CISEM - Centro per l’innovazione e la sperimentazione educativa MilanoIstituto di ricerca della Provincia di Milano e dell...
Leonardo di Nello, Giorgio Giovannetti, Alessandro Mattioli,               disaffezione e crisi del senso di appartenenza ...
Lanalisi, aggiornata al 2008, descrive la rete dei              Il testo si chiude con alcune indicazioni per la costruzio...
Le narrazioni dei media ci consegnano                       Fuori collanamacchiette e casi-limite: la debole e imbelle vit...
Studi e ricerche                           Servizi del sistema educativo di istruzione e formazione. Azioni               ...
On line www.cisem.it                                           Sintesi del seminario                Il riordino degli indi...
On line www.iter.mi.it     •CONSULTA ITER ON-LINEViaggio nel sistema di istruzione eformazione dopo la scuola media"E uno ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Elenco pubblicazioni agosto2011

1,174 views
1,121 views

Published on

Le pubblicazioni del CISEM dal 2006 all'agosto 2011

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,174
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Elenco pubblicazioni agosto2011

  1. 1. CISEM - Centro per l’innovazione e la sperimentazione educativa MilanoIstituto di ricerca della Provincia di Milano e dell’Unione Province d’Italia - 20146 Milano - Via Soderini, 24Tel.: 02 7740 4763 – Fax: 02 7740 4166 – Email info@cisem.it Libri Repertorio delle pubblicazioni dal 2006 ad oggi Giorgio Giovannetti, Alessandro Mattioli, Franco Salsa Roberto Biorcio (a cura di) Una scuola ineguale La scuola vista dai protagonisti. Rubrica ragionata dei problemi chiave della scuola Rapporto 2006 sulla scuola secondaria superiore e la secondaria superiore formazione professionale nella provincia di Milano Cisem, Quaderni, Franco Angeli, 2007 Cisem Quaderni, Franco Angeli, 2006 Dove puntare lo sguardo per cogliere quali sono i ll sistema scolastico italiano ha conosciuto veri problemi cruciali della scuola italiana di oggi? Questanellultimo decennio profondi cambiamenti: dai diversi "rubrica ragionata" tenta di selezionare un numero limitatotentativi di riforma, tavolta poco o per nulla attenti ai punti di di priorità di intervento e di analisi, con particolarevista di chi nella scuola opera quotidianamente, alle mutate riferimento alla scuola secondaria di secondo grado:caratteristiche degli alunni. Non solo, infatti, sembrano - la persistenza di gravi disuguaglianze (di successo eessere cambiate le scelte e le aspettative delle famiglie per di apprendimento effettivo) determinate dalla classeciò che riguarda la scuola, ma profondamente mutata è sociale, dal genere e dalla nazionalità degli studenti;anche la crescente presenza di alunni nati allestero o figli - il drammatico divario fra crescente accesso di massadi genitori stranieri. Questi cambiamenti si aggiungono ai al diploma e bassi livelli di apprendimento effettivoproblemi storici della scuola italiana: lelevata dispersione, degli studenti;le insufficienze delledilizia scolastica, la formazione e il - la stridente differenziazione qualitativa fra istituti direclutamento dei docenti, linadeguatezza degli investimenti serie A e istituti di serie B;nel campo dellistruzione. - la crescente penuria di risorse messe a disposizione della scuola pubblica; Il Cisem, che ha, tra gli altri, il compito - la confusa ricerca di un modello organizzativoistituzionale di redigere un rapporto periodico sulla adeguato per lefficace ed efficiente funzionamentoformazione post-obbligatoria nella provincia di Milano, ha dellistituto scolastico;promosso nel 2006, in collaborazione con lIstituto Iard, una - la crescente fatica della scuola a definire il proprioricerca su questi temi di cui il presente volume costituisce ruolo specifico, nellambito di un contesto sociale cheun primo resoconto. La ricerca ha interessato un campione ne ha messo fortemente in discussione le funzionidi scuole secondarie superiori e di centri di formazione tradizionali;professionale della provincia di Milano, a cui sono stati - lindifferenza alla sfida dellapprendimento da parte diproposti questionari rivolti agli insegnati, agli alunni e ai una quota crescente di adolescenti annoiati, passivi edgenitori. Dalle risposte emerge il punto di vista e il vissuto estranei;dei protagonisti della vita scolastica su tutti i principali - la diffusa frustrazione del corpo insegnante, alla vigiliaambiti del sistema formativo. Ne risulta il panorama di un ricambio generazionale di portata oggi difficile dacomplesso di una scuola in cui si rispecchiano le forti calcolaredisuguaglianze presenti nella società, ma che mostra Queste le otto più rilevanti situazioni critiche dellaanche aspetti positivi, quali la capacità di accoglienza e la scuola italiana: la loro cifra comune è lineguaglianza, comemotivazione degli insegnanti, che ci fanno capire che le difformità del sistema scolastico e come mancanza diistituzioni formative italiane hanno delle potenzialità che autentiche pari opportunità fra studenti diversi. Si tratta dinon dovrebbero essere sottovalutate. problemi che è urgente affrontare in termini di comprensione, ricerca scientifica, dibattito pubblico e intervento di politica scolastica gettando un ponte fra mondo universitario, operatori e utenti della scuola, opinione pubblica interessata.
