0
Information technology design and support by Next2day (Fabrizio Ponti), Techneidos (Biancamaria Maldotti) PEB / OCSE Paris...
<ul><ul><li>Iceland - Víkurskóli </li></ul></ul>Architetture educative e sociali nel mondo <ul><li>In tutto il mondo il te...
Japan –  Fukushima Prefectural Koriyama School for the Physically handicapped Si osservi ad esempio la elevata qualità arc...
Questo programma dell’OCSE, che riunisce circa 30 Paesi ed Enti associati conferma il grande interesse internazionale per ...
Anche l’Italia, con il Cisem, è chiamata a dare il proprio contributo agli studi del PEB. Nasce così, nel 2000, il metapro...
Il Cisem è il Centro per l’innovazione e la sperimentazione educativa Milano - Istituto di ricerca ( www.cisem.it )
<ul><li>I principi dell’architettura “educativa ed intelligente”, che sono stati fatti propri  dal PEB / OCSE,  nell’ Expe...
<ul><li>Tali “principi” sono alla base di alcune esperienze progettuali pilota, in Italia, per ora applicate solo ad alcun...
Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio P...
Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio P...
Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio P...
Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio P...
Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio P...
Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio P...
<ul><li>Ovviamente ci sono diversi modi per analizzare meglio i principi enunciati: </li></ul><ul><li>Una lunga ed erudita...
England – King’s school, Stratford-upon-Avon School building from the 1400s where William Shakespeare studied <ul><li>Uno ...
About develop, age appropriate, inclusive and community use ………………………… .. UK (Scotland) Fawood Children’s Centre Questo ce...
About flexibility New Zealand Switzerland <ul><li>La flessibilità negli spazi educativi è una delle più importanti sfide p...
Two easy principles for a good flexibility! La possibilità di cambiamenti nella stessa giornata o nella settimana  (brief ...
La flessibilità / adattabilità per periodi più lunghi (mesi, trimestri, anni),  (long flexibility)  può essere garantita a...
Cisem (Italy) on Flexible Didactic Module Prototype (DM) Immaginiamo un modulo didattico (DM) adatto per ospitare 24/25 st...
…………………… In questa vista assonometrica di un modulo didattico di base si può soprattutto notare l’importante ruolo delle p...
Cisem research (Italy) on Flexible Didactic Module Prototype (DM) Ovviamente una moderna ed efficiente architettura educat...
E’ importante poi che tutti i sistemi impiantistici siano flessibili e modulari . Il DM prototipo del Cisem utilizza quind...
L’interno di un Flexible Didactic Module Prototype realizzato dal Cisem grazie sia ad un finanziamento della Provincia di ...
Cisem research (Italy) on Flexible Functional Didactic Sector (DS) Immaginiamo ora l’aggregazione di 8 DM per circa 125 st...
Ed immaginiamo una organizzazione didattica classica / tradizionale (TDO) con aule (Lezione frontale) e spazi speciali / l...
Cisem research (Italy) on Flexible Functional Didactic Sector (DS) Immaginiamo adesso una differente organizzazione didatt...
Cisem research (Italy) on Flexible Multipurpose Area (FMA) Gli accorgimenti sinora descritti rendono possibile poi (con ul...
Cisem research (Italy) on Flexible Educational Building (FEB) Questa è un immagine rendering del primo prototipo virtuale ...
Cisem research (Italy) on Flexible Educational Building (FEB) Questa è un’altra imagine virtuale di una possibile architet...
Another example of flexibility and multipurpose Switzerland -  Ecole du Petit-Lancy, Primary, by Chevalley, Longchamp, Rus...
About inspirational and symbolism UK 2007 - Schools Capital (Assets) - Department for Children, Schools and Families
About inspirational and symbolism UK -Schools Capital (Assets) - Department for Children, Schools and Families
Questa scuola è stata costruita per ridurre al massimo I consumi energetici tradizionali: anche attraverso l’uso di accorg...
About sustainibility – Zero Carbon Schools in UK <ul><li>Schools in Eco Towns to be zero carbon </li></ul><ul><li>Anticipa...
About sustainibility – Zero Carbon Schools in UK UK -  Larmenier and Sacred Heart Primary  Schools
About sustainibility – Zero Carbon Schools in UK UK -  Larmenier and Sacred Heart Primary  Schools
About sustainability – Japan’s Eco-school Programme
Un esempio bellissimo di architettura in legno lamellare biocompatibile ed ad alta sicurezza strutturale, antisismica ed a...
<ul><li>Sistema di riscaldamento geotermico (18 pozzi di 122 metri di profondità ciascuno) associati a 25 pompe di calore:...
UK (England) -  Millenium Primary School by Edward Cullinan Architects About inclusive (special need) Questa è una scuola ...
Korea - Seoul National School for the Blind by  Dowoo Architects Associates Ltd About safety, security and disaster manage...
About new tecnology and Cib <ul><li>Il progetto di questa splendida scuola fa riferimento a delle precise linee guida: </l...
