Apparato Respiratorio Dei Vertebrati
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Apparato Respiratorio Dei Vertebrati

on

  • 22,414 views

 

Statistics

Views

Total Views
22,414
Views on SlideShare
22,334
Embed Views
80

Actions

Likes
3
Downloads
113
Comments
0

2 Embeds 80

http://www.slideshare.net 69
http://elysasa.blogspot.com 11

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Apparato Respiratorio Dei Vertebrati Presentation Transcript

  • 1. APPARATO RESPIRATORIO DEI VERTEBRATI Specializzandi A060 Ghezzi Anna Rita Trevisanut Mauro Vasiento Rossana
  • 2. Forme adattative
    • Le principali strutture specializzate che, come frutto dell'evoluzione, si sono sviluppate per funzionare da superfici di scambio tra l'organismo e l'ambiente, sono le branchie e i polmoni.
    polmoni
    • branchie
  • 3.
    • Sono organi specializzati per gli scambi gassosi nell’ambiente acquatico
    • Sono ripiegamenti esterni o interni della superficie corporea che assorbono l’O 2 disciolto nell’acqua .
    Le branchie Branchie interne
      • Branchie esterne
    • La loro superficie respiratoria è molto più estesa rispetto al resto della superficie del corpo.
  • 4. Le branchie
  • 5.
    • Nei pesci lo scambio dei gas è intensificato dalla ventilazione e dallo scambio controcorrente tra sangue e acqua che fluiscono l’uno in senso opposto all’altra.
    0 Arco branchiale Direzione del flusso dell’acqua Arco branchiale Vasi sanguigni Filamenti branchiali Sangue ricco di ossigeno Sangue povero di ossigeno Lamella 15% 40% 70% 100% 60% 80% 30% 5% % di O 2 nell’acqua che fluisce sopra le lamelle % di O 2 nel sangue che fluisce attraverso i capillari all’interno delle lamelle Scambio controcorrente
  • 6. Flusso controcorrente
    • L'acqua scorre sulle branchie in un'unica direzione mentre il sangue scorre nei capillari nella direzione opposta. Il flusso controcorrente massimizza il trasferimento di ossigeno.
  • 7.
    • Nei vertebrati terrestri si evolvono polmoni sempre più complessi ed efficienti
    Polmoni
      • I rettili, gli uccelli, i mammiferi e molti anfibi utilizzano i polmoni per effettuare gli scambi gassosi.
  • 8.
    • Nei vertebrati terrestri si evolvono polmoni sempre più complessi ed efficienti
    • I polmoni occupano una zona limitata del corpo dell’animale e sono collegati a un sistema circolatorio che trasporta i gas al resto del corpo.
    Polmoni
  • 9.
    • Nei vertebrati terrestri si evolvono polmoni sempre più complessi ed efficienti
    Polmoni
      • Le dimensioni e la complessità dei polmoni sono correlate alla velocità del metabolismo dell’animale (quindi al suo fabbisogno di ossigeno).
  • 10. Polmoni degli Anfibi
    • Gli anfibi hanno polmoni a sacchetto con una superficie interna per gli scambi gassosi relativamente piccola. In questi animali, l'azione dei polmoni è affiancata da quella della pelle, umida e sottile, attraverso cui i gas possono diffondere facilmente.
  • 11. Respirazione cutanea
  • 12. Anfibi Poiché manca una gabbia toracica, la ventilazione polmonare negli Anfibi avviene grazie a variazioni dell’ampiezza del cavo orale e faringeo per azione dei muscoli bucco-faringei: l’aria entra attraverso le narici (a bocca chiusa) e quindi dalla bocca viene forzata nei polmoni attraverso ripetuti atti di deglutizione .
  • 13. I rettili
    • I polmoni dei rettili sono ampi e diversificati
    • Uno dei due polmoni può essere vestigiale (serpenti)
  • 14. Polmoni Struttura del polmone di alcuni tetrapodi eterotermi
  • 15. Polmoni
    • L’evoluzione dei polmoni dagli Anfibi ai Mammiferi è caratterizzata da tre elementi essenziali:
    • Passaggio da strutture sacciformi (Anfibi) a strutture parenchimatose (alcuni Rettili, Uccelli e Mammiferi), pliche sempre più numerose e i bronchi penetrano all’interno della cavità
    • Il polmone degli Uccelli presenta una struttura molto particolare che può essere meglio definita di tipotubulare
    • Costituzione di un sistema conduttore dell’aria dapprima extra-polmonare (trachea e bronchi) e poi intra-polmonare (bronchi, bronchioli).
  • 16. Rettili
    • La ventilazione polmonare: in parte determinata dai muscoli intercostali.
    • Cheloni, contrazioni dei muscoli collegati al cinto pettorale e alla parete delimitante i visceri.
    • Nei coccodrilli gli atti respiratori sono dovuti al movimento dei muscoli intercostali cui si associa quello di muscoli addominali e diaframmatici: questi ultimi collegano il setto postepatico e il cinto pelvico e contraendosi “spostano” il fegato facendo variare l’ampiezza delle cavità pleuriche e di conseguenza l’espansione o la compressione dei polmoni.
  • 17. Uccelli
    • Gli uccelli hanno un sistema di sacchi aerei interconnessi ai polmoni che, oltre ad alleggerire l'animale, rendono possibile un maggior afflusso di ossigeno ai possenti muscoli delle ali.   Per far percorrere all'aria l'intero sistema, un uccello deve effettuare due cicli respiratori di inspirazione-espirazione. Questo sistema, che comporta un flusso unidirezionale dell'aria all'interno dei polmoni, è così efficiente nel sottrarre all'aria l'ossigeno che certi uccelli possono volare a quote altissime.
  • 18. Uccelli
    • il volo necessita di un grande lavoro muscolare, massimo grado di efficienza dei polmoni.
    • Sacche aerifere che funzionano come dei mantici
    • Polmone “a tubicini”
    • Flusso unidirezionale (non è mai presente “aria residua”)
  • 19. Uccelli
  • 20.
    • Struttura dei polmoni dei Tetrapodi
    • Sacciforme
      • unicamerato (anfibi) (rettili lucertola)
      • paucicamerato (rettili iguana)
      • multicamerato (rettili coccodrilli, tartarughe)
    • Parabronchiale (uccelli)
    • Bronco-alveolare (mammiferi)
  • 21. I mammiferi I polmoni dei mammiferi sono simili a quelli dei rettili, ma sono internamente suddivisi con maggiore omogeneità. Sono quindi più efficienti, soddisfacendo così le maggiori esigenze dell’alto tasso metabolico di questi omeotermi. Polmone di mammifero
  • 22. Anatomia delle branchie e dei polmoni
    • Cosa serve:
    • Confezione di polmone bovino acquistato in macelleria.
    • 1 trota fresca acquistata al supermercato dal pescivendolo.
    • Bisturi e forbici, guanti monouso, lente di ingrandimento.
    • Cosa si fa:
    • Osservazione di organi ed apparati.
    LABORATORIO n° 1: branchie e polmoni
  • 23.
    • Far notare agli studenti:
    • Struttura delle lamelle branchiali
    • Diversa consistenza dei due organi respiratori
    • Consistenza “spugnosa” del tessuto del polmone
    • Resistenza del tessuto dei bronchi
    • Collegare le 2 diverse tipologie alla funzione
    LABORATORIO n° 1: branchie e polmoni Finalità: