C. Martelli - Terza giornata della Trasparenza, Camera di Commercio di Pisa, 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

C. Martelli - Terza giornata della Trasparenza, Camera di Commercio di Pisa, 2013

on

  • 277 views

Slides presentate in occasione della Terza Giornata della Trasparenza 9 settembre 2013

Slides presentate in occasione della Terza Giornata della Trasparenza 9 settembre 2013

Statistics

Views

Total Views
277
Views on SlideShare
277
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    C. Martelli - Terza giornata della Trasparenza, Camera di Commercio di Pisa, 2013 C. Martelli - Terza giornata della Trasparenza, Camera di Commercio di Pisa, 2013 Presentation Transcript

    • TERZA GIORNATA DELLA TRASPARENZA LLAA RRELAZIONEELAZIONE SULLASULLA PPERFORMANCEERFORMANCEPPERFORMANCEERFORMANCE 20122012 C C PCAMERA COMMERCIO DI PISA Pisa, 9 Settembre 2013
    • Ciclo di Gestione della Performance ex DLgs 150/2009 1.  Pianificazione DLgs 150/2009 Pianificazione  strategica 2.  Programmazio ne e controllo 5.  Rendicontazione  socialesociale Strumento di governo 3. Misurazione  4. Valutazione  delle risorse governo, prima che adempimento e Valutazione delle risorse  umane
    • Il contesto esterno Il contesto esterno ½½:: •D.Lgs. n. 28/2010, convertito con modificazioni dalla L. 14 settembre  d d f l ll l d llIL QUADRO NORMATIVOIL QUADRO NORMATIVO 2011, n. 148 in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle  controversie civili e commerciali •D.P.C.M. 6 maggio 2009, Comunicazione Unica – estensione all’Albo  Artigiani D l 23/2010 ib i ll C di C i d ll f i i iImprese Territorio e IL QUADRO NORMATIVOIL QUADRO NORMATIVO •D.lgs. 23/2010 ‐ attribuzione alle Camere di Commercio delle funzioni in  materia di Alternanza Scuola Lavoro •Direttiva Servizi  •Decreto Sviluppo   Imprese, Territorio e  Consumatori •D.L. n. 83/2012 (legge di conversione n.134/2012) ampliamento dei poteri  sanzionatori delle Camere di commercio a tutela del Made in Italy •La Legge n. 2/2009 Dematerializzazione (PEC e firma digitale obbligatorie)Processi Interni D l 150/09 Ci l di G ti d ll P f•D.lgs. 150/09 – Ciclo di Gestione della Performance Innovazione e Crescita •D. Lgs. n. 23/2010 e norme attuative, Gestione del Diritto Annuale •D L 78/2010 e ulteriori norme di contenimento spesa pubblica•D.L. 78/2010 e ulteriori norme di contenimento spesa pubblica •Finanziaria per l’anno 2012 (D.L. 98/2011) •D.L. n. 52/2012 e D.L. n 95/2012 in tema di contenimento della spesa  pubblica Economico‐ Finanziaria 3
    • Il contesto esterno Il contesto esterno 2/22/2:: LA CONGIUNTURA ECONOMICALA CONGIUNTURA ECONOMICA CONTESTO ECONOMICO NAZIONALE E REGIONALE • Previsioni FMI per il PIL nazionale 2012: ‐2,4% LA CONGIUNTURA ECONOMICALA CONGIUNTURA ECONOMICA p • produzione industriale in forte calo (2012): • dinamica dell’inflazionistica 2012: • tasso di disoccupazione nazionale nel 2012 P d i d l tt if tt i i l , ‐6,4% +3,0% 10,7% 4 3%• Produzione del settore manifatturiero regionale • Fatturato dell’artigianato manifatturiero regionale (1° semestre 2012) ‐4,3% ‐11,4% CONTESTO ECONOMICO PROVINCIALE Esportazioni provinciali ‐4,6% d 3 % Andamento del settore manifatturiero provinciale produzione ‐3,7% ordinativi ‐3,9% occupazione +0,5% Andamento artigianato provinciale (1° semestre 2012) A d i l d li i i l ‐8,1% 5 7%Andamento commercio al dettaglio provinciale ‐5,7%
    • Il nostro assetto istituzionale e organizzativo Composizione del Personale in Ruolo per Categoria (31.12.2012) Dirigenti 2 D 14 C 35 B 12 A 3 Totale 66Totale 66 1,55 1,75 Totale Personale ogni 1.000  Imprese attive Media Toscana 2012 