UN ESEMPIO ITALIANO: LA SCUOLA PRIMARIA DI SOLARO (MI) E’ in corso la costruzione, in Italia, della 1°  “intelligent” prim...
<ul><li>La particolare attenzione del progetto per la ecocompatibilità  e le nuove tecnologie per il risparmio energetico ...
<ul><li>I più importanti aspetti del progetto per ciò che riguarda il tema energia sono:  </li></ul><ul><li>•  Un forte is...
Scuola Primaria di Solaro (Mi) – Pianta Piano Terra
Scuola Primaria di Solaro (Mi) – Pianta Piano Primo Un forte isolamento termico ottenuto con frontiere esterne formate da ...
Sezione verticale trasversale e sul cortile interno Photovoltaic cells, skylights and natural ventilation Copper roofing S...
Sezione verticale trasversale sui camini solari Ventilated foundations against the effect of radon gas Solar chimneys
Sezione verticale trasversale laterale Pergola Ample overhang of the coverage for the protection of the face and an as mea...
Prospetto Est Timber Ventilated copper roofing (for electromagnetic insulation). Excape way with slide
Natural ventilation I rendering che seguono riassumono ciò che si è mostrato in precedenza e danno un’idea più completa di...
L’uso di 2 pompe di calore, alimentate dai pannelli fotovoltaici, e i pannelli termici a bassa temperatura a pavimento gar...
Timber Psychomotor activity and greenhouse Questa realizzazione è il risultato di una  join venture tra il Comune di Solar...
E per concludere diamo un’occhiata ai costi ed ai tempi di realizzazione: - Superficie lorda del primo lotto (12 moduli di...
Una buona parte di questi “principles” ed esperienze è riportata sul sito web della scuola intelligente  (www.n2d.it/isb) ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

La “scuola intelligente”: linee guida ed esperienze italiane ed internazionali per l’architettura educativa

852

Published on

La “scuola intelligente”: linee guida ed esperienze italiane ed internazionali per l’architettura educativa

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
852
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • So a quality educative architecture could be a very good investment! Look at, for instance, the high inspirational and symbolical quality of these two schools such as the previous!
  • Quite a lot of this principles and experiences are reported, in italian and english, on the “Intelligent School” web site and in the PEB / OECD 3° Compendium which will be published the next year (www..oecd.org/edu/facilities)
  • Now we have two way to analyse these principles: To go into every one of them by an erudite dissertation; To take a look to some new educational building from all over the world inspired by some or all the mentioned principles. In this occasion, taking even into accont the short time of a paper, I think the best solution is the second; and surely the less boring as well!
  • One of the first students to be educated by the King’s school was William Shakespeare. Presently, the school has more than 400 students and teaches acting, swimming and technological subjects. It could be difficult to predict the future of the school, but, from the evidence of the past, it seems certain that it will continue to confront and satisfy modern needs. How is it possible? I think the secret is obviously the architecture features: Inspirational (not institutional character, intersting, stimulating, architecture as a third educator); Symbolic (the story, the traditions, the Shakespeare’s legend) The whole of these features generates respect of architecture, of spaces up to make acceptable even the evident limits
  • This Centre creates a learning environment which promotes: children’s health, equal access to the curriculum indoors and outdoors, children’s confidence and independence. Inclusion is promoted by: providing a fully integrated service including - provision for children with autistic spectrum disorder, provision for 2-3 year olds, childminder workshops and students on placements. The local community and parents view the Centre as very safe and secure, its design enables the community to see the provision, it serves as a focal point for the area and is perceived as an integral part of the community.
  • Why flexibility? Flexibility in educational spaces is one of the most important challenges for today and tomorrow in all over the world! Why? The pedagogical and didactic activities are continuously changing (with or without reforms!); The use of the spaces can also change during the day (e.g.: adult education, use from the community) and for longer time (e.g.: use as hostel or refuge in particular cases); It is possible then a total changing of the use during the building life (e.g: residence, public or private offices, little hospital, etc.)
  • The possibility of daily and/or hourly changing of the space components (learning areas, connective, etc), preferably guaranteed by the easy closing and opening of the common or sliding doors and by the quick re-programming of the plant systems components. (brief flexibility) This may be carried out, for example, contextually using modular spaces, from the amalgamation, even temporary, of spaces (e.g. connective) and from the application of some typical tricks of modern domotics (Computer Integrated building) integrated in the electrical and network plant.
  • Modification adaptability with longer timings (weekly, monthly, quarterly / every four months, annually), which will act on the sides (especially on the internal dividers) and on the plant systems (long flexibility). This will lead to the inevitable use of industrialized assembling / disassembling elements and plant tricks (heating /air-conditioning, illumination, hydraulic and special connections, discharge systems, wiring systems, etc.) projected for «modulars», with programmable functioning and calibration.
