Presentazione elearningtouch

  • 1,059 views
Uploaded on

Presentazione elearningtouch portale e-learning a cura di Jose Mangione

Presentazione elearningtouch portale e-learning a cura di Jose Mangione

More in: Technology , Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,059
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. … da informal community a Portale e community di riferimento dell’ e-learning in Italia Dott.ssa Jose Mangione ET Staff [email_address] ; http://www.elearningtouch.it Ferrara, 6 ottobre 2005
  • 2.
    • Dalla community…
    • … al portale Elearningtouch.it
    Indice
      • Evoluzione tecnologica, metodologica, di comunicazione
      • Obiettivi: informazione e comunicazione, confronto e collaborazione
      • Alcuni risultati
      • Obiettivi futuri e le trasformazioni
  • 3. “ Se ho un problema, chiedo aiuto a chi probabilmente lo ha già affrontato; se mi viene data una soluzione e la comprendo, ho imparato una cosa nuova, se non mi viene data, provo a cercarla insieme ad altri che hanno (o potrebbero in futuro avere) il mio stesso problema .” G. Trentin Perché una Knowledge community? 1/2
  • 4.
      • Per favorire :
      • LIFELONG E l'innovazione continua
      • l'adattamento ad una situazione mutevole
      • la divulgazione delle esperienze E CRESCITA COLLETTIVA
      • il riesame critico delle esperienze E RECIPROCAL TEACHING
      • la capacità di sfidare la tradizione operativa e i modelli predefiniti
      • un'elevato grado di interazione fra i partecipanti alla comunità.
    Perché una Knowledge community? 2/2
  • 5. La community elearningtouch.it: fase junior(1/3)
    • Nuova scelta tecnologica e metodologica
    Profilazione utenti Strumenti interattivi e collaborativi integrati sul portale
    • Opensource
    • configurazione ricca, supporto tecnico
    • struttura modulare flessibile
    • parametri di usabilità dell’interfaccia medio-alti
    • Motore di ricerca interno
    • Area Statistiche
    • Gestione Utenti iscritti con sistema di messaggistica interna
    • Forum con motore di ricerca dedicato
    • Mailing list
    • Sondaggi, Calendario e Annunci
    • Commenti/feedback varie sezioni
    • Voice chat (incontro live con esperti)
    Gestione personalizzata dei contenuti CMS php-nuke personalizzato
  • 6. Gestione personalizzata dei contenuti C atalogazione e ricerca delle risorse C reazione di nuovi moduli e sezioni dedicate La community elearningtouch.it: fase junior(2/3)
  • 7. LOGO e Progetto Grafico: elementi fondamentali per creazione del senso di appartenenza/partecipazione allo sviluppo di esperienza condivisa La strategia comunicativa Obiettivi dichiarati acquisizione e valorizzazione di pratiche formative Condivisione di esperienza Risoluzione di problemi Forum ideale per diffusione/arricchimento/ottimizzazione CP Aree di sviluppo Strategie/percorsi Ambiente dinamico ma ‘protetto’ La community elearningtouch.it: fase junior(3/3)
  • 8. Perché partecipare KM (gestione dei contenuti e conoscenza condivisa) Reciprocal teaching ogni membro è al tempo stesso apprendista e insegnante Infotainment risorse e interazione Confronto tra membri che condividono conoscenze, competenze, problematiche, aspettative Presenza e partecipazione di esperti del settore Elearningtouch offre
  • 9.
    • Monitoraggio e animazione continua dello staff
    • Core group significativo di partecipanti attivi, provenienti da differenti contesti di e-learning
    • Alcuni collaboratori ed esperti responsabili di rubriche e attività di ricerca che a titolo gratuito partecipano allo sviluppo del progetto elearningtouch.it
    • Collaborazione con SIe-L
    Alcuni risultati: lo stato dell’arte
    • Qualche numero
    • più di 2500 utenti registrati alla community reperibilità: 7 motori di ricerca
    • Pagine visitate 855
    • più di 600 messaggi in Mailing List
    • circa 1300 interventi nei Forum
    • N. risorse 1203
    • Hits (media mensile) 350482
    • Visite 7000
  • 10. Come ci valutiamo sul mercato
    • quota di mercato non alta
    • mercato in rapida espansione
    • esigenza di sviluppare molta attività, animazione, cura dei servizi, partecipazione attiva per ottenere la crescita
    • Stato ancora embrionale di network relazionale
    • Posizionamento per differenziazione
  • 11.