    • Le nostre risorse finanziarieLe nostre risorse finanziarie Differenze Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Differenze 2012/2011 % PROVENTI CORRENTI 13.196.431 13.362.437 13.218.949 -143.487 -1,1% Diritto Annuale 9.686.701 9.961.323 10.163.756 202.433 2,0% Diritti di Segreteria 2 184 610 2 176 814 2 044 188 132 625 6 1%Diritti di Segreteria 2.184.610 2.176.814 2.044.188 -132.625 -6,1% Contributi trasferimenti ed altre entrate 1.047.901 729.183 663.491 -65.691 -9,0% altre entrate Proventi gestione di beni e servizi 313.773 543.226 329.260 -213.965 -39,4% servizi Variazione delle rimanenze -36.556 -48.110 18.250 66.361
    • PROVENTI CORRENTI 2010 Media Regionale 2011 Media 2012 Media Lo Stato di Salute : composizione proventi 2012 PROVENTI CORRENTI 2010 Regionale 2010 2011 Regionale 2011 2012 Regionale 2012 Proventi della gestione corrente derivanti dal Diritto annuale 73% 69% 74% 70% 78% 73% P ti d ll ti tProventi della gestione corrente derivanti dai Diritti di segreteria e oblazioni 17% 16% 16% 16% 15% 16% Proventi della gestione corrente derivanti da proventi da gestione 2% 5% 4% 5% 2% 4%derivanti da proventi da gestione di beni e di servizi 2% 5% 4% 5% 2% 4% Proventi della gestione corrente derivanti da contributi 5% 8% 4% 7% 3% 5% P ti d ll ti tProventi della gestione corrente derivanti da altre entrate 3% 3% 2% 2% 2% 2% Piano della Performance 2012‐2014 7
    • I nostri oneri correntiI nostri oneri correnti Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Differenze 2012/201 % I nostri oneri correntiI nostri oneri correnti Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 2012/201 1 % ONERI CORRENTI 13.546.127 13.657.374 14.127.340 469.966 3,4% Personale 3.034.879 2.930.195 2.941.652 11.456 0,4% Funzionamento 2.912.318 2.904.674 2.816.462 -88.212 -3,0% I i i i 5 092 588 5 113 329 221 670 4 0%Interventi economici 5.092.588 5.113.329 5.334.999 221.670 + 4,0% Ammor.ti e accant.ti 2.506.342 2.709.176 3.034.227 325.051 12,0%
    • Lo Stato di Salute : composizione oneri 2012 ONERI CORRENTI 2010 Media Regionale 2010 2011 Media Regionale 2012 Media Regionale 2012Regionale 2010 2011* Regionale 2012 Oneri della gestione corrente riferiti al costo del personale 22% 29% 21% 27% 21% 27% Oneri della gestione corrente riferiti 38% 28% 39% 30% 39% 27% Oneri della gestione corrente riferiti alle iniziative di promozione economica 38% 28% 39% 30% 39% 27% Oneri della gestione corrente riferiti al funzionamento 12% 14% 11% 14% 12% 16% Oneri della gestione corrente riferiti 7% 8% 7% 7% 7% 8% Oneri della gestione corrente riferiti alle quote associative 7% 8% 7% 7% 7% 8% Ammortamenti e Accantonamenti * 19% 18% 20% 20% 2% 4% A t ti Fd l t iAccantonamenti F.do svalutazione crediti D.A. = = = = 19% 18% *Fino al 2011 gli ammortamenti e accantonamenti sono stati calcolati al lordo della quota destinata alla svalutazione crediti del Diritto Annuale
    • Il CONTO ECONOMICOIl CONTO ECONOMICOIl CONTO ECONOMICOIl CONTO ECONOMICO Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Gestione corrente -349.696 -294.937 -908.391 Proventi correnti 13.196.431 13.362.437 13.218.949 Oneri correnti -13.546.127 -13.657.374 -14.127.340 Gestione finanziaria 291.684 496.103 718.427 Gestione straordinaria 271.124 464.331 1.067.957 Rettifiche di valore attività finanziaria -725 -675 0 Risultato economico 212.387 664.822 877.993
    • Lo Stato di Salute : : risorse, efficienza ed economicitàrisorse, efficienza ed economicità INDICATORE COMPOSIZIONE CCIAA PI 2012 Media Regionale 2012 1. Indice di rigidità ID_355: (Oneri correnti – Interventi economici) / Proventi Correnti 67% 74% 2. Indice di ritorno economico dell’azione promozionale della CCIAA sulle imprese operanti sul ID_359:Interventi Economici/Imprese attive 141 91 territorio 3. Indice “risorse umane” ID_26: Costi del personale / Oneri Correnti 21% 27% 4. Indice di capacità di Id_301+31 Contributi per progetti promozionali + proventi da attrazione risorse esterne per interventi economici gestione di beni e servizi riferiti ad attività promozionale / Costo per le iniziative di promozione economica 12% 22% 5. Indice di riscossione del diritto annuale ID73_Importo totale riscossioni spontanee del Diritto Annuale anno 2012 / Dovuto per Diritto Annuale anno 2012 74% 76% / p