  • Let us imagine a modular learning space suitable for holding 24/25 students/pupils (small / medium groups, classes, etc.) with a piece of connective / corridor, and with a basic module of 7.2 X 7.2 m
  • In this linear perspective of one basic DM you can see the important role of the mobile partitions and the communication between the different spaces (DM, connective / corridor, multipurpose little space (MLS)
  • Obviously a modern and efficient educative architecture have to pay attention to sustainability (bio-architecture, energy saving, indoor pollution, natural ventilation, artificial lights)
  • It is important then, how we have already said, that all the plant systems are flexible and modular. The DM prototype makes use of 4 hollow pillar, modular heating with a mix of air and water panels, CIB
  • The internal of the Flexible Didactic Module Prototype carried out by Cisem thank both to Province of Milan financing and private sponsors
  • Let us imagine a traditional didactic organisation (TDO) with classroom (frontal lesson) and labs. How you can see we will have about 125 students / pupils and a double corridor
  • Let us imagine now a different didactic organisation (in this case by thematic areas), with small, medium and big groups. To realize this solution it is sufficient to close some common doors (brief flexibility). For a long flexibility (overall quarterly / every four months, annually) it is possible to act on the mobile partitions. Note the number of student is now 50% more than the previous TDO
  • Through a long flexibility tricks it is then possible to change very quickly the spaces purpose, in case of need (even urgent). In this plan we have planned out the possible changing in a little hospital or youth / aged hostel with 24 beds
  • This is a virtual display of a prototype of primary school building, inspired to principles of total (brief and long) flexibility.
  • This is a virtual display of a prototype of primary school building, inspired to principles of total (brief and long) flexibility.
  • Also this nice primary school suggests a very interesting solution about the brief and long flexibility and multipurpose. In this case is possible the spaces amalgamation both in horizontal and vertical through the common and sliding doors and the different use of the stairs.
  • Also this nice primary school suggests a very interesting solution about the brief and long flexibility and multipurpose. In this case is possible the spaces amalgamation both in horizontal and vertical through the common and sliding doors and the different use of the stairs.
  • Also this nice primary school suggests a very interesting solution about the brief and long flexibility and multipurpose. In this case is possible the spaces amalgamation both in horizontal and vertical through the common and sliding doors and the different use of the stairs.
  • This school was built to minimise energy use, for example through passive solar gain and super insulation with at least 200 mm of insulation throughout. The insulation used is part made from recycled glass. The school is built with a timber frame, which was sourced from Scandinavia and came with the Pan European Forest Certification label (PEFC).
  • The building is constructed from concrete and the roof over the main corridor is constructed from laminated wood. The classrooms are clad with unpainted, galvanised, corrugated iron sheeting. The curved wall that is built across the main corridor is clad with korten steel. The sails in the assembly hall are also clad korten steel. The low wall that faces the garden is a turf covered, dry-stone wall that softens the southern aspect and demonstrates tradition Icelandic building techniques to the children
  • Geothermic system (18 wells of 122 meters deep) associated to 25 calor pumps: the pre-heating of new air for 91 sm of solar walls; Calor recuperation of air expelled; CIB (Computer Integrated Building) for the energy management
  • The school is designed to fully integrate children with special needs. There is a Personal Care suite, large and small group rooms, assessment room, EY changing room, and disabled toilets. The school benefits from the close link with the Health Centre for physiotherapy and nurse support
  • Seoul National School for the blinds is a special education facilities for students with blindness and visual impairment, founded by Korean government
  • The design of this school included a number of key principles: Curriculum enhancement; Social interaction and learning spaces; The use of ICT to improve student attainment with wireless network throughout; Suitability for use by the wider community – for learning and leisure; Staff team bases; Open Learning Centre, including the local Public Library, and Cyber Café;
