• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Presentazione pof 10 11 primarie
 

Presentazione pof 10 11 primarie

on

  • 2,359 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,359
Views on SlideShare
1,390
Embed Views
969

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 969

http://www.cdcodroipo.it 969

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Presentazione pof 10 11 primarie Presentazione pof 10 11 primarie Presentation Transcript

    • Piano dell’ dell’Offerta Formativa -Iscrizioni – Iscrizioni Anno scolastico 2010- 2010-2011SCUOLA PRIMARIA 1
    • ISCRIZIONI• Hanno lobbligo di iscriversi alla scuola primaria le bambine e i bambini che compiono i 6 anni di età entro il 31 dicembre 2011;• possono iscriversi anche i bambini e le bambine nati successivamente, compresi coloro che compiranno i sei anni di età entro il 30 aprile 2012. 2
    • MODELLI ORARI SETTIMANALI CLASSI PRIMELe famiglie possono scegliere tra : 24 ore 27 ore fino a 30 ore + fino a 3 ore mensa in base all’organico assegnato alla scuola tempo pieno 40 ore 3
    • FORMAZIONE CLASSI PRIME• 15: n. minimo alunni per formare una classe Scelte di orario accolte dalla scuola in base al numero di richieste• I genitori devono presentare domanda di iscrizione ad una sola istituzione scolastica• Richieste sono eccedenti rispetto a modello orario richiesto: criteri di precedenza deliberati dal Consiglio di Circolo 4
    • CRITERI PER L’ACCOGLIMENTO DEGLI ALUNNI NELLE SCUOLELe domande d’iscrizione saranno accolte sulla base dei seguenti criteri di priorità:1) residenza nel comune2) residenza nei comuni della direzione didattica3) residenza in altri comuni. All’interno della graduatoria n. 1 hanno precedenza i bambini portatori di handicap, tale precedenza è applicata anche nelle graduatorie n. 2 e n. 3, ove sussistano le seguenti condizioni: 5
    • 1. la capienza prevista dalla normativa dell’aula disponibile per la classe d’inserimento oltre all’accoglimento di detto alunno consenta anche la presenza del docente di sostegno e dell’eventuale educatore;2. nel plesso richiesto vi sia la disponibilità di collaboratori scolastici e/o assistenti (nel caso di particolari disabilità fisiche), di spazi e di strutture idonei ai particolari bisogni connessi con l’attuazione dei necessari percorsi individualizzati. Il numero massimo di nuovi alunni H residenti al di fuori del comune ed accoglibili in ogni plesso verrà valutato internamente al GLIS. 6
    • • In assenza di entrambe le condizioni sopra indicate, si scorre la graduatoria.• I bambini “anticipatari” (ossia che compiono 6 anni fra il mese di gennaio e la fine di aprile) sono inseriti in coda in ognuna delle 3 graduatorie sopra indicate. 7
    • Per le precedenze valgono i seguenti criteri: (v. Regolamento di Circolo art. 28)fratelli gemellibambini che hanno fratelli che frequentano la stessa scuola(a.s. 2011/12)bambini con genitore con invalidità accertata L. 104/92bambini il cui nucleo familiare è seguito dai servizi sociali e/oda altre strutturebambini che hanno fratelli di età compresa fra 0 e 10 anni (dacompiersi entro il 31/12/2011)bambini orfani, o affidati ad altra famigliabambini conviventi con un solo genitorebambini i cui genitori lavorano entrambibambini con genitori fruitori della L. 104 (art. 33 comma 3) 8perfamiliari
    • bambini con nonni residenti nel comune della scuolarichiesta, ma non situata nel comune di residenza, e icui genitori lavorano entrambibambini che hanno frequentato la scuola dell’infanziasita nel medesimo comune della scuola primaria, nelrispetto della progettualità inerente la continuitàdidattica (GRADUATORIE 2 E 3)bambini che hanno fratelli che frequentano la scuoladell’infanzia nello stesso comune della scuola primaria(GRADUATORIE 2 E 3) 9
