Your SlideShare is downloading. ×
Giacomo Leopardi: un Poeta incompreso?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Giacomo Leopardi: un Poeta incompreso?

1,507
views

Published on

Una presentazione dedicata ai temi leopardiani e agli aspetti meno conosciuti della sua vita, indispensabili per comprendere appieno la sua poetica. …

Una presentazione dedicata ai temi leopardiani e agli aspetti meno conosciuti della sua vita, indispensabili per comprendere appieno la sua poetica.
Testi citati: "Leopardi. L'immagine antica" di Bonifazi Neuro http://www.ibs.it/code/9788806121273/bonifazi-neuro/leopardi-immagine-antica.html

Chiunque ne avesse bisogno, può scrivermi a chiara.abc@hotmail.com

Published in: Education

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,507
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Giacomo Leopardi Un Poeta“Incompreso”?
  • 2. La nostra idea di LeopardiLeopardi, anzi Giacomo, a noi ci appare come un vecchio poeta da studiare, la solita “muffa”letteraria. Un poeta un po’ depresso, abbastanzamalaticcio e che non si è goduto per nulla la vita:è davvero così? Oppure attraverso i sue versi, le sue parole ci ha voluto raccontare i colori e le sfumature della sua esistenza?
  • 3. A se stesso. METRO: endecasillabi e settenari variamenteOr POSERAI per sempre, alternati. Le prime due strofe, costituite da 5 versiStanco mio cor. Perì linganno estremo, ciascuna, hanno uno schema metrico delineato (7- 11-11-7-11) mentre l’ultima strofa contiene unCheterno io mi credei. Perì. Ben sento, verso in più (endecasillabo) che tende a colpire ilIn noi di cari inganni, lettore con la sua potenza, rappresentando il fulcro della poesia. Non che la speme, il desiderio è spento.POSA per sempre. Assai NUCLEI DELLA POESIA: ogni strofa è composta da 3 nuclei che si ripetono sempre nella poesia e, unaPalpitasti. Non val cosa nessuna volta individuati, ci aiutano a comprendere meglio ilI moti tuoi, né di sospiri è degna significato della poesia: •Invocazione al cuore del poeta.La terra. Amaro e noia •Causa dell’invocazione, il perchéLa vita, altro mai nulla; e fango è il mondo. •La costatazione della morte dell’amore, ultimaTACQUETA omai. DISPERA illusione.Lultima volta. Al gener nostro il fato LESSICO: Per “scovare” altri aspetti della poesia, è necessario analizzare il lessico usato: si può notare ilNon donò che il morire. Omai DISPREZZA climax ascendente formato da “POSERAI-POSA-Te, la natura, il brutto T’ACQUETA” e da “DISPERA-DISPREZZA” e dal loroPoter che, ascoso, a comun danno impera, rapporto sinonimico. RITMO: è spezzato e franto, e salta subito agli E linfinita vanità del tutto. occhi; è ben studiato, infatti si notano 8 pause, 12 periodi e ben 8 enjambement.
  • 4. Breve biografia.Giacomo Leopardi nacque a Recanati, il 29 giugno 1798 dal Nel giugno 1827 si stabilisce a Firenze, doveconte Monaldo Leopardi e da Adelaide Antici. Trascorse la frequenta il “Gabinetto Vieusseaux”; conoscesua adolescenza studiando sui numerosi libri della biblioteca Antonio Ranieri e Alessandro Manzoni. L’annodella famiglia. Nel 1817 s’innamorò della cugina Geltrude per successivo si trasferisce a Pisa, dove compone “Ala quale scrisse “Il primo amore”. Il 2 marzo scrive al suo Silvia”, “Le Ricordanze”, etc. Nel 1830, ritorna aamico Pietro Giordani: <<Io mi sono rovinato con sette anni Firenze, dove conosce Fanny Targioni Tozzetti,di studio matto e disperatissimo >>. della quale si innamora. Nel settembre inizia il sodalizio con Ranieri.Nel 1831, nell’aprile, esce l’edizione fiorentina de “I Canti”; scrive “IlNel 1819 comincia a scrivere i “Piccoli idilli” ma comincia a pensiero dominante”, la poesia che dà inizio alsoffrire di una grave malattia agli occhi; nel luglio progetta “Ciclo di Aspasia”.di fuggire da Recanati ma il padre scopre i preparativisegreti e il piano fallisce; a settembre scrive “L’Infinito” el’idillio “Alla Luna”. Nel 1833, i due giungono a Napoli. Nel 1835Tra il 1820/21 compone l’idillio “La sera del dì di festa” acui segue “Il Sogno” e “La Vita Solitaria”. L’anno successivo esce una nuova edizione dei “Canti”, che saràsi stabilisce a Roma, ma rimane deluso dalla città. sequestrata dal governo borbonico. Nel 1836, per sfuggire al colera, va ad abitare con RanieriNel 1824 inizia a scrivere “Le operette morali”, opere tra e con la sorella Paolina nella villa Ferrigni pressoletteratura e filosofia; si stabilisce a Bologna, dove conosce Torre del Greco. Compone “La Ginestra”.il conte Carlo Pepoli a cui dedica il canto “Al Conte Carlo Si spegne il 14 giugno 1837 a Napoli.Pepoli”, ma rientra dopo poco a Recanati.
