Delibera del 27 settembre

560 views

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
560
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
161
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Delibera del 27 settembre

  1. 1. Copia COMUNE DI SANTACesena SOFIA COMUNE DI SANTA Provincia di Forlì - SOFIA Provincia di Forlì - Cesena DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero: 38 Data: 27/09/2012OGGETTO: APPROVAZIONE PROPOSTA DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DIACEGASAPS HOLDING SRL IN HERA SPA, CONSEGUENTE PROPOSTA DI MODIFICADELLO STATUTO SOCIALE DI HERA SPA E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTIL’anno Duemiladodici nel mese di Settembre il giorno Ventisette, alle ore 20:30, nella Sala delConsiglio presso la Sede Municipale, si è riunito il Consiglio Comunale all’appello risultanopresenti: Presente Presente FOIETTA FLAVIO S VALBONESI DANIELE N BOATTINI LUCA S RINALDINI MARIALISA N LOMBARDI FLEANA S COMANDINI ANDREA S NERI LUCIANO S BIANDRONNI GIANCARLO S TOSCHI ANGELO N SAMPAOLI FRANCO S LUNGHERINI PIERO S CAMPITELLI FLEANA S MAMBELLI GIOVANNI S VALENTINI ELISA S GUIDI ISABEL S PINI PINO S BRAVACCINI MAURIZIO S TOTALE PRESENTI 14Sono inoltre presenti gli assessori esterni MICHELACCI FABIO, ,.Partecipa il Segretario Comunale Dott. PUPILLO MARCELLO.Dato atto che il numero dei presenti è legale per la validità della deliberazione, il SindacoFOIETTA FLAVIO assume la presidenza e dichiara aperta la seduta.Vengono nominati scrutatori i Consiglieri Comunali: SAMPAOLI FRANCO, PINI PINO,MAMBELLI GIOVANNI.
  2. 2. IL CONSIGLIO COMUNALEPremesso che:• AcegasAPS Holding è una società di partecipazioni, il cui capitale sociale è detenuto dal Comune di Trieste al 50,1% e dal Comune di Padova al 49,9% e che AcegasAPS Holding detiene il 62,691% del capitale sociale di Acegas-Aps S.p.A. (di seguito “AcegasAPS”), società quest’ultima le cui azioni sono negoziate nel Mercato Telematico Azionario (di seguito “MTA”) organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (di seguito “Borsa Italiana”), prevalentemente attiva nel settore dei servizi pubblici locali (cosiddetto settore delle multi-utility) e che, in particolare, opera nella gestione e distribuzione delle risorse idriche, dell’energia elettrica e del gas, nella raccolta e nel trattamento/smaltimento dei rifiuti, nella vendita di energia e nei principali servizi municipali;• AcegasAPS e HERA sono due realtà che hanno molte caratteristiche comuni, industriali e anche storiche, di assetto proprietario e di percorso di sviluppo che favoriscono un percorso aggregativo. Entrambe hanno proseguito il loro sviluppo sostenendo l’integrazione di realtà limitrofe più piccole, operanti nello stesso settore, mantenendo un assetto organizzativo tale da preservare le esigenze peculiari di ciascun territorio. Esse detengono un portafoglio di business quasi speculare e si contraddistinguono per l’attenzione particolare posta al contenimento dell’indebitamento;• in data 25 luglio 2012, HERA e AcegasAPS Holding hanno sottoscritto un accordo quadro (di seguito l’ “Accordo Quadro”) che delinea i principali termini dell’aggregazione, disciplinando i diversi adempimenti e le condizioni per giungere all’integrazione tra i gruppi societari che fanno capo alle due società;• l’integrazione tra le due realtà consentirà la valorizzazione delle rispettive piattaforme industriali finalizzata a rafforzare il posizionamento di HERA sul mercato qualificandone, in particolare, la leadership nel settore Ambiente e nei Servizi a Rete. Inoltre, l’integrazione comporterà un miglioramento della capacità di investimento e di efficacia/qualità dei servizi, anche nella prospettiva di partecipazione alle gare, il rafforzamento dei presidi commerciali nel Settore Energia, l’ampliamento del presidio territoriale e delle sinergie industriali stante una buona prossimità territoriale;• l’Accordo Quadro prevede che: (i) l’operazione si realizzi mediante la fusione per incorporazione di AcegasAPS Holding in HERA (di seguito la “Fusione”) che, in base agli accordi, avrà efficacia dal 1° gennaio 2013; (ii) HERA, andando a detenere, a seguito della Fusione, il 62,691% del capitale sociale di AcegasAPS, promuova, subordinatamente alla Fusione e una volta ottenute le prescritte autorizzazioni, un’offerta pubblica ai sensi e per gli effetti dell’articolo 106 del decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 e successive modifiche e integrazioni (di seguito il “TUF”) sulla totalità delle azioni AcegasAPS. In data 25 luglio 2012, HERA ha comunicato al Mercato che tale offerta avverrà nelle forme di cui all’articolo 106, commi 1 e 2-bis, del TUF (di seguito “OPAS”) e, dunque, nelle forme di acquisto e scambio azioni; l’OPAS avrà come obiettivo il delisting di AcegasAPS;• il Consiglio di Amministrazione, per la determinazione del rapporto di cambio, si è avvalso della consulenza e della collaborazione del consulente finanziario Lazard & Co. S.r.l. il quale, unitamente a UniCredit Banca Mobiliare S.p.A. per AcegasAPS Holding, nella sua qualità di consulente finanziario di AcegasAPS Holding, ha rilasciato apposita “fairness opinion”. Il Consiglio di Amministrazione di HERA, in data 28 agosto 2012, ha approvato il progetto di Fusione fra HERA e AcegasAPS Holding (Allegato A solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa) nel quale il rapporto di cambio e il conguaglio in denaro sono stati determinati nella seguente misura: n. 0,76266304 azioni ordinarie di HERA del valore nominale di Euro 1,00 per ogni quota di capitale sociale di nominali Euro 1,00 di AcegasAPS Holding, oltre Euro 0,01812273 per ogni quota di capitale sociale di nominali Euro 1,00 di AcegasAPS Holding. La congruità del rapporto di cambio è attestata dalla società di revisione Reconta Ernst & Young S.p.A., con sede in Roma, designata dal Tribunale di Bologna con provvedimento del 2 agosto 2012, quale esperto comune ai sensi dell’art. 2501-sexies del codice civile;• l’Assemblea Straordinaria di HERA, che sarà chiamata ad approvare il progetto di Fusione, delibererà, a servizio della Fusione, un aumento scindibile del capitale sociale, con esclusione del diritto di opzione, fino ad un importo massimo di Euro 143.380.651,00. HERA emetterà fino ad un massimo di n. 143.380.651 nuove azioni ordinarie del valore nominale di Euro 1,00 cadauna e negoziate sul MTA che saranno assegnate ai soci di AcegasAPS Holding;• in dipendenza della Fusione e degli accordi corporate governance di cui infra, la cui conclusione è prevista nelle more del completamento del procedimento di Fusione, HERA modificherà lo Statuto Sociale, (Allegato B solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa) come di seguito indicato:- Articolo 5: modifica del capitale sociale e del numero delle azioni, in ragione dell’aumento di capitale sociale che verrà deliberato a servizio della Fusione (paragrafo 5.1); modifica in correlazione alla deliberazione dell’assemblea straordinaria di aumento di capitale scindibile con esclusione del diritto di opzione, ai sensi dell’articolo 2441, quarto comma, primo periodo, c.c., a servizio dell’eventuale
  3. 3. promozione da parte della Società di unofferta pubblica di acquisto e scambio sulle azioni ordinarie di AcegasAPS (paragrafo 5.5) di cui infra; modifica in correlazione alla proposta attribuzione della delega al Consiglio di Amministrazione di deliberare, in una o più volte, un aumento di capitale sociale in opzione, ai sensi dell’art. 2441, commi 1, 2 e 3 c.c., di massimo nominali Euro 80.000.000,00 e da destinarsi a rafforzamento patrimoniale (paragrafo 5.6) di cui infra;- Articoli 7 e 26: fermo il principio secondo il quale il 51% del capitale sociale di HERA dovrà essere detenuto da enti pubblici, la modifica proposta si presenta in chiave chiarificatoria ed interpretativa, prevedendo che la partecipazione maggioritaria pubblica possa realizzarsi anche mediante la partecipazione al capitale sociale di HERA, da parte di altri Enti o Autorità Pubbliche (diversi dai Comuni, Provincie e Consorzi costituiti ex articolo 31 D.Lgs n. 267/2000) ovvero da parte di società il cui capitale sociale sia detenuto, anche indirettamente, in maggioranza, da Enti Pubblici o Autorità Pubbliche (oltre che dai Comuni, Province, e Consorzi costituiti ex articolo 31 D.Lgs n. 267/2000);- Articoli 16 e 17: incremento da 18 a 20 del numero dei membri del consiglio di amministrazione e conseguente incremento da 14 a 16 dei componenti del consiglio di amministrazione tratti dalla lista che ha ottenuto il maggior numero di voti;- Norma transitoria: introduzione di una norma transitoria che prevede, a far data dall’assemblea ordinaria di approvazione del bilancio che si chiuderà al 31 dicembre 2013, le modifiche dei paragrafi 16.1, 17.2 e 21.3 dello Statuto Sociale, dirette a ridurre (i) da 20 a 15 il numero dei componenti il consiglio di amministrazione, (ii) da 16 a 12 il numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione tratti dalla lista dei candidati per l’elezione del Consiglio di Amministrazione che ha ottenuto il maggior numero di voti e, di conseguenza, da 4 a 3, il numero dei restanti componenti tratti dalle liste non di maggioranza e (iii) da 3/4 dei componenti in carica a 2/3 dei componenti in carica più un consigliere il quorum qualificato richiesto per le delibere dell’organo amministrativo su determinate materie;• l’Accordo Quadro, per quanto concerne la governance di HERA, prevede che i Comuni di Padova e Trieste, entro il 15 dicembre 2012, aderiscano al patto di sindacato di voto e di disciplina dei trasferimenti azionari sottoscritto dai soci pubblici di HERA in data 21 dicembre 2011, nel testo modificato, denominato “Contratto di Adesione al Sindacato di Voto e di Disciplina dei Trasferimenti