Lean Web Solutions with WP [versione italiana]

1,842 views

Published on

Slide della mia presentazione al Wordcamp Milano 2011 su "Soluzioni web Lean con WordPress"
(http://wordcamp.it/milano2011/thank-god-its-friday-wordcamp-programma-del-27-maggio-2011/)

Published in: Technology
3 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
1,842
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
792
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
3
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lean Web Solutions with WP [versione italiana]

  1. 1. Soluzioni web LEANcon WordpressWordcamp Milano 2011
  2. 2. “Quante/i di voi sviluppanosoluzioni web con Wordpress?”
  3. 3. “[Risposta prevista]Buona parte / quasi tutte/i ...”
  4. 4. “Quante/i di voi sono al 100%contente/i del proprio lavoro E dei propri clienti E del proprio stipendio?”
  5. 5. “[Risposta prevista]Proprio al 100%, nessuno, o quasi.”
  6. 6. DOVE SIAMO DOVE VOGLIAMO ARRIVARE COME ARRIVARCI(e cosa c’entra sta roba con Lean, e soprattutto con Wordpress ...)
  7. 7. SPESSO SIAMO QUI ...
  8. 8. O QUI ...http://www.flickr.com/photos/35821702@N07/5243385418/
  9. 9. O QUI ...http://www.flickr.com/photos/spanishalex/5506236833/sizes/l/in/photostream/
  10. 10. DOVE VOGLIAMO ANDARE ... [Esempio di traguardo] “Riuscire a consegnare più cose , in tempo, con meno stress, e divertendosi”http://blog.crisp.se/mattiasskarin/2011/05/16/1305497493763.html
  11. 11. ENTERS ...LEAN
  12. 12. lean manifacturing (da TPS -Toyota Production System)• eliminare gli sprechi• ridurre i costi e il time to market• migliorare continuamente
  13. 13. lean software development 2003 - Mary Poppendieck, Tom Poppendieck, “Lean Software Development: An Agile Toolkit”“maximize customer value while minimizing waste”
  14. 14. Agile Software Development • Individuals and interactions over processes and tools • Customer collaboration over con- tract negotiation • Responding to change over follow- ing a plan [www.agilemanifesto.org - 2001]
  15. 15. ok , ma ... in pratica?
  16. 16. VISUALIZZAScegli strumenti semplici ma efficaci in cui tutti possano visualizzarelo stadio di avanzamento del progetto (o dei progetti!) e dei singolitask.Dove possibile, opta per supporti fisici (vs digitali), come cartelloninella stanza del team.Sapere sempre dove siamo, ovvero a che punto siamo.
  17. 17. MISURAPoter misurare l’obiettivo, e la situazione attuale, serve a calcolarnela distanza.Es. Come si definisce il successo di questo progetto web? (Es n. dipag. viste / entrate da ads / iscritti / ...). “Actionable goals”Posso misurare la mia produttività, il numero di bug chiusi post-rilascio, il tempo medio di consegna di una funzionalità aggiuntiva,...Le metriche sono fondamentali per analizzare, comparare e cor-reggere.
  18. 18. ISPEZIONA E ADATTA“Inspect and adapt” .Fai sempre delle retrospettive.Cerca di capire cosa non è andato come doveva. Apporta correzioni.
  19. 19. PROTOTIPAWP è perfetto! la prima “demo” è online in un baleno! Ragiona conquella, con il cliente, e non “in astratto”.
  20. 20. CONSEGNA SPESSOFai rilasci piccoli, progressivi. Minimizzi il rischio!Ricordati di dare priorità alle cose più importanti (business value).
  21. 21. COMUNICACon i clienti. E con i colleghi. Parla. Chiedi. E ascolta. (Questo nonsignifica passare le giornate in riunione. Vedi + avanti ;-)
  22. 22. COLLABORALavora assieme, ai colleghi, e al cliente, e non contro (nè ciascuno perconto suo).Il successo del progetto deve essere un obiettivo condiviso (“alignment”)
  23. 23. LIMITA(TI)Non introdurre complessità inutile.Non sviluppare funzionalità non richieste.Sforzati di “do more with less” .(Es. pratico: la scelta dell’hosting di WP. Magari per quel tal sito vabene anche wp.com o godaddy ...)Limita il Work in Progress (WIP)
  24. 24. MIGLIORAPoniti in un’ottica di apprendimento e auto-miglioramento con-tinuo (KAIZEN)
  25. 25. GESTISCI ILCAMBIAMENTOinvece che subirlo
  26. 26. Embrace change! Le cose cambiano. E’ un dato di fatto. Non possiamo evitarlo. (cambiano i requisiti, i budget, i clienti, le tecnologie, gli stakehold- ers, la concorrenza, WP, ... ;-) Possiamo cercare di gestirlo. Con intelligenza. Per lavorare meglio.Non siamo predestinati allo stress, al mal di testa, alle incazzature, al superlavoro.
  27. 27. RIDUCI GLI SPRECHI“Eliminate waste”.Le funzionalità non finite sono spreco. E anche quelle consegnate enon usate. E la documentazione non letta. Le riunioni senza un fo-cus chiaro. I difetti nel software. I tempi di pausa nello sviluppo (inattesa che ...)Tutto ciò che non produce valore è potenzialmente muda (spreco)
  28. 28. FOCALIZZATI SUL VALORECosa davvero genera valore per il cliente, in questa webapp (es. “glifa guadagnare + soldi”)? Cosa è superfluo?Cosa della mia organizzazione è centrale rispetto a questa produzi-one di valore? Cosa è superfluo?
  29. 29. Lean & Agile tools, techniques, practices ...Magari la prossima volta! (Kanban, SCRUM, Pair programming,“courage” timeboxes, tecnica del pomodoro, ...) ,
  30. 30. Studia, partecipa, condividi! www.agileday.it (Roma, Novembre 2011) www.webdebs.org (Brescia, 1 volta al mese) http://tech .groups.yahoo.com/group/milano-xpug/www.linkedin .com/groups/Lean-Agile-Italy-1944601 e molto, molto, molto di +!
  31. 31. merci @carlozhttp://it.linkedin .com/in/beschi carlo@devsum.it ping me!

×