• Like
Presentazione Ostello Milano aig
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Published

Gli Ostelli per la Gioventù in Italia: una storia che parte da Milano

Gli Ostelli per la Gioventù in Italia: una storia che parte da Milano

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
963
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Gli Ostelli per la Gioventù in Italia: una storia che parte da Milano Lucia Chessa Direttrice Ostello Milano Coordinatrice Ostelli AIG Lombardia CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI EXPO 2015 Milano, Febbraio 2012
  • 2. La nascita degli ostelli • 1909 – Il maestro elementare tedesco Richard Schirrmann crea in Westfalia una piccola rete di scuole che - nel periodo estivo - ospitano gruppi di ragazzi in gita • 1912 – Nasce nel castello di Altena (Nord Reno – Westfalia) il primo ostello permanente per la gioventù • 1932 – Undici Associazioni nazionali di OstelliLa statua di Richard Schirrmann per la Gioventù si confederano nella IYHF(1874 – 1961) ad Altena (International Youth Hostel Federation) 2
  • 3. Italia: una storia che parte da Milano ...La storia degli ostelli italiani parte da Milano, per opera di unmilanese, Aldo Franco Pessina, giornalista e scrittore, sportivo,amante della montagna e dei viaggi avventurosi. • 1938 – Con un gruppo di amici Pessina promuove gli ostelli della gioventù in Italia. Rifiuta l’invito di organizzare analoga iniziativa per conto della GIL (Gioventù Italiana del Littorio). • 1940 –Pessina organizza nell’ambito della VII Triennale di Milano una mostra dedicata agli Ostelli alla quale partecipano 9 nazioni. • 1945 – Pessina fonda a Roma l’Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù, A.I.G. in breve, ente moraleAldo Franco Pessina operante sul territorio nazionale e unico rappresentante (1907 – 1984) della IYHF. 3
  • 4. AIG in Lombardia (1) 1946 – Si costituisce il Comitato Regionale Lombardo AIG. 1951 – Inizia l’attività l’Ostello AIG di Milano nella “Latteria Svizzera” del Parco, immobile di proprietà del Comune realizzato nell’ambito dell’Esposizione Universale del 1906. 1959 – Si decide la costruzione di un nuovo e più capace ostello che viene completato in meno di un anno. 4
  • 5. L’Ostello AIG “Piero Rotta” (1960) Progettato dall’arch. Mario Righini, costruito su terreno comunale nel quartiere sperimentale QT8. Unico ostello AIG/HI in Milano e il più grande d’Italia. Più di 2,5 milioni di giovani provenienti da tutto il mondo hanno soggiornato nell’Ostello di Milano dal 1960 ad oggi. 5
  • 6. AIG in Lombardia (2)AIG annovera oggi in Lombardia una rete di sei ostelli 6
  • 7. I giovani viaggiatori cambiano Profonde trasformazioni del mercato del turismo giovanile negli ultimi 50 anni: • maggiore libertà e autonomia di movimento • aumento delle disponibilità economiche • facilità di spostamento • maggiori esigenze. Utilizzo generalizzato del web come strumento per confrontare mete, prezzi e qualità dell’accoglienza. Funzione sempre più specifica degli ostelli: non solo strutture alberghiere low cost, ma luoghi di incontro tra diverse culture. Le strutture si adeguano alle mutate esigenze del mercato. 7
  • 8. AIG oggi (1)E’ una rete di circa 100 ostelli riservati ai soci che ospita singoliviaggiatori, famiglie, gruppi sportivi e scolastici.Non solo alberghi “low cost” ma anche, in collaborazione con entigovernativi ed organizzazioni culturali nazionali e internazionali:• Tesseramento gratuito ed altre agevolazioni agli studenti delle superiori in possesso della carta “Io studio”• “Io scopro ... i patrimoni nascosti della mia città”• Giochi Mondiali della Pace, Roma 2010• “Gioventù Ribelle”, nell’ambito delle celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia• “Meraviglia Italiana” per la rivalutazione del patrimonio ambientale, storico, architettonico e culturale italiano• “Interazioni”, forum dei giovani sul tema del viaggio• ... 8
  • 9. AIG oggi (2) ® Il progetto più recente, finanziato dal Dipartimento per la Gioventù presso la www.osthello.it Presidenza del Consiglio, è finalizzato adincentivare stili di vita positivi aiutando i giovani a trovare rispostaagli interessi e alle vocazioni personali con la partecipazione attivae creativa negli ambiti di: • MUSICA in laboratori attrezzati affidati a “tutor” di • CINEMA spessore ed esperienza nelle rispettive • TEATRO discipline secondo un palinsesto che • ARTI VISIVE prevede corsi base, stage, workshop, • GIORNALISMO eventi e libero utilizzo dei laboratori. 9