Azionari stipulato in data 21 dicembre 2011 e Contestuale Modificazione” (di seguito “Patto HERA”) (Allegato C solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa). In forza delle previsioni del Patto HERA, i Comuni di Padova e Trieste assoggetteranno a sindacato di voto tutte le azioni HERA che andranno a detenere e assoggetteranno a sindacato di blocco n. 36.488.942 azioni ordinarie il Comune di Padova e n. 36.635.190 azioni ordinarie il Comune di Trieste. Il numero delle azioni assoggettate a sindacato di blocco da parte dei Comuni di Padova e Trieste, all’esito dell’OPAS, potrà raggiungere il numero massimo rispettivamente di 58.078.303 azioni ordinarie per il Comune di Padova e numero massimo di 58.311.081 azioni ordinarie per il Comune di Trieste. L’adesione al Patto HERA da parte dei Comuni di Padova e Trieste, darà a ciascuno di essi il diritto di (i) indicare un candidato consigliere da inserire nella lista dei candidati per l’elezione del Consiglio di Amministrazione di HERA che sarà presentata dai soci pubblici di maggioranza di HERA, nonché il diritto di (ii) nominare un membro del comitato previsto nel Patto HERA (di seguito il “Comitato di Sindacato”) al quale saranno attribuiti due voti in seno al Comitato di Sindacato. Il numero dei componenti il consiglio di amministrazione verrà pertanto incrementato da 18 a 20; quello dei componenti del Comitato di Sindacato da 9 a 11, con possibilità di esprimere massimi 26 voti nel Comitato del Sindacato. E’ inoltre previsto che il comitato esecutivo di HERA venga incrementato a 4 componenti di cui uno sarà indicato congiuntamente dai Comuni di Padova e di Trieste. E’ infine previsto che, alla data di approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013, il numero dei componenti del consiglio di amministrazione venga ridotto a 15 di cui 12 verranno tratti dalla lista dei candidati presentata dai soci pubblici di maggioranza, nell’ambito della quale il Comune di Trieste e il Comune di Padova avranno diritto di indicare un componente ciascuno;• l’Accordo Quadro prevede, altresì, la stipula di un apposito patto parasociale fra HERA, il Comune di Trieste e il Comune di Padova (di seguito il “Patto AcegasAPS”) per disciplinare la futura governance di AcegasAPS nell’ambito della quale, in particolare, è previsto che (i) la sede legale di AcegasAPS e delle sue principali controllate rimanga a Trieste; (ii) a far tempo dalla data di efficacia della Fusione e sino alla scadenza del corrente mandato del Consiglio di Amministrazione di AcegasAPS, HERA designi 2 componenti del Consiglio di Amministrazione di AcegasAPS; (iii) con efficacia dalla nomina del primo Consiglio di Amministrazione successivo al rinnovo di quello in scadenza, il nuovo Consiglio di Amministrazione di AcegasAPS sia composto da 10 membri di cui 2 designati dal Comune di Trieste, uno dei quali assumerà la carica di Presidente, 2 designati dal Comune di Padova, uno dei quali assumerà la carica di Amministratore Delegato, i restanti designati da HERA. (iv) HERA indichi il Direttore Generale; (v) il Comune di Trieste e il Comune di Padova designino congiuntamente un sindaco effettivo che assumerà la carica di presidente del Collegio Sindacale e un sindaco supplente, e HERA designi due sindaci effettivi e un sindaco supplente;
  4. 4. • l’efficacia della Fusione è subordinata al verificarsi delle seguenti condizioni sospensive, previste dall’Accordo Quadro, fra le quali: (i) l’esenzione o approvazione o non proibizione della Fusione da parte dellAutorità Garante della Concorrenza e del Mercato entro il 29 dicembre 2012; (ii) l’approvazione da parte delle competenti assemblee di AcegasAPS Holding e di HERA del progetto di Fusione entro e non oltre il 20 ottobre 2012; (iii) l’assunzione della delibera dell’assemblea straordinaria di HERA dell’aumento di capitale a servizio dell’OPAS sulla totalità delle azioni di AcegasAPS entro e non oltre il 20 ottobre 2012;• in esecuzione a quanto previsto nell’Accordo Quadro si rende necessario procedere alla sottoscrizione del “Contratto di Adesione al Sindacato di Voto e di Disciplina dei Trasferimenti Azionari stipulato in data 21 dicembre 2011 e Contestuale Modificazione” (Allegato C solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa);• subordinatamente alla Fusione, e una volta ottenute le prescritte autorizzazioni, HERA sarà tenuta a promuovere un’OPAS sulla totalità delle azioni AcegasAPS. In cambio delle azioni portate in adesione all’OPAS e quale corrispettivo della medesima, HERA intende offrire agli aderenti all’Offerta: (i) azioni HERA di nuova emissione aventi le medesime caratteristiche delle azioni HERA già in circolazione sulla base del rapporto di cambio equivalente a quello riconosciuto nell’ambito della Fusione ai soci di AcegasAPS Holding pari a 0,76266304 azioni ordinarie di HERA del valore di 1,00 Euro per nominali 1,00 Euro di capitale sociale di AcegasAPS Holding e quindi di offrire n. 4,15994709 azioni HERA per ogni azione AcegasAPS apportata in adesione all’Offerta e (ii) la corresponsione di una componente in denaro pari a Euro 0,27342352 per ogni azione AcegasAPS apportata in adesione all’OPAS compensativa (a) del conguaglio in denaro pari a Euro 0,01812273 per nominali 1,00 Euro di capitale sociale di AcegasAPS Holding riconosciuto nell’ambito della Fusione ai soci di AcegasAPS Holding nonché (b) della posizione finanziaria netta di AcegasAPS Holding al 30 giugno 2012;• ai fini dell’esecuzione dell’OPAS risulta, conseguentemente, necessario deliberare uno specifico aumento di capitale sociale, da eseguirsi in una o più volte e anche in più tranche, a pagamento e in via scindibile, per un importo massimo di nominali Euro 84.833.826,00, oltre a eventuale sovraprezzo, mediante emissione di massime n. 84.833.826 azioni ordinarie del valore nominale di Euro 1,00, con godimento regolare e aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’articolo 2441, quarto comma, primo periodo, del codice civile, con la conseguente modifica dell’articolo 5 dello Statuto Sociale mediante introduzione del paragrafo 5.5. Il prezzo di sottoscrizione delle azioni HERA di nuova emissione sarà pari a Euro 1,00 a titolo di nominale più sovrapprezzo che sarà determinato dal Consiglio di Amministrazione di HERA in una successiva adunanza, nel rispetto dei principi contabili internazionali applicabili e delle prassi di mercato. In data 2 agosto 2012, il prof. Paolo Bastia è stato nominato dal Tribunale di Bologna quale esperto ai fini della redazione della relazione giurata di stima ai sensi dell’art. 2343 del codice civile;• il Consiglio di Amministrazione di HERA, in data 3 settembre 2012, nell’ottica di rafforzamento patrimoniale della società al fine di fornire un adeguato sostegno all’ulteriore crescita dimensionale del gruppo facente capo a HERA e favorire il consolidamento della posizione competitiva dello stesso sui mercati di riferimento, nel rispetto dell’equilibrio economico-finanziario, ha proposto l’attribuzione al Consiglio di Amministrazione della delega, ai sensi dell’articolo 2443 del codice civile, esercitabile per un periodo massimo di tre anni dalla relativa deliberazione assembleare ad aumentare, anche in più volte, a pagamento ed in via scindibile, il capitale sociale, per un importo massimo di nominali Euro 80.000.000,00, oltre ad eventuale sovrapprezzo, mediante emissione di massimo n. 80.000.000 azioni ordinarie con godimento regolare e aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione alla data di emissione, da offrirsi in opzione ai sensi dell’articolo 2441, commi 1, 2 e 3 del codice civile (di seguito “Aumento in Opzione”) e la conseguente modifica dell’articolo 5 dello Statuto Sociale, mediante l’introduzione del paragrafo 5.6. Il ricorso allo strumento della delega appare consigliato, tenuto conto dell’incertezza e volatilità dei mercati azionari, al fine di semplificare i processi decisionali e di assicurare la necessaria flessibilità e tempestività nell’esecuzione di operazioni finalizzate all’aumento di capitale, consentendo di cogliere anche le condizioni più favorevoli che si dovessero presentare;• nel contempo, il Fondo Strategico Italiano S.p.A. (di seguito “FSI”), holding di partecipazioni controllata dalla Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., avente quale oggetto sociale, in sintesi, l’assunzione di partecipazioni in aziende di rilevante interesse nazionale, ritenendo sussistere un proprio interesse a investire nel capitale sociale di HERA, a fronte della prevista Fusione e conseguente operazione di aggregazione tra il gruppo HERA ed il gruppo Acegas-APS, ha sottoscritto con HERA un accordo sulla base del quale FSI ha assunto un impegno di sottoscrizione (di seguito “Impegno di Sottoscrizione”) avente ad oggetto un numero di azioni HERA rivenienti dall’Aumento in Opzione, da assumersi, entro il 15 ottobre 2013, tale da consentire a FSI di detenere una partecipazione di almeno il 3% del capitale sociale post Aumento in Opzione, tenuto anche conto delle azioni HERA che FSI sottoscriverà per effetto dell’acquisto dei diritti di opzione rivenienti dall’Aumento in Opzione ai sensi degli accordi (di seguito gli “Accordi di Compravendita dei Diritti di Opzione”) di cui infra che potranno intervenire con taluni azionisti di HERA individuati e selezionati (di seguito gli “Azionisti Selezionati”), tra i quali i soci