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • If you take account of a fair bit of these principles you carry out an “intelligent school” Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • This is instead a project of an intelligent school inspired to the flexible concept carring out in Italy Italy – Comune di Solaro (Mi) Intelligent primary and lower secondary school by Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects for Politecnico di Milano University. The gross square meter cost is about 1.200 € (about 1.445 UD)
  • Quite a lot of this principles and experiences are reported, in italian and english, on the “Intelligent School” web site and in the PEB / OECD 3° Compendium which will be published the next year (www..oecd.org/edu/facilities)
  • Transcript of "La “scuola intelligente”: linee guida ed esperienze italiane ed internazionali per l’architettura educativa"

    1. 1. Information technology design and support by Next2day (Fabrizio Ponti), Techneidos (Biancamaria Maldotti) PEB / OCSE Paris – Programme on Educational Building / Organisation for Economic Co-operation and Development Cisem (Research Center for educative innovation and experimentation Milan) La “scuola intelligente”: linee guida ed esperienze italiane ed internazionali per l’architettura educativa By Giorgio Ponti Governing Board PEB / OCSE Parigi, Area Architettura Educativa Cisem Milano With Fulvia Nidasio Roberto Serlenga www.giorgioponti.it
    2. 2. <ul><ul><li>Iceland - Víkurskóli </li></ul></ul>Architetture educative e sociali nel mondo <ul><li>In tutto il mondo il tema di una nuova architettura sociale “educativa ed intelligente” è al centro di nuovi importanti investimenti! </li></ul><ul><li>Perchè? </li></ul><ul><li>I Governi centrali e locali hanno consolidato la loro consapevolezza su almeno 3 importanti fattori : </li></ul><ul><li>L’educazione e la promozione della persona umana sono la vera grande risorsa di un popolo; </li></ul><ul><li>Una educazione di qualità ha bisogno di qualità negli spazi e nelle attrezzature e/o di forti simbolismi ; </li></ul><ul><li>Una architettura “intelligente” può essere un importante input educativo per le nuove generazioni: è questo il concetto, di architettura come terzo educatore. </li></ul>Western Australia – Canning Vale College By Hassell Architect
    3. 3. Japan – Fukushima Prefectural Koriyama School for the Physically handicapped Si osservi ad esempio la elevata qualità architettonica (inspirational and symbolic quality) di queste due architetture educative! <ul><ul><li>UK – Kingsdale school </li></ul></ul>
    4. 4. Questo programma dell’OCSE, che riunisce circa 30 Paesi ed Enti associati conferma il grande interesse internazionale per una nuova architettura educativa con forti “qualità”
    5. 5. Anche l’Italia, con il Cisem, è chiamata a dare il proprio contributo agli studi del PEB. Nasce così, nel 2000, il metaprogetto “Scuola intelligente” (ISB), che viene presentato alla comunità scientifica internazionale e diventa un punto di riferimento OCSE.
    6. 6. Il Cisem è il Centro per l’innovazione e la sperimentazione educativa Milano - Istituto di ricerca ( www.cisem.it )
    7. 7. <ul><li>I principi dell’architettura “educativa ed intelligente”, che sono stati fatti propri dal PEB / OCSE, nell’ Experts’ Meeting di Telchac in Messico (2005) , si possono così riassumere: </li></ul><ul><li>Flessibilità / Flexibility ; </li></ul><ul><li>Multifunzionalità / Multi-purpose ; </li></ul><ul><li>Rapporto con il contesto / Context ; </li></ul><ul><li>Lo spazio come terzo educatore e il ruolo del simbolismo / Inspirational and symbolism ; </li></ul><ul><li>Input prestazionali innovativi e spazi accessibili a tutti (diversamente abili) / Develop and age appropriate and inclusive (special needs) ; </li></ul><ul><li>Sostenibilità (Ambiente, risparmio energetico, bioarchitettura, confort) / Sustainability (Enviromental impact, energy saving, bio-architecture, confort) ; </li></ul><ul><li>Nuove tecnologie, domotica e CIB (Computer Integrated Building) / New technology and C.I.B ; </li></ul><ul><li>Riduzione dei costi e risorse economiche alternative / Reduction costs and Alternative Finance ; </li></ul><ul><li>Sicurezza / Safety and Security ; </li></ul><ul><li>Rete di Disaster Management / Disaster Management Net </li></ul>Second ad hoc Experts’ Group Meeting on Evaluating Quality in Educational Facilities PEB / OECD - OCSE Telchac-Puerto, Yucatán, Mexico, 3 to 4 October 2005
    8. 8. <ul><li>Tali “principi” sono alla base di alcune esperienze progettuali pilota, in Italia, per ora applicate solo ad alcune architetture sociali e scolastiche, che possiamo, quindi, definire, oltre che “educative”, “intelligenti”: capaci cioè di adattarsi e di modificarsi in relazione ai mutevoli bisogni dell’utenza e della collettività </li></ul>Italy – Gallarate (Va) 2005, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio Ponti, Ettore Zambelli, Carlo Guenzi architects, Studio Amati, Tecnarc; Errevia Italy – Comune di Milano (Mi) 2006, asilo nido e materna, by Ettore Zambelli, Giorgio Ponti architects ed altri, Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Premio Eurosolar 2006 Italy – Comune di Solaro (Mi) 2006, nuova scuola primaria, by Giorgio Ponti e Ettore Zambelli architects, Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Premio Eurosolar 2006
