• Save
Relazione Bisio a Bologna fiera Ambiente Lavoro su formazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Relazione Bisio a Bologna fiera Ambiente Lavoro su formazione

on

  • 339 views

La relazione di Carlo Bisio alla fiera Ambiente Lavoro di Bologna il 16/10/13 in un convegno sulla formazione alla sicurezza. Due esperienze sul campo: una sull'analisi dei bisogni di formazione, ...

La relazione di Carlo Bisio alla fiera Ambiente Lavoro di Bologna il 16/10/13 in un convegno sulla formazione alla sicurezza. Due esperienze sul campo: una sull'analisi dei bisogni di formazione, un'altra sull'uso di video ad hoc nella formazione alla sicurezza.

Statistics

Views

Total Views
339
Views on SlideShare
149
Embed Views
190

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 190

http://www.carlobisio.com 189
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Relazione Bisio a Bologna fiera Ambiente Lavoro su formazione Relazione Bisio a Bologna fiera Ambiente Lavoro su formazione Presentation Transcript

  • Esperienze sul campo: dall’analisi dei bisogni formativi all’uso di video nella formazione Carlo Bisio Bologna, 16.10.2013 Convegno «Racconti di Lavoro: FormAttori in azione»
  • Un caso di analisi dei bisogni di formazione www.carlobisio.com
  • Domande guida quale mix di interventi può meglio soddisfare le esigenze di miglioramento? quale mappa della cultura aziendale della sicurezza? quali sono i livelli di conoscenza e di comprensione degli aspetti tecnici e procedurali? qual è la consapevolezza del ruolo nei diversi attori interessati alla sicurezza? www.carlobisio.com
  • Fasi del processo • interviste al management ed alle figure con responsabilità funzionali specifiche sulla sicurezza • colloqui rivolti ad operatori • analisi degli infortuni aziendali • predisposizione, somministrazione ed analisi di un questionario rivolto agli operatori ed ai preposti • colloqui di approfondimento • quali azioni di miglioramento? presentazione e discussione www.carlobisio.com
  • L’analisi degli infortuni Analisi degli infortuni Esempio: Ripartizione in base all’anzianità aziendale 30 20 Percent 10 0 0 2 5 7 9 11 13 16 18 20 24 26 anzianità Base dati di 90 infortuni accaduti in 8 anni nello stabilimento Alcuni eventi sono stati analizzati in modo partecipativo attraverso l’albero delle cause www.carlobisio.com
  • Questionario: le conoscenze  I dispositivi di sicurezza possono essere manomessi solo ed esclusivamente … a) quando compromettono la resa produttiva della macchina b) mai c) in caso di interventi straordinari sulla macchina in produzione (es. regolazione) Frequenza a b c Totale Percentuale 9 3 87 14 113 8,0 2,7 77,0 12,4 100,0 20 domande di cui 16 su aspetti tecnici e procedurali, 4 sulle responsabilità dei diversi ruoli www.carlobisio.com
  • Questionario: cultura e atteggiamenti Esempio di domanda Le domande erano su… www.carlobisio.com Numero di risposte Media delle risposte Deviazione standard 110 Esempio di risultato 5,0 1,7          Interdipendenza fra colleghi Credenze circa la genesi degli infortuni Ragioni per l’esposizione volontaria al rischio Grado di responsabilizzazione individuale Percezione della sicurezza Percezione del ruolo dei preposti e della direzione Percezione della preparazione individuale Comunicazione per la sicurezza Percezione dei DPI
  • Questionario: azioni a rischio Esempio di domanda Era presente una legenda per il significato delle 2 scale Esempio di risultato Numero di risposte Media della frquenza Media della percezione di rischio 94 4,65 6,03 21 domande su altrettante azioni a rischio emerse dalla fase di interviste iniziale
  • Alcune evidenze     Più di un terzo degli infortuni è occorso a persone con un’anzianità aziendale inferiore ai 2 anni La conoscenza di alcune procedure o conoscenze tecniche non è ben diffusa (es. esclusioni dispositivi di sicurezza) Una cultura di sicurezza che tollera in parte l’esposizione al rischio Tra le azioni a rischio più frequenti vi sono quelle legate all’uso di carrelli a forche (uso senza adeguata visibilità, senza adeguata preparazione, ecc.) Da queste e altre evidenze emerse Individuazione di azioni formative ed altre azioni di miglioramento
  • L’uso di video creati ad hoc nella formazione alla sicurezza www.carlobisio.com
  • L’intervento  analisi della domanda e dei bisogni; primo sopralluogo, definizione obiettivi di apprendimento;  progettazione del percorso formativo (obiettivi di apprendimento, metodi didattici, tempi, materiali da distribuire, modalità di valutazione, ecc.)  realizzazione dei video su situazioni quotidiane di lavoro reale  realizzazione degli incontri formativi  valutazione della qualità e dell’efficacia www.carlobisio.com
  • La struttura dell’incontro Introduzione concetti chiave Inoltre all’inizio: contratto formativo ; Al termine: proiezione al futuro (5 min.) Visione di un video Debriefing (15 min.) (6 – 7 min.) Discussione in sottogruppi con questionario (10 min.) www.carlobisio.com
  • L’importanza della discussione  l’obiettivo era sulla capacità di individuare situazioni di rischio in situazioni ordinarie di lavoro  obiettivo era anche quello sensibilizzare alla percezione dei rischi di  era quindi importante che vi fosse una discussione in sottogruppi per condividere e discutere le cose osservate www.carlobisio.com
  • Un video ad hoc I video ad hoc permettono di:  utilizzare come materiale le situazioni lavorative reali dei partecipanti alla formazione  ottenere un apprendimento più efficace e tarato su reali e specifici bisogni  ottenere una partecipazione e coinvolgimento nella preparazione www.carlobisio.com un
  • Condizioni di successo  una stretta integrazione delle competenze e delle prestazioni fra formatore e videomaker;  la produzione di video integrati nella quotidianità del lavoro dei partecipanti  un’analisi dei bisogni e una definizione di specifici obiettivi di apprendimento;  un approccio partecipativo alla produzione dei video, valorizzando l’apporto delle funzioni interessate, dei lavoratori e dei loro rappresentanti;  la conduzione da parte di formatori esperti, in gruppi di massimo 1214 persone;  un rappresentante della direzione che in apertura degli incontri sottolinei l’importanza dei contenuti trattati
  • Dall’Autore di «Psicologia per la sicurezza sul lavoro» e di «Comunicare in azienda» Fare apprendere la sicurezza Manuale per la formazione dei formatori per la sicurezza Edizione settembre 2013
  • Come acquistare Il libro si può acquistare all’apposita pagina del sito www.lulu.com (shortlink diretto http://bit.ly/1b6MfqJ, raggiungibile anche tramite il sito www.carlobisio.com/blog) 176 pagine, 18 €, copertina morbida Codice ISBN: 978-1-291-54350-6 Per informazioni:
  • Grazie www.cesvor.com www.carlobisio.com 18