  5. 5. sottoscrittori del “Contratto di Adesione al Sindacato di Voto e di Disciplina dei Trasferimenti Azionari stipulato in data 21 dicembre 2011 e Contestuale Modificazione”;• l’Accordo FSI prevede che il prezzo di sottoscrizione per ciascuna delle azioni risulti ricompreso nella forchetta tra 1,00 Euro e 1,25 Euro per azione e derivi dalla media aritmetica dei prezzi del mese precedente rispetto al giorno in cui HERA avrà deliberato l’Aumento in Opzione. L’Accordo FSI prevede altresì che HERA: (a) contestualmente all’assemblea chiamata ad approvare il bilancio di esercizio che si chiuderà al 31 dicembre 2012, proponga la modifica dello Statuto Sociale prevedendo di incrementare di un ulteriore componente il Consiglio di Amministrazione, in modo tale che passi da 4 a 5 il numero dei membri del Consiglio di Amministrazione nominati dalle liste diverse da quella che ha ottenuto il maggior numero di voti ai sensi dell’art. 17 dello Statuto Sociale; (b) sottoponga agli Azionisti Selezionati la proposta di Accordo di Compravendita dei Diritti di Opzione. L’Accordo FSI prevede, infine, che l’esecuzione dell’Impegno di Sottoscrizione, che dovrà cadere entro il 15 marzo 2014, sia sospensivamente condizionato al verificarsi di certe circostanze, previste nella prassi di mercato per operazioni similari, fra le quali: (a) l’intervenuta efficacia della Fusione; (b) l’assunzione, entro il 15 ottobre 2013, della delibera di Aumento in Opzione; (c) che gli Azionisti Selezionati trasmettano ad FSI, entro il quinto giorno di borsa aperta successivo alla delibera di Aumento in Opzione, proposte irrevocabili per la sottoscrizione degli Accordi di Compravendita dei Diritti di Opzione che, complessivamente considerate, attribuiscano a FSI il diritto di sottoscrivere almeno il 2,6% del capitale sociale e dei diritti di voto di HERA o che le azioni corrispondenti ai diritti di opzione eventualmente rimasti inoptati e, conseguentemente, l’Impegno di Sottoscrizione abbia ad oggetto un numero di azioni tale da consentire a FSI di detenere una partecipazione almeno pari al 3% del capitale sociale e dei diritti di voto di HERA post Aumento in Opzione; (d) che la competente autorità antitrust, ovvero altra autorità italiana o europea, comunichi, entro 15 settembre 2013, che l’investimento di FSI può essere effettuato nei termini e alle condizioni previsti nell’Accordo FSI e che non saranno richieste modifiche di condizioni relative a precedenti operazioni di acquisizione, né imposto alcun vincolo che pregiudichi la posizione giuridica o economica di Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., nonché gli investimenti da essa realizzati nel settore dell’energia elettrica e del gas naturale; e (e) il “nulla osta” alla pubblicazione del prospetto informativo di Aumento in Opzione da parte di Consob;• in conformità a quanto previsto nell’Accordo FSI, HERA sarà tenuta a includere, tra gli argomenti posti all’ordine del giorno dell’Assemblea dei Soci che sarà chiamata ad approvare il bilancio che si chiuderà il 31 dicembre 2012, la proposta di modifica degli articoli 16 e 17.2(ii) dello Statuto Sociale di HERA volte a incrementare il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione di HERA da 20 a 21 e il numero dei componenti tratti dalle liste diverse da quella che ha ottenuto il maggior numero di voti da 4 a 5 e la correlativa proposta di integrazione del Consiglio di Amministrazione. Viene, pertanto, proposta anche l’approvazione, ora per allora, di dette future proposte;• come più sopra descritto, costituisce condizione per l’esecuzione dell’Impegno di Sottoscrizione di FSI la circostanza che gli azionisti sottoscrittori del Patto HERA procedano alla sottoscrizione della proposta di Accordo di Compravendita dei Diritti di Opzione nel testo allegato (Allegato D solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa), in modo tale che, in forza di detti accordi, complessivamente considerati, a FSI venga attribuito il diritto di sottoscrivere almeno il 2,6% del capitale sociale. Con l’Accordo di Compravendita dei Diritti di Opzione, il singolo azionista si impegna irrevocabilmente a vendere a FSI i diritti di opzione rinvenienti dall’Aumento in Opzione che FSI si impegna ad acquistare. A titolo di corrispettivo, FSI corrisponderà all’azionista, 3 giorni di Borsa prima del termine ultimo per la sottoscrizione delle azioni HERA nel corso dell’offerta in opzione, un prezzo pari alla media aritmetica dei prezzi ufficiali dei diritti di opzione nei primi 5 giorni di negoziazione sul MTA dei diritti di opzione, fermo restando che ove detto prezzo non fosse superiore a zero, FSI corrisponderà all’Azionista in ogni caso Euro 0,0001 (per ogni singolo diritto di opzione);• l’esecuzione dell’Accordo di Compravendita dei Diritti di Opzione è sospensivamente condizionato al verificarsi di certe circostanze, previste nella prassi di mercato per operazioni similari, fra le quali: (i) che gli Azionisti Selezionati trasmettano ad FSI, quanto prima e comunque entro il quinto giorno di borsa aperta successivo alla delibera di Aumento in Opzione, proposte irrevocabili per la sottoscrizione degli Accordi di Compravendita dei Diritti di Opzione che, complessivamente considerate, attribuiscano a FSI il diritto di sottoscrivere almeno il 2,6% del capitale sociale e dei diritti di voto di HERA; (ii) il “nulla osta” alla pubblicazione del prospetto informativo relativo all’Aumento in Opzione, da parte di Consob; (iii) che la competente autorità antitrust, ovvero altra autorità italiana o europea comunichi, entro 15 settembre 2013, che l’investimento di FSI può essere effettuato nei termini ed alle condizioni previsti nell’Accordo FSI e che non saranno richieste modifiche di condizioni relative a precedenti operazioni di acquisizione, né imposto alcun vincolo che pregiudichi la posizione giuridica o economica di Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., nonché gli investimenti da essa realizzati nel settore dell’energia elettrica e del gas naturale; e (iv) che FSI abbia nominato un proprio membro del Consiglio di Amministrazione di HERA, ancorché l’efficacia di tale nomina possa essere sospensivamente condizionata alla circostanza che FSI abbia acquisito una partecipazione almeno pari al 2,6% del capitale sociale e dei diritti di voto di HERA.
  6. 6. Considerato:che le operazioni in premessa descritte evidenziano un processo aggregativo finalizzato a creare valore aHERA, aumentandone in particolare la patrimonializzazione, i mercati territoriali di riferimento econseguentemente la valorizzazione della Società, nel rispetto dei principi di governance che hannoassicurato una equa rappresentanza dei territori sui quali i servizi sono forniti.Richiamato l’art. 42 del T.U. n. 267/2000 ordinamento EE.LL;Acquisito il parere favorevole limitatatmente agli atti proposti all’approvazione del Consiglio da partedi Hera senza entrarne nel merito, espresso dal Responsabile del servizio Affari Generali in ordinealla regolarità tecnica, ai sensi dellart.49 del D.Lgs.18/8/2000, n.267;Entra il Cons. Comandini - Presenti n. 14 consiglieriSentita la discussione riportata nell’allegato 1)Con voti espressi per alzata di mano:Favorevoli n. 7Contrari n. 5 (Biandronni, Campitelli, Sampaoli, Pini, Valentini)Astenuti n. 2 (Guidi, Comandini) DELIBERA1. di approvare la proposta di fusione per incorporazione di Acegas-Aps Holding S.r.l. in HERA S.p.A. ai sensi dell’art. 2501 e seguenti del codice civile come descritta nel progetto di Fusione (Allegato A solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa) e della conseguente proposta di modifica del paragrafo 5.1 dello Statuto Sociale come descritta nel testo dello Statuto Sociale (Allegato B solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa);2. di approvare la proposta di modifica degli articoli 7. 16, 17 e 26 dello Statuto Sociale di HERA e l’introduzione di una norma transitoria modificativa dei paragrafi 16.1, 17.2 e 21.3 dello Statuto Sociale con efficacia a far data dall’assemblea ordinaria dell’approvazione di bilancio che si chiuderà al 31 dicembre 2013 come descritte nel citato Allegato B;3. di approvare la proposta di aumento di capitale sociale, da eseguire entro il 31 dicembre 2014, in una o più volte e anche in più tranche, a pagamento e in via scindibile, sia nel suo complesso, sia all’interno delle singole tranche, per un importo nominale massimo di Euro 84.833.826,00, mediante emissione di massime n. 84.833.826 azioni ordinarie, con godimento regolare e aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione alla data di emissione, del valore nominale di Euro 1,00 cadauna, oltre a eventuale sovrapprezzo, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’articolo 2441, quarto comma, primo periodo, del codice civile, a servizio dell’eventuale promozione da parte di HERA di unofferta pubblica di scambio (ed eventualmente anche di acquisto) sulle azioni ordinarie emesse dalla Acegas-Aps S.p.A. e della conseguente proposta di modifica dell’art. 5 dello Statuto Sociale mediante introduzione del paragrafo 5.5 come descritta nel citato Allegato B;4. di approvare la proposta di attribuzione al Consiglio di Amministrazione della delega, ai sensi dell’art. 2443 del codice civile, esercitabile per un periodo massimo di tre anni dalla relativa deliberazione assembleare, ad aumentare, anche in più volte, a pagamento ed in via scindibile, il capitale sociale, per un importo massimo di nominali Euro 80.000.000,00, oltre ad eventuale sovrapprezzo, mediante emissione di massimo n. 80.000.000 azioni ordinarie con godimento regolare e aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione alla data di emissione, da offrirsi in opzione ai sensi dell’articolo 2441, commi 1, 2 e 3 del codice civile e della conseguente proposta di modifica dell’articolo 5 dello Statuto Sociale mediante l’introduzione del paragrafo 5.6 come descritta nel citato Allegato B;5. di autorizzare, conseguentemente, il Sindaco o suo delegato a partecipare all’Assemblea dei Soci chiamata a deliberare sulle materie di cui ai precedenti punti da 1. a 4. ed esprimere voto favorevole;6. di approvare e autorizzare la stipula del “Contratto di Adesione al Sindacato di Voto e di Disciplina dei Trasferimenti Azionari stipulato in data 21 dicembre 2011 e Contestuale Modificazione” (Allegato C solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa)), autorizzando il Sindaco o suo delegato a sottoscriverlo e ad apportarvi eventuali modifiche di natura non sostanziale che si dovessero rendere necessarie;7. di approvare, ora per allora, la futura proposta di modifica degli articoli 16 e 17.2(ii) dello Statuto Sociale di HERA volte a incrementare il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione di HERA da 20 a 21 e il numero dei componenti tratti dalle liste diverse da quella che ha ottenuto il maggior numero di voti da 4 a 5 e la correlativa proposta di integrazione del Consiglio di Amministrazione e di autorizzare, conseguentemente, il Sindaco o suo delegato a partecipare alla futura Assemblea dei Soci che sarà
