Your SlideShare is downloading. ×
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Verbale Consiglio Comunale 14/06/2012

567

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
567
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. Copia COMUNE DI SANTACesena SOFIA COMUNE DI SANTA Provincia di Forlì - SOFIA Provincia di Forlì - Cesena DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero: 27 Data: 14/06/2012OGGETTO: COMUNICAZIONI INTERROGAZIONI ED INTERPELLANZE ART. 54 E 55DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALEL’anno Duemiladodici nel mese di Giugno il giorno Quattordici, alle ore 20:30, nella Sala delConsiglio presso la Sede Municipale, si è riunito il Consiglio Comunale all’appello risultanopresenti: Presente Presente FOIETTA FLAVIO S VALBONESI DANIELE N BOATTINI LUCA S RINALDINI MARIALISA N LOMBARDI FLEANA S COMANDINI ANDREA S NERI LUCIANO S BIANDRONNI GIANCARLO S TOSCHI ANGELO N SAMPAOLI FRANCO S LUNGHERINI PIERO S CAMPITELLI FLEANA S MAMBELLI GIOVANNI S VALENTINI ELISA S GUIDI ISABEL N PINI PINO S BRAVACCINI MAURIZIO S TOTALE PRESENTI 13Sono inoltre presenti gli assessori esterni MICHELACCI FABIO.Partecipa il Segretario Comunale Dott. PUPILLO MARCELLO.Dato atto che il numero dei presenti è legale per la validità della deliberazione, il SindacoFOIETTA FLAVIO assume la presidenza e dichiara aperta la seduta.Vengono nominati scrutatori i Consiglieri Comunali: PINI PINO, MAMBELLI GIOVANNI,BRAVACCINI MAURIZIO.
  2. “COMUNICAZIONI, INTERROGAZIONI ED INTERPELLANZE”Sindaco: prima di passare ad altri argomenti, volevo informarvi che domani ci sarà un convegnomolto importante, organizzato dalla Regione – Servizio Parchi, intitolato “L’Alta Via dei Parchi”,quindi, è un momento di promozione del nostro Parco nazionale, che si terrà domani alle 15, alCentro Culturale. Nella stessa occasione, alle 17, si celebrerà la nascita dell’associazione della Viadei Romei.Sabato, a mezzogiorno, invece, ci sarà l’inaugurazione del cimitero di San Paolo, ristrutturato a curadel Parco nazionale.Altro fatto da riferire è che, lunedì, sono iniziati i lavori della Via Nefetti e questo l’avete già visto.Lunedì, c’è stata a Milano la presentazione della mostra di Giovanna Bellini, nella sede dellaProvincia di Milano, presente il Vicepresidente dell’Ente e c’erano numerosi santasofiesi, perchél’Auser ha organizzato addirittura un pullman, ma, poi, là, abbiamo incontrato anche tutti isantasofiesi residenti a Milano, quindi, Pretolani, Aleotti, c’era anche Quinto Vecchioni. Si eranoradunati tutti per l’occasione e l’insieme dei momenti è stato molto emozionante.In merito al terremoto, sarà l’Assessore Guidi a illustrare.Guidi: la Provincia di Forlì-Cesena ci ha chiesto di collaborare per l’accoglienza di bambini, chesono residenti nelle zone terremotate, per cui, abbiamo offerto subito questa disponibilità earriveranno dal 25 giugno. La difficoltà che hanno questi bambini è quella di non avere luoghi dovefare i centri estivi, dato che, sotto le tende è molto caldo, a casa non possono tornare e le strutturesono inagibili, infatti, né le parrocchie, né le scuole sono in grado di organizzare questi centri.Stamattina, ho incontrato l’Assessore Baravelli, che mi ha detto che, visto che Santa Sofia,soprattutto con il discorso della scuola e dei centri estivi che organizziamo con il CIF, porta avantitutta questa serie d’iniziative, se non comincia Santa Sofia, forse, anche gli altri non troveranno ilcoraggio di farlo. Dal 25 giugno, pertanto, arriveranno questi bambini ed è ovvio che lacollaborazione sia richiesta un po’ a tutti. I primi ad attivarsi saranno il CIF, che organizzerà ilcentro estivo e Romagna Acque, che dovrebbe mettere a disposizione la residenza, perchédormiranno e staranno qui e, a tale proposito, l’Assessore doveva interpellare la Presidente diRomagna Acque. Poi, se avremo bisogno, vi contatteremo, tramite il giornalino o, comunque,volantini. In seguito, vedremo come organizzare al meglio questa situazione. In ogni caso, con unacinquantina di questi bambini, inizieremo subito, a rotazione, dal 25 giugno. La zona che ci saràassegnata è San Felice sul Panaro, quindi, i bambini provengono da lì.Biandronni: io mi complimento per l’iniziativa, perché, proprio oggi, Fleana ed io ci chiedevamocosa potevamo fare per aiutare quelle zone terremotate e questa decisione è bella e intelligente. Se cisarà bisogno, avrete senz’altro il nostro appoggio. Di bambini, più ce ne sono e meglio è, fino a uncerto numero, ovviamente. Poi, vedremo, anche per finanziare tutto questo, di trovare un sostegno,con iniziative, che, in qualche modo, possano essere messe in piedi. Noi diamo la pienadisponibilità a collaborare.Guidi: edifici ne abbiamo, poi, occorrerà organizzarci con il personale, che dovrà tenerli, perché,inserirli nel centro estivo significa…Biandronni: parla fuori microfono, non trascrivibile.Interruzione audio.Guidi: sì, adesso partiamo, in pratica, inserendoli in un’iniziativa già organizzata e strutturata,quindi, si dovranno fare quei pasti in più, mettere del personale, la notte, a dormire con loro. Poi, digiorno, c’è il centro estivo, che è organizzato con i pasti e gli educatori ci sono già. Alla fine, si
  3. tratta di dieci, quindici bambini in più. Poi, andando avanti, vedremo, insieme alla Provincia, comeprocedere con quest’iniziativa, cercando anche altri volontari.Foietta: approfitto di questo momento, per comunicare che Biandronni ha terminato la suamissione, almeno ufficialmente, perché, per il mondo della scuola…Biandronni: dal primo di settembre.Foietta: dal primo di settembre, quindi, ancora hai da fare, non sei in pensione.Neri: anch’io sono, naturalmente, d’accordo, anzi, entusiasta di questa iniziativa, ma dobbiamovalutare anche il fatto che diventerà impegnativa. In primo luogo, mi è venuto in mente che, inrelazione ai trasporti, si dovrà considerare che ci saranno più persone a muoversi, per cui sarànecessario adeguare il numero dei pullman, il loro orario e, quindi, occorre programmare questiaspetti, in modo adeguato, perché non possiamo inchiodare un’organizzazione già avviata. Vedoche, spesso, rispetto ai bambini, emergono necessità di spostamento e dato che quella dei trasporti èuna questione delicata, non vorrei che c’incagliassimo, strada facendo, su altri problemiorganizzativi. Della serie, è meglio pensarci prima, in modo da non avere intoppi…Guidi: quanto ai trasporti, almeno per portarli qua, ci pensa la Provincia, insieme alla ProtezioneCivile. Noi, comunque, abbiamo anche i pullmini, che sono a disposizione e che, quindi, dovremoincastrare con le altre corse già attive e le uscite che faremo, dovranno tenere conto anche deinumeri in più, però, quando si saprà esattamente quanti sono, non sarà un problema.Neri: dovremmo organizzare una festa di benvenuto, particolare, adatta ai bambini.Foietta: l’abbiamo realizzata per i profughi libici, per cui, certo, la faremo anche per loro.Foietta: Altra comunicazione, martedì, è stata approvata la delibera n. 44 della Giunta, conrisoluzione dei contratti di repertorio 600 e 10.664 del 2008, relativi alla concessione dicostruzione e gestione della piscina, per inadempimento del concessionario. Questa è la deliberache è stata assunta, era dovuta, non è stata votata all’unanimità, però, è stata approvata, per tutta unaserie di motivazioni e anche per seguire il piano, già previsto con il Credito Sportivo, dato che, dipericoli amministrativi e, soprattutto, legali, ce ne sono parecchi. Abbiamo tenuto diverse riunioni,anche recentemente, l’ultima risale a venerdì sera, in cui abbiamo incontrato tutti i legali. Voi sapeteche il Comune si affida al Segretario, ma, anche all’Avvocato Mischi, che è qui, proprio perillustrare la situazione e rispondere a eventuali osservazioni. Il Revisore dei Conti, non nella suaveste ufficiale, ha esaminato il problema. Sono intervenuti anche i legali delle parti. L’interaquestione è molto delicata e voi conoscete quale fosse la volontà dell’Amministrazione, perché iomi sono sempre mosso in funzione, prima di tutto, di garantire il servizio, poi, di non farci portar viala struttura dal Credito Sportivo. Eventualità, questa, molto facile, anche perché il Comune non puòsostenere il mutuo di Accadueo, dato che abbiamo un plafond di soli 4.500 euro l’anno, che, più omeno, corrisponde a un mutuo di 40-50.000 euro, non di più e non certamente di 640.000, cioè,quello che, invece, vuole chiedere il Credito Sportivo. Per cui, a questo punto, se non si avvianocerte procedure, il Credito Sportivo ha già individuato, nello Studio Legale Porraro di Roma, iltramite per espropriare il tutto e recuperare il credito, mediante una vendita futura, che avverràchissà come e quando. L’unico modo per evitare questo, è procedere con tutta una serie di passaggi,così come sono stati concordati, per vedere se il Credito Sportivo rallenta la sua azione forzata direcupero del credito, per almeno tre o quattro mesi, magari, arrivando alla fine dell’anno. In questomodo, dovrebbero venir fuori anche le perizie, chieste più volte dal Consiglio Comunale o,comunque, dall’Amministrazione, all’UTE. Io, domattina, alle 9,15, avrò un incontro a Forlì, con laDottoressa Massi dell’UTE, proprio per definire la modalità con cui eseguire queste perizie, chedovrebbero servire a migliorare il servizio e a cercare di chiudere alcune questioni con gli attuali
