• Save
Strumenti CMC
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Strumenti CMC

  • 2,212 views
Uploaded on

Strumenti della CMC by catepol (old)

Strumenti della CMC by catepol (old)

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,212
On Slideshare
2,212
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1.
    • Chat
    • Forum
    • Newsgroup
    • Mailing list
    • Videoconferenza
    Strumenti per comunità
  • 2.
    • Strumento estremamente flessibile
    • Permettono di effettuare discussioni in tempo reale con gli utenti in quel momento connessi in Rete.
    • Il sistema non richiede risorse eccessive da parte del server: basta installare un programma di gestione della chat; all'utente, invece, (client) basta il normale browser di navigazione Internet.
    • Oggi la maggior parte dei siti di successo offre una o più chat a disposizione dei propri visitatori, alcune di queste moderate per poter estromettere chi viola i basilari principi di dialogo nel gruppo (la netiquette).
    • Di solito questa azione è compiuta da un utente che fa da moderatore della chat, ma sempre più spesso vengono adottati sistemi di intelligenza artificiale che controllano i messaggi e quindi intervengono automaticamente in caso di bisogno.
    • Quello che emerge oggi dalle chat è un panorama estremamente interessante, uno spaccato della realtà che ci circonda e i motivi sono presto identificati dalla specificità del mezzo.
    Chat
  • 3.
    • Per accedere ad una chat, ammesso che non vi siano problemi di registrazione alla stessa, basta inserire un proprio soprannome e quindi leggere, nella lunga lista, i messaggi che gli altri utenti in linea stanno scrivendo, inserendosi nel discorso digitando il proprio e quindi inviandolo alla rete. In pochi secondi, il messaggio verrà accodato alla lista e letto da tutti gli altri utenti.
    • Il sistema è estremamente semplice ma garantisce risultati soddisfacenti anche a chi non ha molta dimestichezza con il computer. Il secondo motivo di successo è la possibilità di rimanere anonimi attraverso l'uso di un soprannome. Questo meccanismo, infatti, consente a chi si avvicina ad una certa chat, di inserirsi nei discorsi senza l'assillo della propria identità, quindi posizione sociale e scala di reddito.
    • Nelle chat si è tutti uguali, indipendentemente dal ruolo che si occupa. Con il tempo, poi, quando si è preso confidenza con gli utenti che affollano la chat, se si vuole, ci può rivelare . Il quarto motivo è la grande voglia di comunicazione degli utenti. Le chat, infatti, sono fonte di grande sfogo per chi è solo seduto davanti ad un computer.
    Chat
  • 4.
    • I forum sono la forma elettronica delle vecchie bacheche, sulle quali si appendevano i propri messaggi in modo che altri li leggessero e rispondessero.
    • Il sistema è, quindi, il medesimo: ci si trova di fronte ad una pagina web con tutti i messaggi ordinati per data e per titolo. E' possibile selezionare un messaggio alla volta, leggerlo, lasciare una risposta (se necessario) e chiuderlo. Il sistema automaticamente aggiornerà i messaggi e la coda degli stessi si modifica con il passare del tempo. Questo modo di comunicare, sebbene molto semplice, ha dei vantaggi rispetto alla posta elettronica, perché non è necessario impostare un indirizzo di un utente, ma chiunque abbia accesso al forum può leggere e rispondere al messaggio. Consente anche di rimanere anonimi, ossia di utilizzare uno pseudonimo per il nome del messaggio e, in questo modo, nessun utente sarà in grado di ricondurre a noi il messaggio. In qualsiasi caso, il successo dei forum non è dovuto a questo, ma alla sua semplicità disarmante e alla possibilità di trovare rapidamente le risposte ai propri quesiti. Infatti, se il forum è ben avviato e ben frequentato, è possibile fare qualsiasi tipo di richiesta e gli altri utenti forniranno la risposta o la soluzione al problema, in modo pratico, veloce e soprattutto economico.
    • Un vantaggio dei forum rispetto alle chat è quello di non avvenire in tempo reale, per cui è possibile leggere e scrivere messaggi, senza essere legati necessariamente ad appuntamenti.