  • 5. Leopardi e il Desiderio di Morte. “La volontà di morte è l’effetto di un’illusione a cui l’immaginazione si affeziona, mentre nel fondo del cuore rimane la realtà della speranza e del desiderio di una vita: il discorso di morte, anche se esagerato, nasconde (anche al poeta ) qualcosa che egli indica intanto così, come inconscio desiderio e voglia di vivere” ( A Giordani)Così Leopardi esordisce sulla Morte in una lettera al suo confidente più intimo, Pietro Giordani,che più volte li rimprovera queste amare parole: ma perché arrivò a volere la morte, adesiderarla? Dobbiamo fare un flashback e tornare al 1803-4, anni della fanciullezza del poeta.Prima di ciò, dobbiamo sottolineare l’importanza del RICORDO, RIMEMBRANZA per Leopardi, dacui però si ricava solo un vago piacere. La fanciullezza, che hanno caratterizzato il suo linguaggioopaco e non chiaro e le sue sensazioni politiche, lo portano ad una negazione del realismopoetico ed a non avere una congiunzione con il mondo esterno. Le radici della sua poetica non sidifendono dal dimenticare che lo porta ad un’inconsapevolezza dei suoi comportamenti (Ilpassero solitario/Amore e Morte).Leopardi definisce la fanciullezza come “un benedetto e beato tempo” ma anche come “il tempodella delusione e della sofferenza”. Lui deve ricercare qui le origini della sua poetica, inquest’immagine oscura dove veleggiano vecchi fantasmi che il poeta riporta involontariamentenei suoi scritti.
  • 6. Infanzia e Fanciullezza “Perché seco dovea sí dolce affetto/ recar tanto desio, tanto dolore?” (Il primo Amore)Per Leopardi l’infanzia è un’immagine Antica, ed è comparata all’età primitiva perché: è più propizia alla MA è rovinata dalla cognizione del vero, poesia ed alla felicità da affrontare con il coraggio Antico.L’infanzia è paragonabile alla Fanciullezza, luogo di invasione profondissima. La felicità adesso èUn’illusione delusa ed una speranza perduta; nell’adolescenza del Poeta ritroveremo questaambiguità e questo conflitto tra Infanzia e Fanciullezza.La poetica leopardiana risentirà molto di questo periodo: attraverso la Poesia infatti ci sarà larisoluzione al conflitto tra la primitiva felicità e l’innocenza perduta, ritrovate nel pianto, come“isfogo dell’anima”. Leopardi risolverà anche l’opposizione tra lingua e sentimento.
  • 7. L’epistolario leopardiano, il racconto del suo cuore Le lettere che Leopardi scrive ai suoi confidenti sono un collegamento tra la sua poesia e il suocuore. Le lettere a Pietro Giordani, il suo amico più intimo, sono definite “la sua prima poesia, laprima rivelazione della sua vita intima”, ma è proprio nelle lettere scambiate tra i due nascono le idee di morte, a causa dell’infelicità familiare e di sé stesso. Lui si delinea come SOGGETTO INQUIETO. Ma non malinconico e pessimista: attraverso l’incorretta interpretazione di queste lettere, si attribuiscono l’estrema malinconia e il pessimismo “ultrafilosofico”. Due esperti leopardiani lo definiscono così: Francesco De Sanctis Benedetto CroceAttribuisce tutto alla crudeltà “Se un raggio di sole *..+ l’avesse fatto bello edella fortuna, alla giovinezza degno di un amore di donna, egli sarebbesparita e alla mancanza di uno sorto subito in piedi [..] ed avrebbesguardo femminile. guardato il mondo con occhi nuovi” Ma Leopardi, in una lettera a Luigi de Sinner nel 1832, smentisce la sua fama di malinconico e pessimista attribuitali dalla rivista francese “Hesperur”: “*..+ nella rivista Hesperur i miei mali sono stati un po’ esagerati e non è stato che per la viltà degli uomini che le mie opinioni filosofiche sono considerate come il risultato delle mie particolari sofferenze*..+”
  • 8. Il contenuto delle lettereIl motivo che spinge il giovane Leopardi a scrivere lettere è la voglia di farsi conoscere e di averecontatti con il mondo epistolare.Lui parla della sua vita con Giordani, delle sue sofferenze e della sua malinconia: nelle suelettere si può delineare un autoritratto veritiero del Poeta. Si sente “stomacato e scoraggiatodalla mediocrità che lo assedia e lo affoga” . Per la prima volta parlerà della morte “A me nonmi va di dar la vita per questi pochissimi, né di rinunziare a tutto per vivere e morire a pro loroin una tana *..+ qui è tutto morto.”Riconosce le sue virtù, i suoi pregi che però vengono soppiantati dal comportamento della suafamiglia che lo tratta come un “vero e pretto ragazzo”.Oltre a sentire in lui un eroismo negativo secondario, si cominciano a svegliare in lui nuovifuochi, il desiderio amoroso: a Giordani confida provare un desiderio erotico, sessuale “Hobisogno di amore, amore, amore, fuoco, entusiasmo, vita” che però provocherà solo sofferenzaperché non contraccambiato e perché osteggiato da Recanati e dalla sua famiglia (probabileorigine della sua infelicità).La cosa curiosa in Leopardi è che, pur avendo dentro questo desiderio che lo brucia, si ostenta aevitare il Gentil sesso a causa di Recanati, della sua malferma salute, della sua “bruttezza” edella natura maligna che riversa colpe su tutti.