    9. 9. Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio Ponti, Ettore Zambelli, Carlo Guenzi architects, Studio Amati, Tecnarc, Errevia Vista esterna del corpo ristrutturato e di quello ex - novo
    10. 10. Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio Ponti, Ettore Zambelli, Carlo Guenzi architects, Studio Amati, Tecnarc, Errevia Pianta piano terra del capannone ex Cantoni ristrutturato
    11. 11. Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio Ponti, Ettore Zambelli, Carlo Guenzi architects, Studio Amati, Tecnarc, Errevia Pianta piano primo del capannone ex Cantoni ristrutturato
    12. 12. Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio Ponti, Ettore Zambelli, Carlo Guenzi architects, Studio Amati, Tecnarc, Errevia Pianta piano secondo del capannone ex Cantoni ristrutturato
    13. 13. Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio Ponti, Ettore Zambelli, Carlo Guenzi architects, Studio Amati, Tecnarc, Errevia Pianta piano copertura del capannone ex Cantoni ristrutturato
    14. 14. Italy – Gallarate (Va) 2007, nuovo Istituto Falcone (alberghiero, turistico, commerciale) per 1.200 studenti, by Giorgio Ponti, Ettore Zambelli, Carlo Guenzi architects, Studio Amati, Tecnarc, Errevia Vista interne del corpo ristrutturato
    15. 15. <ul><li>Ovviamente ci sono diversi modi per analizzare meglio i principi enunciati: </li></ul><ul><li>Una lunga ed erudita dissertazione su ognuno di essi; </li></ul><ul><li>La presentazione di immagini di architetture, di tutto il mondo, che si ispirano in particolare ad alcuni di questi principi, fornendo utili indicazioni su comportamenti (progettuali e d’uso). </li></ul><ul><li>In questa occasione ci è parso più utile e meno noiosa la seconda soluzione! </li></ul>Western Australia School
    16. 16. England – King’s school, Stratford-upon-Avon School building from the 1400s where William Shakespeare studied <ul><li>Uno degli studenti più famosi della King,s school fu William Shakespeare . </li></ul><ul><li>Attualmente la scuola ha più di 400 studenti ed è specializzata in recitazione, nuoto e indirizzi tecnologici (In partricolare informatica). </li></ul><ul><li>E’ difficile prevedere il futuro, ma sembra evidente che la K.S. continuerà a soddisfare i nuovi bisogni educativi. </li></ul><ul><li>Come è possibile? </li></ul><ul><li>Noi pensiamo, ovviamente, che il segreto stia nelle caratteristiche di una simile architettura, e precisamente: </li></ul><ul><li>“ Inspirational” (immagine fuori dagli schemi tradizionali, spazi e materiali stimolanti, aspetti culturali, ecc); </li></ul><ul><li>“ Symbolic” (la storia, la tradizione, la leggenzda di Shakespeare) </li></ul><ul><li>L’insieme di queste caratteristiche genera rispetto dell’architettura e degli spazi e rende accettabili, anzi stimolanti, anche gli evidenti limiti prestazionali. </li></ul>
    17. 17. About develop, age appropriate, inclusive and community use ………………………… .. UK (Scotland) Fawood Children’s Centre Questo centro crea uno spazio educativo che, oltre ad essere “giusto” per “tutti” i bambini, stimola la “socializzazione” ma anche l’indipendenza. In questo caso particolare si è posta molta attenzione ai bisogni dei bambini “diversamente abili”, aiutandosi anche con una architettura visivamente molto “permeabile”. La comunità locale ed I genitori “vivono” il centro come molto sicuro, proprio per il fatto che le trasparenze consentono di osservare il lavoro educativo. L’architettura particolare pone, poi, la scuola come punto focale dell’area e della comunità .
    18. 18. About flexibility New Zealand Switzerland <ul><li>La flessibilità negli spazi educativi è una delle più importanti sfide per oggi e per il futuro, in tutto il mondo! </li></ul><ul><li>Perchè? </li></ul><ul><li>Le attività pedagogiche e didattiche sono soggette a continui cambiamenti (con o senza riforme!); </li></ul><ul><li>Lo stesso uso dello spazio può cambiare durante la giornata (es: attività didattiche, educazione degli adulti, utilizzi da parte della comunità) e in tempi più lunghi (es: ostello, rifugio per situazioni particolari); </li></ul><ul><li>E’ inoltre possibile un cambiamento totale durante il ciclo di vita dell’edificio (Es: residence per anziani, uffici pubblici e/o privati, piccolo ospedale fisso o per emergenze) </li></ul>
    19. 19. Two easy principles for a good flexibility! La possibilità di cambiamenti nella stessa giornata o nella settimana (brief flexibility) degli spazi didattici, connettivo, ecc., è bene che sia garantita con la semplice apertura di porte e/o pareti scorrevoli ed attraverso una rapida riprogrammazione dei sistemi impiantistici. Si può realizzare, così, un contestuale utilizzo temporaneo di spazi adiacenti e/o incorporabili, con l’aiuto della domotica, (Computer integrated building) preventivamente realizzata contestualmente al tradizionale impianto elettrico. The brief flexibility UK - Scotland UK - Scotland Japan