  2. 2. Leonardo di Nello, Giorgio Giovannetti, Alessandro Mattioli, disaffezione e crisi del senso di appartenenza alla Franco Salsa dimensione scuola-classe e i casi di inadempienza scolastica (il ragazzo è iscritto a scuola, ma non frequenta Rapporto 2007 o è presente per un numero di ore molto ridotto) La scuola secondaria di secondo grado della provincia di Lindagine è stata condotta su più livelli: somministrazione Milano in classe di un questionario ad un campione di studenti del primo biennio delle scuole superiori, focus-group con Cisem, Quaderni, Franco Angeli, 2009 testimoni privilegiati, interviste biografiche ad alcuni ragazzi che hanno interrotto (da almeno due anni) la frequenza scolastica. Qual è il tasso di dispersione nelle scuolesuperiori della provincia di Milano? Quali sono gli indirizzi In base alle informazioni raccolte, è possibilemaggiormente frequentati? A queste e ad altre domande superare gli stereotipi sullabbandono scolastico intesosul funzionamento delle scuole secondarie di secondo come fenomeno circoscritto alle classi sociali piùgrado della provincia di Milano cerca di dare una risposta il svantaggiate, emergono atteggiamenti e dinamicheRapporto 2007 curato dallArea programmazione scolastica psicologiche largamente influenzate dal contesto sociale edel Cisem. Ne emerge una situazione profondamente familiare dei giovani, che non riuscirebbe a trasmettere inmutata, rispetto anche solo a un decennio fa: modo adeguato limportanza e il valore della formazione scolastica per il futuro dei giovani stessi. Dallo studio- vi è una marcata tendenza alla "licealizzazione", cioè emergono inoltre alcune possibili piste di lavoro, soprattutto allaumento delle iscrizioni ai licei a scapito degli istituti nella dimensione scolastica e della formazione-lavoro. professionali e soprattutto dei tecnici;- assistiamo a una presenza crescente di studenti di nazionalità non italiana, che però si distribuiscono in modo ineguale, concentrandosi soprattutto negli istituti W. Moro, B. Pinotti, L. Schiavone, T. Segantini professionali e tecnici della città di Milano; (a cura di)- a fronte di un aumento della percentuale di alunni che frequentano le scuole superiori, la dispersione rimane Reti e laboratori territoriali elevata (circa il 28%); Strategie per il successo formativo e la lotta alla- le studentesse conseguono risultati decisamente dispersione migliori dei loro compagni maschi, in termini di regolarità degli studi e successo scolastico; Cisem, Quaderni, Franco Angeli, 2008- la selezione rimane elevata, soprattutto in prima e negli anni intermedi, e sembra svolgere la funzione di Successo formativo e lotta alla dispersione riorientare gli studenti verso indirizzi scolastici diversi scolastica: è lobiettivo realizzato, nel 2007, dalla Provincia da quelli scelti inizialmente. di Milano, Settore Formazione Professionale, con un proprio Dispositivo su bando regionale, promuovendo sul- territorio provinciale 13 progetti quadro, 203 azioni, con il Linsieme di questi elementi fa emergere limmagine di risultato di formare 8.595 giovani in età 14/18 anni.una scuola milanese divisa in due, tra indirizzi liceali, cheraccolgono gli alunni con le valutazioni delle medie e il Questo libro dà conto del monitoraggio effettuatobackground socioculturale migliori, e indirizzi tecnici e dal Cisem (Centro per lInnovazione e Sperimentazioneprofessionali, in cui si concentrano le situazioni più Educativa Milano) nel merito delle quattro tipologie dazioneproblematiche. previste: orientamento, Larsa (Laboratori di Recupero e Sostegno degli Apprendimenti), accompagnamento allinserimento in percorsi di istruzione e formazione, percorsi formativi non ordinamentali. Lanalisi dei risultati abbandona la forma burocratica per Walter Nanni (a cura di) mettere a disposizione dei lettori interessanti riflessioni sulle buone pratiche di progettazione e realizzazione, sui Alle origini dei processi di dispersione modelli asportabili, sulle difficoltà incontrate e le risoluzioni Studio sul fenomeno della dispersione scolastica in adottate. provincia di Milano Nel cuore