  7. 7. chiamata a deliberare dette proposte ed esprimere voto favorevole;8. di approvare e autorizzare la stipula dell’ “Accordo di Compravendita di Diritti di Opzione” (Allegato D solo all’originale del presente atto ed in modo virtuale alle copie dello stesso per il rilascio in via amministrativa), autorizzando il Sindaco o suo delegato a sottoscriverlo e ad apportarvi eventuali modifiche di natura non sostanziale che si dovessero rendere necessarie.Altresì, per la necessità di dare seguito al procedimento con la massima tempestivitàCon voti espressi per alzata di mano:Favorevoli n. 7Contrari n. 5 (Biandronni, Campitelli, Sampaoli, Pini, Valentini)Astenuti n. 2 (Guidi, Comandini) DELIBERADi dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi e per gli effetti dell’art. 134comma 4 del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267.Parere tecnico: favorevoleIl Responsabile del Servizio SegreteriaTiziano Betti IL CONSIGLIO COMUNALEDopo ampia discussione riportata nell’allegato 1Con voti espressi in forma paleseFavorevoli n. 11Astenuti n. 3 (Valentini, Campitelli e Lungherini). APPROVAIl seguente documento da inviare ad hera e a tutti i Comuni soci di Hera: IL CONSIGLIO COMUNALE DI SANTA SOFIAnella seduta del 27 settembre 2012 in relazione alla discussione per l’approvazione della proposta difusione per l’incorporazione di AcegasAPS holding S.p.A in HERA S.p.A CHIEDE - che il Consiglio di Amministrazione di HERA sia ridimensionato nel numero dei componenti; - che gli emolumenti di ogni membro del Consiglio di Amministrazione sia ridotto del 30%.Santa Sofia 27 settembre 2012
  8. 8. All. 1 alla delibera C.C. n. 38 del 27/09/2012 Il Segretario comunale Dott. Marcello PupilloFoietta:Io inizierei con il primo punto all’ordine del giorno, che è “Approvazione proposta difusione per incorporazione dell’Acegas Holding in Hera SpA e conseguente proposta di modificadello statuto sociale e provvedimenti conseguenti”. Lascio la parola a Luciano Neri che, essendo uncomponente del Consiglio di Amministrazione di Hera, conosce bene l’argomento.Neri: la prima notizia, che arriva in diretta dai Consigli Comunali di Padova e Trieste, è che hannogià votato tutto quanto è di loro competenza per raggiungere quest’obiettivo, anche se dovremoattendere la decisione determinante che assumerà l’Assemblea del Gruppo Hera, che si riunirà il 15di ottobre. Per cui, la questione, finora è ancora in fase di discussione, anche se, come succede inquesti casi, c’è una procedura da seguire e occorreva che, in primo luogo, si esprimessero Padova eTrieste, ma tutto rimane, poi, nella volontà che l’Assemblea di Hera manifesterà il 15 ottobre.L’operazione potrebbe portare all’acquisizione del 100% dell’Acegas-Aps Holding, che è ilcontenitore di tutte le attività dei Comuni di Padova e Trieste, che è in mano a questi ultimi, cometitolarità, per il 100% e che equivale al 62,8% dell’Acegas, società operativa, quotata in borsa,quindi attraverso l’acquisizione della Holding al 100% si ottiene il controllo dell’Acegas-Aps per il62,8%. Acegas-Aps ha un utile netto di 18 milioni di euro, che è un sesto di quello di Hera, che,invece, è di 104,6 milioni di euro, comunque, nei prospetti che avete avuto ci sono anche tutti iraffronti sui numeri di queste due società. Non mi dilungo troppo su questi aspetti, che, per certiversi, sono ostici anche per me, in ogni caso, le caratteristiche delle due società sono abbastanzaomogenee, nel senso che Hera ha il 32% del fatturato che proviene dal gas, mentre Acegas-Aps ha il27%, dall’energia Hera ha l’11% e Acegas-Aps l’8%, dall’idrico Hera ha il 23% e Acegas-Aps il28%, dall’ambiente Hera il 30% e Acegas-Aps il 25%, poi, ci sono percentuali meno rilevanti difatturato relative ad altri servizi. In sostanza, come struttura, sono delle multiutility abbastanzasimili tra loro, anche se di proporzioni notevolmente diverse. Per quanto riguarda l’azionariato, isoci pubblici di Hera rappresentano oggi il 58,8% e quelli di Acegas-Aps il 62,7%. Le fondazioni,cioè i soggetti pubblici che però hanno acquistato quote e azioni, che sono di natura privata, hannoun peso nell’Acegas-Aps dell’11%, mentre in Hera hanno il 9,4%, quindi, anche da questo punto divista sono abbastanza simili e lo sono altrettanto per ciò che concerne la parte flottante delle azioni,cioè quelle piazzate in borsa, di cui Acegas-Aps ha il 26% e Hera ha il 31%.L’operazione, come accennavo prima, prevede l’acquisizione del 100% della Holding, attraversocui si ottiene anche il 62,8% della società operativa e ciò, in cambio di 143.380.651 nuove azioniemesse da Hera, con un passaggio di liquidità di 3,4 milioni di euro, mentre il debito che si portaAcegas-Aps equivale a sei milioni. A seguito della sua incorporazione nel gruppo Hera,naturalmente, la società operativa Acegas-Aps uscirà dalla borsa e il nuovo soggetto che nascerà daquest’operazione, cioè la nuova Hera, potrebbe diventare, a livello nazionale, la prima multiutilitynel settore dell’ambiente, la seconda in quello idrico, con 300 milioni di metri cubi venduti, la terzanel settore del gas, come distribuzione, la settima, come vendita e l’ottava per quanto riguarda lavendita di energia elettrica, perciò, il gruppo Hera acquisterebbe un ruolo di rilievo a livellonazionale. Quest’operazione, una volta conclusa, sarà a regime nel giro di un anno e mezzo almeno,poiché, nel frattempo, sarà necessario assolvere alcuni adempimenti, tra cui, la modifica delConsiglio di Amministrazione. Quello attuale è costituito da venti componenti, mentre, la nuovaHera, che prevede una riduzione già contemplata dal nuovo accordo per il rinnovo del Consiglio diAmministrazione, avrà quindici Consiglieri, di cui, dodici rappresenteranno gli Enti pubblici ecomprenderanno i due di Padova e Trieste e tre saranno rappresentanti di Enti privati.Questa è la parte che andremo a deliberare stasera, poi, ce n’è un’altra che, a mio avviso, è moltopiù importante ed è quella dell’ingresso in Hera del Fondo Strategico Italiano, l’ex Cassa Depositi ePrestiti, che oggi è utilizzato dal Governo per incentivare le operazioni di irrobustimento delle
  9. 9. aziende, in vista della loro internazionalizzazione, per adeguarne le dimensioni al mercato. Bastipensare che in Francia ci sono solo tre soggetti che operano nella distribuzione dell’acqua, mentre inItalia, nonostante molte di queste aziende siano grandi, se ne contano circa ottocento, quindi, èovvio che esiste una frammentazione in questo settore, che rende la struttura debole dal punto divista della capacità finanziaria e di miglioramento dei servizi. Il fatto più importante, per me, èl’ingresso del Fondo Strategico che, non essendo finora mai intervenuto in una multiutility italiana,dimostra il concreto riconoscimento di questa strategia, che allarga le dimensioni dell’azienda perincorporazione, creando soggetti economici che diventano sempre più robusti, perciò è ritenutaquella più efficace per realizzare delle multiutility più grandi. Questo, anche perché il meccanismodell’incorporazione mantiene la rappresentanza dei soggetti precedenti, mentre le acquisizioni, oltread essere molto onerose dal punto di vista finanziario, espropriano le varie comunità locali delleloro rappresentanze che, invece, ciascuno vuole conservare, come nel caso di Padova e Trieste cheintendono preservare la presenza di un proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione diquesta nuova compagine. A pagina 15, uno degli ultimi prospetti che avete ricevuto, ci sono tutte leproiezioni relative alla composizione dell’azionariato, a operazione conclusa. Raggiunto taleobiettivo, compreso l’ingresso dell’ex Cassa Depositi e Prestiti, il controllo del pubblico,naturalmente considerando anche la vecchia Hera e Padova e Trieste, sarà del 56,2%. Una dellepolemiche più forti, che si sentono in questi giorni, è che la composizione Bologna-Romagna-Ferrara-Modena, che, nell’Hera attuale, ha una percentuale del 58,8%, senza calcolare Padova eTrieste, diventerà del 46,1%, quando sarà entrato anche il Fondo Strategico. Da ciò si trae laconclusione che la parte pubblica romagnola, che adesso ha la maggioranza, finirà per non averlapiù con la nuova Hera, ma se comprendiamo anche Trieste e Padova, dato che rappresentano deiComuni, la parte pubblica sarà del 56,2% e, in un processo di questo genere, non possiamo pensareche gli altri Enti pubblici entrino senza pesare niente!Se avete domande da pormi, purché non siano difficili, forse qualcosa so rispondere, altrimenti, seavete approfondito l’argomento, magari l’idea ve la siete fatta da soli.Foietta: grazie Neri, parola al Consiglio. Campitelli.Campitelli: il materiale relativo a questo punto dell’ordine del giorno a noi è arrivato la settimanascorsa, quindi, per tempo, anzi, forse è l’unico, ma questo argomento lo affrontiamo dopo. Rilevo ilfatto che sia arrivato per tempo, perché, se noi Consiglieri avessimo voluto, saremmo