  4. concessionari. Si arriverà fin dove si potrà, perché, purtroppo, non ci sono molti margini su taliquestioni, che, a questo punto, toccano la variabile politica in modo molto limitato, perché, chidirige la situazione, oggi, è la parte legale, quindi, non è che abbiamo dei binari molto larghi su cuimuoverci, dobbiamo usare oculatezza, perché siamo abbastanza costretti. Qui c’è il Segretario, ma,per stasera, ho convocato anche e soprattutto l’Avvocato Mischi, perché so che ci sono osservazioniavanzate da diversi Consiglieri, dirette a chiarire aspetti già affrontati, che abbiamo sostenuto esosteniamo, perché ci si riferisce ad argomenti ovvii, già presi in considerazione nel nostroprogramma e altri, che, invece, probabilmente, non potranno esserlo, almeno questo è stato detto. Inogni modo, c’è l’Avvocato Mischi, che potrà darci tutte le risposte del caso e dirci se quelleosservazioni avanzate sono plausibili e se possono produrre risultati. Questo è ciò che vogliamofare, anche perché, noi ci muoviamo in maniera molto professionale. Chi non conosce la situazione,può consultare gli atti, anzi, io ho anche suggerito, data la particolarità e l’importanza del problema,l’eventuale costituzione di una commissione consiliare, composta di membri della maggioranza edella minoranza, per verificare come si è evoluta questa vicenda, perché ci si può anche non fidaredel Sindaco! Benissimo, chi vuole, si accerti e, poi, si pronunci, dato che, non c’è niente di peggioche esprimersi sul sentito dire! La raccolta delle firme si può organizzare anche dal fornaio, perqualsiasi finalità, ma questi sono argomenti molto seri e quando si firma e si affermano certeragioni, occorre sapere esattamente di cosa si parla. Non siamo dei dilettanti, perché qui non cipossiamo permettere di esserlo, dato che stiamo lavorando con soldi pubblici. La situazione è moltodelicata e, quindi, la preoccupazione mia, dell’Amministrazione e della Giunta, è assolutamentequella di salvaguardare non solo il sottoscritto e gli Assessori ma tutti i Consiglieri, perché, se undomani saranno chiamati a votare, se sbagliano, rischiano problemi di natura personale. Questo, loripeto per l’ennesima volta, poi, ognuno si assuma le proprie responsabilità e si muova come ritieneopportuno, però, io ho l’obbligo di mettervi in guardia e non sulla base delle mie convinzioni, ma,alla luce dei consigli di professionisti, cui ci siamo affidati, cioè, dei legali, che sanno come gestirequeste situazioni, quindi, noi siamo i loro portavoce. Se, adesso, qualcuno del Consiglio vuoleillustrare quali sono le problematiche, qui c’è chi può rispondere adeguatamente.Interruzione audio.Foietta: (…) con undici firme, io penso ci sia qualcuno, tra coloro che hanno sostenuto la raccolta,che voglia esporre la propria opinione, altrimenti non l’avrebbe fatto.Interruzione audio.Foietta: (…) perché non ci vogliamo tornare sopra cinquanta volte, visto che abbiamo tenuto unnumero smisurato di riunioni e si ritorna sempre sulle stesse questioni. Una volta dato unprogramma, quello deve essere, a mio parere, poi, se ne volete discutere…Segretario: la delibera, chiaramente, è a disposizione. Non è stata pubblicata stamattina, ma, lo saràdomani, perché, oggi, gli impegni mi hanno richiesto a Galeata. In ogni caso, l’atto spiega, in modochiaro, tutto l’iter che è stato seguito e anche le altre delibere che sono qui, saranno notificate esottoposte all’attenzione di chi ha interesse a tutelarsi. Aggiungo che la decisione contenuta inquell’atto non è competenza del Consiglio, ma della Giunta, che ha deliberato martedì, con unavotazione a maggioranza. Ripeto che la delibera di Giunta è a disposizione di tutti, dei Consiglieri,come dei cittadini e in quella si riporta un po’ tutto il percorso di questa vicenda. Il Comune hadeliberato in quel modo, poi, chiaramente, la discussione politica può essere quanto più ampiapossibile.Campitelli: scusi Segretario, dato che sarà pubblicata domani, infatti, oggi, l’ho cercata e non l’hotrovata, è possibile, stasera, averne una fotocopia? Intanto, posso intervenire? Bene, vorrei chiarireche tipo d’incontro c’è stato questa mattina, tra me il Sindaco e Valbonesi. Siamo andati,semplicemente, a protocollare e consegnare il documento, perché io sono sempre stata abituata a
  5. lavorare in maniera chiara e trasparente e, quindi, non volevo consegnare il documento all’ultimomomento, vale a dire, questa sera. Poi, è chiaro che ci siamo confrontati, però, ritengo che ladiscussione debba svolgersi in questa sede. Come ho detto stamattina, non siamo stati noi dellaminoranza a elaborare il documento, ma, abbiamo ritenuto di sottoscriverlo, perché necondividevamo la sostanza, quindi, potrei benissimo andare avanti anch’io, però, inviterei gli autoridel documento a intervenire, altrimenti, non c’è problema, possiamo farlo noi.Neri: io so che Daniele Valbonesi è a Firenze e ci resterà tutta la notte, per motivi di lavoro, perciò,non può essere stasera in Consiglio Comunale e, quindi, provo a sostituirlo. Parto da un aneddotopersonale. Nella mia carriera di Sindaco e di Amministratore pubblico, io ho subito diversi processie, in tanti casi, mi sono dovuto difendere, perché sono stato denunciato e, quindi, ovviamente, misono dovuto attrezzare per tutelarmi. In un’occasione, però, mi sono trovato nelle condizioni didenunciare, ma, per la verità, non ne avevo nessuna voglia e, quindi, avevo dato mandato al miolegale di lasciar stare, richiedendo, semplicemente, alla controparte pubbliche scuse. Poi, dato chequeste ultime non arrivavano, dopo un altro lungo periodo di riflessione, ho dovuto procedere,perché la controparte non mostrava neanche il minimo segnale di ravvedimento. Dico questo,perché, non mi risulta che ci sia l’obbligo di innescare dei percorsi di denunce, come verranno fuoridomani, se noi procederemo con un atteggiamento di contrasto pieno, nei confronti dellacontroparte. A me, personalmente, anche l’annotazione del Segretario sulla delibera di Giunta,interessa relativamente, perché, quanto alla stessa, l’unica differenza era se scegliere la viaconsensuale o quella unilaterale. Per il resto, è evidente che, comunque, Accadueo non è nellecondizioni di gestire la piscina, perciò, a me, della delibera di Giunta, proprio, non importa niente e,anche nell’incontro di stamattina, Valbonesi non credo sia entrato nel merito di quell’atto, che nonera l’oggetto della discussione…Foietta: parla fuori microfono, non trascrivibile.Neri: va beh. In ogni caso, la delibera di Giunta avrà un suo iter ma Lungherini ed io abbiamo soloevidenziato che avremmo preferito ci fosse stata una rescissione consensuale. In altre parole, inveced’innescare un meccanismo di denunce e controdenunce, riteniamo sia più opportuno tentare unatransazione. Sebbene la mia esperienza non sia molto vasta in campo legale e, anche se l’Avvocatonon sarà d’accordo, perché, ovviamente, la sua professione lo obbliga ad avere un’altra posizione,rimango dell’opinione che sia sempre meglio un brutto accordo oggi, che una causa vinta fra treanni.Foietta: parla fuori microfono, non trascrivibile.Neri: ti ripeto, ho vissuto questa situazione a livello personale, quando ho dovuto decidere io sedenunciare o no qualcuno, quindi…Foietta: Luciano, scusa, c’è un fatto che mi dispiace e che non si verifica solo adesso, ma, in tuttiquesti anni, chi ha voluto cercare di mantenere sul filo le azioni del Comune, in maniera retta, èpassato per il cattivo di turno, mentre qualcun altro si pavoneggiava, annunciando iniziative eilludendo la gente. Quando il sottoscritto cercava di ridimensionare le aspettative, perché non sonoun legale, ma un po’ di esperienza ce l’ho e so che, per raggiungere certi obiettivi, si devono seguiredeterminati iter, non c’era Pupillo, ma la Dottoressa Iocca, i legali li avevamo e a loro chiedevoconforto, ma, alla fine, ho sempre svolto il ruolo del cattivo, mentre, invece, cercavo di mantenereogni azione entro parametri corretti. Tra l’altro, se fossimo stati più decisi, determinati e seri, sì,anche seri, probabilmente, non ci troveremmo in questa situazione. Se si vuole continuare a farpassare il Sindaco come il cattivo di turno, vi dico subito che non ci sto, riguardo a questa vicendae, poi, c’è caso che venga fuori qualcosa di più grave. Questo è un avviso, perché è ora di finirla checi sia chi si vanta e qualcun altro debba essere il cattivo, insomma, io delle sputtanate per il paesenon ne voglio. D’accordo? Quando è stato il momento di aiutare l’ho fatto, perché mi sembrava un
  6. dovere, però, nel momento in cui è stato necessario dire no, ho anche detto no e, magari fossi statopiù deciso, probabilmente, sarebbe stato meglio. Per cui, quando il T.I.F. dice che il Comune hasbagliato, forse è vero e ho sbagliato anch’io, perché dovevo essere più determinato su certequestioni.Neri: provo ad andare avanti? Riparto da dove ero arrivato. L’Amministrazione comunale,sicuramente, in questo momento è in una posizione di forza, nei confronti della controparte, tant’èche, con motivazioni anche consistenti, è approdata alla rescissione unilaterale della concessione. Inquesto caso, l’Amministrazione ha portato avanti, con determinazione, una posizione e, vista,complessivamente, la situazione, obiettivamente, è in una condizione di forza, ma è proprio in virtùdi questa che, io credo, l’Amministrazione abbia la possibilità di scegliere se proporre o valutareuna proposta di transazione, che può arrivare dalla controparte, piuttosto che innescare unmeccanismo, che ci farebbe procedere in un percorso dagli esiti incerti. Non è che, scegliendo unastrada, raccoglieremmo soltanto rose e fiori e dall’altra parte troveremmo tutte spine, entrambi ipercorsi hanno delle incognite e, quindi, a questo punto, probabilmente, penso sarebbe saggioprendere in considerazione delle ipotesi transattive. Poi, nel documento si fa riferimento alle altrevariabili che erano state messe in campo, dalla disponibilità di imprenditori a comprare partidell’immobile, che è di proprietà di Point Break, alle ipotesi di modifiche societarie, quindi, misembra di capire, d’intravvedere, che la controparte ha, comunque, tentato di delineare un percorsofinalizzato ad uscire da questa situazione e, quindi, considerate le buone intenzioni esternate daAccadueo e Point Break, credo ci possano essere gli spazi per risolvere una questione, che rimane,comunque, molto ingarbugliata.Bravaccini: le buone intenzioni, dal mio punto di vista, finora le ha messe il Comune.Neri: cioè?Bravaccini: come ha detto il Sindaco, noi siamo invischiati in questa situazione, perché, finora, ilComune è stato buono, nel senso che, ha evitato di penalizzare la controparte. Non vorrei che,continuando così, rischiassimo di essere danneggiati noi. Occorre sia chiaro che il Comune non èche sia stato cattivo, ma ha fatto il buono.Neri: io, invece, dico tranquillamente che ho l’impressione che il Comune, finora, abbia fatto tuttoquello che doveva…Bravaccini: ha fatto di più, perché se l’Amministrazione avesse applicato il Regolamento allalettera, noi non ci saremmo trovati a questo punto. Se il Comune si è comportato in questo modo, èstato perché li conosceva, perché ci ha creduto, ma ha fatto di più di quel che doveva e, in qualchemodo, per questo, si è anche compromesso, a mio parere. Non è che Accadueo ci viene incontro,semmai è il contrario.Neri: da un punto di vista generale, non è questo il problema, nel senso che io sto dicendo che ilComune ha portato avanti questa situazione, in modo molto preciso e determinato, tant’è che, leposizioni, adesso, sono estremamente chiare. Io, però, rimango, ad ora, convinto del fatto che,comunque, l’obbligo di procedere in un percorso in cui, da domani, ci troviamo di fronte sette o ottoposizioni diverse, che, automaticamente, diventeranno la controparte del Comune, non so fino a chepunto possa giovarci. Poi, non sono mica qui a dire che la transazione la debba portare avanti Neri,non ritengo di averne le competenze. Ci sono delle figure professionali, sicuramente, in grado difare una transazione che tenga conto degli interessi del Comune ed io non ho alcun problemanell’affermare che, in tale accordo, sia il Comune, la parte che ci deve guadagnare. In ogni caso,considerati i punti interrogativi e le incognite, che rimangono comunque nella gestione di questastruttura, non vedo dove possa ravvisarsi un qualche elemento ostativo ad aprire una verificaconcreta sulla possibilità di una transazione sostenibile. Per cui, se decidessimo di fare intraprendereai nostri legali tale percorso, a mio avviso, sarebbe la scelta più semplice e lineare, anche perché