del ragionamento sono le prospettive di consolidare, in Provincia di Milano, reti e laboratori Cisem, Quaderni di lavoro, Franco Angeli, 2008 territoriali che possano agevolare il lavoro delle scuole e delle agenzie di formazione professionale, garantendo ai Perché gli studenti si annoiano in classe e sono nostri giovani il successo formativo.psicologicamente stressati, già prima di entrare a scuola?Perché smettono di frequentare le lezioni e non sono piùlegati affettivamente alla loro classe? Perché non ritengonopiù importante concludere gli studi? Alberto Falletti (a cura di)La presente ricerca, condotta presso alcuni comuni della Istruzione e formazione in provincia di Milanoprovincia di Milano, ha avuto come obiettivo lindividuazione Dati e fenomeni per un Osservatorio in Retedelle cause della dispersione scolastica. Il fenomeno, di natura molto complessa, non Cisem, Quaderni di lavoro, Franco Angeli, 2008include solamente labbandono scolastico in senso stretto,ma riguarda anche altre situazioni, che da alcuni annistanno emergendo con una certa evidenza: i fenomeni di 2
  3. 3. Lanalisi, aggiornata al 2008, descrive la rete dei Il testo si chiude con alcune indicazioni per la costruzione difenomeni di istruzione e formazione professionale nella un sistema territoriale EDA, soffermandosi sul sistema deiprovincia di Milano. servizi per il lavoro, la formazione e listruzione, sulle reti Si dimostra il valore di un Osservatorio in rete, territoriali e la loro governance, sulle comunità di pratica.OSSERVA.IN RE, ovvero una raccolta cooperativa, unitariae integrata dei dati di scolarità e formazione degli studentiin obbligo formativo, in grado di offrire una visionecomplessiva quantitativa e qualitativa per permettere Giorgio Giovannetti (a cura di)efficaci interventi di programmazione dellofferta sulterritorio in forma integrata come prescrive la legge. Scegliere la scuola superioreNella prima parte si ricostruisce levolversi del sistema di I percorsi scolastici degli studenti della provincia di Milano traistruzione secondaria di II grado e di formazione motivazioni e condizionamenti socialiprofessionale dagli anni 90 ad oggi, attraverso una letturadella legislazione nazionale e regionale, la ri-definizione dei Cisem Quaderni, Franco Angeli, 2008compiti di programmazione scolastica, i cambiamenti nelladistribuzione delle funzioni istituzionali, le motivazioni delleraccolte, plurime e diversificate, dei dati. La scelta della scuola superiore è una scelta di importanzaNella seconda parte, pur nella difficoltà di far dialogare cruciale nella vita di una persona, perché ne condizionadatabase non predisposti allintegrazione dei dati, si profondamente il futuro dal punto di vista lavorativo e dellaconduce unanalisi correlata dei fenomeni attraverso le basi collocazione sociale. Comprenderne le dinamiche e capiredati del Settore Istruzione-CISEM (SCOPE), del Settore quanta influenza esercitino su di essa i condizionamenti socialiFormazione Professionale (MONITORWEB regionale) e è quindi unoperazione molto importante non solo per glidellIstat. studiosi dei fenomeni sociali legati allistruzione, ma anche per Il risultato è decisamente positivo. Il quadro tutti coloro che operano allinterno della scuola e per leconoscitivo è completo rispetto alle due competenze della famiglie.Provincia (istruzione e formazione) e agli itinerari formatividei giovani in età 14/18 anni. Intrecciando i dati, si delinea Questo volume affronta la questione nei suoi risvolti teorici eun più attendibile tasso di scolarità e si misurano i due sulla base dei dati empirici forniti dalla ricerca realizzata dalsistemi nel complesso e nelle loro caratteristiche. Cisem in collaborazione con lIstituto Iard nel 2006, dei cui Il risultato più apprezzabile è sul fronte dellanalisi risultati generali è già stato dato un primo resoconto nelqualitativa, ovvero sugli orientamenti dei giovani (vocazione volume La scuola vista dai protagonisti, curato da Robertoformativa), sugli esiti, sulla distribuzione nei corsi/percorsi. Biorcio (FrancoAngeli 2006).Significativa è lanalisi integrata sul