    • • Per residenza si intende la residenza del nucleo familiare dell’iscritto. E’ presa in considerazione esclusivamente la documentazione presentata all’atto dell’iscrizione; successivi cambiamenti o integrazioni non determineranno variazioni nella graduatoria;• la condizione di invalidità deve essere documentata (L. 104/92); 10
    • • a parità di punteggio ha precedenza l’alunno che è nato prima;• alle domande di iscrizione pervenute oltre il 12 febbraio 2011 anche da parte di residenti verrà assegnato un numero di protocollo attestante la data di presentazione, le domande presentate oltre la scadenza verranno accolte solo dopo che saranno state accettate tutte le domande presentate entro la scadenza da parte di alunni nati nel 2005 (residenti e non). 11
    • • Il mancato accoglimento, debitamente motivato, sarà comunicato alla famiglia con la massima urgenza per consentire lopzione verso altra scuola.• Pubblicazione elenchi alunni accolti: 19 febbraio 2011 ore 10.30 12
    • TEMPO PIENO - CODROIPO• Nel caso di domande per il TEMPO PIENO di Codroipo non verrà più espressa la scelta del plesso, in quanto la scuola Fabris è l’unica funzionante con tale modello didattico per effetto di 2 decreti dirigenziali. Alcune classi del plesso Fabris sono accolte presso i locali di via Friuli. 13
    • • Per non alterare la composizione delle classi delle scuole primarie di Codroipo, formate secondo il criterio dell’omogeneità, nell’interesse generale non verranno accolte domande di spostamenti fra le diverse sezioni del tempo prolungato, del tempo pieno, o di trasferimenti da un tempo scuola all’altro, salvo gravi documentati motivi valutati dal Dirigente Scolastico. 14
    • ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIAIn ogni classe operano, di norma:- docenti ai quali sono assegnati uno o più ambiti disciplinari ed educazioni;- un docente per la religione cattolica nominato dalla curia arcivescovile- un docente per la lingua inglese (specialista o specializzato).Nelle classi in cui sono presenti alunni con certificatedisabilità, linsegnante di sostegno opera interventi dinatura integrativa. 15
    • ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIAPer garantire l’unitarietà dell’insegnamento, i docenti:- definiscono gli obiettivi educativo – formativi comuni e li inseriscono nelle programmazioni di plesso;- individuano alcuni “atteggiamenti condivisi” nel modo di porsi nei confronti degli alunni;- concordano con gli alunni alcune norme generali di vita quotidiana a scuola;- realizzano momenti comuni condivisi sia a livello di gruppi classe, che di plesso. 16
    • SCELTE EDUCATIVE DEL CIRCOLO Lo sviluppo Lo sviluppo dell’identità dell’identità Lo sviluppo L’L’ Lo sviluppo alfabetizzazione dell’ autonomia dell’ autonomia alfabetizzazione culturale culturale La scuola La scuola promuove promuove La cultura La cultura La formazione ai ai La formazione dell’ dell’ valori della valori della integrazione integrazione convivenza convivenza L L conoscenza a a conoscenza e il rispetto e il rispetto dell’ambiente dell’ambiente 17
    • UTILIZZO DELLE QUOTE ORARIO ECCEDENTI L’INSEGNAMENTO FRONTALELe disposizioni ministeriali, così come indicato all’art. 5 dellaC.M. 38/09, hanno soppresso le compresenzenella scuola primaria, a seguito di ciò le quote orarioeccedenti l’insegnamento frontale sono statesensibilmente ridotte rispetto agli anni scolastici precedenti.Quando ve ne è la disponibilità, salvo diversi obblighi dilegge esse vengono utilizzate per attività didattiche rivolte asingoli alunni, a gruppi di alunni, o all’intera classe. 18
    • DISCIPLINE Area linguistico-artistico- espressiva•Italiano•Inglese•Friulano•Musica•Arte e immagine•Educazione motoria Area matematico-scientifico-tecnologica•Matematica•Scienze•Tecnologia Area storico-geografica•Storia•Geografia 19