  7. l’obiettivo è quello di riaprire la struttura, nel più breve tempo possibile e una condizione chepotrebbe aiutare tale risultato, sarebbe quella di evitare di aprire contenziosi con l’attuale gestore.Questo, poi, non toglie che rimangano aperti tutti i problemi con il Credito Sportivo, con il nuovogestore da individuare, con il bando per trovare il nuovo gestore definitivo, ma, io non vedo, inquesto documento, alcun elemento di critica all’azione dell’Amministrazione. La riflessione che sipone al Consiglio è quella di verificare se, oggi, sia conveniente per il Comune andare avanti in unpercorso, che ci porta in causa con tutta la controparte, che è, tra l’altro, anche variegata e conposizioni molto diversificate, oppure, se sia opportuno, per l’Amministrazione, valutare delleproposte di transazione avanzate dalla controparte.Biandronni: io capisco che la situazione sia un po’ complessa, perché ci si presentano dueragionamenti, uno è politico e l’altro entra nel merito della questione. A tale proposito, poi,dovremo fare delle domande all’Avvocato, che chiamo sempre Misci, ma mi hanno detto che ilcognome è Mischi, per cui, mi scuso fin d’ora, perché quando comincio a sbagliare, continuoimperterrito. In ogni caso, quanto alla parte politica, a noi non interessa quella che sembra essereun’evidente divaricazione della maggioranza, perché, il nodo non dovrebbe essere questo. Se ciòche noi chiediamo, con questo documento, fosse condiviso dal Sindaco, probabilmente, non cisarebbe stato bisogno di portarlo, perciò si sarebbe trovata, all’interno della Giunta, una posizioneunanime, per seguire un percorso, sul quale ci saremmo confrontati. Io non vi voglio mettere indifficoltà, perché m’interessa vedere se riusciamo a risolvere questa situazione, però, vorremmorilevare che questa storia non possiamo fingere che non ci sia. Detto questo, chiarisco il motivo percui abbiamo firmato, mentre, l’altra volta, siamo partiti con un documento diverso, che noi abbiamocriticato, perché non ne sapevamo niente. Stavolta, invece, abbiamo avuto l’opportunità di leggerloe ponderarlo. Io ritorno al concetto di fondo, sulla cui linea noi ci siamo mossi, che è stata quella divedere se era possibile trovare una soluzione soddisfacente a quest’operazione, senza bisogno dientrare in causa e che si iniziassero le procedure di fallimento, anche perché non si sa come finirà lavicenda, quindi, noi vogliamo capire se si risolve, salvaguardando gli interessi di tutti, quelli delComune e del gestore della piscina. L’altra volta era capitato che, a seguito di quella proposta, eranoemerse diverse osservazioni, che sembrano superate, almeno in parte. Il Sindaco aveva chiesto chequalcuno s’impegnasse direttamente. Milanesi ha dato la disponibilità a prendere una parte, un altroprivato, citato nel documento, è pronto a impegnarsi con un secondo intervento, quindi, da un lato,il debito diminuirebbe e dall’altro, c’era un altro elemento che fungeva da ostacolo e cioè che labanca poneva problemi in relazione all’ipoteca. Per cui, se tutto corrisponde al vero, perché, noi cimuoviamo sempre per ipotesi, ma, mi auguro che gli accordi ci siano stati, con questo documento,noi avremmo due privati che vanno a ridurre il debito e che consentono la fattibilità dell’operazionedi rientro, quindi, la banca toglie l’ipoteca dal fabbricato, con una parte dei soldi che ci metteMilanesi e, perciò, viene meno il problema del mancato acquisto. Un’altra ipotesi, presentata peraccelerare i tempi, che fa parte delle domande che dobbiamo porre, in merito al documento, è che,invece di acquisire in comune, per una cifra x, da valutare ad opera dell’Ufficio Tecnico Erariale,quella parte di fabbricato che chiamiamo “il passaggio”, si potrebbe stimare una serie d’interventi,che l’attuale gestore ha realizzato, che sono andati oltre la convenzione che aveva stipulato con ilComune, per esempio: le macchine che sono presenti, un potenziamento dell’impianto termico ealtro ancora, elencato nel documento. Dopodiché, il Comune subentrerebbe, comprando tuttoquesto, ma, bisogna capire se è fattibile o no. Ecco la domanda e, in compenso, concederebbe ildiritto di passaggio, per un certo numero di anni, che qui, è detto gratuito, poi, non so se si risolvacon gli acquisti, in ogni caso, occorrerà trovare un accordo con il gestore. Il Comune compra beni einterventi, effettivamente, esistenti e che saranno stimati, non voglio essere io a valutarli, ma ci sonoe, quindi, se tutto questo avviene, si eviterebbe l’istanza di fallimento, perché, alla fine, si pagano idebiti, con l’accordo fra i privati, una fetta di fabbricato, in parte sarebbe acquisita da Milanesi e,nell’altra, ci sarebbe questo accesso, “il passaggio”, poi, la banca toglie l’ipoteca e c’è l’intervento
  8. di un altro privato, con un’acquisizione. Se tale progetto va in porto, pare che la situazione sirisolva, allora, la mia domanda qual è? E’ possibile perseguire questa linea? Se la risposta fossepositiva, noi saremmo contenti di arrivare a questa soluzione. La mia domanda, quindi, è abbastanzachiara, lei, Avvocato, ha letto il documento che abbiamo sottoscritto? In fondo, c’è anche unadomanda, con cui si chiede di riferire sull’attendibilità dell’allegato 1 e creare le condizioni, vale adire, incontrare i legali. Se, pertanto, non ci sono altri interventi, intesi a precisare quanto hoesposto, lei, a questo punto, dovrebbe rispondere a domande quali: se, dal punto di vista tecnico,queste operazioni sono fattibili e se il Comune, con un intervento finanziario sostenibile, possaacquisire quei beni, riconosciuto che è vero che gli stessi rappresentano un impegno affrontato dalgestore, al di là della convenzione stipulata con l’Amministrazione. Per cui, se con un intervento,entro il limite delle risorse finanziarie che il Comune è in grado di mettere a disposizione, che, mipareva di aver capito si aggirassero attorno ai 250.000 euro, cui si aggiunge quello dei privati, siriesce a sistemare tutta la faccenda, ben venga! Questo è il nostro ragionamento, ma io credo siaanche l’intenzione del Sindaco, me lo auguro, a meno che non si siano verificati fatti che io non so.Michelacci: l’intenzione di risolvere, nella maniera più positiva per tutti, con meno morti e feriti,credo sia nella volontà di ciascuno di noi, Consiglio Comunale in primis, Sindaco e compagniabella. In ogni caso, in qualità di Assessore esterno di questa Amministrazione, indicato dal PartitoDemocratico e fiduciato dal Sindaco, sono legittimato a interventi di natura tecnica e intendoribadirlo, quindi, vorrei apportare anche il mio umile contributo a questa vicenda. Ho scritto quattrorighe, così, a braccio, prima di venire e, potrei aver commesso degli errori, ma, intendo leggervele:“Ad oggi, 14.6.2012, il documento firmato dai Consiglieri di maggioranza, in parte e di minoranza,non mi è ancora stato fatto vedere. Mi sono giunte voci, che tale documento circolava già dallasettimana scorsa, quindi, ancor prima della Giunta di martedì 12,” perciò, in Giunta, questodocumento non è passato. Scusa Biandronni, ti porto via la parte politica dell’opposizione, midispiace…Quel documento è stato fatto visionare al Sindaco solo questa mattina,” quindi, gli animi li accendoio, stasera, “all’Assessore esterno, solo ora, alle ore 9, da parte dell’Avvocato Mischi, che mi hafatto una fotocopia.” D’accordo? “Se ciò che mi è stato riferito, da Consiglieri, sia di maggioranza,sia di minoranza”, perché, comunque, siamo cittadini di Santa Sofia e, fra noi, parliamo,“l’Assessore alle Attività Produttive, nonché Consigliere, ha portato a spasso tale documento,omettendo, in taluni casi, di essere il principale propositore, anzi, dicendo che non avevaconoscenza neppure del contenuto, fino a che non l’ha firmato.” Quando? Chiedo io. “Anche questasera, come visto, ne era sprovvisto”, cioè, non aveva con sé il documento, quindi, può darsi, cheabbia anche ragione. “Al Consigliere Valbonesi”, ora assente per motivi di lavoro, “in un dibattitosulla vicenda, che abbiamo avuto oggi pomeriggio, ho lamentato questa mancanza. Soloinformalmente ho ricevuto, da esponenti della minoranza, la possibilità di visionare il documento,”fatto gravissimo, credo, “che, per correttezza, non ho accettato.” Ho detto: “grazie, non mi serve”.“Per farla breve e non dilungarmi troppo”, perché di chiacchiere ne sono state fatte tante suquest’argomento, oltremisura, anche e fuori luogo, spesso, “sono a porre alcune domande: siamosicuri che tutti i Consiglieri, chiamati a esprimersi sulla vicenda, stiano facendo, esclusivamente,gl’interessi della comunità?” Il quesito potrebbe essere legittimo, oppure no, non lo so. “Ciò che sista, insistentemente, sotto forme diverse, portando avanti è nell’interesse di tutti o di pochi?” E’un’altra domanda che mi pongo. “Credo sia ora di chiarire tanti lati oscuri di questa vicenda,altrimenti, arriveremmo alla stregua di Galeata.” Questo è un mio punto di vista personale. “Avreivoluto essere più incisivo, da un punto di vista tecnico, ma del documento presentato, in qualità diAssessore esterno…”………: voce fuori microfono, non trascrivibile.