    • Il piano della performance 2012Il piano della performance 2012 1 Promuovere lo sviluppo sostenibile del sistema economico locale attraverso p pp p LE PRIORITA’ STRATEGICHELE PRIORITA’ STRATEGICHE 1. Promuovere lo sviluppo sostenibile del sistema economico locale attraverso l’internazionalizzazione, la diffusione di strumenti finanziari, il rafforzamento della rete istituzionale a sostegno dell’innovazione, la promozione della filiera del turismo e la valorizzazione integrata del territorio budget € 5.312.634 2. Promuovere, sviluppare e gestire strumenti di tutela del mercato che ti l l t l f d bbligarantiscano la concorrenza, la trasparenza e la fede pubblica budget € 178.713 3. Affermare e diffondere il ruolo di una PA in grado di erogare servizi a valore aggiunto ottimizzando l’impiego delle risorse budget € 364.060
    • Il Il Piano della Piano della Performance 2012:Performance 2012: I RISULTATI RAGGIUNTII RISULTATI RAGGIUNTII RISULTATI RAGGIUNTII RISULTATI RAGGIUNTI Livello di realizzazione  95% Livello di sintetico:  Aree Strategiche realizzazione sintetico: Profili performance 13
    • Sti l l’i t i li i d ll i d lSti l l’i t i li i d ll i d lStimolare l’internazionalizzazione delle imprese delStimolare l’internazionalizzazione delle imprese del territorioterritorio 187 imprese partecipanti a missioni e incoming 321 partecipanti a 25 seminari sull’internazionalizzazione 25 nuove imprese coinvolte nelle iniziative (14%  del totale) Nuovi  mercati (Wine Expo a Hong Kong, incoming di operatori cinesi per il settore  t i ti )turistico) Altre missioni ed incoming : Settore agroalimentare: SIAL di Parigi,  Cibus di Parma, Megavino di  Bruxelles, Agrifood di Verona   Settore Turismo: Agri & Tour di Arezzo, promozione turistica a Stoccolma  Settori tecnologici e Sistema casa: 100% Design di Londra e Showroom di Mosca Artigianato: AF (artigiano in Fiera) di Milano
    • Sostegno al credito e FinanzaSostegno al credito e Finanza 678 imprese beneficiarie di agevolazioni finanziarie   € 2.954.409,60 di risorse impiegate per sostegno al credito € 19 milioni investimenti attivati da € 1,65 mln di contributi a fondo perduto a 362  imprese 5 Confidi: € 500.000 di contributi in c/interessi a imprese +  € 650.000 in c/garanzia ai confidi 89 richieste di finanziamenti in microprestito in convenzione con  Istituti di Credito Fondo rotativo: 8 imprese partecipate (stock), 4 nel 2012 1.240 aspiranti nuovi imprenditori hanno usufruito dei servizi di  informazione e consulenza finanziaria Dati di bench su servizio reso alle imprese dallo sportello nuove  imprese: utenti serviti allo sportello *1.000/Imprese attive 
    • Promuovere la semplificazione 1/2Promuovere la semplificazione 1/2 2,6 giorni il tempo medio di evasione pratiche al netto dei tempi di sospensione  del Registro Imprese (5 gg è l’obbligo di legge) Riduzione del numero delle pratiche sospese Il 28% dei certificati di origine rilasciati vengono richiesti on line  Circa 4.500 tra smart card, business key e CNS rilasciate    Tempi medi di attesa dello Sportello Polifunzionale: 6,9 minuti 
    • Promuovere la semplificazione 2 /2Promuovere la semplificazione 2 /2 20 giorni medi di istruttoria per la concessione di contributi per attività promozionali 82% delle fatture pagate entro 30 giorni 17 gg i tempi medi di pagamento: Ci 6 300 i i it ll b d ti CRM iCirca 6.300 imprese  inserite nella banca dati CRM ricevono  on  line informazioni sulle iniziative della Camera   160 comunicati mirati nel 2012 tramite mail
