PloneGov Italia: Percorsi di riuso e "resource pooling"

1,741 views
1,704 views

Published on

Presentazione al World Plone Day 2011 - Strategie di riuso attive nell'ambito di PloneGov Italia, quanto costa e cosa serve per riusare

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,741
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
624
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

PloneGov Italia: Percorsi di riuso e "resource pooling"

  1. 1. PloneGov Italia:percorsi di riuso e“resource pooling”Cesare Brizio,Communications andMarketing, ZEA Partners Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  2. 2. Il triangolo di PloneGov Enti Pubblici Gov Comunità PMI (rete Zea Partners Plone & altre) Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  3. 3. Il triangolo di PloneGov: visto da vicino COMUNITA’ DI UTENTI Stile Enti Pubblici: bisogni & soluzioniComunitario FATTORE ABILITANTE METODI & Gov PMI TECNOLOGIA (Rete Zea Partners & Plone, tecnologia altre PMI): consulenza software libera tecnica & servizi Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  4. 4. PloneGov Italia oggi....- Solo Enti Pubblici;- Supporto non invasivo da parte di una rete di imprese del software libero- Una quarantina di Enti ETEROGENEI (Comuni, Province, Regioni, AUSL, Ospedaliere, Agenzie, Università, Ricerca...);- Focus tecnologico: tutti usano Plone;- Dichiarati obiettivi di riuso (varie esperienze in atto). Vetrina (schede descrittive) delle applicazioni disponibili; Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  5. 5. PloneGov Italia oggi....- Dichiarato (solo parzialmente attuato) obiettivo di co-progettazione;- Nessuna risorsa umana o economica dedicata: puro volontarismo;- Alcuni Enti rilasciano ufficialmente software Plone sul repository globale di questa tecnologia;- Finalmente è imminente il lancio del repository di software liberamente scaricabile (ma proprio del “come riusare” vi parlo oggi). Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  6. 6. Che ci stanno a fare le imprese?✓ Tipicamente, i prodotti nascono in Enti che lavorano DA SOLI partendo da uninstallazione Plone base... ‣ Tuttavia, non tutti gli Enti vogliono o possono partire da soli. Il supporto di una rete di imprese competenti sulla tecnologia di riferimento estende i vantaggi economici e tecnici del riuso anche agli Enti che non possono contare su sufficienti risorse interne. Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  7. 7. Costi banali: precondizioni all’uso del software libero Questi, li sanno anche i bambini...•Installazione;• Formazione;• Personalizzazione.Altre precondizioni non economiche• Modelli di convenzione tra Enti;• Modelli di licenza: ad esempio, EUPL. Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  8. 8. Costi non banali: precondizioni al RIuso del software libero• Documentazione ‣ Piattaforma ‣ Soluzione• Pacchettizzazione ‣ Bonifica dati ‣ Astrazione dal contesto specifico ‣ “Buildout”• Integrazione ‣ Modulare / Parametrico ≠ integrabile ‣ Integrabile... entro certi limiti Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  9. 9. Modello 1 - Riuso “istituzionale”Un caso reale da un’Associazione di Enti Unione Reno GallieraAlbo pretorio online con integrazione verso differenti standard applicativi back-office Comuni dell’Unione Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  10. 10. Aspetti meno banali• I singoli Comuni hanno ognuno la propria soluzione di gestione Atti.• L’Unione ha investito il proprio budget per integrare nella propria infrastruttura IT e sul portale comune Plone i vari Albi (sviluppando plug-in ad hoc per ogni standard)• L’unione associa anche i servizi IT, quindi è un’istituzione specificamente orientata al “resource pooling” e ha brillantemente interpretato la propria missione, tra l’altro contagiando con Plone il sito istituzionale di due comuni dell’Unione. Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  11. 11. Modello 2 - Contagio orizzontale (soluzioni)Un caso reale tra Enti identici Camera di Commercio di Ferrara Portale e Intranet Altre 8 Camere di Commercio Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  12. 12. Aspetti meno banali• Aspetti negativi • Iniziale atteggiamento passivo / oppositivo di InfoCamere e ReteCamere • Disponibilità di soluzioni di portale “ufficiali” fornite da questi attori• Aspetti positivi • Modello di convenzione con servizi a listino: CCIAA vende un carnet di servizi • Impegno diretto del personale dell’Ente proponente a fornire servizi • Completezza del carnet di servizi: dal livello base, alle personalizzazioni avanzate • Effort di formazione trasversale (Unioncamere/IFOA) • Integrazione di servizi erogati da attori istituzionali del sistema camerale: superare la diffidenza Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  13. 13. Modello 2 - Contagio orizzontale (moduli)Un esempio (ce ne sono molti) caso reale tra Enti identici Comune di Modena Monet.Modulistica Comune di San Giovanni in Persiceto Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  14. 14. Aspetti meno banali• Prodotti Plone versione-specifici• Documentazione talora mancante• Necessità di contattare un referente dell’Ente offerente (PloneGov espone con chiarezza a chi rivolgersi...)• Necessità per testare il prodotto • un server di staging per verificare prima della messa in produzione • un certo livello di competenza Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  15. 15. Modello 3 - Riuso trasversale/bidirezionaleUn caso reale tra Enti simili Provincia di Ferrara Intranet / DMS / Gestione atti / Sistema Gestione Qualità Protocollo Comune di Padova Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  16. 16. Effort tecnologico (inizialmente sottostimato)• Documentazione di installazione (1 g/uomo)• Documentazione applicativa (stimata: 10 / 15 gg/uomo)• Svuotamento DB e astrazione dal contesto (5 gg/uomo)• Protocollo “fake” (2-3 gg/uomo)• Movimentazione fisica (1 g/uomo)• Installazione presso l’ente riusante (1 gg/uomo)• Integrazione tra soluzioni (da stimare: settimane/uomo) Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  17. 17. Modello 4 - EscalationRiuso verticale: scalata gerarchica Comune di Modena Sito Informagiovani Regione Emilia Romagna Portale federato GECO - www.informagiovanionline.it Livello Nazionale (Convenzione RER / ANCI / Dipartimento della Gioventù) Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  18. 18. Una escalation esemplare✓ Dal Comune di Modena (che crea il modello) ....✓ ... alla Regione Emilia Romagna (che sviluppa il modello federato) ...✓ ... ad ANCI (che si convenziona con la RER) ...✓ ... al Dipartimento della Gioventù (che ratifica la convenzione e si assume il governo di una diffusione nazionale)In base al Protocollo di Intesa firmato da Anci Nazionale e RER (Giugno 2010), ogniRegione può riutilizzare il sistema informativo, richiedendo i servizi direttamente adAnci o alla RER.Ogni Regione interessata, può anche richiedere la gestione completa del serverad Ancitel, o dotarsi di un server autonomo presso il proprio Ente, replicando ilsistema e provvedendo autonomamente alle personalizzazioni necessarie. Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  19. 19. Modello 5 - Sviluppo su commessaCaso limite: “sviluppo conto terzi” (offerta in uso) Camera di Commercio di Ferrara Sistema di archiviazione e movimentazione digitale dei fascicoliProcura della Repubblica c/o Tribunale Ferrara Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  20. 20. Aspetti meno banali• Aspetti negativi • Sospettosità del CISIA (infrastruttura ministeriale deputata all’IT) • Mega-progetti Ministeriali di settore, in parte sovrapposti • Timore da parte del Personale del Tribunale: “Possiamo usare sw non ministeriale?”• Aspetti positivi • Gradimento da parte del Personale del Tribunale • Assunzione di responsabilità da parte del Tribunale: “Col Ministero, litighiamo noi!” • In prospettiva, risparmi di tempo molto consistenti • Interesse di altre istituzioni (Prefetture, DIA ...) Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  21. 21. Modello 6 - Pool di cervelli e esperienzeEventi tecnici autogestiti Comune di Modena, Regione Emilia Romagna Seminario per lo scambio di soluzioni PloneGov (Modena, 3 novembre 2010) http://www.plonegov.it/notizie-ed-eventi/seminario-per-lo-scambio-di-soluzioni-plonegov-a-modena-materiali Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  22. 22. Si dovrebbe sempre fare così....• “Prima vediamo se c’è qualcosa di riusabile, poi, se non c’è, vediamo se riusciamo a crearlo noi. Alla disperata, se non esistono alternative, cerchiamo un fornitore!” (non è una citazione, è il mood) Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  23. 23. I problemi di fondo? L’entusiasmo ingenuo: "Riusare è bello... basta volerlo." L’approccio reattivo: "Qualcuno ci penserà, al momento giusto..." L’equivoco storico: "E’ software libero! Non c’è nulla da spendere." Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  24. 24. La soluzione? Un approccio informato e proattivo1. CRESCITA CULTURALE (i “costi nascosti” non sono imprevedibili)2.“RESOURCE POOLING” (messa a fattor comune di risorse economiche e non)3. CO-PROGETTAZIONE (definizione congiunta di specifiche) Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  25. 25. La soluzione? Un approccio informato e proattivo• Collaborare è più facile se c’è la cultura e se .... ‣ ... è chiaro il modello di convenzione tra Enti; ‣ ... ci sono esigenze omogenee (CommunesPlone); ‣ ... ci sono capitolati fatti bene (“Tariffario a giornata per supporto al riuso”); ‣ ... la mission dell’Ente è elastica (CCIAA meglio che Tribunale...); ‣ ... si coinvolge l’ente di ordine superiore sin dall’istante zero (Infocamere, Ancitel...). Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  26. 26. La soluzione? Un approccio informato e proattivo• Collaborare è più difficile se non c’è la cultura e.... ‣ ... tra Enti eterogenei; ‣ ... per “umbrella projects” con obiettivi troppo vaghi / vasti; ‣ ... senza allocazione di risorse alle giuste voci; ‣ ... senza aver convinto i politici o gli Enti di ordine superiore. Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  27. 27. CONCLUSIONE• No alle eccessive semplificazioni: l’impreparazione a gestire i costi di riuso è peccato mortale, perché IMPEDISCE il riuso;• Coinvolgere il livello politico e gli Enti di rango superiore fino dall’istante zero;• Deliberare il riuso e il modello di convenzione;• Il riuso e il pooling di risorse economiche necessitano di specifici canali di tipo amministrativo, e alcuni sono ancora quasi inesplorati: tra enti omogenei (Es. tra Comuni, tra CCIAA...) ancora ancora, tra enti eterogenei (Es. Comuni + Università + AUSL) non so neppure se esiste il modello teorico; Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  28. 28. CONCLUSIONE I fornitori sono dalla vostra parte, ma non possono creare da soli le condizioni di cui ai punti qui sopra. PloneGov Italia ha dimostrato di funzionare bene come ambiente ingrado di innescare esperienze di riuso. Gov Italia Cesare Brizio PloneGov: percorsi di riuso e “resource pooling”
  29. 29. Domande?Cesare BrizioZEA Partnerscesare@zeapartners.org
  30. 30. Grazie. Thank you.

×