7% PSc servizi commerciali 555 18,6% PSc servizi commerciali 1.289 28,1%PSeoa servizi per lenogastronomia e ospitalita alberghiera 1.035 31,7% PSeoa servizi per lenogastronomia e ospitalita alberghiera 1.023 34,3% PSeoa servizi per lenogastronomia e ospitalita alberghiera 1.175 25,6%PSss servizi socio sanitari 620 19,0% PSss servizi socio sanitari 676 22,7% PSss servizi socio sanitari 865 18,8% TOTALI 3.264 100% TOTALI 2.981 100% TOTALI 4.595 100% a.s. 2010/11 % di incremento differenza tra iscritti tra iscritti e frequentanti e frequentanti 1.331 40,8% Area “Servizio Statistica”