  • 10. Il network internazionale Per i cambiamenti del mercato e la spinta dalla concorrenza l’IYHF ha avviato dal 2007 una trasformazione dell’assetto giuridico-organizzativo: oggi al posto di IYHF opera Hostelling International (HI), organizzazione senza fine di lucro con base operativa vicino a Londra. E’ l’associazione di turismo giovanile più importante del mondo: conta 4 milioni di soci che possono accedere ad oltre 4000 ostelli con standard minimi garantiti in 85 Paesi. Nel 2009: oltre 38 milioni di pernottamenti, per un valore di circa 700 milioni di euro. La maggioranza degli ostelli sono prenotabili via web grazie ad un evoluto motore di prenotazione. Investimenti concentrati su web e social network, sulla qualità e sulla sostenibilità ambientale. 10
  • 11. 11
  • 12. Qualità e sostenibilità HI-Q, il sistema di certificazione di qualità stilato ad hoc per la gestione degli ostelli, ha permesso negli ultimi anni il raggiungimento di elevati standard qualitativi. Obiettivo 2015: certificazione per tutti gli ostelli del network HI. Dal 1990 (promulgazione della “Carta dell’Ambiente”) attenzione costante alla sostenibilità ambientale. Obiettivi minimi per i “key hostel”(*): - capacità di monitorare i propri consumi entro il 2012 - certificazione ambientale entro il 2015.(*) Key hostel = ostello che soddisfa uno o più dei seguenti criteri: - situato in un importante centro di accesso al Paese - più della metà dei pernottamenti relativi ad ospiti stranieri - più di 20.000 pernottamenti all’anno relativi ad ospiti stranieri - nella lista dei key hostel di HI 12
  • 13. Lombardia: oggi (1) Prima in Italia, la Regione Lombardia, ha intrapreso importanti misure per favorire la creazione della rete degli ostelli della regione. Obiettivi: • Promozione del turismo “green” e “low cost” per giovani, meno giovani e famiglie • Recupero di immobili da destinare ad ostelli • Offerta di percorsi e attività per il tempo libero per la valorizzazione del patrimonio paesaggistico, culturale, religioso ed enogastronomico del territorio 13
  • 14. Lombardia: oggi (2) Recentemente è stato pubblicato il primo regolamento regionale in materia di standard per gli ostelli, destinato sicuramente a far scuola sull’argomento presso le altre regioni. Nel corso del 2011 sono stati finanziati 58 progetti, dei quali 50 avviati, 13 in conclusione e 4 inaugurati, per un valore superiore a 22,5 milioni di euro. La rete degli ostelli di Lombardia è in continua espansione ed entro la fine del 2012 saranno circa 60 le strutture disponibili. 14
  • 15. Ostello di Milano: oggi (1) L’Ostello AIG di Milano, primo key hostel in Italia, ha conseguito nel 2010 l’ambita certificazione di qualità HI-Q. A 50 anni dalla nascita, è stato lanciato un ambizioso progetto di riqualificazione per adeguare la struttura alle mutate esigenze del mercato e agli standard internazionali. Alla fine dei lavori, prevista nel 2013, l’ostello avrà confortevoli camere a 2, 3 e 4 letti con bagno privato, spazi comuni completamente rivisitati, impianti tecnologici d’avanguardia. 15
  • 16. Ostello di Milano: oggi (2) Progetto ed esecuzione delle opere impostati in modo da ottenere la certificazione LEED® che misura il livello di ecocompatibilità e sostenibilità ambientale, sociale ed economica degli edifici. Opere finanziate da AIG con il contributo del Comune di Milano. Contributo del Politecnico di Milano per la stesura delle linee guida del progetto; assistenza per la certificazione LEED®. LEED = Leadership in Energy and Environmental Design 16
  • 17. 17
  • 18.  Primo lotto, finanziato dal Comune di Milano e da AIG, completato a fine 2010. Aperto al pubblico un piano interamente rinnovato con 24 camere a 2, 3 e 4 letti con servizi privati. Progetto architettonico dell’Arch. Anna Pascucci. Attenzione al design che rappresenta una delle eccellenze di Milano. Obiettivo in vista di EXPO 2015: realizzare una struttura ricettiva modello di riferimento per il turismo sostenibile low cost, luogo di incontro tra giovani di culture, costumi e identità diverse. ... la storia riparte da Milano 18
  • 19. Lucia ChessaManager HI-Q CERTIFIED www.hihostels.com www.aighostels.com 19