piano territoriale, negli Ciò che emerge è che la condizione economica e culturale"ambiti" provinciali, di cui viene descritto lassetto delle famiglie di provenienza degli studenti influenzacomplessivo dellofferta e i fenomeni di integrazione, fortemente la scelta scolastica: chi proviene da famigliecompensazione e parallelismo tra istruzione e collocate in una posizione elevata allinterno della gerarchiaistruzione/formazione professionale. sociale e, soprattutto, dotate di una solida preparazione culturale tende a scegliere i licei, mentre chi possiede un background socioculturale più debole si rivolge maggiormente agli indirizzi tecnici e professionali. Isabella Medicina, Marcello Bettoni (a cura di) A queste conclusioni, che confermano ciò che già molte altre ricerche sullistruzione sostengono da tempo, il Leducazione degli adulti volume aggiunge anche alcune altre acquisizioni importanti: Tra rientro formativo e formazione permanente - limportanza della motivazione allo studio nella scelta della scuola, anche al di là dei condizionamenti sociali; Cisem Quaderni, Franco Angeli, 2008 - il peso che la condizione socioculturale familiare esercita sulla scelta non solo dellindirizzo di studio, ma anche del Un saggio sulla scuola e sulla necessità di singolo istituto scolastico;cambiare. Partendo magari dal settore dellEducazione - i profondi mutamenti, in relazione alla scelta scolastica,Degli Adulti, EDA (terminologia che continuiamo a preferire determinati negli studenti dalla frequenza della scuolaalla più recente Istruzione degli Adulti, IDA, riduttiva e di superiore.non ampio respiro) che è quello dove le contraddizioni sonopiù evidenti e non più sostenibili; quindi il settore in cui ilcambiamento è oramai indilazionabile pena il fallimento Alessandro Mattioli (a cura di)degli impegni presi con lU.E. ma più la sconfitta con la Il mestiere di insegnaresfida per il nostro futuro. Diversi modi di interpretare la professione dellinsegnante nella Un saggio sulle competenze, sulla rivoluzione scuola superioreche una scuola articolata per competenze implica sul mododi insegnare e su quello di studiare, sul modo di concepire Cisem, Quaderni, Franco Angeli, 2009e gestire il sistema di istruzione e formazione e su quello diintendere il concetto di responsabilità individuale ecollettiva. Chi sono, cosa pensano, come agiscono gliIl lavoro parte da un racconto di vita, dalla storia di Paolino insegnanti delle scuole superiori? Tutti crediamo diche diventa Paolo, e affronta pedagogicamente e conoscerli: ne abbiamo o abbiamo avuto infatti quotidiananormativamente tutto quanto riguarda lEDA, rivolgendosi a esperienza, come nostri insegnanti o come insegnanti deitutti coloro, istituzioni, categorie sociali, operatori scolastici, nostri figli. E tuttavia le rappresentazioni giornalistiche ecittadini, decisori politici e amministrativi, che hanno a televisive più diffuse e influenti li raffigurano in modocuore una scuola di qualità. irrealistico e stereotipato. 3
  4. 4. Le narrazioni dei media ci consegnano Fuori collanamacchiette e casi-limite: la debole e imbelle vittima degli in collaborazione con ProvMI Ass. Istruzione Ass. FPscherzi sadici di studenti bulli; lincallito assenteista edoppiolavorista; o allopposto, lammirevole missionario chededica ogni istante e energia alleducazione e al recupero ITER 2006 - Viaggiodi studenti incolti, turbolenti o deprivati. nel sistema di I professori e le professoresse in carne ed ossa istruzione enon riescono a riconoscersi in queste semplificazioni formazione dopo lascandalistiche o apologetiche. Il mestiere dellinsegnante è scuola mediauna condizione complicata e complessa, esposta ai rischidellinsuccesso, attraversata da molteplici e non facilicontraddizioni e dilemmi: descriverla e analizzarla non può Pche essere fatto con molti chiaroscuri. Questa ricerca rielabora in modo più approfonditoi dati empirici forniti dallindagine Cisem-Istituto lard del2006, di cui è stato dato un primo resoconto nel volume Lascuola vista dai protagonisti, curato da Roberto Biorcio ITER 2007 - Viaggio(Franco Angeli 2006). In essa si