  • 9. La malinconia Leopardiana Cos’è -> Pensiero solitario e micidiale, non razionale che tortura l’individuo nel tempo. Leopardi attribuisce il suo “essere malinconico” al suo fisico malato (ricordiamo che, secondo gli studiosi, aveva la scoliosi, derivata dalle lunghe sedute di studio, problemi neurologici alle gambe e alla vista, e probabilmente era affetto dal Morbo di Pott, ma è incerto). L’ostentazione dei suoi mali viene riportata nella sua poetica e nel suo epistolario, in cui, grazie ad esso, sembra reagire alla malinconia che infine lo pervaderà totalmente. Secondo il Poeta, per recuperare l’innocenza antica è ineluttabile sottoporsi al lavoro malinconico che rende la sua penna inquietante e pericolosa. La malinconia è quasi un lutto che continuerà anche fuori da Recanati “Malinconia derivata dalla necessaria solitudine”; ma c’è una netta differenza tra Malinconia e Lutto: Malinconia Lutto È la perdita iniziale, la privazione della coscienza. Invece nulla di ciò che riguarda la perdita èEssa fa fuggire dall’amore e fa venir meno l’interesse inconscio. Quando parlava di malinconia e verso il mondo esterno; si vuole fuggire, ma si è in lutto, Leopardi scriveva “la malinconia, balía della malinconia. <quasi> un lutto” perché non si riferiva alla perdita di qualcuno, ma di qualcosa: l’amore.
  • 10. Leopardi e la morte “Credimi: tutto questo mondo non è altro che un immenso male. Che ci possiam noi, piccoli e ( che peggio è) buoni? Non possiamo altro che patir insieme ed amarci; e questo si faccia sino all’ultima ora; che a me e a te (come infelicissimo ed amatissimo) auguro non lontana.” (Pietro Giordani a Leopardi) “Mentre io stava disgustatissimo della vita, e privo affatto di speranza, e così desideroso della morte *..+ mi giunge una lettera di quel mio amico, che m’avea sempre confortato nel sperare, e pregato a vivere [..] E pure, quella lettera non mi avea detto nulla ch’io non mi dicessi già tuttogiorno, e conveniva né più né meno con la mia opinione” (Zibaldone)Con la Morte, Leopardi è immaginario ed esagerato, ma con questa figura cosìeloquente, esprime l’opposto: il desiderio di vita.Questa figura deriva da un desiderio colpevolizzato che lo attanaglia fin dallafanciullezza, ossia l’Istanza Primaria, che accentua i mali ed inibisce i piaceri ed esaltail desiderio di morte.Con ciò, il Poeta, essendo già figura lirica e sofferta ed eroe martire, diviene ancheFIGURA CENTRALE DELLA SUA POESIA, che riconosciamo attraverso il suo linguaggiomortale ed indefinito, nella teoria “universale” dello Zibaldone e nella funebreallegrezza delle “Operette morali”.
  • 11. Le donne LeopardianeNelle “memorie del primo amore” (1817), Leopardi analizza il suo primo amore per la cugina in modo freddo e distaccato, perché il Desiderio d’amore è impedito dalle sue virtù che lo portano a scegliere lo “studio matto e disperatissimo”.Inoltre è un amore difficile perché innanzitutto è una sua parente consanguinea, è più anziana di lui ed oltretutto è anche sposata. Difatti, l’elegia “Il primo amore” non parla di Amore, ma parla del distacco, della partenza dell’innamorata. Questo distacco, questa perdita, richiama subito l’idea di Morte che ci perviene da “I canti”; le donne de “I canti” sono parte di questo lutto e sono vagamente autobiografiche, come la donna de “La sera del dì di Festa”, o quella di “A Silvia” o “Alla sua Donna”. Esse partecipano all’infelicità del Poeta, che vuole morire con loro, ma è consapevole che sono solo FINZIONI.
  • 12. Il conflitto tra Leopardi e sé stesso ha origine lontana, risale addirittura alla nascita dove si delineano la sua impotenza, la sua ostentata malinconia e l’istanza autocritica(la coscienza morale) che gli ha fatto preferire lo studio sopra ogni altra cosa, e che adesso gli fa preferire l’immaginazione della morte. Le sue donne raffigurano l’amore perduto, nascosto al Cuore: l’età antica può essere recuperata solo attraverso un immagine poetica vaga.Ora la poesia può restituire Catarticamente, attraverso la pietà, il diletto perduto della fanciullezza.
  • 13. Progetto realizzato da: Chiara Paolini Sulla base dell’opera«Leopardi. L’immagine antica.» di Bonifazi Neuro.