stati in gradodi approfondire la questione. Io non l’ho fatto volutamente, per scelta, perché, al di là dei dettagli,dei particolari, di tutti gli aspetti tecnici, ho dei principi, che, per me, sono fondamentali, essenziali,contro i quali non sono disposta ad andare e quest’operazione mi obbligherebbe a farlo. Mi spiego:quanto al primo principio, come Consigliere Comunale, il mio obiettivo è quello di operare per ilbene comune, quindi, di tutelare gli interessi dei cittadini che rappresento, perciò, non posso nontenere conto della volontà che questi hanno espresso. Il secondo principio è quello della coerenza,per cui, io sono abituata a non disattendere gli impegni che assumo, in altre parole, non sono unvoltabandiera che porta avanti un’idea e il giorno dopo se la rimangia. Un altro principio importanteè il rispetto delle normative, oltre al fatto di essere fermamente convinta che la politica abbia un suoruolo, che serva a qualcosa, in caso contrario non sarei qui, anzi, tutti noi, io credo, non saremmo inun Consiglio Comunale, insomma, non ci saremmo candidati a governare il paese, se non avessimoquesta convinzione, altrimenti cosa stiamo qui a fare? A scaldare le sedie? Quest’operazionefinanziaria, a mio giudizio, è contraria a tutti questi principi, che considero fondamentali. Come vidicevo, il mio obiettivo è quello di tutelare gli interessi dei cittadini e secondo voi, in seguito aquesta incorporazione le bollette diminuiranno? Io penso proprio di no, anzi è facile cheaumenteranno, perché il Consiglio della nuova società sarà allargato ad altri manager e dirigenti e,solamente a oggi, lo sapete che cosa spende Hera per queste figure? Ben diciannove milioni di eurol’anno e sono soldi che escono dalle nostre tasche, che ricadono sulle nostre bollette, e,probabilmente, questi costi, a mio avviso, aumenteranno. C’è anche chi può accettare una bolletta
  10. 10. salata, a fronte di un servizio soddisfacente, ma io, in tutto questo tempo, da quando mi occupo ditali questioni, con chiunque parli, avverto un grande scontento, da parte dei cittadini e anche degliAmministratori, per i quali, i rapporti sembra non siano così sereni, lineari e chiari e abbiamo avutomodo, anche a Santa Sofia, di sperimentarlo, ultimamente, con il problema delle fogne. Oggi Hera,nonostante i soci siano i Comuni, per cui, la maggioranza del capitale è pubblico, è diventato uncolosso, lo dite anche voi, ingovernabile, ingestibile da parte nostra e voi credete sia possibile che lasituazione, dopo, migliori? Io penso assolutamente di no. Ripeto, poiché rappresento i cittadini, nonposso non tenere conto di quello che gli stessi vogliono e qui vi ricordo che, il 12 e il 13 giugno del2011, i cittadini si sono espressi sulla questione della privatizzazione o ripubblicizzazione delservizio pubblico e hanno scelto la ripubblicizzazione. Che cosa succederà con questaincorporazione, non lo dico io, ma Sacchetti di Hera, che, nel corso di un’iniziativa ad hoc, tenutasia Forlimpopoli non molto tempo fa, affermò che, a seguito di quest’operazione, il capitale pubblicoscenderà al 48% e, nel giro di un paio d’anni, toccherà il 42%, senza il distinguo del pubblico daquello romagnolo, che faceva Neri prima, ma nel confronto tra privato e pubblico, quest’ultimoscenderà al 42%, con l’ovvia conseguenza che la maggioranza sarà privata e se questa non èprivatizzazione, non so come la volete chiamare! Tra l’altro, contravvenendo alle normative vigenti,il cui rispetto, come vi dicevo prima, per me, è un principio importante. A seguito di tutta laconfusione che si era creata l’anno scorso con il referendum, diverse Regioni, più precisamente sei,tra cui la Regione Emilia Romagna, si sono rivolte alla Corte Costituzionale, presentando deiricorsi, chiedendo di fare chiarezza sull’argomento. La Corte si è espressa abrogando la nuovaprivatizzazione dei servizi pubblici e, in merito, vi do i riferimenti, così, se vorrete, potreteesaminare, come ho fatto io, le sentenze n. 199 e n. 200 del 2012. Torno a dire, con un capitalepubblico che sarà del 42%, se non è privatizzazione questa, non so come la volete chiamare.l’ha detto Sacchetti, durante un’iniziativa pubblica. Lo stesso Di Maio, che voi conoscete meglio dime, in un’altra iniziativa pubblica, che si è tenuta a Forlì, ha espresso preoccupazione per il fattoche il capitale pubblico scenderà al di sotto del 50%. i dati che ho io. queste sono le informazioniche hai tu e non corrispondono alle mie.Neri: io sto parlando di quello che deliberiamo stasera, non sono le mie opinioni, perché io cicapisco talmente poco. Noi, stasera, deliberiamo il pubblico al 56,2%. Prima dell’operazione, solola parte romagnola era al 58,8%. La polemica, che ha un suo fondamento, è basata sul fatto che laparte romagnola, adesso, ha il 58,8%, mentre, nella parte pubblica complessiva, che sarà del 56,2%,la Romagna, quindi Bologna, Romagna, Ferrara e Modena, avrà il 46% ma, insieme ai Comuni diTrieste e Padova, si arriva, comunque, al 56,2%, perché questi ultimi apportano il 10%, perciò, 56,2è la percentuale pubblica della nuova Hera.Campitelli: io, però, non ti ho interrotto Luciano, quindi… posso andare avanti? Vi dicevo che unaltro principio, per me, importante è quello della coerenza e, a questo proposito, vi ricordo che,come Consiglio Comunale, abbiamo deliberato, all’unanimità, di modificare lo Statuto del nostroComune, proprio per inserire la parte relativa al diritto all’acqua pubblica. Sottomano, ho la deliberaconsiliare n. 13 del 23 marzo 2011, con cui abbiamo modificato l’articolo 36, aggiungendo ilcomma 2, con questa dicitura: “Il Comune di Santa Sofia riconosce che la gestione del servizioidrico integrato è un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica”. Per cui, se deve essereprivo di rilevanza economica, seguendo il principio della coerenza, come si potrà pensare dimetterlo in mano a una SPA, quotata in borsa, con la maggioranza del capitale privato? Io mi rendoconto che, comunque, anche se noi, stasera, cosa, che purtroppo penso non succederà, dato che viconosco, ma, anche se, in modo unanime, dovessimo esprimere un voto contrario aquest’operazione, non cambierebbe niente, perché noi, come Comune di Santa Sofia, abbiamo inHera uno 0,0 e non so che cosa, ecco, prima di trovare un numero positivo, chissà quanti zeri cisono. In ogni caso, torno al discorso di prima, diamolo un segnale politico! Se siamo qui, vorrà direche la politica ha un suo ruolo. Non possiamo continuare a giustificarci ogni volta, dicendo che
  11. 11. tanto noi non contiamo niente, quindi la situazione non cambierà, perché se questo è il concetto,allora andiamo tutti a casa, invece di stare qui a scaldare la sedia! Termino questo mio intervento,con cui, sulla base delle motivazioni che vi ho esposto, ho fatto la mia dichiarazione di voto, chesarà contrario. Nello stesso tempo, però, mi rivolgo a tutti voi, invitandovi a riflettere su quello cheè il nostro ruolo, perché la politica penso debba riappropriarsi del diritto e del dovere di scegliere,giacché, anche questa non mi sembra democrazia, perché i due Consigli hanno preso questadecisione in luglio e noi siamo qui a far che? A ratificare quello che loro hanno deciso? Per cui,riprendiamoci il diritto e il dovere di fare delle scelte, riflettete su quella che è la realtà che tutti igiorni conosciamo, quindi, il rapporto Hera-cittadino e quello Hera-Ente pubblico, a vostro avviso,miglioreranno? V’invito, inoltre, a essere coerenti con gli impegni che abbiamo già assunto, con lamodifica apportata allo Statuto del nostro Comune. Grazie, ho finito.Foietta: grazie Campitelli, Lungherini.Lungherini: vorrei aggiungere anch’io qualcosa, in merito al discorso dell’acqua pubblica.L’operazione conclusa uno o due anni fa, quando Romagna Acque si trasformò in Società delleFonti, a seguito dell’acquisizione di tutte le fonti, che sono di proprietà dei Comuni………..: voce fuori microfono non trascrivibile.Lungherini: per gestione s’intende distribuzione, che, in base alla legge, deve essere sottoposta agara, che occorrerà espletare quando scadranno i contratti. L’acqua, però, in Romagna soprattutto, èpubblica, quindi, di proprietà di tutti i Comuni, perciò non sarà mai privatizzata. Altrove, potrebbesuccedere solo se Romagna Acque si trasformasse in società privata, ma questo è impossibile.Insomma, per ciò che concerne la questione dell’acqua, intendevo fare chiarezza e aggiungo chemolte affermazioni di Fleana io le condivido, dal punto di vista delle difficoltà che s’incontrano nelrapportarsi a Hera, essendo questa una struttura così mastodontica, al punto che diventa unproblema anche confrontarsi con le persone, assoggettate, come sono, a un sistema di rotazione deiruoli. Volevo ricordare, però, che le tariffe non le decide Hera, ma le ATO, quindi i Sindaci, perciò,dipende dagli Organi pubblici la regolarizzazione delle tariffe. Poi, per me, è bene espletare le gareper l’affidamento della gestione, perché, come abbiamo visto in tutti gli altri settori, dove c’è laconcorrenza il prezzo s’abbassa. Ne sono un esempio, i servizi di gestione della telefonia, energiaelettrica e gas. Per cui, è chiaro che la proprietà delle condotte deve essere pubblica, con l’obbligo,per ciò che concerne la gestione della manutenzione e della distribuzione al cittadino di sottoporla agara, cui possono partecipare aziende ad hoc e, in questo caso, abbiamo Hera, ma potrebbepresentare offerta anche la Générale des Eaux francese, che, vincendo, diventerebbe il nuovogestore. Tutto ciò, in base a quanto previsto dalla legge italiana, che impone di sottoporre a gara lagestione di questi servizi.Foietta: altri? Biandronni.Biandronni: avevamo già chiarito, in passato, la differenza tra proprietà e gestione, appena definitada Lungherini, quindi, proprietà pubblica, mentre, per la gestione, il principio della concorrenza. Leaffermazioni di Fleana, però, corrispondono al vero, tant’è che, ricordo di essere stato convinto unpo’ alla volta, giacché io ero per la libera concorrenza. Poi, quanto all’acqua, noi non possiamofingere di non aver capito bene, perché, quando abbiamo votato all’unanimità, il tema era proprioquello dell’acqua libera. In merito al principio della concorrenza, sempre che di questa si tratti,perché voi mi dovete raccontare chi altri ha partecipato, in concorrenza con Hera, nelle nostre zone,per gestire questi servizi, noi abbiamo avuto un soggetto, misto pubblico-privato, che, non essendocostretto a competere, ha fatto i prezzi che voleva e nessuno di noi può negare che l’azione dicontrollo che gli Enti locali svolgono sull’attività di Hera sia relativa. Ciò è dimostrato dai vistosiaumenti in bolletta che, progressivamente, nel corso del tempo, la popolazione ha dovuto affrontare,con gravi difficoltà, per ricevere servizi essenziali quali acqua, gas e luce. Laddove, invece, la