  9. Michelacci: perché il PD è il Partito Democratico, se, poi, quello di Santa Sofia è il Partito del“fasem tut da noun” (*), non ha niente a che vedere con il PD nazionale e provinciale, che sonorealtà diverse. In ogni caso, non compete a me, sollevare queste obiezioni. Gli scontri politici, cheriguardano il Partito Democratico, si terranno in altre sedi. “A me spetta, esclusivamente, il compitodi svolgere le funzioni assegnatemi, nel miglior modo possibile, con limitazioni tecnico-amministrative e legali vigenti”, nel senso che, le nostre azioni hanno limiti dettati dalle leggi e ciòche queste non ci permettono, non si fa, “nel rispetto di tutti i cittadini di Santa Sofia,” tutti,”quindi,con pari dignità sociale, culturale, eccetera.” Riprendiamo anche la Costituzione, visto che ci siamo.Con questo chiudo il mio intervento, citando una frase di commiato, che ci ha insegnato un amico ecioè: “con la stima che ognuno si merita”. Aggiungo, rivolgendomi a Biandronni, che nessuno hadetto ad Accadueo di intervenire oltre il dovuto. Se hanno costruito più di quanto pattuito, nonglielo ha mica ordinato il dottore! I debiti, con quella cifra, si ripagano solo in parte. Poi, chi non ècontento, se la situazione si conclude positivamente? Tutti! Se la questione potesse risolversi, inbreve tempo, saremmo felici e andremmo a farci il nostro aperitivo al bar, a festeggiarel’avvenimento “e tutti vissero felici e contenti”, come nella favola di Biancaneve, in cui arriva ilprincipe, eccetera. Chi è che non vuole un lieto fine, per questa vicenda? Quando, però, non ci puòessere, occorre valutare la possibilità che, davanti, ti appaia un mostro, affinché, poi, il principeazzurro venga a baciarti, per risvegliarti. D’accordo? Con questo, ho finito il mio intervento.Mischi: voi non mi conoscete, quindi, pensate io sia un avvocato, come la maggior parte dei mieicolleghi, che vive guadagnando, facendo tante cause. Vi devo, purtroppo, smentire, da questo puntodi vista, mi guadagno da vivere offrendo consulenza. Il mio obiettivo primario non è fare cause, ma,trovare il modo di evitarle preventivamente, quindi, l’approccio con il quale mi sono dedicato aseguire il Comune in questa vicenda, non è quello in cui ci si sfregano le mani e si dice “ah chebello, decidiamo quante cause fare, prima l’una, poi, l’altra e cominciamo a sparare e vedrai chequalcosa con cui lavorare lo portiamo a casa”. No, capiamoci bene su questo, l’obiettivo che ilComune credo debba perseguire, è quello di avere una piscina aperta e funzionante e, allo statoattuale, il gestore ha dimostrato di essere incapace, prendiamone atto, punto e basta. Sul perché losia, possiamo discuterne, però, il dato di fatto è che il gestore è incapace. Dal momento in cui esisteun contratto, tra il Comune e il gestore, c’è un accordo, per cui ognuno deve fare la propria parte. IlComune ha adempiuto ai suoi obblighi, mettendoci i soldi, 800.000 euro circa, per finanziare lacostruzione della piscina. Il gestore doveva rispondere, accendendo il mutuo con il CreditoSportivo, per finanziare il resto della piscina, attivare la stessa, gestirla e tenerla in piedi. Il contrattoha una durata di cinquant’anni, erano venticinque, ma è stato il gestore a chiedere di raddoppiare ilperiodo, perché, così, quadravano meglio i suoi conti. Siamo arrivati al quarto anno ed è già agambe all’aria. Per cui, se il gestore, dopo quattro anni, è riuscito a non pagare un soldo al CreditoSportivo, dal quale ha avuto 538.000 euro, ha tenuto lo stesso comportamento nei confronti delComune, cui non ha versato neanche il canone, ma, dal quale ha ricevuto 800.000 euro, non hapagato i costruttori e ha debiti, in giro, per 600.000 euro, questo risulta dal bilancio di Accadueo,non ha pagato le utenze, cioè la luce, l’acqua, il gas. Poi, non ha versato neanche i premi diassicurazione e, a tale proposito, vorrei rilevare, che il gestore ha sospeso i pagamenti delle polizzeassicurative, non solo per il fabbricato, ma anche per la sicurezza degli utenti della piscina e questoè accaduto da novembre. Per cui, di fronte a un gestore che ha amministrato l’attività con questinumeri, il Comune, a vostro giudizio, doveva decidere per una risoluzione consensuale? Potevamuoversi solo con una risoluzione in danno del gestore. La scelta della risoluzione consensuale delcontratto è possibile solo quando i contraenti vanno d’accordo ed entrambi trovano vantaggiososepararsi, ma nessuno dei due ha qualcosa da rimproverare all’altro. In questo caso, invece, citroviamo di fronte il Comune che ha fatto la propria parte e un gestore che ha mancato ai propriobblighi. Per cui, la risoluzione in danno del gestore era un atto dovuto, poi, possiamo discutere sel’abbiamo fatto a tempo debito o se sarebbe stato opportuno procedere un anno fa, in ogni caso, è
  10. una realtà che, martedì scorso, è stato deliberato. La risoluzione del contratto è il passaggio, sevolete, doloroso ma necessario, per trovare un altro gestore, perché, se non togliamo di mezzoquello attuale, che, per di più, non è in grado di tenere aperta la piscina, ovviamente, non ci potràessere nessun altro che subentri. Con Accadueo, una volta risolto il contratto, occorrerà sedersi a untavolo di negoziato, ove si farà il conto dei danni, da una parte e dall’altra. Nel momento in cuil’Amministrazione dice “Tu, gestore non sei stato all’altezza, non hai onorato la parte delle tueobbligazioni contrattuali, per cui, mi hai procurato un danno”, qual è il danno che subisce ilComune, a vostro parere?………: voce fuori microfono, non trascrivibile.Mischi: il danno più grosso che subisce il Comune è che, se il Credito Sportivo, che deve avere daAccadueo 538.000 euro di capitale, che sono diventati 640.000, a causa delle rate non pagate, trainteressi, mora e tutto il resto e che ha l’ipoteca sulla piscina, domani mattina, pretendesse indietro isoldi. Dato che, poco ha a che fare con l’interesse pubblico della piscina di Santa Sofia e, quindi, lametterebbe all’asta e a comprarla, non credo ci sarebbe la fila, anzi, probabilmente, l’asta andrebbedeserta, nella prima e forse anche nella seconda seduta. Attenzione, se quella piscina andasseall’asta, per, poi, essere venduta, supponiamo, a 300.000 euro, il risultato finale sarebbe, non solo,che il Comune non avrebbe più la piscina, ma, dovrebbe continuare a pagare 800.000 euro di debiti,per una piscina che non c’è più. Se, pertanto, dovesse accadere tutto questo, il danno per il Comunevarrebbe un sacco di soldi. Per cui, se l’Amministrazione non avesse deliberato la risoluzione delcontratto in danno e, domani mattina, si fosse verificato tale scenario, la Corte dei Conti avrebbechiesto il risarcimento a chi a preso queste decisioni. Tutti i danni che ha subito il Comune e cheAccadueo non è in grado di pagare, perché, tanto, fallirà a breve, la Corte dei Conti li chiede agliAmministratori di questo Comune, che non hanno preso le decisioni al momento giusto. Questa è lapreoccupazione che dobbiamo avere, quando scegliamo dove andare e come fare. Qui, in ballo, c’èil rischio di danno, di un valore economico veramente esagerato. In ogni caso, ci dovremmo sedere,attorno a un tavolo, con il gestore, per stabilire la qualità e la quantità del danno da parte nostra eloro. La controparte, sicuramente, dirà che ha costruito una piscina che vale molto di più, che dentroci sono macchine, attrezzature, che c’è un impianto che vale una determinata somma, d’accordo?Diciamo che questo valore in più, potrebbe raggiungere la cifra di 350-400.000 euro, perché di talisomme finora si è parlato. Benissimo, anche ammesso che questo valore sia vero, cosa che ancoranessuno ha accertato, ma diamolo per buono, in questo momento, sull’altro piatto della bilancia,bisogna metterci il danno che ha subito il Comune, che, a oggi, ammonta a 100.000 euro di canoninon ancora incassati. Cifra che ho arrotondato, perché, in realtà, sarebbero 87.000 e, aggiungendogli interessi, arriviamo a 92.000 euro. In ogni caso, a questo valore economico certo, bisognaaggiungere il danno derivante dal fatto che la piscina starà chiusa, che qualcun altro la dovrà gestiree questo soggetto, speriamo che venga e accetti le stesse condizioni del contratto che,originariamente, sottoscrisse Accadueo. Se il futuro gestore pretendesse dei soldi o una riduzionedel canone o una posticipazione del pagamento dello stesso, anche questo diventerebbe un dannoper il Comune. Ci siamo sul concetto? Poi, ancora, la piscina, in base al contratto, doveva costarequasi 2.000.000, secondo il bilancio di Accadueo, è costata 1.750.000, allora, se hanno speso250.000 euro in meno, questi soldi dove sono? Attenzione, tale valore di 250.000 euro è un dannodel Comune? Può darsi, non lo so, però, se l’obiettivo primario è riaprire la piscina…Biandronni: è costata di meno, non di più.Mischi: è venuta a costare di meno. Quando si è stipulato il contratto tra il Comune e il gestore,quest’ultimo ha affermato che, inizialmente, avrebbe costruito una piscina da 1.600.000 euro. Poi,c’è stato un secondo contratto, in cui il gestore ha chiesto di prolungare la durata da venticinque acinquant’anni, promettendo di realizzare una piscina più bella, con la costruzione della sala degliattrezzi, sopra la vasca. Tale parte in più, aumentava la spesa fino a 2.000.000, questo era da