    • Incrementare dibattito su tematiche specifiche, coinvolgendo professionisti e stringendo collaborazioni con progetti affini in Italia e all’estero
    • Incentivare la collaborazione su progetti comuni
    • Allestire/fornire un ambiente (piattaforma) per l’e-learning
    • Punto di convergenza della domanda e dell’offerta di professionalità per l’e-learning
    Futuro prossimo: gli sviluppi
  • 12. Starting Point dei portali esistenti, pochi offrono strumenti di tipo ‘attivo’ non esiste un pdr unico per l’e-learning italiano non identificato un ambiente di dialogo per stakholder Non c’è un prodotto solido, ricco, modulare, flessibile pdv tecnologico
      • staff di redazione
      • animazione,
      • information brokering
      • e counselling;
    iniziative personali o di nicchia o realizzati da grandi provider Analisi di Mercato
  • 13. Il portale dell’e-learning e dintorni 1) stimolare ulteriormente la crescita e l’affermazione della comunità, rendendola un servizio (gratuito) per tutti coloro che sono coinvolti dai processi di innovazione tecnologica e metodologica 2) raggiungere un livello elevato di significatività delle discussioni e dei relativi output, anche tramite un migliore accesso alle risorse e ai servizi 3) ottenere la circolazione dei contenuti di elearningtouch.it , in termini di conoscenze ed esperienze, al di fuori dei confini della comunità stessa
  • 14. Qualità infrastrutturale Qualità dei servizi Qualità delle risorse le risorse e le competenze destinate alla comunicazione + il modello d’interazione tra utente e proponente del servizio + le strutture organizzative che supportano il servizio Quando l’abito diventa ossatura:..……cosa occorre rivedere? Q=C*I*S
  • 15. Suscitatori Esploratori Scaffolding Infrastrutture di rete Modelli di expertise condivisa Sistematizzatori Novizi Attori Meccanismi di conversione Interazioni interne Infrastrutture tecnologiche Monitoraggio e riflessività Affiliazione Interazioni esterne Comunità di conoscenza
  • 16. Architettura del portale Struttura portale Risorse aperte a tutti accessibile a chiunque sia coinvolto dai processi di innovazione tecnologica nella formazione Comunità virtuali “ nazionali” dedicate Interattiva/di community Servizi di informativa di aggiornamento situazione europea ed internazionale ricerca e selezione di risorse catalogazione ad hoc servizi integrati di gestione delle interazioni e di collaborazione online servizi di animazione/ moderazione
  • 17.
        • Un progetto Bazar ( Raymond, 1998) non parte da zero: la comunità deve avere qualcosa da cui partire e con cui giocare
        • Il nucleo iniziale deve mostrare tutte le attrattive di un suo sviluppo
        • I coordinatori, gestori animatori e per devono essere capaci di riconoscore le buone conoscenze, esperienze ed idee progettuali del gruppo di utenti
    Open source: Un bazar dell’e-learning?
  • 18. Chi favorisce il Nurturing? La struttura organizzativa del portale e delle communities ospitate ET si configura grazie ad un insieme di ruoli caratterizzati da specifiche competenze che collaborano sinergicamente per il raggiungimento degli obiettivi dichiarati Quali ruoli? Quali responsabilità?
  • 19. Il mediatore dell’informazione
    • Facilita la transazione di conoscenza, il suo recupero ed riutilizzo.
    • Librarian della rete che raccoglie e da accesso a risorse library-type nelle comunità di pratica:
    • Stewards , colui che cattura e codifica la conoscenza tacita
    • Researcher , colui che cerca recupera ed presenta la conoscenza
    • Broker , colui che connette chi cerca conoscenza con le risorse appropriate.
    • Battitore di domanda e rispota :raccoglie genera le domande e sollecitare le risposte in un modo organizzato e rapido.
    • Journalist
  • 20. Content Manager
    • “ Revisiona” quella che deve essere la conoscenza distribuita all’interno dell’organizzazione
    • Collabora alla linea editoriale della Cops,
    • Analizza i dati di monitoraggio e qualità della documentazione, informazione e comunicazione,
    • Propone i contenuti e recupera informazioni ad alto valore aggiunto (esperto della materia dell’ambito professionale, delle necessarie operazioni di sviluppo e di ascolto dei fabbisogni professionali)
    • Cerca, recupera, trasferisce, risponde per assicurare esplicita conoscenza e contenuto
    “ informazione-confronto.discussione” patrimonio comune owernship e senso di fiducia.