    20. 20. La flessibilità / adattabilità per periodi più lunghi (mesi, trimestri, anni), (long flexibility) può essere garantita anche attraverso l’utilizzo di pareti mobili asportabili. Ciò porta inevitabilmente verso la scelta di componenti industrializzate e sistemi impiantistici preordinati e progettati in modo modulare con funzioni facilmente riprogrammabili, intercettamenti, sezionabilità, ecc. Two easy principles for a good flexibility! The long flexibility Italy Canada Germany
    21. 21. Cisem (Italy) on Flexible Didactic Module Prototype (DM) Immaginiamo un modulo didattico (DM) adatto per ospitare 24/25 studenti / allievi (gruppi temporanei o permanenti, classi, attività speciali, ecc.) con aggregato un pezzo di connettivo, e con una dimensione di 7.2 * 7.2 m Didactic Module (DM) 47,5 sm, 24/25 students, divisible by 4 parts (11.88 sm, the smallest learning space) Multipurpose connective (Corridor, learning area, little groups) 16.78 sm 7.20 m Multipurpose little space (Closet, wc, passage) 2.85 sm Hollow pillar with all the plant systems inside
    22. 22. …………………… In questa vista assonometrica di un modulo didattico di base si può soprattutto notare l’importante ruolo delle partizioni mobili e della comunicazione tra i differenti spazi Cisem research (Italy) on Flexible Didactic Module Prototype (DM) Hollow pillar with all the plants systems inside Multipurpose little space (MLS) (Closet, wc, passage) 3.24 sm Solar spectrum lamps Mobile partition without plants inside Glazing window between the DM and connective / corridor and other spaces Clear mobile partition
    23. 23. Cisem research (Italy) on Flexible Didactic Module Prototype (DM) Ovviamente una moderna ed efficiente architettura educativa deve porre attenzione all’ecocompatibilità / sustainability (bio-architecture, energy saving, indoor pollution, natural ventilation, artificial lights) Photovoltaic panels and skylights Copper roofing Wooden slab with insulating panel and natural ventilation Solar spectrum lamps Connective part
    24. 24. E’ importante poi che tutti i sistemi impiantistici siano flessibili e modulari . Il DM prototipo del Cisem utilizza quindi dei pilastri cavi per gli impianti, il riscaldamento e raffrescamento modulare e con pannelli a pavimento, controlli e gestione domotizzati CIB (Computer Integrated Building) …………………… Cisem research (Italy) on Flexible Didactic Module Prototype (DM)
    25. 25. L’interno di un Flexible Didactic Module Prototype realizzato dal Cisem grazie sia ad un finanziamento della Provincia di Milano e di sponsors privati Cisem research (Italy) on Flexible Didactic Module Prototype (DM) Multimedia blackboard Connective Computer Integrated Building Closet
    26. 26. Cisem research (Italy) on Flexible Functional Didactic Sector (DS) Immaginiamo ora l’aggregazione di 8 DM per circa 125 studenti / alunni Didactic Module MLS Toilet Multipurpose connective (Corridor, learning area, little groups) Connective Possibility of passage between two modules
    27. 27. Ed immaginiamo una organizzazione didattica classica / tradizionale (TDO) con aule (Lezione frontale) e spazi speciali / laboratori. Si noterà la capienza massima per 125 studenti. Cisem research (Italy) on Flexible Functional Didactic Sector (DS) Closet Toilet Classroom with 24/25 students Lab Connective Hollow pillar with all the plant systems inside
    28. 28. Cisem research (Italy) on Flexible Functional Didactic Sector (DS) Immaginiamo adesso una differente organizzazione didattica (in questo caso per aree tematiche), con piccoli, medi e grandi gruppi. Per realizzare, anche parzialmente e temporaneamente, questa soluzione è sufficiente aprire e chiudere delle semplici porte a battente (brief flexibility). Per soluzioni più stabili (long flexibility) è possibile rimuovere le pareti tra due moduli didattici adiacenti . E’ interessante notare che questa soluzione consente di portare gli studenti ospitabili a 192, invece dei 125 della soluzione tradizionale. Area 3 / 50 st Possibility of passage Area 1 / 35 st Area 1 / 35 st Area 2 / 75 st Area 2 / 75 st Area 4 / 20 st Area 4 / 20 st Area 3 / 50 st Area 5 / 12 st (6 + 6) Area 5 / 12 st Total 192 students 50% more than the traditional classrooms Possible intervention on mobile partitions
    29. 29. Cisem research (Italy) on Flexible Multipurpose Area (FMA) Gli accorgimenti sinora descritti rendono possibile poi (con ulteriori tools) cambiare molto velocemente la destinazioe d’uso in caso di necessità urgente (attività di protezione civile, collassi ambientali, programmazione di un ostello, ecc.). In questo esempio abbiamo programmato una possibile rapida trasformazione in un piccolo ospedale / ostello con 24 posti letto. Standard room for 2 people Standard room as residence or hostel Toilet Public toilets New mobile partitions General medical services or closets
    30. 30. Cisem research (Italy) on Flexible Educational Building (FEB) Questa è un immagine rendering del primo prototipo virtuale CISEM per una scuola primaria, ispirata ai principi di una totale (brief and long) flessibilità.