  11. contratto. Dal bilancio di Accadueo, al 31 dicembre 2011, risulta che la piscina è contabilizzata per1.750.000, quindi, mancano 250.000 euro. Per cui, dalla parte del Comune, dovrei dire al gestoreche ha costruito per 250.000 euro in meno e se, oggi, mi viene a chiedere dei soldi, per il maggiorvalore che ha la sua piscina, io parto da 250.000 euro in meno, questo è il punto. Quando, pertanto,il gestore ipotizza che, forse, la piscina avrebbe un maggior valore di circa 400.000, io a quellasomma detraggo 250.000 euro, meno 100.000, che sono i canoni che deve avere il Comune e, aquesto punto, voi capite che “non c’è troppa trippa per gatti”, qui. Questi ragionamenti, comunque,si faranno quando si aprirà la trattativa sui danni, da una parte e dall’altra, che si potrà chiudere indue modi: o andiamo in causa, o facciamo una transazione. Quello sarà il momento in cui potrànascere la transazione, solo sul dare e sull’avere. Nel frattempo, però, l’obiettivo primario è riaprirela piscina, quindi, martedì è stata deliberata la risoluzione del contratto, domani o il giorno dopo,questa decisione sarà comunicata agli interessati, quindi, anche loro ne avranno, ufficialmente,conoscenza. Dopodiché, bisognerà, solamente, andare a fare l’inventario dei beni presentiall’interno della piscina e, una volta che il Comune l’avrà presa in carico, dal giorno dopo, potràaffidare la gestione a qualcun altro, con il quale stipulerà un nuovo contratto. In parallelo, farà ilnegoziato con Accadueo, per discutere sul dare e l’avere di ciascuna parte e, poi, vedremo qualesarà la cifra finale. Questo è il percorso da seguire, perciò, l’invito che ho trovato scritto in questodocumento, di avviare una trattativa, eccetera, era già nelle cose. Il punto su cui, forse, non cicapiamo è che non si inizia a trattare il valore economico, da una parte e dall’altra, senza aver primafatto i passi giusti, che erano, necessariamente, la risoluzione del contratto, in danno, purtroppo, nonconsensualmente. Questo è il meccanismo. Tutto quello che accadrà in futuro, vale a dire, doveandremo, dove arriveremo, saranno questioni di carattere economico. Poi, è chiaro che a tutti icittadini di Santa Sofia farebbe piacere che l’attuale gestore non andasse in fallimento, sonoconvinto anch’io, perché siete tutti dello stesso paese, vi conoscete, siete cresciuti insieme e magari,da ragazzini, avete frequentato la stessa scuola, quindi, immagino che nessuno voglia augurare ladisfatta all’iniziativa di qualcuno, che si è messo in moto con intenzioni imprenditoriali! Il fatto èche non si possono spendere soldi pubblici, per salvare un’impresa, che non sta in piedi con inumeri. Siamo in un Paese in cui, un’azienda, che non è in grado di onorare i propri impegni,fallisce e, se il sistema economico sia giusto o sbagliato, possiamo discuterlo, però, funziona così. Atale proposito, vorrei chiarirvi che, dal bilancio del 2011, emerge che Accadueo ha una perdita diesercizio di 200.000 euro, circa, per cui, la gestione ordinaria dell’esercizio 2011 conta un meno200.000 euro, allora, se un’impresa vale questo risultato, dobbiamo dirle che le daremo 200.000euro di soldi pubblici, per farla stare in piedi per un altro anno? Non si può fare una cosa del genere.Aggiungo un ulteriore passaggio, in un’operazione come questa, di concessione di costruzione egestione, quando si fecero i conti, all’inizio, si predispose un business plan, documento nel quale sicalcola quanti saranno i costi e le entrate. Dato che il contratto, in prima istanza, doveva durareventicinque anni, ma a seguito di un successivo accordo, è stato portato a cinquanta, l’equilibriodell’operazione deve essere visto nell’arco temporale. I primi anni sono, necessariamente, sempre diperdite, nel business plan è sempre così, non esiste che si guadagni già dal primo anno, dopo averspeso due milioni, per costruire la piscina. L’equilibrio del bilancio e dell’operazione sta in piedidopo un po’ di anni, perciò, dopo aver iniziato a estinguere il debito, pagare le rate, le entrateaumentano, i costi di gestione si riducono e, gradualmente, si comincia a guadagnare. Nell’arco deiventicinque, poi, diventati cinquant’anni, se i conti sono stati fatti correttamente, il bilancio devequadrare e l’operazione intrapresa guadagna. Io devo partire dall’assunto, che chi ha avviatoquest’impresa, l’abbia fatto per guadagnare e, se oggi, dopo quattro anni, lamenta di non starci piùdentro e che vanno a gambe all’aria, devo concludere che i conti erano sbagliati, fin dall’inizio, oche, forse, la gestione è stata meno curata del dovuto. Se, pertanto, una o entrambe le ragioni sonovere, non si può spendere denaro pubblico, per salvare un’azienda così. Il tempo dell’IRI è finito eaggiungo che se il Comune deliberasse di spendere denaro pubblico, per salvare un’azienda in rottadi fallimento, sarebbe un danno erariale grosso, che dovreste pagare tutti voi. Se, pertanto, il vostro
  12. approccio al problema e quello di salvare a tutti i costi Accadueo, per le vostre ragioni affettive,Signori, questo è un orientamento pericoloso, perché rischiate di pagarne le conseguenze. Tutticoloro che deliberano di spendere soldi pubblici, con questa finalità, si espongono all’eventualità,poi, di doverli restituire al Comune. Per cui, anche se nessuno vuole che Accadueo fallisca, non sipuò addossare al Comune la responsabilità del fatto che la stessa abbia preso 538.000 euro dalCredito Sportivo e non abbia pagato neanche la prima rata del mutuo, seminando 600.000 euro didebiti nei confronti dei fornitori, questa condotta può essere imputata solo al gestore, quindi, perquanta buona volontà ci possa mettere il Comune su questa partita, non ci sono alternative. L’ultimopunto riguarda l’operazione acquisto palazzina di fianco, considerata come la soluzione delproblema, perché genererebbe liquidità, eccetera. Per il Comune, quest’ipotesi d’intervento presentadue aspetti delicati, che sono: 1) il proprietario della palazzina si chiama Point Break e nonAccadueo. Dato che sono due soggetti diversi, il Comune, quando si confronta con Accadueo,discute dei debiti e dei crediti ed è una situazione. Se vuole comprare una parte di palazzina di PointBreak, conduce un’altra trattativa con la stessa, in cui valuta la propria disponibilità a comprare ilbene, in base all’esito della contrattazione delle condizioni d’acquisto. Non è possibile mettere sullostesso piatto della bilancia le due situazioni, utilizzando una sorta di permuta, che garantirebbe alComune, invece dei soldi che deve ricevere da Accadueo, la proprietà di parte di palazzina di PointBreak. Non si può concludere uno scambio del genere. Nel costruire quest’operazione, tutti siconfondono, per il fatto che si confrontano con le stesse persone che si muovono all’interno sia diAccadueo, sia di Point Break, personalizzando i flussi. Questi ultimi, in realtà, provengono da duesoggetti diversi, da questo scaturisce la difficoltà. 2) Sia che il Comune voglia comprare laproprietà, di tutto o di parte del piano di sotto, sia che intenda acquistare solo il passaggio di quelpezzo di palazzina di fianco, in ogni caso, il Comune queste ipotesi le potrà considerare, soltanto seci sarà una stima espressa dall’Agenzia del Territorio. Finché non abbiamo un valore economico diriferimento, vale a dire, sapere che quell’edificio costa 1.000, 2.000 euro al metro quadro o quelloche è, non si deve iniziare neanche a discuterne. Ci può essere la buona volontà e voi, dal punto divista politico, avete la facoltà di proclamare le vostre intenzioni, prendendo impegni di caratterepolitico, affermando, quindi, di volere andare in quella direzione, va benissimo. Dal punto di vistagiuridico, però, rispetto agli impegni che il Comune può assumere, finché non abbiamo dei valorieconomici di riferimento, parliamo di aria fritta. Solo quando si disporrà della stima della palazzina,allora, a quel punto, si potrà dire che, se il Comune vuol comprare un metro quadro, costa tot, seintende acquistarne di più, costa tot, considerando, ovviamente, quanti soldi ha da spendere. Questisono i ragionamenti da fare. Ho risposto a tutto?Neri: sì, tant’è che possiamo anche essere d’accordo su quasi tutto quello che è stato detto. Non hamolto senso dell’umorismo l’Avvocato Mischi, perché la battuta sull’avvocato che rincorre le cause,era intesa a far sorridere, per cui, non era necessario rispondere, da un punto di vista professionale.E’ indispensabile, però, a questo punto, entrare un po’ più nel merito, visto che lei si è addentrato intutta una serie di numeri e questioni, che, ovviamente, sono anche molto tecniche e precise. In ognicaso, da Santa Sofia, alla fine, siamo arrivati a individuare un avvocato che esercita la professione aBologna, proprio perché, evidentemente, il Sindaco, l’Amministrazione hanno preso atto che lasituazione era ingarbugliata, altrimenti, forse avremmo trovato qualche avvocato che opera nelpercorso tra Santa Sofia e Forlì, invece di andare a cercarne uno che esercita a Bologna. I temi posti,pertanto, sono sicuramente complessi, ma anche risolvibili. Nel senso che, se Point Break mette ingioco una parte della sua proprietà, sta a un tavolo tecnico capire quali sono i percorsi e comemuoversi per fare entrare questo bene in una trattativa, che non coinvolge, oggi, direttamente, PointBreak. Sappiamo benissimo che anche quella è una situazione particolare e complessa. Nei numeriche sono stati riportati, quindi, il costo della piscina, che, a bilancio, sarebbe di 1.800.000, non hocapito se sono stati conteggiati anche i 600.000 euro di debito, che sono ancora in giro, perché senon lo fossero stati, saremmo già a una quota di 2.400.000. Per cui, anche in questo caso, se
  13. vogliamo addentrarci maggiormente nel merito, occorre capire bene quali siano i numeri che noiprendiamo in considerazione, se in toto o in parte, anche perché siamo tutti animati dalla ricercadella massima precisione possibile, nell’analisi di questa situazione. Nessuno di noi vuole esseresuperficiale. Ci sono anche delle valutazioni da fare nel merito, per capire qual è stato l’iter diquesta vicenda e anche gli elementi che, poi, hanno portato a questo stato di gestione fallimentare,perché, è ovvio, come dicevo prima, che i gestori sono stati i primi a rendersi conto di non esserenella condizione di portare avanti una struttura del genere, quindi, non è un problema, se, comeGiunta o Consiglio, prendiamo atto che dobbiamo trovare un nuovo gestore. Io ho maturato laconvinzione che, in gran parte, i problemi siano emersi dal fatto che Accadueo ha finanziato lacostruzione della vasca idroterapica, struttura, che, poi, non ha prodotto reddito, per mille motivi, èrimasta solo un notevole onere finanziario, senza essere produttiva. Questa è una mia valutazionepersonale, anche se non so quanto siano costati quei lavori. Mi sono fatto quest’opinione, visto che,ogni tanto, li conto e sono già diciannove mesi che seguo, direttamente, la questione di Accadueo,quindi, azzardo la conclusione che il primo grosso problema sia nato dal fatto che Accadueo harealizzato tutti i lavori della vasca idroterapica e questa, non producendo entrate specifiche, hacreato una marea di pesi finanziari, che, poi, non sono stati sopportabili. Questo è il senso delragionamento, in base al quale, ci si domanda se ci sono dei lavori, cui l’Amministrazione potrebbericonoscere un indennizzo. In quanto, se la vasca idroterapica è lì e se, soprattutto, non è statapagata, dati quei famosi 600.000 euro di debito, forse, è ancora possibile che l’Amministrazione,legittimamente, si segga a un tavolo con la controparte, attribuendo un valore x a quei lavori, chehanno creato un debito, un peso finanziario che, poi, ha fatto andare a fondo l’iniziativa, ma non lovoglio dire io.Foietta: parla fuori microfono, non trascrivibile.Neri: il servizio della vasca idroterapica è più importante di quello della piscina, per il cittadino,perché rientra nell’offerta sanitaria, mentre, la piscina risponde a esigenze del tempo libero esportivo. Poi, che non sia stata ancora adottata, a oggi, la convenzione con l’ASL, per alcuneprestazioni sanitarie, all’interno di questa struttura, certo, questo è stato un grossissimo limite per lagestione Accadueo ed è anche la causa, per cui ha prodotto solo costi e non benefici.Foietta: parla fuori microfono, non trascrivibile.Neri: il nuovo potenziale gestore, è quello che ha riconosciuto, nella vasca idroterapica, un valoreaggiunto all’intero impianto.Michelacci: così la paga lui, se è vero quel che dice.Neri: no, è chiaro che la sua prima mossa sarà quella di sottoscrivere la convenzione con l’ASL.