    Forum
  • 5.
    • Il successo dei forum, poi, non è determinato da chi cura il sito Internet, ma dagli utenti, che lo arricchiscono con l'immissione di nuovi messaggi e nuove idee. Ci sono forum per ogni tipo di argomento: dalla politica allo sport, dalla finanza ai cartoni animati, ma essendo legati ai siti Internet, solamente il successo del sito o il passaparola tra utenti possono fare scoprire il forum, che non è rintracciato dai normali motori di ricerca.
    Forum
  • 6.
    • Si tratta di bacheche elettroniche che forniscono a chi si collega la possibilità di inviare un messaggio su un argomento discusso e di leggere quanto hanno scritto gli altri partecipanti fino a quel momento. Sono quindi luoghi dove si incontrano gli utenti per discutere di argomenti legati a tematiche ben precise, anche se ovviamente la discussione avviene in differita.
    • Esistono aree di discussione su qualsiasi argomento, praticamente abbracciano tutto lo scibile umano.
    • Vediamo ora come riconoscere un newsgroup di nostro interesse. Le varie conferenze sono contraddistinte da una sigla strutturata in più parti separate da punti e seguono un ordine, oltre che gerarchico, anche tematico.
    • In primo luogo troviamo quella che viene definita "gerarchia", che definisce gli ambiti generali di riferimento; seguono le sottogerarchie, che dettagliano ulteriormente la questione. Per portare qualche esempio, la gerarchia "comp" starà per computer, "soc" per aree sociali, "talk" per chiacchiere,"news" per discussioni, "rec" per svago, e così via. Se siete interessati a trovare newsgroup in italiano, le riconoscerete in quanto iniziano con la sigla "it", anche se per il momento sono più limitate rispetto a quelle mondiali.
    Newsgroup
  • 7.
    • Per accedere ad un newsgroup si usa un programma apposito (Microsoft Outlook Express o Netscape Messenger). Con il programma di lettura del newsgroup ci si "abbona" (nel senso tecnico del termine) ad una conferenza, ovvero se ne riceveranno tutti i messaggi ogni volta che ci si collegherà. Ogni area raccoglie i messaggi scritti, pertanto anche se il server cancella regolarmente i messaggi più vecchi, possono essere presenti in ogni momento molte centinaia di messaggi, scritti negli ultimi giorni. Quando si scrive un messaggio in un newsgroup, questo verrà poi letto da tutte le persone che accedono a quel newsgroup, che potranno risponderci o meno nella stessa area di discussione.
    • Sebbene siano apparentemente dei sistemi utilissimi, i newsgroup hanno due difetti. Innanzitutto, pur essendo numerosissimi e molto specifici, la mole di messaggi veicolati sui newsgroup è enorme. Un secondo problema è che inserendo dei messaggi nei newsgroup, si rende pubblico il proprio indirizzo e-mail. Questo comporta, a volte, lo spiacevole problema di essere inseriti in sistemi di mailing automatica, eseguite da scorretti utenti. Capita di ricevere cioè dei cosiddetti spam, messaggi pubblicitari, inutili, a volte sciocchi, direttamente nella propria casella di e-mail, resa nota a tutti dai messaggi che abbiamo scritti nei newsgroup.
    Newsgroup
  • 8.
    • Le mailing list sono uno strumento estremamente pratico per inviare lo stesso messaggio ad una serie di utenti. Esistono mailing list per ogni argomento, ma non è sempre facile scovarle, perché non sono reperibili nei motori di ricerca e i siti, spesso, tendono a nascondere questo servizio per non renderlo disponibile a tutti, ma solo ad una ristretta cerchia di utenti.
    • Associarsi ad una mailing list è piuttosto semplice ed esistono, di base, due metodi ai quali si accede sempre via sito web. Il primo è quello di inviare un messaggio di posta elettronica (di solito preimpostato dal sito, a cui verrà aggiunto il nostro indirizzo e-mail dal nostro programma di posta), il secondo è di registrarsi al servizio compilando un modulo on-line.
