Mete artistiche culturali nella provincia di Milano Parte 3
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Mete artistiche culturali nella provincia di Milano Parte 3

on

  • 542 views

METE ARTISTICHE E CULTURALI DELLA PROVINCIA DI MILANO ©

METE ARTISTICHE E CULTURALI DELLA PROVINCIA DI MILANO ©

Francesca Citraro - Marco Palazzini
Guide Turistiche – Associazione ALGAT

Statistics

Views

Total Views
542
Views on SlideShare
449
Embed Views
93

Actions

Likes
0
Downloads
9
Comments
0

1 Embed 93

http://www.cisem.it 93

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NoDerivs LicenseCC Attribution-NoDerivs License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Mete artistiche culturali nella provincia di Milano Parte 3 Mete artistiche culturali nella provincia di Milano Parte 3 Presentation Transcript

  • San Magno LegnanoPala: Madonna con bambino e santi (1523), BernardiniLuiniAffreschi di Storie della Vergine e di Cristo, Santi (1562-64) Bernardino Lanino
  • Basilica minore S. Giovanni Battista, MelegnanoBattesimo di Gesù, Bergognone, 1506
  • Rho- SantuarioPierfrancesco Mazzucchelli detto il Morazzone
  • Rho, Santuario Procaccini
  • Rho, Santuario Morazzone
  • Villa Borromeo ViscontiLitta“Sontuoso e vago” palazzo del ContePirro Visconti Borromeo; dell’edificiooriginale, forse dovuto a MartinoBassi, rimane il modesto corpo difabbrica mediano, con portico acolonne binate, mentre del 1720 è ilcorpo principale che, nella prevalenzadel laterizio, si discosta dai modulicompositivi dell’epoca. Ma già nelsecondo Cinquecento, sempre forse adopera di Martino Bassi, vennerorealizzati i giardini, ricchi di fontane econ celebri giochi d’acquaNinfeo > ambiente autonomo, conpavimento e pareti tappezzati conmosaici di ciottoli bianchi e nei(Camillo Procaccini)
  • Villa Visconti Borromeo Litta
  • VILLA LITTA
  • Villa Litta Atrio quattro venti
  • camillo procacciniVilla Litta
  • Fronte NinfeoVILLA LITTA
  • S. Invenzio, Gaggiano1618 – ispirazione richinianasoprattutto nella facciata,che imita S. Giuseppe aMilanoA Milano il Barocco si presenta concaratteristiche specifiche , senza lasontuosità delle soluzioni romaneAusterità dei BorromeoSuperfici curve e plasticismo vi sonocomunque nel maggior architettodell’età barocca a Milano, FrancescoMaria Richini :le sue tipologie vengoriprese talvolta in provincia
  • San Bernardino, Abbiategrasso
  • S. Bernardino,Abbrategrasso1614-1691Terminata su disegni del Richini
  • S. Pietro, Abbiategrasso1753-1778Opera Francesco Croce (gugliamaggiore del Duomo di Milano)
  • ‘600 – ‘700• Il fatto edilizio più significativo è l’erezione di ville gentilizie attorno al capoluogo, in particolare lungo le direttrici SW (lungo il Naviglio Grande) e NE (Naviglio della Martesana), cosa che non avviene lungo il Naviglio Pavese (reso navigabile solo nel primo ‘800)• Sponde dei Navigli come luoghi di vacanza – facilità e sicurezza collegamenti via acqua rispetto a quelli via terra – Naviglio come regolatore climatico rispetto alla calura estiva (villeggiatura) – rinnovato interesse dei nobili milanesi per gli investimenti fondiari• MARCANTONIO DAL RE – incisioni – Vedute – “Ville di Delizia”
  • Villa Visconti Maineri, Cassinetta di Lugagnano
  • Robecco sul Naviglio, Villa GaiaRisalente al secondo ‘400 ma con balaustrasettecentesca sul lato del Naviglio Grande
  • Villa Gromo di TernengoRobecco sul Naviglio
  • Palazzo Archinto, Robecco sul Naviglio
  • Villa Alari Visconti, Cernusco sul NaviglioProgetto di Giovanni RuggeriSulla Martesana
  • Villa Arconati, Castellazzodi BollateNel Parco delle GroaneAvviata su preesistenze medioevali daGaleazzo Arconati nella seconda metàdel ‘600 e riconfigurata da GiovanniRuggeri intorno al 1730L’iniziale impianto a U vennetrasformato nel conclusivo schema a He si diede mano ai giardini barocchiche configurano soluzioni all’italiana ealla francese, con il disegno digeometrici parterreAll’interno decorazioni dei fratelliGalliari, con vertiginose prospettive difinte architetture
  • Villa Arconati – Marcantonio dal Re
  • Villa Arconati Interni
  • Villa Ghirlanda, CiniselloBalsamoIn passato erroneamente attribuita aPalladio e al RichinoIniziata seconda metà del ‘600 marifatta nell’800Tipologia che incontrò un grandefavoreErcole Silva – Dell’arte dei giardiniinglesi, 1801
  • Villa Borromeo, già Adda,Cassano d’AddaEretta nella prima metà del ‘700 sudisegni di Francesco Croce, mariformata da Giuseppe Piermarini nel1781Grandioso schema U preceduto da uncortile d’onore del Piermarini, separatodalla strada da una cancellata in ferrobattuto sorretta da pilastri sormontatida puttiPiermarini intervenne in chiaveneoclassica nel prospetto e nelle ali,mentre barocchi rimangono il corpocentrale e il fronte posteriore