    31. 31. Cisem research (Italy) on Flexible Educational Building (FEB) Questa è un’altra imagine virtuale di una possibile architettura per una scuola primaria e/o secondaria “intelligente”. Flexible Multipurpose Area (FMA) Green House Auditorium Little Gym Indoor Stadium
    32. 32. Another example of flexibility and multipurpose Switzerland - Ecole du Petit-Lancy, Primary, by Chevalley, Longchamp, Russbach architects Anche questa bella primary school suggerisce una interessante soluzione per la breve e lunga flessibilità degli spazi e conseguente multifunzionalità. In questo caso l’aggregazione spaziale può essere realizzata sia in orizzontale che in verticale, grazie ad apposite scale nei punti strategici Traditional classrooms Tematics areas and use from community Vertical section with the floors use
    33. 33. About inspirational and symbolism UK 2007 - Schools Capital (Assets) - Department for Children, Schools and Families
    34. 34. About inspirational and symbolism UK -Schools Capital (Assets) - Department for Children, Schools and Families
    35. 35. Questa scuola è stata costruita per ridurre al massimo I consumi energetici tradizionali: anche attraverso l’uso di accorgimenti per la captazione di energia solare passiva, con un superisolamento delle frontiere esterne, utilizzando anche materiali provenienti dal vetro riciclato. L’edificio è costruito con legno proveniente dalla Scandinavia e dotato della Pan European Forest Certification label (PEFC). About sustainibility UK - Kingsmead primary school by Craig White architect
    36. 36. About sustainibility – Zero Carbon Schools in UK <ul><li>Schools in Eco Towns to be zero carbon </li></ul><ul><li>Anticipated carbon savings in other schools </li></ul><ul><ul><li>30% energy efficiency </li></ul></ul><ul><ul><li>30% renewable energy </li></ul></ul>
    37. 37. About sustainibility – Zero Carbon Schools in UK UK - Larmenier and Sacred Heart Primary Schools
    38. 38. About sustainibility – Zero Carbon Schools in UK UK - Larmenier and Sacred Heart Primary Schools
    39. 39. About sustainability – Japan’s Eco-school Programme
    40. 40. Un esempio bellissimo di architettura in legno lamellare biocompatibile ed ad alta sicurezza strutturale, antisismica ed antincendio. Un’architettura che valorizza poi, anche a livello simbolico, l’utilizzo di tecniche costruttive e materiali tipici della tradizione Islandese (Turf, dry-stone, wood timber, ecc.) Iceland - Víkurskóli About sustainibility and bio-architecture
    41. 41. <ul><li>Sistema di riscaldamento geotermico (18 pozzi di 122 metri di profondità ciascuno) associati a 25 pompe di calore: </li></ul><ul><li>Preriscaldamento dell’aria con 91 mq di muri a solarizzazzione passiva; </li></ul><ul><li>Recupero del calore dell’aria espulsa; </li></ul><ul><li>CIB (Computer Integrated Building) per la gestione di tutti gli impianti </li></ul>Canada – Ecole du Tournant, 2° secondary cycle Solar wall Geothermal plant About sustainibility and geothermal energy Pag
    42. 42. UK (England) - Millenium Primary School by Edward Cullinan Architects About inclusive (special need) Questa è una scuola progettata per la totale integrazione dei bambini “diversamente abili”: ogni spazio, ogni attrezzatura e tutti gli impianti sono pensati in funzione della totale eliminazione delle barriere architettoniche.
    43. 43. Korea - Seoul National School for the Blind by Dowoo Architects Associates Ltd About safety, security and disaster management Way out Questa è una scuola per bambini ciechi (Seoul National School for the blinds) Si tratta, quindi, di un edificio speciale voluto dal Governo Coreano. Tuttavia alcune soluzioni, come quella delle vie di fuga impostate come un gioco, ci hanno insegnato molto sulla possibilità di “sdramatizzare” anche i momenti difficili.