  12. 12. competizione diventa efficace, la riduzione dei prezzi è automatica, appunto, per il principioeconomico della concorrenza, ma, in questo caso, purtroppo, non avviene. Fra l’altro, tra le grandisocietà, non credo si pesteranno mai i piedi, infatti, come spesso accade, si mettono d’accordo,perciò, le prospettive sono scoraggianti. Poi, mentre in tema di energia, dovendo acquistare lematerie prime che dipendono anche da Paesi terzi, avere una massa di volume d’affari più grande,porta a un costo più basso del bene primario, per quanto riguarda l’acqua, se permettete, abbiamofatto un referendum nazionale, in favore del quale il PD si è schierato apertamente (…) e moltipartiti, che rappresentano il centrosinistra, si sono espressi in maniera netta! Senza contare che noi,a sostegno di questo principio, in Consiglio Comunale abbiamo modificato lo Statuto! In sostanza aprescindere dalle percentuali, che possono essere del 56 o del 42, la volontà che si è intesosalvaguardare era la totalità della proprietà pubblica nella gestione delle acque, tenuto conto che èun bene essenziale, che si poteva rendere compatibile con altre risorse pubbliche destinate a questafinalità, per tenere più basso, in bolletta, il prezzo del servizio. Questa è una verità acclarata,pertanto, se si voleva scegliere quella direzione, lo strumento operativo l’avevamo e cioè RomagnaAcque, che, di per sé, è già proprietaria delle reti, per cui, poteva chiudere il ciclo, dalla produzionealla vendita ed essere l’unico soggetto pubblico che governava l’acqua, evitando di venderla a Herao a chi per essa. Questo è un fatto che non possiamo negare, quindi l’incoerenza, cui fa riferimentola Campitelli, è reale, rispetto a quanto abbiamo deliberato qui. Tra l’altro, quell’occasione non ful’unica testimonianza di questa manifestazione di volontà, perché, anche nel periodo che hapreceduto il referendum, ci sono stati dei dibattiti pubblici, ne rammento uno che si tenne nella saladel Consiglio Comunale di Civitella, presenti i consiglieri dei tre Comuni, per affrontare il problemadell’acqua pubblica, su cui io ero indeciso. Mi ricordo che, tra i convinti, c’era la Campitelli, lodevo riconoscere, poi, tra i partiti di sinistra, c’erano quelli che avevano promosso il referendum,SEL e altri, che erano i più coinvolti, anzi, sono stati il motore dell’iniziativa del referendumsull’acqua, è stato il loro cavallo di battaglia. Ciò significa che allargando la società, nonparzialmente, ma a tutti i servizi, acqua compresa, si disattende quella volontà, già espressa, dimantenere pubblico l’intero ciclo del servizio dell’acqua, che, per quanto riguarda la nostra zona,era anche realizzabile, esistendo già un soggetto, Romagna Acque, che, oltre ad essere proprietariadegli impianti, avrebbe potuto gestire anche il servizio. è obbligatoria la separazione?……..: voce fuori microfono non trascrivibile.Biandronni: è soggetto pubblico, interamente. Tra l’altro, le nostre esperienze precedenti erano bendiverse! Non so se vi ricordate il CIS, che, a suo tempo, con proprietà interamente pubblica,governava i servizi, che, a dire il vero, non funzionavano male, inoltre, forse perché la dimensioneera più piccola, offriva un altro spessore relazionale, infatti, conoscevamo dal Direttore Generale alPresidente, insomma, avevamo buone relazioni. A tale proposito, mi ricordo tutte le politicheportate avanti in favore delle frazioni, mentre, adesso, con Hera, non so se si realizzerebbe ancoral’acquedotto di Spinello, per fare un esempio. Era una mentalità diversa quella del CIS, che, con isoldi guadagnati, metteva in campo anche un principio di solidarietà, che teneva conto del valoredel territorio, non soltanto dei numeri e, quindi, degli utili. Con Hera, invece e di questo passo,andiamo nella direzione di una privatizzazione spinta, che porterà a ingrandirsi sempre di più,perché questa è la regola del mercato. E’ un concetto di capitalismo spinto, rispettabile, che ha, sì,aspetti positivi ma anche negativi, che non controlla. Vorrei citare ancora la Campitelli, inriferimento all’esempio che ha riportato, sulla possibilità di un controllo pubblico, quando ilcompenso annuo del Direttore Generale è di 600.000 euro l’anno! Mi sembra una cifra fuori di testa,anche in un’economia di mercato, in cui tutti questi dirigenti prendono un mucchio di soldi, che noncontrolla più nessuno e il divario tra chi lavora e chi dirige diventa insopportabile, anche dal puntodi vista della gente, che, comincia a reagire. Oggi, appare evidente nella sfera politica, solo perchéadesso è sotto i riflettori, ma questo vale forse di più per i dirigenti e non soltanto quelli delleaziende private, ma anche pubbliche, oltre a coloro che, a certi livelli, lavorano negli Enti pubblici, i
  13. 13. cui stipendi sono arricchiti da premi e superpremi. In pratica, si fanno la barba tra loro! Per cui, inRegione, tra i dirigenti e gli Amministratori, viene fuori un principio di mutua solidarietà tale, che siaumentano lo stipendio tutte le volte, sia gli uni, sia gli altri e noi paghiamo, ecco com’è la storia.Anche questo è un elemento che non solleva nessuno e andrà avanti così, finché non taglierannoqualche testa. E’ il principio dell’espansione della spesa pubblica, cui assistiamo, con tutte le suedegenerazioni, vedi Lazio e compagnia, dove, ogni volta che aprono un caso, impariamo fatti chenon sapevamo, senza aggiungere altri dettagli, perché non voglio fare propaganda, ma giusto perfare una chiacchierata. A tutta questa gente diamo un vitalizio dopo tre anni, prendono una pensionedi 4/5.000 euro, è una cosa che fa drizzare i capelli! Ho sentito, ieri sera, il Presidente della RegioneSardegna denunciare il fatto che, ogni bilancio, parte con un buco di venti milioni di euro, chedevono spendere per pagare un vitalizio a tutti coloro che sono andati in pensione finora neiConsigli Regionali! Mi sembra uno schiaffo a chi ha lavorato e a chi lavora, non si può andareavanti così! Alla fine, non si capisce più niente e questi organismi che s’ingigantiscono, godonoanche del vantaggio di non subire più il controllo pubblico, sempre che l’Autorità preposta, daqualche parte, continui a farlo, perché, con quello che è emerso, mi pare che qui nessuno controllipiù niente, tant’è che, nella Regione Lazio, i partiti…Rientro in tema, senza dilungarmi, perché le conoscete anche voi le altre storie, ma è per farvicapire che, qui, il controllo non c’è, siamo fuori rotta e, anche rispetto ai principi generali, io sonoper smettere di fare i referendum, come quello del finanziamento ai partiti………..: voce fuori microfono non trascrivibile.Biandronni: però, il collegamento c’è, perché abbiamo abrogato, con referendum, il finanziamentopubblico ai partiti e abbiamo scoperto che prendono più soldi di prima, poi, sempre con referendum,abbiamo votato in favore dell’uso pubblico delle acque e, alla fine, le diamo tutte ai privati, perciò,a questo punto, voi mi dovete dire il referendum a che cosa serve. Queste sono motivazioni checredo ci inducano a riflettere, al di là del fatto che, evidentemente, nessuno è in grado di controllaretutti quei processi, anche con tutta la buona volontà, al massimo si può cercare di capirne alcuni,infatti, in merito all’acqua e all’energia, ho diversificato i percorsi del mio ragionamento. Qui, però,mi pare che il meccanismo vada avanti sempre nello stesso modo, vale a dire che, noi veniamo quae, tutte le volte, concludiamo che non ci capiamo più niente, perciò, votiamo a favore e il problemaè finito. Non è proprio così, almeno quanto ai principi di fondo qualcosa capiamo, perciò, quellodella coerenza deve essere un valore, che anche un piccolo Consiglio Comunale può portare avanti.Queste motivazioni sono intese a rafforzare quanto affermato dalla Campitelli durante il suointervento.Neri: in merito al referendum, io, nel mio piccolo, mi sono dato da fare, sia per promuovere laraccolta delle firme, sia perché vincesse. Per cui, anch’io mi sento molto coerente, sia con quelloche ho fatto allora, sia, nel sostenere questo tipo di deliberazione e, rapidamente, proverò ad esporrequali sono, a mio giudizio, i limiti di quell’azione referendaria. Siamo tutti d’accordo sul fatto chel’acqua sia pubblica, che la proprietà delle tubazioni, degli impianti di sollevamento, deipotabilizzatori debba essere di proprietà dei Comuni è fuori di dubbio, l’unico problema irrisolto,dal referendum e, successivamente, dal Parlamento e dalla Corte Costituzionale, che ovviamentenon può legiferare e con quella sentenza non chiarisce, è dove si prendono i soldi per costruirenuovi acquedotti o per fare il risanamento delle fognature, quando servono. Dal 2003 in avanti, nellaProvincia di Forlì, siamo stati obbligati dalla Procura della Repubblica, che è stata molto più attentadi altre, a investire cinquanta milioni di euro, solo per mettere a posto fognature e scarichi e sonotutti soldi utilizzati nel ciclo idrico. Sarebbe ora che il Parlamento legiferasse, in modo chiaro, pertogliere la rilevanza economica al servizio idrico, perché si tratta di questo, dato che la CassaDepositi e Prestiti non dà i soldi per gli acquedotti o per le fognature e se lo fa, applica un interessedel 3-4%, perciò, occorre remunerare il capitale, pubblico o privato che sia, per togliere rilevanza