………: voci fuori microfono, non trascrivibili.Neri: il problema non è quello di stipulare una convenzione, perché se tu, oggi, hai bisogno di unaterapia in acqua, vai a farla a Castrocaro, a Bagno o in altri impianti attrezzati allo scopo. Per leprestazioni sanitarie di quel tipo, però, i cittadini di Santa Sofia, Galeata, Civitella, Premilcuore,parte di Bagno, possono usufruire benissimo di quella struttura. L’ASL non ha alcuna difficoltà adaprire la convenzione, il punto è che ci metterà le risorse finanziarie corrispondenti alle prestazionisanitarie di questo bacino d’utenza. Chiaro che non potrà pensare di obbligare un cittadino di Forlì avenire a Santa Sofia, altrimenti, si farebbe linciare. Non m’interessa tanto questo, mi preme, invece,rimanere nel ragionamento portato avanti dall’Avvocato Mischi, nell’andare a individuare qualisiano state le reali cause di questa disavventura. Per cui, se è vero che sono stati eseguiti lavori inpiù e il debito rimane di 600.000 euro, vuol dire che la struttura è costata 2.400.000 euro e che ilgestore ha realizzato lavori che potremmo anche indennizzare, dopo attenta valutazione, seconcludiamo che quel servizio, che ha una caratteristica sanitaria, sia importante per la nostra
  14. popolazione. Del resto, non saremmo neanche stati d’accordo ad allungare la concessione daventicinque a cinquant’anni, se non fosse stato proprio in virtù di quei lavori che avrebberoeseguito. Sarà compito dei tecnici individuare quali siano i punti di ricaduta, ma io credo ci siano imargini transattivi, per ragionare, con tranquillità e lucidità e arrivare a una soluzione di tutta questapartita, che rimane complessa. L’altra questione fondamentale riguarda il Credito Sportivo, a taleproposito, non è pensabile che i 570.000 euro, dovuti dal gestore, che in un piano finanziario eranodiluiti nel corso di diciotto anni, noi, oggi, li valutiamo come un danno, nel giro di ventiquattro ore,è evidente che dovremo pubblicare un bando, per trovare un nuovo gestore, che faccia fronte a talespesa. Si è anche detto che, invece di diciotto anni, potrebbero essere trenta, o, comunque, l’Istitutodi Credito Sportivo, probabilmente, è disponibile a fare un piano di ammortamento da venticinqueanni, in ogni caso, sempre meglio di quello che c’è attualmente, di diciotto/diciannove anni, in capoad Accadueo. Poi, il problema del Credito Sportivo rimane, è ovvio, però, non è che noi possiamoprendere i 570.000 euro, che sono, oggi, diluiti in diciotto anni e pensare che, in ventiquattro ore,qualcuno debba tirarli fuori. Se è vero che, prima, si potevano pagare in diciotto anni, adesso non èmica arrivato chissà chi, che, in ventiquattro ore, tira fuori una somma di quel genere. Io credo ci siala volontà, da parte di tutti, di trovare una soluzione al problema, non diretta a mantenere Accadueocome gestore, ma a dare l’opportunità a tale società di uscire dalla gestione, perché, poi, noi, dadomani, si possa già mettere il nostro gestore provvisorio, senza avere contenziosi aperti con quelloattuale. Poi, Avvocato Mischi, è vero, si tratta di un lavoro complesso e, sicuramente, abbiamopochissimo tempo a disposizione, però, ciò che si chiede è che, pur nella sua complessità, sia tentatoe, possibilmente, portato in fondo. Se ci fosse, come diceva prima Biandronni, la possibilitàlegittima di riconoscere una certa quantità d’interventi eseguiti in più, che, ovviamente, devonoessere tecnicamente giustificati, noi forse risolveremmo anche il problema del passaggio, che sipotrebbe anche evitare di sottoporre a stima. Nel senso che il Comune potrebbe chiederlo, conformule di sponda che si devono giustificare formalmente, in modo che al riconoscimento dei lavoriin più, corrisponda, nella transazione, il passaggio medesimo. Io mi rendo conto delle difficoltàdell’operazione e che abbiamo pochissimo tempo, però, credo sia un lavoro da portare avanti fino infondo. Poi, io non so se quanto ho detto, sul 1.800.000, sui 600.000 di debito, sulla somma di2.400.000, siano sciocchezze o no. Non so se sia corretta l’analisi, che mi ha portato allaconclusione, per cui le disavventure sono nate da quando è stato eseguito l’intervento della vascaidroterapica, magari, chi ha informazioni più approfondite delle mie, potrebbe giungere aconsiderazioni diverse, rispetto alle cause dell’epilogo di questa situazione. Un’altra questione,ovviamente, non piacevole, poi, mi riservo d’intervenire, eventualmente, dopo le delucidazionidell’Avvocato Mischi, riguarda il mancato pagamento delle utenze, quali il gas, la luce e l’acqua.Chi ha seguito tutta la vicenda, sa benissimo che, anche in questo caso, tante risorse economichesono state distolte dalla gestione corrente, per tamponare le falle, rappresentate dalle richieste dicreditori, che, ogni minuto, minacciavano decreti ingiuntivi e altre cose di questo genere. Per cui,anche questi fatti, pur spiacevoli, che sono una delle cause che hanno determinato la delibera diGiunta, hanno una loro motivazione. Come mai, nel bilancio corrente, non c’erano le risorse, per farfronte alle utenze? Chi ha seguito questa partita, sa benissimo che, se l’elettricista Pinco Pallino nonriscuoteva, nel giro di dieci giorni, si sarebbe mosso mediante decreti ingiuntivi. Per cui, dalbilancio corrente, queste risorse economiche sono state trasferite alle spese d’investimento,operazione, sicuramente, non corretta, d’accordo, però, da qui ad affermare che mancano 250.000euro, ne corre! Queste, pertanto, penso siano tutte questioni da valutare.Michelacci: vorrei rispondere, prima dell’Avvocato. Io ti chiedo, Luciano, ma ci sei o ci fai? Haicapito quello che ti ha detto lui, prima, oppure no? Dal discorso che hai fatto, sembrerebbe di no.Non si tratta di “volemose bene e annamo avanti”, questa è una situazione seria, è inutile checontinuiamo a dire che ci può essere uno spiraglio, quando, queste persone sono in una crisi totale,che non sanno neanche loro come faranno ad andare avanti domani. La questione è seria,
  15. smettiamola di fare i burattini, in Consiglio Comunale, usando parolone. Dobbiamo mettercelo intesta, è finita la storia. Si fa quello che si può, con la scaletta che l’Avvocato Mischi ha presentatoprima. Si andrà a trattativa, quando sarà il momento, ma è inutile che continuiamo a ipotizzaresoluzioni. Certo, tutti vogliono esprimere il proprio “bla bla bla”, mi ci metto anch’io: “bla bla bla”,ma se, poi, non si conclude niente, non ha senso che stiamo qui a discutere. Abbiamo incaricato lui,vuoi rivolgerti a un altro avvocato, chiamiamolo, per vedere se dà ragione a te, faremo così. A mesembra di prendere in giro la gente, in questo modo. L’incaricato l’abbiamo, per cui, andrà avantilui e saprà cosa dire e fare. Se, tutte le volte, lo controbatti, ricominciando con la solita solfa,facciamo pure mezzanotte qui, qualcuno dirà, a un certo punto, “basta, am so stòff, me, a vag via”(*).Neri: proprio perché la questione è seria, io sono anche disponibile a fare mezzanotte.Michelacci: sono pronto anch’io a rimanere fino alle cinque di domani mattina, ma, a quel punto,vorrò avere le idee chiare sulla situazione, non voglio star lì, come succede da due mesi, a ripeteresempre le stesse cose.Neri: io ho provato a formulare un’ipotesi di quello che è successo in questa gestione della piscina.Ti ho dato la mia opinione, potrebbe essere anche sbagliata, d’accordo, però, io la tua analisi diquesta vicenda, ancora non l’ho sentita.Michelacci: io non voglio entrare nel merito delle cause che hanno provocato il fallimento di quellagestione, perché, questa vicenda era già iniziata, quando io sono entrato. Primo rilievo,fondamentale. Quando è stata costruita la piscina, fortunatamente, non c’ero, quindi, èfondamentale, giacché la pianta viene su dal seme e dalle radici, se, poi, cresce storta, può essere acausa del vento o di una stagione cattiva e tutto il resto. Parliamoci chiaro, non ci prendiamo in giroe non m’istigare. Qui, il discorso è un altro. Da quando disponiamo della consulenza dell’Avvocato,abbiamo discusso, spesso, di questi argomenti. Più volte, si sono ripetuti i medesimi concetti, ma èinutile tentare di arrampicarsi sugli specchi, altrimenti, se ci muoviamo per propaganda politica,facciamo tutte le chiacchiere del mondo. Occorre, però, trovare una soluzione seria, cosa che hosempre lamentato in tanti incontri che abbiamo tenuto, tant’è che, le ultime volte, me ne sonoandato esasperato e irritato, perché è inutile stare a perdere delle ore, a parlarsi addosso, a rovinarsiil fegato, per non arrivare ad alcuna conclusione seria, ripeto, seria. Poi, le chiacchiere, certo, sevolete, mi ci metto anch’io a farvi un discorso, su quanto voglia bene a chi gestisce la palestra, tracui ho anche degli amici. Pensate ce l’abbia con loro?………: voce fuori microfono, non trascrivibile.Michelacci: no, il punto è che stiamo prendendo in giro delle persone, è ora di farla finita!Bravaccini: io condivido al cento per cento le affermazioni di Fabio. Qui, non c’è solo il pareredell’Avvocato Mischi, ma anche quello del Segretario comunale, che mi sembra se ne intenda. Laquestione, al presente, ha assunto connotati più legali, che politici, quindi, se gli esperti incaricatiesprimono un parere, da cui si evince che il Comune è fortemente esposto a rischi, in questasituazione, non riesco a capire perché tu insista. Sono due anni che rincorriamo soluzioni,proponendo sempre le stesse ipotesi. Basta! Non siamo nemici di Accadueo, ma occorre esserecoerenti e fare l’interesse del paese e di coloro che devono avere i soldi, vale a dire, il Comune e glialtri creditori.Neri: parla fuori microfono, non trascrivibile.Bravaccini: non lo so, Neri, ma facciamo le cose come si deve. Qui, siamo in un Paesedemocratico, c’è una legislazione che non conosciamo né tu, né io, ma paghiamo appostaprofessionisti, che sono il fior fiore, è inutile, come dice Fabio, che continuiamo ad arrampicarcisugli specchi, che, ormai, abbiamo fatto a pezzi. Basta, perché non arriviamo da nessuna parte.