    • P i i i di ili i di l iP i i i di ili i di l iPromuovere i servizi di conciliazione e di regolazionePromuovere i servizi di conciliazione e di regolazione del mercatodel mercato La Camera di Commercio di Pisa è Organismo di mediazione:La Camera di Commercio di Pisa è Organismo di mediazione: 284 domande di procedure conciliative depositate nel 2012, di cui… … il 28% si sono concluse con l’adesione della controparte, con un esito  positivo nel 67% dei casi (circa il 18% pari a 50 potenziali cause)positivo nel 67% dei casi  (circa il 18% pari a 50 potenziali cause) Confronto dati bench su: n° conciliazioni avviate per 1.000 (dato  stock)/Imprese attive  La Camera di Commercio di Pisa è Organismo di Formazione Accreditato: 120 professionisti hanno preso parte ai percorsi formativi e di aggiornamento  organizzati sulla mediazione  Ufficio Metrico: 600 verifiche realizzate (+ 22% rispetto al 2011).  ( p ) Confronto dati bench per : n°di ispezioni effettuate nel 2012 (metrico e metalli preziosi)*1000/n° imprese attive comprese unità locali  
    • Promuovere l’efficienza internaPromuovere l’efficienza interna Costi di funzionamento: ‐3,0 % rispetto al 2011 Pulizia dell’archivio Registro Imprese: cancellazioni d’ufficio per 206 società di  capitali e avvio cancellazione per oltre 1.000 ditte individuali e società di persone 79% del Diritto annuale 2011 introitato con  riscossioni  spontanee nel 2011 e 2012spontanee nel 2011 e 2012 42% dei provvedimenti di rifiuto del Registro Imprese  effettuato tramite PEC
    • Promuovere l’efficienza internaPromuovere l’efficienza interna Avvio del  progetto  qualità dei  servizi  dell’Area  Anagrafico  CertificativaCertificativa  UNI EN ISO  9001:2008
    • Promuovere la diffusione dell’informazionePromuovere la diffusione dell’informazionePromuovere la diffusione dell’informazionePromuovere la diffusione dell’informazione economicaeconomica 17 le note congiunturali pubblicate sui quotidiani17 le note congiunturali pubblicate sui quotidiani  comm./ind./art./coop. Osservatorio sull’accesso al credito nella provincia di Pisa Realizzazione indagine su imprese esportatrici della  provincia di Pisa Osservatorio imprese high tech
    • Il grado di soddisfazione dell’utenza La Camera di Pisa partecipa all’indagine biennale di customer satisfation regionale sulle imprese coordinata da Unioncamere Toscana. Le altre CCIAA aderenti al progetto per l’annualità 2012‐3 sono: Arezzo, Firenze, Grosseto, Massa Carrara, Livorno, Lucca, Pistoia, Siena. Di seguito si riportano alcune principali risultanze dell’indagine condotta ad inizio estate 2013: Il giudizio espresso su aspetti relativi ad accoglienza, segnaletica, comfort
    • Sintesi dei giudizi assegnati dagli utenti Sintesi dei giudizi assegnati dagli utenti Confronto Camera di Commercio di Pisa e media toscanaConfronto Camera di Commercio di Pisa e media toscana Il giudizio espresso sull’adeguatezza degli orari di apertura al pubblico Valutazione complessiva sulla comunicazione della CCIAA Servizi Area Promozione e Sviluppo Servizi Area Anagrafica ‐ Diritto Annuale
    • PPUNTIUNTI CARDINECARDINE DELDEL D. D. LLGSGS. . 150/09 150/09 INTEGRATOINTEGRATO DALLADALLA LLEGGEEGGE 190/12190/12 Piano della Performance  Relazione sulla Performance PerformancePerformance Relazione sulla Performance TrasparenzaTrasparenza PremialitàPremialità Piano triennale  per la Trasparenza e l’Integrità Sistema di Misurazione e Valutazione   Piano triennalePiano triennale  di prevenzione della corruzione
    • Disposizioni generali Organizzazione Consulenti e collaboratori Personale TRASPARENZA  l d ll f Bandi di concorso Performance Enti controllati non solo della performance,  ma anche…   Attività e procedimenti Provvedimenti Controlli sulle impresep Bandi di gara e contratti Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici BilanciPredisposizione apposita sezione  Bilanci Beni immobili e gestione patrimonio Controlli e rilievi sull’amministrazione Servizi erogati p pp Amministrazione trasparente del  sito istituzionale Organizzata in sezioni e Servizi erogati Pagamenti dell’amministrazione Opere pubbliche Pi ifi i d l i i Organizzata in sezioni e  sottosezioni Pianificazione e governo del territorio Interventi straordinari e di emergenza  Altri contenuti
    • G i l’ iGrazie per l’attenzione