• Save
PON Sicurezza pel lo Sviluppo nel Mezzogiorno d'Italia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

PON Sicurezza pel lo Sviluppo nel Mezzogiorno d'Italia

on

  • 5,353 views

Slides lezioni Progetto "Approccio ed interrelazione"

Slides lezioni Progetto "Approccio ed interrelazione"

Statistics

Views

Total Views
5,353
Views on SlideShare
5,345
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 8

http://www.slideshare.net 8

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • In linea generale, la presentazione non dovrebbe durare più di 25-30 minuti

PON Sicurezza pel lo Sviluppo nel Mezzogiorno d'Italia Presentation Transcript

  • 1. PROGETTO “APPROCCIO ED INTERRELAZIONE” Area tematica lingue
  • 2. CORSI DI LINGUA LINGUA DISPONIBILI I corsi on line resi disponibili sono finalizzati allo studio delle seguenti lingue straniere: inglese, francese, spagnolo, arabo . Il percorso prevede per ciascun partecipante la fruizione di un corso on line (del livello adeguato alla conoscenza della lingua, a parte il corso di lingua araba per cui è previsto il solo corso base) su una delle quattro lingue proposte, con il supporto di un tutor a distanza . Gli altri corsi sono comunque a disposizione del partecipante (sia su DVD che sulla piattaforma e-dotto easy ) che potrà fruirli in autoistruzione senza il supporto del tutor.
  • 3. PERCORSO LINGUE La fruizione completa del modulo lingue avverrà on-line, avrà una durata complessiva di tre mesi e prevede le seguenti fasi: 1) durante il primo giorno d’aula il partecipante sceglie la lingua di interesse tra l’inglese, il francese, lo spagnolo e l’arabo; 2) l’ultimo giorno del primo modulo, compila un questionario di posizionamento e successivamente verrà iscritto ad un corso coerente con il suo livello di conoscenza della lingua; 3) al termine del secondo modulo è previsto l’incontro con un docente al fine di verificare insieme il livello di apprendimento raggiunto, risolvere eventuali criticità e, se necessario, ridefinire il livello del corso a cui il partecipante è stato iscritto inizialmente; 4) il partecipante disporrà di altri due mesi per terminare il corso, con il supporto a distanza del tutor.
  • 4. PERCORSO DIRIGENTI/DIRETTIVI
  • 5. PERCORSO QUALIFICHE INTERMEDIE
  • 6. GLI STRUMENTI DI SUPPORTO: IL PORTALE A supporto delle attività formative previste nel progetto è stato sviluppato un Portale dedicato (www.approcciointerrelazione.isvor.it), in cui il partecipante oltre a trovare informazioni relative al progetto, consultare i materiali didattici utilizzati in aula, comunicare con i suoi colleghi e con il tutor a distanza, potrà anche accedere ai corsi on-line di lingua. Il primo giorno d’aula il tutor raccoglie i dati anagrafici del partecipante che verrà registrato al Portale entro la settimana stessa. Dopo la compilazione del test di posizionamento (il 4° g d’aula) verrà iscritto al corso di riferimento (entro l’inizio della settimana successiva). GLI STRUMENTI DI SUPPORTO: IL DVD Il partecipante avrà a disposizione anche un DVD in cui potrà trovare gli stessi materiali e informazioni disponibili sul portale, in versione off-line.
  • 7. PROGETTO “APPROCCIO ED INTERRELAZIONE” Corsi di lingua inglese, francese e spagnola
  • 8. Struttura dei corsi: es. inglese