    • ATTIVITÀ DI ARRICCHIMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA•Uscite didattiche e visite di istruzione•ProgettiQueste attività, prima di essere operative, vengono discussee approvate dagli organi collegiali (assemblee di classe,consigli di interclasse, collegio docenti e consiglio di circolo).Tra i progetti ricordiamo-progetti di circolo: motoria, musica, merende, biblioteca,Lullabies-progetti di plesso: animazione teatrale, intercultura… 20
    • Accoglienza Continuità Psicomotricità Ed.. Affettivo-relazionale Lo sviluppo Lo sviluppo dell’identità dell’identità Lo sviluppo Inglese scuola infanzia Lo sviluppo dell’ L’alfabetizza= Educazione teatrale dell’ L’alfabetizza= autonomia zione Linguaggio musicale autonomia zione culturale Linguaggio grafico-pittorico culturale Promozione alla lettura Lingua e cultura friulana La scuola La scuola promuove promuoveEducazione motoria La formazione La formazione Promozione Promozione InterculturaEducazione al benessere ai ai valori della valori della della salute della salute Convivenza democraticaEducazione alimentare convivenza convivenza Solidarietà (ed. alla (ed. alla Educazione stradale cittadinanza) cittadinanza) La cultura La cultura LLaa dell’ dell’ Integrazione alunni stranieri conoscenza conoscenza Educazione allo sviluppo integrazione integrazione Prevenzione del disagio e il rispetto e il rispetto sostenibile Integrazione alunni diversamente dell’ambiente dell’ambiente Pedibus abili Integrazione con il territorio 21
    • AZIONI DI ACCOGLIENZAPer facilitare il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria-I genitorinel mese di gennaio, partecipano all’assemblea per la presentazione delPOF e, successivamente, visitano le scuole (Scuole Aperte)nel mese di settembre, prima dell’inizio dell’anno scolastico, partecipanoall’assemblea di classe per la presentazione dell’organizzazionescolasticanel mese di ottobre/novembre partecipano agli incontri individuali con gliinsegnanti di classe-I bambinidurante l’ultimo anno dell’infanzia visitano le scuole primarie partecipandoad alcune attivitàall’inizio dell’anno scolastico partecipano come ospiti d’onore alla festad’accoglienza che la scuola dedica loro 22
    • AZIONI DI INTEGRAZIONELa scuola realizza percorsi di integrazione e sostegno per-Alunni in situazione di disagio e handicap-Alunni stranieriCollaborano con gli insegnanti di classe alla realizzazione di tali percorsil’insegnante di sostegno, l’insegnante psicopedagogista, i mediatorilinguistici 23
    • COLLABORAZIONII progetti spesso si avvalgono della collaborazione di esperti approvatisecondo il regolamento che disciplina gli incarichi di insegnamento adesterni alla scuola e sono sostenuti da finanziamenti statali, regionali,comunali e da donazioni private.Collaborano con la Scuola:-Famiglie-Amministrazioni Comunali-Enti e Istituzioni locali-Università degli Studi-Associazioni-Liberi Professionisti-Banche 24
    • RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA•PartecipazioneConsiglio di InterclasseConsiglio di Circolo•ComunicazioneAssemblea di classe e/o di scuolaColloqui individuali programmati e/o a richiestaComunicazioni scritteDocumento di valutazione 25
    • ASSICURAZIONE INTEGRATIVADurante l’attività scolastica, comprese le visite di istruzione e le uscite, glialunni sono coperti da una polizza assicurativa fornita gratuitamente dallaRegione Friuli Venezia Giulia.Il Consiglio di Circolo ha deliberato l’opportunità di aderire ad unaassicurazione integrativa stipulata con Gruppo Ambiente Scuola. ASSISTENZA SANITARIAL’A.S.S. è presente sul territorio con l’Équipe Multidisciplinare Territoriale(E.M.T.), che opera in collaborazione con le famiglie e le istituzioniscolastiche per attività di aiuto in situazioni di svantaggio. 26
    • Grazie per la partecipazione e arrivederci Sito web:www.cdcodroipo.it 27