  16. Noi stiamo facendo gli interessi del Comune, per cui s’intende la popolazione di Santa Sofia, noidobbiamo tutelare quello. Come ha detto, prima, il Sindaco, il Comune si è spinto più in là, diquello che doveva! Lo sai anche tu, perché se la Corte dei Conti decidesse di chiederci unrisarcimento, come dice il Segretario, lo potrebbe fare. Non mi voglio infilare il cappio fino a qui!No, è così, te l’hanno spiegato anche in arabo, basta.Biandronni: vorrei trovare il modo di andare avanti, perché tanto, altrimenti, qui, litighiamo. Io hocapito la lezione che ci ha impartito Mischi e ne tengo conto. Se ho inteso bene, però, in primoluogo, c’è un atto della Giunta e, quindi, è inutile che stiamo qui a discutere su cosa si farà, perchél’atto risolutivo l’avete già deliberato…Campitelli: era dovuto.Biandronni: a questo punto, pertanto, non è che trattiamo, il rapporto si è sciolto. Se ho capitobene, comunque, adesso inizia un periodo di transazione, fra il Comune e il gestore, allora, inquesto, anche il Sindaco credo sia d’accordo, dopo si esprimerà, quel documento che noi abbiamosottoscritto, penso debba essere tenuto in conto, come volontà, nell’ambito della trattativa, pervedere come ne usciamo, con l’intento di farlo bene. Com’è stato detto, i soldi, noi non li vogliamoregalare a nessuno, però, dall’altro lato, credo si debba considerare, oggettivamente, com’è andataavanti tutta questa vicenda e, vista la serie di elementi contenuti nel documento, la situazione mipare migliorata, rispetto all’ultima volta che ci siamo incontrati, almeno per una parte. Ci sono dueprivati in più, un po’ più di risorse, un po’ meno crediti e, naturalmente, nei limiti della legge, latrattativa credo si possa condurre in diversi modi, quindi, con l’invito all’Amministrazione, diprocedere in questa transazione con il gestore attuale, tentando di evitare il fallimento, se possibile.Questo, per chiudere la storia nel modo migliore, perché, non è che i soldi se li metteranno in tasca,con tutti i debiti che ci sono, però, a un mutuo, ho capito che, si rinuncia, ci sono degli acquisti, ilComune, in realtà, ha bisogno di un passaggio, per cui, tenuto conto di tutti questi elementi, siprocederà alle valutazioni del caso. A proposito, poi, del documento del Sindaco, che ci è statoconsegnato, per la verità, a me, pare un po’ ostico, è vero, ci sono delle parti che si possono anchespiegare, però, in alcuni punti sarebbe complicato, per cui, chiederei, se fosse possibile stenderlo inmaniera più chiara. Per tornare alla trattativa, comunque, vorremmo che le intenzioni, portate avanticon il nostro documento, fossero tenute in considerazione, perché, nel momento in cui si sciogliequesto rapporto, anche in modo imposto, sarebbe opportuno valutare, nei limiti della legge e dellenostre possibilità, le esigenze della controparte. Questo è un po’ il ragionamento e credod’interpretare la volontà di tutti.Foietta: all’incontro, che si è tenuto, ho scritto, oggi, 8 giugno, quindi, l’ho convocato subitovenerdì, erano presenti l’Avvocato Mischi, il dott. Pupillo, la Landi, per quanto riguarda le sueconoscenze, il sottoscritto, Neri, l’Avvocato Perini e Jonny Milanesi. Vi leggo il documento:“Tenendo conto della situazione, com’è indicata, l’ICS ha richiesto ad Accadueo di rientrare con ildebito di 600.000 euro. Il Comune non può accollarsi il mutuo di Accadueo, per superamento deilimiti. L’ATI, Accadueo e Milanesi sono responsabili solidali nei confronti del Comune. Le azionida intraprendere con queste: si risolve il contratto con Accadueo, nella Giunta prossima”, quella del12, “il Comune affida la gestione provvisoria ad altri, che paga l’affitto, paga il rateo del mutuocomune, più il rateo del mutuo Accadueo.” Questo è ancora da pattuire. “Il gestore può concordare,con la proprietà Point Break, il costo per il passaggio-ingresso, attraverso la palazzina”. In questocaso si tratta del nuovo gestore, che potrebbe concordare di passare e di pagare l’affitto, èun’ipotesi, ovviamente. Può anche essere, perché succede tra privati. Tra l’altro, mi risulta, adesempio, che lunedì vi dovete trovare, con quello che sarà il nuovo gestore, per un confronto sulvalore delle macchine.………: voce fuori microfono, non trascrivibile.
  17. Foietta: io so che vi dovete vedere lunedì. Per cui, se si accordano, le macchine passeranno da unaproprietà all’altra e Accadueo riscuoterà dei soldi, non dal Comune, però. “Il Comune avvia subitola richiesta di valutazione, sia per l’acquisto del piano terra, parte ovest della palazzina Point Break,sia per il passaggio. L’UTE ha bisogno di tre o quattro mesi e, quindi, si potrebbe avere lavalutazione entro settembre 2012”. Domattina, alle 9,15, sarò all’UTE per un incontro, nel sensoche, non sto vendendo dei tappeti, dico delle cose serie. “L’ICS può vendere in qualsiasi momento,ma, probabilmente, se si seguono le indicazioni, sopra esposte, che sono le stesse volute dall’ICS,potrebbe partire solo a settembre.” C’è stato un colloquio, tra l’Avvocato Mischi e l’AvvocatoPorraro, quindi, nel 2013, all’inizio, ci potrebbe essere il tentativo di vendita. “Se ICS vende lapiscina, cercherà d’incassare 640.000 euro. Il Comune dovrà continuare a pagare i suoi due mutui,per un totale di 800.000 euro.” Questo è il danno del Comune. “I commercialisti valuteranno idanni, reclamati dal Comune e i crediti vantati da Accadueo.” Quello che si diceva prima. “IlComune emetterà un bando, per trovare il gestore definitivo,” perché, un conto è quello provvisorioe un altro è quello che verrà dopo, “che paghi i ratei del mutuo. Il debito, da 538.000 a 640.000 ca”,cioè, 101.000 euro ca, “sarebbe a carico di Accadueo, ma, probabilmente, l’ICS lo chiederà alComune, perché è più semplice. In seguito a tutto ciò, si cercheranno di fare gli accordi con ilComune, Milanesi, Point Break e Accadueo”. Questo è il percorso che abbiamo deciso di seguire e,buona parte della sua sostanza, mi sembra di scorgerla all’interno di questo documento qui.Biandronni: parla fuori microfono, non trascrivibile.Foietta: quello che ho letto, non assomiglia molto al contenuto di questo documento? Dopodiché,c’è un problema di Milanesi, perché, “se Accadueo dovesse fallire, il Comune,” la formuladubitativa è necessaria, “potrebbe chiamarlo in causa, per primo. Milanesi potrebbe comprare laparte della palazzina del centro benessere, scalandosi parte del credito e pagando quota partedell’ipoteca della Banca di Forlì.” Poi, ci sono dei numeri. ”L’acquisto di quella parte non è dovutoalla possibilità di recuperare affitti, poca cosa”, cioè, in tal modo, la palazzina diventerebbe diproprietà di Point Break e di Milanesi. “Se Milanesi comprasse la zona dell’ingresso dellapalazzina, sarebbe meglio per il Comune, ma Milanesi non è d’accordo. Se Milanesi comprassetutto il piano terra della palazzina, sarebbe ancora meglio. In caso di richiesta di saldo dei crediti delComune, Milanesi potrebbe pagare con parte dell’ingresso della palazzina, anziché con denaroliquido. Milanesi non concorda. Il Comune non può fare operazioni sulla parte ingresso dellapalazzina, bisogna aspettare, comunque, le perizie UTE.” Quello che ha detto l’Avvocato. “IlComune non dovrà trattare con Accadueo, ma con Point Break, per la palazzina, perchéproprietaria” e, qui, ci vogliono quei tre o quattro mesi per le perizie, di cui abbiamo parlato.”Milanesi afferma di non poter fare fatture ad Accadueo, perché non gira liquidità. Resta da definirecome andare a prendere il contributo provinciale, che ancora esiste, quello da 92.000 euro, con unapresentazione di fatture quietanzate, per circa 160.000 euro.” Vale a dire che, a fronte di fatture per160.000, c’è ancora un contributo della Provincia di 92.000, però, se nessuno fa le fatture, quei92.000 euro andranno persi.………: voce fuori microfono, non trascrivibile.Foietta: c’è una fidejussione, su questo. Poi, comunque, altri danni per il Comune derivano dal fattoche sarà costretto a stipulare assicurazioni, che voi non avete pagato da novembre.Sta di fatto che, 1) il Credito Sportivo si è trovato con un mutuo che non è appoggiatodall’antincendio, 2) che se, da novembre ad oggi, fosse capitato un infortunio a qualcuno, in quellastruttura, il problema sarebbe stato vostro e anche del Comune, che è sempre proprietario.Le assicurazioni, quindi, l’Agente Zanchini, dal 21 novembre non sono mai state liquidate. Ti hannotelefonato e tu non hai neanche risposto!.... ha svolto un’indagine il Segretario.Peperoni: innanzitutto, vedo che tutte le parti sono state rappresentate, in quest’incontro.
  18. Foietta: non ho detto che sono state rappresentate le parti, ma ho menzionato chi c’era e basta. Perinvitare tutte le parti, qui, ci sarebbe voluto non la sala del Consiglio Comunale, ma il teatro. Se cimetti il Quinto Elemento, Point Break, Accadueo, eccetera.Peperoni: bastava il legale, l’Avvocato Versari. Dato che, nel documento, si parla di Accadueo e,guarda caso, anche di Point Break, tutte le parti non erano rappresentate.Foietta: noi dovevamo fare i conti, per capire come si poteva sistemare la situazione. Ci sono anchecircostanze in cui abbiamo bisogno di essere soli, per ragionare sulle questioni. Poi, si passa aimomenti di confronto, che ci sono sempre stati.Peperoni: prima di tutto, io, a un tavolo con l’Avvocato Mischi e l’Avvocato Versari, non mi sonomai seduto, tra le altre cose, non so, neanche, se sarebbe stato utile, ma, finora, non mi è statoconcesso. Poi, vorrei rilevare alcune inesattezze riportate dall’Avvocato, quando ha affermato che illocatore non ha pagato i canoni di locazione, in realtà, il primo è stato versato a giugno 2008, anchese l’attività è iniziata a ottobre dello stesso anno. I canoni sono stati pagati fino al terzo compreso.Un altro dettaglio è che, adesso, sul decreto ingiuntivo, che, qui, sembra, rappresenti una veritàassoluta, sono state depositate tre posizioni, perciò, probabilmente, qualcosa che sfugge e daobiettare l’hanno tutte le parti, quindi, Accadueo, il Quinto elemento e Jonny Milanesi, per cui,vedremo come andrà a finire. Tra le altre cose, sono tre cause, visto che si lavora per non farle, però,cominciamo con quelle. Per quanto riguarda la posizione debitoria nei confronti del Comune, inumeri che ha detto, effettivamente, sono lì, ci sono i bilanci che parlano! La situazione, adesso, èdevastante. Abbiamo chiuso un esercizio 2011 drammatico, con un meno 200.000 euro, guardacaso, anche con le utenze dimezzate, infatti, la gente che si è iscritta era la metà, rispetto all’annoprecedente. Dal momento in cui la situazione di difficoltà è diventata oggettiva, sono cominciate acircolare le voci ed è chiaro che, anche la gestione ne ha subito le conseguenze. La prima lettura,quindi, è anche questa, ci sono 50.000 euro in meno di fatturato. In merito alla situazione debitorianei confronti del Comune, da quando abbiamo segnalato, circa due anni e mezzo fa, le nostredifficoltà, lo sapevamo e ce lo siamo detti più di una volta e anche nel momento in cui firmammoquel benedetto contratto, temevamo che non sarebbe riuscito a restare in piedi cinquant’anni, cosìcom’era e quattro personaggi di quelli che c’erano nel 2004, sono ancora qui, oggi. L’avremmosottoscritto, probabilmente, anche allora.Biandronni: parla fuori microfono, non trascrivibile.Peperoni: che il contratto, così com’era stato stilato, poneva vincoli pesanti e proibitivi tali, che, senon si fossero verificate tutte le condizioni…Foietta: avete preso parte a una gara, nessuno è obbligato a farlo. Una volta che concorrete, vuoldire che siete convinti che il contratto sia remunerativo, non si partecipa a una gara sapendo che ci siperde.Peperoni: io, sinceramente, ero consapevole che avremmo incontrato enormi difficoltà, ma eroanche convinto che quel tipo di attività sarebbe diventato centrale, come riferimento nella vita delpaese e questo è stato dimostrato dalle migliaia di clienti che si sono avvicendate. Poi, con il Conade il maneggio dei cavalli, è arrivata più gente. In ogni caso, all’inizio, le attese erano tante evenivano fuori nei discorsi che facevamo, però, dicevamo che l’importante, in quel momento, eravarare la nave, poi, qualcosa sarebbe arrivato, come qualche contratto con l’ASL e altro ancora. Ioci ho messo dieci anni e sono qui con il cerino in mano e tutto quello che speravamo, purtroppo, nonsi è verificato e i numeri sono effettivamente questi, però, per come la vedo io, qualcosa in più, inquesti anni, poteva essere fatto. Vorrei chiarire un altro punto, che riguarda quei 500.000 euro,800.000, perché la gente sappia di cosa stiamo parlando, altrimenti, ci si riduce alle chiacchiere dabar, se si riportano sterilmente delle cifre. Queste somme sono arrivate, sempre e solo, da due o trefatture quietanziate, per lavori eseguiti, quindi, mai sulla gestione viva. Per cui, quei 500.000 euro,