  • 21. Member/User Coloro da cui proviene l’esigenza di avere conoscenza su un determinato argomento Consumer o User della community knowledge, che possono o non possono contribuire direttamente alla costruzione e trasferimento della conoscenza sia tacita che esplicita Members interagiscono l'uno con l'altro, condividendo informazioni, intuizioni ed esperienze, che partecipano a discussioni e alzando gli argomenti e le preoccupazioni che riguardano le necessità comuni e le richieste. La loro responsabilità principale è da partecipare attivamente, apprendere e condividere la loro cultura.
  • 22. Esterni chiamato a “tema” oppure stabile figura della Cop, detengono i domini di conoscenza e della pratica Fungono da centri di conoscenza tacita specialistica per la comunità e d I suoi membri Chiamati ad intervenire su questioni ed argomenti di rilievo (dibattiti,appuntamenti virtuali, seminari, sessioni di approfondimento) Curano insieme alle altre figure una rassegna dei contenuti e dei problemi trattati e delle modalità studiate per risolverli Valorizzano gli interventi fatti che segnalazioni provenienti dai Identificano e categorizzano quelle tematiche che l’organizzazione classifica come conoscenza I Subject matter expert
  • 23. System administrator
    • Responsabile della gestione tecnologica dell’ambiente on line
    • Svolge attività di diretto sostegno al funzionamento, configurazione, istallazione, integrazione tra sistemi,
    • Si occupa della manutenzione , monitoraggio e gestione di utenti e DB .
    • Garantisce continuità e sicurezza del servizio.
    • Si occupa della gestione operativa delle IT al fine di ottenere un ambiente collaborativi e protetto
  • 24. Sponsor Riconoscono l’importanza della pratica della comunità e agli obiettivi di business dell’organizzazione Vengono coinvolti nel finanziamento delle risorse, nella crescita e nella visibilità Possono aiutare a rimuovere barriere che ostruiscono i progressi di comunità (per esempio, tempo, finanziando e altre risorse )
  • 25. Quello che vogliamo ottenere
  • 26. Mission informativa/di aggiornamento (Contenuti) Editoriali mensili (uno per ogni comunità di settore e uno per la community generale), solitamente a cura di noti esperti dell’e-learning in Italia o nel mondo. Le preview di ciascun editoriale verranno visualizzate in loop direttamente nella homepage all’interno di un riquadro dedicato . Il colore della cornice del riquadro corrisponde a quello della community, ed è ripreso anche dal colore dell’atomo in primo piano della struttura molecolare (animata) a sinistra del riquadro stesso. Risorse di varia provenienza (web, stampa, ecc.) selezionate a cura dello Staff di Redazione a valle di un’accurata analisi. Tali risorse, che sono indicizzate all’interno di categorie tematiche e che verranno descritte mediante parole chiave/metadata, saranno accessibili da un menu dedicato posto nella colonna di sinistra delle pagine di community, ovvero quella dedicata ai contenuti (la sinistra è invece dedicata ai servizi) Contributi di collaboratori e supporter del portale, validati dallo Staff di Redazione, che verranno visualizzate nelle aree più opportune del sito.
  • 27. Catalogazione risorse e presentazione
  • 28. Mission interattiva/di community
    • servizi di animazione/moderazione
    • 2. servizi integrati di gestione delle interazioni e di collaborazione online:
    • strumenti asincroni
    • strumenti sincroni :
    • strumenti personali
    • strumenti di lavoro di gruppo online
    • strumenti di tracking
  • 29. ORGANIZZAZIONE RISORSE Copyright e copyleft Ove possibile, il Portale dell'e-learning si impegna a rendere disponibili i propri contenuti secondo le seguenti licenze Creativecommons (http://www.creativecommons.it), che saranno esplicitate all'interno della relativa risorsa. Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate License Italia Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo License Italia GLI "editoriali" (articoli mensili dedicati alle community commissionati dallo staff del Portale) sono soggetti ad una delle due licenze sopra citate; è possibile tuttavia che alcuni autori scelgano approcci copyright e non copyleft, nel qual caso verranno esplicitati. Lo staff di sviluppo intende inoltre, appena possibile rendere disponibile il CMS - un fork di e-xoopport 2.1 - o parti di esso, con licenza GPL.
  • 30. La dinamica dei saperi Portale e-learning Community based Logica costruttivista E-content based Sapere codificato + Saperi individuali + Dinamica dei saperi individuali = Fruizione di conoscenza codificata Costruzione di nuova conoscenza Sapere della community dei professionals
  • 31.
    • Elearningtouch, community per i professionisti dell’e-learning
      • www.elearningtouch.it
      • [email_address]
    • [email_address]
    • [email_address]
    • [email_address]
    • [email_address]
    Informazioni e contatti
      • … grazie e arrivederci su www.elearningtouch.it