    44. 44. About new tecnology and Cib <ul><li>Il progetto di questa splendida scuola fa riferimento a delle precise linee guida: </li></ul><ul><li>Impostazione avanzata dei curricula e dell’offerta fomativa; </li></ul><ul><li>Forti interazioni sociali e degli spazi didattici; </li></ul><ul><li>Uso diffuso dell’ICT (Information Communication Tecnology) per migliorare i risultati educativi, con utilizzo della wireless network tecnology; </li></ul><ul><li>Ampie possibilità d’uso da parte della comunità, sia per attività educative che per passatempo; </li></ul><ul><li>Un team educativo selezionato; </li></ul><ul><li>Concetto di centro educativo aperto, con biblioteca informatizzata pubblica e Cyber Café </li></ul>UK (England) - Blyth Community College by Waring & Netts architects
    45. 45. UN ESEMPIO ITALIANO: LA SCUOLA PRIMARIA DI SOLARO (MI) E’ in corso la costruzione, in Italia, della 1° “intelligent” primary school per 300 studenti (Con ampliamento previsto a 600: 300 elementare + 300 media). Si tratta di un progetto realizzato sulla base dei “principles” della “scuola intelligente” , così come definiti dal Cisem. By Giorgio Ponti e Ettore Zambelli architects, Dipartimento BEST, Politecnico di Milano
    46. 46. <ul><li>La particolare attenzione del progetto per la ecocompatibilità e le nuove tecnologie per il risparmio energetico (Zero pollution target), è stata premiata, per il 2006, dalla European Association for Renewable Energy con l’ EUROSOLAR First Prize in Category “E”, solar architecture and urban development (ww.eurosolaritalia.org) . </li></ul><ul><li>La motivazione per questa categoria è: “consistent and systematic experimentation in seeking an architectural language capable of integrating bioclimatic and solar technologies in a low environmental impact strategy”. </li></ul>
    47. 47. <ul><li>I più importanti aspetti del progetto per ciò che riguarda il tema energia sono: </li></ul><ul><li>• Un forte isolamento termico ottenuto con frontiere esterne formate da pannelli multistrati a secco; </li></ul><ul><li>• Copertura ventilata in rame (Adatta anche all’isolamento elettromagnetico); </li></ul><ul><li>• Camini solari per l ventilazione naturale degli ambienti; </li></ul><ul><li>• Computer Integrated Building (CIB) per i controlli domotici; </li></ul><ul><li>• Pompe di calore ad acqua per il riscaldamento, acqua sanitaria e raffrescamento estivo; </li></ul><ul><li>• Emissioni zero (L’edificio non ha caldaie); </li></ul><ul><li>• Pannelli termici a pavimento a bassa temperatura; </li></ul><ul><li>• Pannelli solari fotovoltaici per l’alimentazione delle pompe di calore. </li></ul><ul><li>Le immagini che seguono mostrano queste importanti caratteristiche. </li></ul>
    48. 48. Scuola Primaria di Solaro (Mi) – Pianta Piano Terra
    49. 49. Scuola Primaria di Solaro (Mi) – Pianta Piano Primo Un forte isolamento termico ottenuto con frontiere esterne formate da pannelli multistrati a secco
    50. 50. Sezione verticale trasversale e sul cortile interno Photovoltaic cells, skylights and natural ventilation Copper roofing Solar chimneys Natural ventilation
    51. 51. Sezione verticale trasversale sui camini solari Ventilated foundations against the effect of radon gas Solar chimneys
    52. 52. Sezione verticale trasversale laterale Pergola Ample overhang of the coverage for the protection of the face and an as means of shade
    53. 53. Prospetto Est Timber Ventilated copper roofing (for electromagnetic insulation). Excape way with slide
    54. 54. Natural ventilation I rendering che seguono riassumono ciò che si è mostrato in precedenza e danno un’idea più completa di questa “educational intelligent machine” Photovoltaic cells, skylights and natural ventilation Closet Heat pumps Timber Psychomotor activity and greenhouse Timber Pergola Copper roofing Didactic flexible Module
    55. 55. L’uso di 2 pompe di calore, alimentate dai pannelli fotovoltaici, e i pannelli termici a bassa temperatura a pavimento garantiscono la necessaria flessibilità impiantistica e spaziale e una forte ecocompatibilità (flexibility and sustainability) Photovoltaic cells, skylights and natural ventilation Heat pumps Heating floor with low temperature water
    56. 56. Timber Psychomotor activity and greenhouse Questa realizzazione è il risultato di una join venture tra il Comune di Solaro, il CISEM e il Politecnico di Milano , il cui Dipartimento di Building Environment Science and Technology (BEST) è responsabile del progetto (Giorgio Ponti and Ettore Zambelli architects)
    57. 57. E per concludere diamo un’occhiata ai costi ed ai tempi di realizzazione: - Superficie lorda del primo lotto (12 moduli didattici per 300 studenti di scuola elementare): 2 624 mq; - Standard per studente: 8.7 mq/studente - Costo di costruzione dell’edificio (Esclusa quindi l’area nuda, le opere esterne e gli arredi): EURO 2.500.000; - Costo unitario edificio: EURO 952 / mq; - Inizio lavori: novembre 2007; - Ultimazione: 2009. Il basso costo si è ottenuto anche grazie ad una particolare politica di sponsorizzazioni private. Il più probabile costo “normale” di un edificio “intelligente” (Comprese le opere esterne) è attorno ai 1.200 / 1.300 €/mq, contro il costo di un edifico tradizionale di circa 1.050 €/mq Il maggior costo si “ripaga” però in meno di 15 anni (si veda il sito www.n2d.it/isb ) www.giorgioponti.it
    58. 58. Una buona parte di questi “principles” ed esperienze è riportata sul sito web della scuola intelligente (www.n2d.it/isb) e su quello del PEB / OCSE 3° Compendium pubblicato nel 2007 (www.oecd.org/edu/facilities) www.giorgioponti.it
    1. ¿Le ha llamado la atención una diapositiva en particular?

      Recortar diapositivas es una manera útil de recopilar información importante para consultarla más tarde.

    ×