  19. 800.000 euro e i 92.000 euro della Provincia sono tutti là e questo deve essere precisato, altrimenti,dal discorso fatto all’inizio, sembra si tratti di soldi caduti dalle tasche di de’ Paperoni o chiunquealtro, che chissà dove sono spariti. Ogni centesimo trasferito ad Accadueo è arrivato semplicementeper lavori eseguiti, da fatture quietanziate e questo è documentato. Sarebbe opportuno aprire unadiscussione, per capire dove andiamo a parare, perché se prendiamo il discorso fatto da Luciano ecioè: dove sono i 250.000 euro? E’ chiaro, ma, vogliamo stimare quanto vale la struttura adesso?Partiamo dall’effettivo e poi vediamo ed è altrettanto chiaro che, in bilancio, qualcosa che non èstato fatturato e non ancora pagato, non è contabilizzato, però, è là e possiamo andare a verificarlotecnicamente. Poi ancora, dallo scambio di e-mail, con l’Avvocato Versari, ho capito qualchepassaggio, in cui si diceva che, a oggi, non era possibile trovare un accordo con Accadueo, perchénon era stata presentata un’offerta conveniente per il Comune. Cosa vuol dire offerta conveniente?Si poteva aprire la trattativa, se fosse stato offerto qualcosa di conveniente? La delibera dell’altrogiorno è l’unica verità! Quando si è rivelata la situazione di difficoltà, due anni e mezzo fa, abbiamopartecipato a centinaia di riunioni, o con la Iocca, o con il Sindaco, o con il Consiglio, o con iConsiglieri e così via, incontri che hanno prodotto tentativi di risoluzione, tangibili, oggettivi edimostrabili. Tant’è vero che siamo arrivati a operare oltre contratto con due cooperative, conipotesi d’intervento controllato, tutte operazioni, queste, documentabili, dato che c’è anchemateriale, che, un giorno, potrebbe servire a supporto di una sorta di autodifesa, perché non siamocosì sprovveduti, incapaci e incompetenti. Io vengo da una storia imprenditoriale, che è di dieci annipiù vecchia di quella della piscina, nessuno vien dal niente e penso di aver realizzato un’impresache, comunque, ha cambiato le abitudini e ha portato un certo tipo di coscienza in paese. In diecianni ho operato con due soci, non ho cercato niente e nessuno e meno che mai (… disturbo audio).Questa doveva essere l’occasione d’implementare i servizi, quindi, di consolidamento, da realizzarecon l’aiuto del pubblico, perché di questo si tratta, semplicemente di aiuto. Quando sento parlare disoldi rubati, di dissipazione di denaro pubblico, mi dà talmente fastidio, ma questo lo può affermaresolo gente che non si rende conto di quello che dice, ecco perché vorrei arrivare, prima possibile, aiconti sulla tavola, per togliermi qualche soddisfazione in quel senso. Infine, due anni e mezzo fa,abbiamo cominciato a chiedere aiuto, perché la faccenda non andava più avanti, però, la piscinacreava nuovo fermento in paese, era talmente frequentata, che meritava un intervento diverso, chenon questa fine, perché in altre situazioni è molto diverso. Non nascondiamoci dietro un dito,vedendo anche quello che succede in altre realtà e non c’è bisogno di andare a Milano, bastafermarsi a San Piero, Forlimpopoli o a Mercato Saraceno. (… disturbo audio), però, è sbagliatodipingere, come lei ha descritto la Società Accadueo, perché, questa ha fatto il possibile,personalmente, impegnando capitali propri e le famiglie, affrontando sacrifici inimmaginabili,perché nessuno di voi, forse, sa cosa voglia dire andare a lavorare per quattro anni, senza prenderelo stipendio e, quindi, il quadro che ha fatto non lo accetto! Senz’altro le difficoltà sono stateenormi, probabilmente ci siamo trovati a gestire un’attività che, da piccolo-artigianato, è diventatadi livello imprenditoriale di un certo tipo e questo è l’altro elemento di complessità, non giri omovimenti strani, sottrazioni o altro. Guardate, per me, non ci sono né buoni né cattivi, mi ha datofastidio venire qua e sentire, “io sono buono, io sono cattivo”. Di fronte all’Amministrazione, cosasucceda, quali siano le opinioni dell’uno o dell’altro, non m’interessa, io tengo soltanto a tirare lesomme, per cui, concludo che, oggi, la situazione è diventata drammatica e che lo sarà sempre dipiù, purtroppo, andando avanti, quando, invece, probabilmente, con una lettura e una volontàdiverse, avremmo potuto evitare questo esito.Campitelli: che c’era e c’è ancora una serie di passaggi obbligati, l’abbiamo capito e la delibera diGiunta, appunto, con la risoluzione del contratto, era uno di questi, un atto dovuto. Quello che noidella minoranza, però, chiediamo, adesso, è che si apra la fase della trattativa, per la stima dei (…disturbo audio) e dei crediti che la società vanta, insomma, le valutazioni di cui abbiamo parlato, perfare in modo, che, comunque, Accadueo non fallisca. Io non posso accettare di continuare a sentire
  20. le voci che circolano, per cui il Comune dovrebbe tirar fuori dei soldi per salvare un privato, perchéi 250.000, 200.000 o 300.000, quello che sarà, che noi verseremmo, Accadueo non se li metterebbein tasca. Qui c’è una serie di fornitori da pagare, sono tutte imprese del posto e il nostro unicoobiettivo non può essere, a mio giudizio, solamente quello di dire che salviamo un servizio per lanostra collettività. Certo, quello è importantissimo, però, teniamo anche conto di tutta una serie diimprese del nostro territorio, necessarie alla nostra realtà, che, senza soffermarmi sulle cause,comunque, ci sono cadute in mezzo. In un momento di crisi come questo, anche, magari, unapiccola parte di ciò che devono avere, può aiutare a sostenerli. Credo fermamente in quanto hoappena affermato e il mio gruppo, ritengo, concordi con me, pertanto, questa è la richiesta che noiavanziamo.Neri: (… disturbo audio) non so se anche questa sia una sciocchezza, però, il fatto che il Sindaco,domattina, vada all’UTE, probabilmente è fondamentale, per procedere con tutte le analisisuccessive. Io non sono competente in materia, però, l’idea di fare ricorso a quei tecnici, iscrittinelle liste del tribunale, forse, potrebbe offrirci soluzioni più rapide, però, non so se sia appropriatoe legittimo.Foietta: no, quelli sono i tecnici del tribunale, di cui dispone il giudice, quando c’è una causa incorso, non prima. In ogni caso, domani, io sarò all’UTE e già si evince, dal resoconto diquell’incontro, che mi sono preoccupato di fare a tutti i Consiglieri (… disturbo audio), che è ovvioche non ci sia accanimento, non è che ci faccia piacere tutto questo. La realtà è che noi cerchiamo diragionare sulle questioni, per tentare di salvare il possibile, tenendo conto dell’insuccesso riportatoin un tentativo precedente, che avrebbe avuto un esito diverso, se non si fosse fatto scapparequell’imprenditore. La situazione, nel frattempo, purtroppo, si è aggravata in modo esponenziale enoi dobbiamo, in primo luogo e in ogni modo, garantirci che le procedure che seguiremo sianoconformi alla legge. Torno a ripetere, i consulenti e io stesso, che sono il responsabile, dobbiamoagire in modo da tutelare tutti, non solo il sottoscritto, ma anche gli Assessori e i Consiglieri, dalprendere decisioni illegittime e in questo, poiché non sono competente, mi fido e mi affido all’operadegli avvocati. Non riesco a capire, al di là delle preoccupazioni espresse da molti Consiglieri, dovesi voleva andare a parare, visto che questo è un atteggiamento, il nostro, come Amministrazione emio di Sindaco, che è portato avanti da parecchio tempo, perché, altrimenti, potevamo anche evitaretante riunioni, dato che, per una situazione ordinaria, nessuno perde del tempo, però,indubbiamente, ci premeva, mi premeva, mi preme che si agisca nel modo migliore. Poi,evidentemente, qualcuno ha riferito agli altri Consiglieri che il Sindaco ha bisogno di una spinta,perché non è in grado o non vuole fare e questo mi dà fastidio, perché vuol dire…………: voce fuori microfono, non trascrivibile.Foietta: bene, allora, qualcuno dovrà dirmi com’è andata, perché, ha ragione la minoranza, quandoafferma che c’è chi, nella maggioranza, non si fida del Sindaco e questo comincia a essere unatteggiamento grave, perché, poi, la fiducia è reciproca, vale a dire, che il Sindaco, a sua volta, nonpotrà più fidarsi di chi pretendeva di sminuire le sue capacità o le intenzioni, perciò, siamo in unachina pericolosa. Ritengo di non essere quello che vuole affossare chiunque o qualsiasi situazione.Torno a ripetere che io non sono il cattivo e l’altro il buono di turno, non è così. La mia storiapersonale lo dimostra, perciò, è anche un segno di rispetto che io esigo.Neri: io non avevo finito, perché sono stato interrotto sul discorso…Interruzione audio.Campitelli: (…) a questo proposito, aggiungo che noi confermiamo la nostra piena fiducia neiconfronti dei consulenti del Comune, assolutamente. Ripeto quello che ho affermato stamattina ecioè che io non mi permetterei mai di votare una proposta contraria al parere dei consulenti delComune, però, agli stessi, a mio giudizio, si possono dare degli imput diversi. Per esempio, che
  21. l’orientamento dell’Amministrazione è quello di evitare il fallimento di Accadueo, oppure, si puòdire loro, che usiamo un metro leggermente diverso.
  22. Il presente verbale viene letto, approvato e sottoscritto: Il Presidente Il Segretario Comunale F.to FOIETTA FLAVIO F.to PUPILLO MARCELLOLa presente è copia conforme alloriginale ad uso amministrativo.Lì 12/07/2012 Il Segretario Comunale PUPILLO MARCELLO CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONELa presente deliberazione viene pubblicata allAlbo Pretorio Online del Comune(www.comune.santa-sofia.fc.it) per gg.15 consecutivi a far data dal 12/07/2012Lì 12/07/2012 Il Segretario Comunale F.to PUPILLO MARCELLOLa presente deliberazione: è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma 4, del D.Lgs. 18.08.2000, n. 267. È divenuta esecutiva a far data dal giorno _______________________ , ai sensi dellart. 134 comma 3 del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267. F.to Il Segretario Comunale PUPILLO MARCELLO

×