è cercato di ricostrui-re ciò nel sistema diche sono, fanno e pensano i docenti delle scuole superiori istruzione edella provincia di Milano in modi possibilmente più realistici formazione dopo lae obiettivi. scuola media Abbiamo provato a mettere a confronto i motivi Cisem/Provincia MIdella scelta della professione e i diversi modi di intenderlacon le aree più cruciali delloperare a scuola: la formazioneiniziale e in servizio; le scelte didattiche e valutative; irapporti con gli studenti; la soddisfazione. Ne scaturisceuna tipologia di cinque profili ben distinti di insegnanti: nonuna graduatoria di professori migliori o peggiori, ma unapluralità di stili, fra loro qualitativamente ben differenziati. Ogni tentativo di riforma e di miglioramento dellaqualità della scuola media superiore, se vorrà essererealistico e non rimanere sulla carta, non potrà fare a meno ITER 2007 - Viaggiodi confrontarsi con questa realtà pluralistica e variegata, nel sistema dinon riducibile a manicheistiche semplificazioni. istruzione e formazione dopo la scuola media Cisem/Provincia MI ITER 2 Guida ragionata alla scelta dell’università 2008 Offerta formativa degli Atenei e delle Accademie milanesi Informazioni utili per la scelta post diploma Progetto Centrorientamento scuola-università 4
  5. 5. Studi e ricerche Servizi del sistema educativo di istruzione e formazione. Azioni di sistema e sostegno del mercato del lavoro e del sistema educativo di istruzione e fp. Cisem, Regione Lombardia – Direzione Generale Istruzione Formazione Lavoro, Arifl, Agenzia Regionale per l’istruzione la formazione e il lavoro, Milano, 2007 di sistema e sostegno del mercato del lavoro e del sistema educativo di istruzione e fp. Cisem, Regione Lombardia – Direzione Generale Istruzione Formazione Lavoro, Arifl, Agenzia Regionale per l’istruzione la formazione e il lavoro, Milano, 2007 Kit Bussola Teorie, metodologie e strumenti didattici ed educativi al servizio della didattica al servizio della salute, a cura di Luca Ercoli, 2008 Un Progetto di Ala Milano Onlus con il patrocinio di Cisem, Provincia di Milano, Regione Lombardia “Bussola” è il nome del kit di lavoro che ALA Milano, un’associazione che riunisce professionisti del sociale, ma anche volontari e tirocinanti, ha realizzato, con il contributo della Fondazione Johnson & Johnson. Lo scopo è stato di offrire a docenti, educatori e psicologi uno strumento di facile utilizzo che metta in condivisione servizi, biografie ed esperienze su temi come la prevenzione dall’uso di droghe, i comportamenti a rischio Hiv, la dispersione scolastica, ma anche anoressia o bulimia. I contenuti-base sono stati dati proprio dalle esperienze raccolte in questi anni dall’associazione in oltre cento istituti scolastici con risposte schematizzate a domande frequenti quali: la necessità di conoscere casi analoghi e le modalità con le quali sono stati affrontati, le teorie degli esperti o dove rivolgersi per casi particolarmente complessi. (disponibile n consultazione)Innalzamento dell’obbligo di istruzione: una sfida aperta Il Cd allegato al quaderno “Guida alla sperimentazione per l’innalzamento dell’obbligo di istruzione” raccoglie i percorsi e gli strumenti elaborati dai gruppi di lavoro nella prima fase della ricerca azione e presentati nella quarta parte della pubblicazione affinchè i docenti possano utilizzarli così come sono stati costruiti o modificarli adattandoli allo specifico contesto didattico in una prospettiva aperta di libero utilizzo dei materiali messi a disposizione. Sul CD è presente anche una cartella contenente i documenti europei citati nel capitolo Le indicazioni provenienti dal contesto europeo. Altre due cartelle, denominate Normativa e Dibattito competenze, raccolgono documenti e spunti di riflessione per tutti i docenti. 5