    • In ogni caso, la mailing list, è il braccio informativo delle attività della comunità di un sito ed è quindi lo strumento che ci permette di ricevere tutte le informazioni riguardanti gli interessi della comunità.
    • La cancellazione dalla mailing list è semplice quanto l'iscrizione e avviene quasi sempre attraverso l'invio di un messaggio del tipo "unsubscribe" o "cancella" all'indirizzo di posta elettronica che invia i messaggi. Infatti, il server riconosce questo tipo di messaggi e li interpreta agendo sul database degli utenti. Per i siti che richiedono la registrazione on line, invece, ci sarà la possibilità di trovare un bottone o un link per cancellarsi e non ricevere più i messaggi.
    Mailing list
  • 9.
    • La videoconferenza rappresenta attualmente la frontiera più avanzata della comunicazione attraverso un personal computer, quella in cui più ci si avvicina ad una comunicazione diretta. E' sufficiente un computer multimediale, una connessione ad Internet, casse acustiche, un microfono e una webcam e il gioco è fatto. La maggior parte dei programmi per videoconferenza sono gratuiti, fruibili senza alcun costo in Rete .
    • Per effettuare una videoconferenza è necessario che i due (o più) computer che si devono mettere in comunicazione tra loro utilizzino lo stesso programma. In questo modo sarà il programma stesso a cercare i computer collegati e ad inviare e decifrare tutti i dati.
    • Durante una videoconferenza, il programma cattura contemporaneamente la voce e le immagini e li comprime per poterli inviare su Internet in modo che occupino il minor spazio possibile. Per fare questo, ovviamente si perde di qualità ma solo così è possibile assicurare un'occupazione di banda molto ridotta. Il programma, nel momento in cui riceve i dati, opera una speciale operazione di ricostruzione e quindi invia a video le immagini e alla scheda sonora i suoni. Il tutto avviene molto rapidamente, tanto rapidamente che quasi non ci si accorge del ritardo che i programmi e Internet introducono.
    Videoconferenza
  • 10.
    • Sono presenti, come abbiamo detto, moltissimi programmi per realizzare videoconferenze in rete, ma probabilmente il più usato a livello mondiale è Microsoft NetMeeting.
    • Per usare NetMeeting sono necessarie alcune piccole precisazioni. In primo luogo, NetMeeting, sebbene sia un programma relativamente piccolo, è potentissimo e sfrutta dei server di Microsoft per memorizzare e controllare la presenza in rete degli utenti. Registrandosi, verrà inserito il proprio nome nella lista del server. Quando la nostra presenza sarà richiesta ad una conferenza, verremo avvertiti da un messaggio di chiamata. NetMeeting è un programma che consente modalità diverse di chiacchierata in rete: via testo, con una chat, via voce grazie a microfono e altoparlanti, via webcam con immagini e suoni, permettendo anche il trasferimento di file e di avere una piccola lavagna per visualizzare dei piccoli appunti in tempo reale. Quando il programma viene lanciato la prima volta, richiede una serie di parametri, come i propri dati e soprattutto il parametro riguardante il tipo di collegamento: modem, rete locale o collegamento veloce. Il tipo di connessione influenzerà direttamente la qualità del collegamento, per cui è il parametro più importante per avere delle prestazioni soddisfacenti. Una volta effettuata la fase di registrazione, apparirà la finestra di lavoro di NetMeeting, caratterizzata da uno spazio centrale dedicato alle immagini (evidenziato dalla grafica)e tre bottoni sul lato destro per effettuare una chiamata. E' necessario conoscere l'indirizzo e-mail del vostro interlocutore e soprattutto essere sicuri che sia un utente registrato di NetMeeting!
    • I bottoni in basso, invece, servono per impostare il tipo di chiamata, chat o voce/video, con scambio di immagini con la chatboard o con scambi di file. Questa ultima opzione, consente di inviare in modo diretto un file da un disco fisso all'altro attraverso la rete, mentre la videoconferenza prosegue. I file, possono essere aperti e quindi la chiacchierata può continuare navigando tra gli stessi dati nei due computer.
    Videoconferenza