  14. 14. economica al ciclo idrico. Nel caso specifico, il Parlamento deve emanare una legge semplicissima,che dica che tutti i capitali investiti nel ciclo dell’acqua, proprio perché è pubblica, sono remuneratial 4% o al 4,5%, questo è l’unico modo per togliere il rilievo economico al ciclo dell’acqua. Unavolta stabilito che, in quel servizio, quella è la massima potenzialità remunerativa del capitale, èovvio che, chi ha voglia di fare delle speculazioni, d’investire dei soldi per farli fruttare, chissà inche modo, non li riverserà più nel settore idrico, ma da qualche altra parte, magari comprerà la soiao il petrolio o qualcos’altro, perché dall’acqua, più di quel tanto che il Parlamento deve stabilire, piùdi quello non riuscirà a guadagnare. Speriamo che arrivi un Parlamento che entri nel meritoconcreto di queste urgenze, perché, per fare le fognature e gli acquedotti, i soldi, o te li dà lo Stato, osi devono prelevare attraverso le tariffe e questa è la formula, cui noi, oggi, siamo costretti aricorrere. Per prenderli dalle tariffe, occorre andare in banca a chiedere un prestito, che un grossogruppo ottiene a un certo tasso d’interesse, sicuramente raddoppiato, nel caso in cui si presentasseuna piccola società, mezza sgangherata. Appare chiaro, quindi, che fare l’interesse dei cittadini,vuol dire avere un’impresa che sappia interfacciarsi con il mondo finanziario. Hera, oggi e ancora dipiù domani, è una società che, se ha bisogno di soldi, si rivolge alla borsa londinese, o a quellatedesca e ottiene, sicuramente, una riduzione del 2-3% del tasso d’interesse. Per cui, il nostrocompito di rappresentanti dei cittadini e di buoni Amministratori è di mettere nelle condizioni lenostre aziende, che sono di proprietà dei Comuni, di essere solide, perché possano trovare i soldi dainvestire dove serve, a interessi più bassi, altrimenti facciamo della demagogia. Gli acquedotti nonesistono più, l’esempio che citavi prima tu è perfetto, quello di Spinello è stato l’ultimo cheabbiamo costruito insieme, perché eravamo tutti d’accordo, con contributi statali. Dopo quello diSpinello, non è arrivata più una lira, ma non perché non siamo andati a cercarla! In giro, non c’eranopiù soldi per gli acquedotti, con interessi a carico dello Stato, per cui, si dovevano andare a chiederein prestito, pagando gli interessi, i cui tassi praticati dalla Cassa Depositi e Prestiti, a volte, sonoaddirittura più alti di quelli delle altre banche. Poi, ripeto quanto ho affermato prima, scusandomiancora per aver interrotto la Consigliera Campitelli, che non c’è, assolutamente, alcuna intenzioneda parte di nessuno, che sappia io, di privatizzare, tant’è che la delibera di oggi dice che, una voltaesaurito il percorso, la parte pubblica si attesterà al 56,2%. Insisto, non c’è una volontà intesa aperdere la maggioranza di una società di questo genere! Tra l’altro, se, con il 56%, si pensasse divendere il 7%, scendendo al 49, l’eventuale acquirente, quel 7% dovrebbe pagarlo una enormità,perché otterrebbe il controllo di una società che è gigantesca. Figuriamoci, quindi, a quale prezzopotrebbe essere venduto quel 7%, che porterebbe la parte pubblica, passando dal 56 al 49%, ilgiorno dopo, a non contare più niente! Deve succedere un cataclisma, perché il pubblico decida dirinunciare alla maggioranza azionaria, in una società di questo livello e se noi vogliamo farel’interesse dei nostri cittadini, dobbiamo fare in modo che questa società sia sempre più in grado ditrovare i soldi, quando servono, di pagarli il meno possibile e di raggiungere il massimo dellapropria capacità competitiva all’interno del mercato.Foietta: grazie Neri, altri? Se nessuno interviene, faccio io una replica, poi passiamo ai voti, vabene? In linea di principio, mi sento molto vicino alle motivazioni di Biandronni, nel particolare,perché, se poi affrontiamo questo discorso, in modo più ampio, è ovvio, che io, personalmente, mici ritrovi. Ci sono, comunque, delle incoerenze normative, perciò, intanto chiederei al SegretarioComunale di verificare cosa dice quest’articolo 36 del nostro Statuto, che abbiamo votato, aproposito di “non rilevanza economica dell’acqua”, che, in realtà, c’è, (… disturbo, nontrascrivibile), per cui, occorre maggiore certezza, in relazione alle leggi vigenti. In merito, poi, alcarattere pubblico dell’acqua, rispetto a quanto affermato sia dalla Campitelli, sia da Neri, io leggoche nello Statuto, agli articoli 7 e 26, si dice: “Fermo il principio, secondo il quale il 51% delcapitale sociale della società incorporante dovrà essere detenuto da Enti pubblici”, quindi, è nelloStatuto, poi la modifica (…), perciò la proprietà pubblica dovrebbe rimanere, a questo punto,permanente. Un altro aspetto che mi è stato fatto notare e sul quale potremmo intervenire, riguarda
  15. 15. gli articoli 16 e 17, che prevedono di un incremento, da diciotto al venti, del numero dei componentiil Consiglio di Amministrazione e il conseguente incremento, da quattordici a sedici, deicomponenti il Consiglio di Amministrazione, tratti dalla lista che ha ottenuto il maggior numero deivoti. L’aumento dei Consiglieri da diciotto a venti, a mio avviso, è in contrasto, non solo con iprincipi di questo Consiglio, ma, io credo, con l’opinione di tutti gli italiani. Ormai, infatti, di questesituazioni ne abbiamo più che abbastanza, non voglio allargarmi troppo, rischiando di andare fuoritema, come ha fatto Giancarlo, però, io francamente, sono stanco che la gente possa assimilarci acerti politici, come Fiorito, che si mettono in tasca 10 milioni di euro e poi si fanno la legge ad hoc.Tra l’altro, ieri, ho saputo che lui va in pensione a cinquant’anni, con 4.000 euro al mese, perché, loscorso dicembre, il Consiglio Regionale ha emanato una legge speciale. Lo potremmo fare anchenoi, come Consiglio Comunale di Santa Sofia, mettiamo in pratica qualcosa per raccattare quelloche riusciamo a racimolare! Voglio dire che, purtroppo, la serietà e questi bei discorsi, in cui credodavvero, cioè, il bene comune, l’interesse generale, eccetera, per molti sono tutt’altra cosa. Noi, èvero, contiamo sempre meno in Hera, certo che quando c’era il CIS, mi ricordo che facemmol’acquedotto di Spinello e portammo anche il gas, sia lì, sia a Corniolo. Fu una bellissimaoperazione, che, però, non si è ripetuta, per esempio, nel caso di Camposonaldo, ma c’era già Hera,che, assolutamente, non tirò fuori un centesimo. Mi sembra che portare il gas a Camposonaldocostasse 350.000 euro e Hera ci disse di no, così come nel caso delle fognature. Ripeto, quando noi,in Conferenza dei Servizi, sostenemmo che quel tipo di modalità tecnica era balorda, abbiamodovuto soccombere, c’è stato poco da fare, poi, è stata impiegata anche negli altri paesi, non socome faranno quando andranno a spaccare il centro storico di Forlì e di Bologna, però noi nonabbiamo contato niente, anzi lo 0,06%, come diceva prima Luciano Neri. Questo, naturalmente, facadere le braccia. Tra noi, qui, non c’è una maggioranza e una minoranza, siamo tutti nella stessabarca ed è così. Poi, quando si parlava di dare battaglia, per la verità, io, anche in ATO ho cercato diavversare certe disposizioni, che ritenevo svantaggiose per i Comuni, però mi sono trovato da solo.Una volta, sono stato sostenuto da Premilcuore, però mi rincresce che tutti gli altri Comuni fosserod’accordo tra loro, sia Meldola, sia Dovadola e anche quelli di centrodestra, poi, hanno votato afavore di Hera. Capacci di Premilcuore ed io siamo stati gli unici due stupidi che si sono messicontro tutti. Questo dispiace, perché almeno sui principi si poteva essere d’accordo, invece iltornaconto penso prevalga su tutto, anche in chi (…). Scusate, lo sfogo, in ogni caso, l’unicaproposta che posso avanzare al Consiglio, oltre a quanto è stato scritto nello schema, è quella diopporsi a quest’aumento dei Consiglieri, che mi sembra fuori da ogni criterio e, oggi come oggi, èinutile e inammissibile come principio. Io questo lo metterei.Neri: è previsto l’aumento da diciotto a venti, perché entrano in Consiglio di Amministrazione uncomponente di Trieste e uno di Padova ed è già stato concordato, con questi Comuni, che, dal 2014,quindi, dal prossimo rinnovo del Consiglio di Amministrazione di Hera, il numero dei Consiglieripassi da venti a quindici, e questi comprenderanno dodici pubblici, di cui due di Trieste e Padova,più i tre della rappresentanza privata. Per cui, quel diciotto più due è previsto in questa fase, nellemore della validità dell’attuale organizzazione del CDA, che, appena si rinnoverà, passerà da venti aquindici, compresi Trieste e Padova. Poi, se lo vogliamo scrivere, io sono d’accordo, anche perché,con questo nuovo vento, più attento al numero dei Consiglieri d’Amministrazione e al lorocompenso, se ne accorgono un po’ tutti che è meglio essere più misurati, altrimenti la gentes’infuria.Foietta: su questo, un segnale lo darei, poi, che non serva, è facile pensarlo, però, almeno comeprincipio, con un ordine del giorno, io lo farei. Non approvare questa fusione significa essere messiin un angolo, anche perché contiamo poco, adesso, come domani, non ci cambia molto, però, ripeto,a livello di principio, se vogliamo dire che siamo contrari all’aumento del numero dei Consiglieri, iolo farei.