  6. 6. On line www.cisem.it Sintesi del seminario Il riordino degli indirizzi riordina l’orientamento? La trasformazione degli ordinamenti scolastici provoca spesso promosso dall’Osservatorio mutamenti nell’orientamento delle scelte di istruzione e formazione. Provinciale in Rete del Tutto cambia, niente cambia: anche questo è successo nella nostra CISEM, al fine di scuola in occasione di riforme che hanno faticato a essere consolidare una cultura metabolizzate. integrata della raccolta dei dati e dell’interpretazione A cura di A.Falletti dei fenomeni relativi a Gruppo di ricerca: C.Cirulli, A. Falletti, F. Pozzi, F. Sturaro, I. Tsoi – istruzione e formazione. maggio 2010 La funzione principale dell’Osservatorio Parliamo di: Provinciale è quella di mettere in relazione i dati in • Cresce l’istruzione liceale, possesso dei diversi calano l’istruzione tecnica e soggetti che operano nel professionale? sistema di istruzione e • Effetto licealizzazione in formazione per evitare così crescita e progressivo calo di disperdere il valore di delle altre istruzioni anche al 1° insieme delle conoscenze, per promuovere l’intreccio anno di corso? interistituzionale nella lettura e interpretazione dei dati, per • L’effetto ripetenza monitorare i fenomeni di dispersione. L’intenzione è quella di dare impulso ad un Centro di • Frequentanti volatili e fenomeni divulgazione dati e servizi, che sia uno strumento di lavoro e di insuccesso scolastico ricerca per la Scuola e la Formazione professionale. • I buoni dati per una corretta A cura del Servizio Statistica comparazione con gli iscritti 2010/11 • Le iscrizioni al 1° anno di corso 2010/11 • Crescono l’istruzione liceale e tecnica, cala quella professionale Un breve estratto, arricchito di dettagli e • Cresce l’istruzione liceale, è in calo il liceo scientifico approfondimenti, dalla • Cresce l’istruzione tecnica industriale, è in calo quella ricerca “Gli studenti stranieri commerciale nel sistema di istruzione • Cresce l’istruzione professionale alberghiera, è in netto calo secondaria di II grado della quella industriale Provincia di Milano”. A cura di Alberto Falletti Gruppo di ricerca: Alberto Falletti, Francesca Pozzi, Iscritti al primo anno nella scuola secondaria di secondo grado Fabio Sturaro CISEM – in provincia di Milano – a.s. 2011/12 Servizio Statistica L’analisi si basa sui dati dell’Osservatorio “ScoPe” Parliamo di: (Scolarità e Pendolarismo) gestito, per conto della • Provincia di Milano, dall’Area • “Servizio Statistica” del • La consistenza del fenomeno Cisem e su quelli • Un marcato divario tra Nord e Sud dell’Anagrafe studenti gestito • Le più diffuse cittadinanze straniere dalla Regione Lombardia. I • Il ritardo scolare dati si riferiscono agli anni • Le difficoltà ad accogliere gli alunni stranieri scolastici 2010/11 e • Gli alunni stranieri nella scuola secondaria di II grado: la 2011/12. distribuzione nei curricoli di studio A cura di A. Falletti Gruppo di ricerca: A. Falletti, C. Cirulli, F. Sturaro, I. Tsoi Cisem – Area “Servizio Statistica” Parliamo di • iscritti e rischio di abbandono • come si distribuiscono nei comparti gli iscritti al primo anno? • la possibile approssimazione dei dati regionali degli iscritti al primo anno • l’istruzione liceale • l’istruzione tecnica • l’istruzione professionalen 6 Elenco pubblicazioni4.doc pubblicazioni8.doc Maria Grazia Meroni luglio 2011
  7. 7. On line www.iter.mi.it •CONSULTA ITER ON-LINEViaggio nel sistema di istruzione eformazione dopo la scuola media"E uno strumento di informazione e orientamento - rivolto ai giovani, ai genitori, agli insegnanti - per aiutare chi si trova a dover scegliere oconsigliare come proseguire gli studi dopo la scuola secondaria di primo grado.L’anno scolastico 2010/11 è particolare: - per le classi prime la scuola secondaria di secondo grado è nuova - nell’istruzione tecnica e professionale le classi seconda, terza e quarta subiscono una riduzione dell’orarioITER 2010 propone le novità, sintetizzandole in un linguaggio accessibile a tutti (si possono comunque consultare i provvedimenti nellaversione integrale nella sezione “Documentazione per gli orientatori). e offre una panoramica di tutte le nuove opportunità di istruzione eformazione presenti a Milano e provincia e un sistema di RICERCA SCUOLE in relazione al luogo in cui si abita. 7 Elenco pubblicazioni4.doc pubblicazioni8.doc Maria Grazia Meroni luglio 2011

×