Classificazione software

1,814 views
1,449 views

Published on

Classificazione tipi di software per criterio

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,814
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
121
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Classificazione software

  1. 1. COMPONENTI DI UN SISTEMA INFORMATICO Hardware Software Parte fisica Componenti logiche Componenti fisiche (elettroniche e meccaniche) di un computer Istruzioni eseguite dal computer (programmi) e dati/informazioni elaborate
  2. 2. FUNZIONI DEL SOFTWARE Il computer è una macchina di uso generale, può eseguire un gran numero di operazioni diverse, ma non è predisposto per eseguire alcuna operazione. Per farlo funzionare bisogna fornirgli l’insieme di istruzioni che servono per fargli svolgere un determinato compito, cioè un … Programma
  3. 3. CLASSIFICAZIONE DEL SOFTWARE I software possono essere classificati in base a diverse loro caratteristiche: • gerarchia (vicinanza all’hardware) • funzione (videoscrittura, foglio elettronico, database management system, grafica ecc.); • grado di apertura della licenza (software libero o software proprietario); • sistema operativo su cui possono essere utilizzati (Unix, Mac OS, Windows ecc.); • da installare o portabile; • tipo di interfaccia utente (testuale o grafica); • stand alone (ovvero che possono girare completamente autonomi su sistemi isolati) oppure network (ovvero che funzionano in un ambito di rete).
  4. 4. Classificazione del software secondo il criterio gerarchico (vicinanza all’hardware) 1. Software di base (o di sistema) 2. Software applicativi Programmi che permettono all’utente di eseguire compiti specifici Programmi di base per il funzionamento e la gestione del computer
  5. 5. 1. SOFTWARE DI BASE: • Il BIOS  Risiede nella memoria ROM e gestisce automaticamente tutte le operazioni connesse con l’avviamento del computer • Il Sistema Operativo  Gestisce e controlla le risorse HW e SW del computer  Fornisce all’utente un’interfaccia con cui operare
  6. 6. Tipi di interfaccia A riga di comando (o a caratteri, o testuale) Grafica G.U.I. (Graphic User Interface)
  7. 7. L’INTERFACCIA A RIGA DI COMANDO È costituita da una schermata nera all’interno della quale vengono impartiti i comandi da tastiera, utilizzando il linguaggio specifico del S.O.  Bisogna conoscere la sintassi dei comandi, che a volte è complessa  È molto facile sbagliare a scrivere un comando, e a volte è difficile capire dove sta l’errore
  8. 8. L’INTERFACCIA GRAFICA (G.U.I.) È costituita da vari simboli grafici (icone, finestre, menù, …) e i comandi vengono impartiti puntando un oggetto col mouse e premendo un tasto o trascinando l’oggetto  Le operazioni sono più intuitive rispetto ad un linguaggio di comandi  I simboli sono di facile comprensione
  9. 9. 2. I SW APPLICATIVI Programmi (detti anche «applicazioni») finalizzati a svolgere compiti particolari come: • videoscrittura: i cosiddetti word processor che permettono di elaborare testi; • fogli di calcolo: permettono di utilizzare dati e rappresentarli graficamente; • presentazione: servono a realizzare diapositive per facilitare ad es. la comunicazione in pubblico…
  10. 10. Classificazione del software in base al grado di apertura della licenza La licenza d'uso è un documento che accompagna il software e specifica i diritti e i doveri di chi lo riceve e di chi lo diffonde. Tutte le licenze d'uso traggono il loro valore legale dalle norme sul diritto d'autore (il copyright). Esistono licenze libere e licenze proprietarie.
  11. 11. Classificazione del software in base al grado di apertura della licenza SOFTWARE LIBERO (COPYLEFT) SOFTWARE PROPRETARIO (COPYRIGHT)
  12. 12. È un software distribuito in modo che chiunque ne abbia il permesso d’uso, copia e distribuzione. Il codice sorgente, cioè la struttura interna di questi programmi è reso disponibile a chiunque intenda modificarlo. Su questa filosofia si basano i cosiddetti «open source», ovvero software con il programma sorgente «aperto», disponibile cioè ad eventuali modifiche. SOFTWARE LIBERO (COPYLEFT)
  13. 13. È un software del quale è proibita la ridistribuzione o modifica. Il software coperto da copyright solitamente è distribuito a pagamento. SOFTWARE PROPRIETARIO (COPYRIGHT)
  14. 14. SOFTWARE SHAREWARE Il termine “shareware” identifica software commerciale che viene reso disponibile gratuitamente come versione di prova. I programmi così distribuiti possono presentare una o più delle seguenti limitazioni (chiaramente a discrezione del titolare dei diritti patrimoniali d’autore):
  15. 15. Limitazioni del SOFTWARE SHAREWARE: - nelle funzioni (determinate funzioni vengono disabilitate, ad esempio il salvataggio di file); - nella durata (ossia funzionano per un tempo limitato); - nelle possibilità giuridiche di utilizzo (ad esempio, sono liberamente utilizzabili a fini personali ma non nello svolgimento di un’attività commerciale o professionale). - Il software può inoltre essere reso disponibile gratuitamente a tutti per qualsiasi utilizzo e il pagamento del suo prezzo viene lasciato all’onestà (oltre che alla discrezionalità) di ciascun utente.
  16. 16. SOFTWARE FREEWARE Il software Freeware è un software pubblicato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo liberamente e gratuitamente. Il freeware è distribuito indifferentemente con o senza codice sorgente, a totale discrezione dell'autore e senza alcun obbligo al riguardo. È sottoposto esplicitamente ad una licenza che ne permette l'uso e la redistribuzione gratuita. Il software freeware viene concesso in uso senza alcun corrispettivo, ed è liberamente duplicabile e distribuibile, con pochissime eccezioni.

×