  16. 16. Biandronni: dite anche che volete che siano spesi meno soldi (…) e chiedete una riduzione pari al30% delle indennità destinate ai Dirigenti della Società.Foietta: bene. Proponiamo, Segretario, il punto all’ordine del giorno potrà redigerlo come riterràopportuno, adesso, se vuole aggiungere: 1) che il Consiglio Comunale…Segretario: adesso lo scrivo, ma, avevamo una proposta di delibera, con uno schema pervenuto, cheha, oltre a tutta una serie di premesse, il dispositivo, perciò, se s’intende emendare la delibera, conun’introduzione da parte di qualcuno, per poi votare anche l’emendamento, lo abbozziamo,dopodiché, si dovrebbe votare, sull’emendamento e sulla proposta definitiva.Foietta: va bene, facciamo due votazioni. Emendamento n. 1) il Consiglio Comunale chiede che ilConsiglio di Amministrazione non sia incrementato e, quindi, non approva la modifica agli artt. 16e 17; emendamento n. 2) il Consiglio Comunale auspica una riduzione degli emolumenti aiDirigenti e agli Amministratori.Segretario: quando si va dal notaio a stipulare l’atto, sapete come funziona? L’esempio più banaleè quello dell’approvazione di convenzioni tra i nostri Comuni, per cui, arriva la bozza e se uno degliEnti interessati approva un testo diverso, sostanzialmente, è come se non approvasse la bozzaoriginaria. Questo è un caso che non mi è mai capitato, ma, a mio avviso, noi, decidendo diapportare una modifica a quanto ci è stato proposto, in pratica, lo rigettiamo, insomma, lorimandiamo indietro, dicendo che noi lo approviamo soltanto con questa modifica, non so se vitorna. Sarebbe assimilabile a dire che questo Consiglio Comunale non approva quello che èpervenuto, ne propone un’integrazione e lo rimanda indietro, che ha una valenza di approvazione dibuona parte, ma non del tutto. Poi, in fase di stipula definitiva di questi atti, quando si andrà dalnotaio, si vedrà come ne terranno conto, di tali apposizioni particolari del Comune di Santa Sofia.Neri tu hai esperienza di queste cose, cosa ne pensi? In sostanza, come dice Biandronni, si dovrebbevotare su questa proposta, che arriva più o meno blindata e, poi, fare una delibera di ordine delgiorno, che dà l’imput politico di questa Amministrazione, allegandola alla stessa, magari,inviandola anche agli altri Consigli Comunali, cercando di fare massa critica su questo discorso.Foietta: io torno al mio ragionamento di prima, se è un auspicio, allora non ha un valorestrettamente cogente, mentre se diciamo che lo votiamo solo a determinate condizioni, diventatassativo. Per cui, usiamo la formula dell’auspicio, perché sia verbalizzato, poi, loro non loincluderanno nello Statuto e negli accordi, però almeno noi, come Comune di Santa Sofia, ci siamoespressi. Io, qualcosa metterei.Neri: il problema è che questo documento non possiamo dividerlo in mille parti, accettandonenovecentonovantotto e due no.Foietta: non è che votandola in un modo o nell’altro cambi il mondo, si tratta di una semplicedichiarazione di un nostro principio.Neri: da un punto di vista tecnico, a mio avviso, noi, una proposta di questo genere, dobbiamo oaccettarla o respingerla e, in seguito, rivolgendoci soprattutto al nostro Patto di Sindacato o aiSindaci dei Comuni grandi, eccetera, potremo legittimamente dichiarare che, a nostro giudizio, ilConsiglio di Amministrazione dovrebbe essere ridotto e che sarebbe opportuno che gli emolumentiche ricevono i Consiglieri fossero tagliati del 30%. Poi, è ovvio, che, per noi, questa è una presa diposizione, che avrà un peso e un significato se condivisa anche dagli altri. Se, invece, portiamoavanti l’approvazione di novecentonovantotto parti su mille, diventa una partita ingestibile,pertanto, io sarei per dividere la deliberazione dalla dichiarazione.Lungherini: perché non prendiamo spunto da questa discussione per dire che in Romagna, ci sonodue aziende pubbliche, vale a dire, Romagna Acque e Unica Reti che si potrebbero fondere el’acqua rimarrebbe tutta pubblica. Poi, il nuovo soggetto, che si chiami Romagna Acque o altro, non
  17. 17. ha importanza, avrebbe tutta l’acqua e la gestione sarebbe sottoposta a gara, che potrebbe vincereHera come un’altra società, quando si potrà fare, nel 2019………..: voce fuori microfono non trascrivibile.Lungherini: ho capito, ma è più scottante questo aspetto, anche perché, puntando sulla riduzionedel numero dei Consiglieri, potrebbero rispondere che, da quaranta, somma dei due CDA, sonopassati a diciotto, perciò un taglio considerevole è già previsto. Dal punto di vista politico, per me, èpiù importante che ci siano due società pubbliche, ciascuna con il proprio CDA…Foietta: mettiamo ai voti? Così com’è?Segretario: vorrei rilevare, a uso dei Consiglieri, che il termine temporale che hanno dato,trasmettendoci questo materiale è il 10 di ottobre. Siamo a fine settembre e non è detto che non larinviino, perché ci sono state molte critiche e perplessità in merito a questa faccenda. Quanto aldiscorso di prima, scusatemi, io sono qui per fornirvi assistenza, poi, le scelte politiche sono vostre,quindi, è chiaro che, essendo il Comune, assieme ad altri, dentro un Patto di Sindacato, si puòpromuovere un’azione politica, che partendo, possibilmente in maniera unitaria, da questoConsiglio Comunale, cerchi di coinvolgerne altri, in una certa posizione e fare gruppo, persmuovere quella parte di Patto sindacale dei piccoli e medi Comuni. In ogni caso, torno a pensareche, stasera, sia opportuno che la delibera si approvi, oppure no, ma in toto, tranne che si vogliarinviare.Foietta: facciamo l’ordine del giorno? In questo caso voto a favore, altrimenti mi astengo. Non mela sento di approvarla tutta. chi lo prepara? I due capigruppo, Fleana, ci state a fare un ordine delgiorno?Campitelli: no, personalmente sono per dare un segnale politico più forte, perché l’ordine delgiorno non servirebbe a niente, perciò, se vuoi farti sentire, anche se inutile, dato che la fusioneandrà avanti ugualmente, voti contro questa! L’ordine del giorno non serve a niente e rispetto allaproposta che hai fatto tu, Lungherini, io dimostro di condividerla, perché voto contro questa. Chi,invece, pensa di votare a favore, a mio avviso, è in contraddizione con la tua proposta.Lungherini: io sono anche contrario all’Unione, alla Provincia Unica, all’accorpamento deiComuni, ma la linea è quella, il piccolo, purtroppo, non ha spazio…Foietta: non andiamo fuori tema. A parte l’ordine del giorno che dobbiamo predisporre, poi, se laminoranza ci sta, bene, altrimenti lo faremo ugualmente, detto questo, mettiamo ai voti la deliberacosì come pervenuta in proposta.
  18. 18. Il presente verbale viene letto, approvato e sottoscritto: Il Presidente Il Segretario Comunale F.to FOIETTA FLAVIO F.to PUPILLO MARCELLOLa presente è copia conforme alloriginale ad uso amministrativo.Lì 31/10/2012 Il Segretario Comunale PUPILLO MARCELLO CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONELa presente deliberazione viene pubblicata allAlbo Pretorio Online del Comune(www.comune.santa-sofia.fc.it) per gg.15 consecutivi a far data dal 31/10/2012Lì 31/10/2012 Il Segretario Comunale F.to PUPILLO MARCELLOLa presente deliberazione: è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma 4, del D.Lgs. 18.08.2000, n. 267. È divenuta esecutiva a far data dal giorno _______________________ , ai sensi dellart. 134 comma 3 del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267. F.to Il Segretario Comunale PUPILLO MARCELLO

×