  • 9. Corsi standard FINALITÀ FORMATIVE Per ognuna delle tre lingue (francese, inglese e spagnolo) è previsto un corso standard organizzato in 5 livelli , finalizzato all’apprendimento dei fondamenti della lingua e ad acquisire sicurezza sulle quattro abilità fondamentali (ascoltare, leggere, parlare, scrivere). Non è un corso progettato ad hoc per il progetto, ma si tratta di un corso ampiamente testato, sviluppato in coerenza con la scala Alte . Si consiglia di iniziare dal livello che verrà indicato a ciascuno a seguito del test di posizionamento compilato in aula e di fruire della “PRESENTAZIONE” del corso prima di iniziare la fruizione. Ogni livello richiede uno studio di minimo 30/40 ore
  • 10. Test Corsi standard STRUTTURA DEI SINGOLI LIVELLI SINGOLO LIVELLO Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 1° lezione n° lezione da 5 a 9 lezioni Test autovalutazione Test autovalutazione Test autovalutazione
  • 11. Corsi standard RICONDUCIBILITÀ ALLE SCALE INTERNAZIONALI
    • Corso certificato da British School of English di Pisa
    • Utile supporto per superare gli esami Cambridge (Bulats)
    INGLESE B2 B2 B1 A2 A1 Livello Consiglio d’Europa 3 Livello avanzato 3 Livello intermedio 2 2 Livello intermedio 1 1 Livello base 1 0 Livello principiante Livello scala Alte Livello del corso
  • 12. Corsi standard RICONDUCIBILITÀ ALLE SCALE INTERNAZIONALI
    • Corso certificato da Alliance Française di Livorno
    • Utile supporto per superare gli esami del Delf
    FRANCESE B1 B1 A2 A2 A1 Livello Consiglio d’Euorpa 2 Livello intermedio 2 2 Livello intermedio 1 1 Livello base 2 1 Livello base 1 0 Livello principiante Livello scala Alte Livello del corso
  • 13. Corsi standard RICONDUCIBILITÀ ALLE SCALE INTERNAZIONALI
    • Corso certificato dal Centro de Lengua Española
    • Utile supporto per superare gli esami di certificazione del Centro de Lengua Española
    SPAGNOLO B1 B1 A2 A2 A1 Livello Consiglio d’Europa 2 Livello intermedio 2 2 Livello intermedio 1 1 Livello base 2 1 Livello base 1 0 Livello principiante Livello scala Alte Livello del corso
  • 14. Microlingue Per ognuna delle tre lingue (inglese, francese e spagnolo) sono state realizzate 8 unità personalizzate (per una durata complessiva di 5 ore per lingua ) in relazione ai contesti operativi dei destinatari e da fruire ad integrazione dei corsi standard. FINALITÀ FORMATIVE Le unità didattiche sulle microlingue si propongono di trasferire il lessico specifico e le espressioni tipiche dei contesti in cui i destinatari operano. L’obiettivo è quello di contestualizzare le competenze linguistiche acquisite attraverso la fruizione dei corsi standard.
  • 15.
    • LA CONTESTUALIZZAZIONE
    • Per garantire la coerenza tra i contenuti linguistici proposti e la realtà operativa quotidiana dei destinatari:
      • il percorso didattico è organizzato attorno a situazioni concrete che verranno rappresentate nei cartoon
      • le situazioni sono state individuate e sceneggiate in collaborazione con esponenti delle diverse forze dell’ordine coinvolte nel progetto.
    Microlingue
  • 16.
    • LA STRUTTURA DELLE UNITÀ DIDATTICHE
    • Ogni unità didattica è articolata in:
      • cartoon
      • scheda di consolidamento sintattico-lessicale
      • esercizi
      • vocabolario
      • test di autovalutazione di fine unità.
    Microlingue
  • 17.
    • GRUPPO DI LAVORO
    • Madrelingua, esperti di insegnamento di lingua
    • Team di progettisti didattici on-line
    • Referenti delle Forze dell’Ordine (per la raccolta delle situazioni da sceneggiare)
    • Speaker madrelingua
    • Team di sviluppo software
    Microlingue
  • 18.  
  • 19. PROGETTO “APPROCCIO ED INTERRELAZIONE” Corso di lingua araba
  • 20. Corso di lingua araba STRUTTURA DEL CORSO
  • 21. Corso di lingua araba
    • Il corso di propone di far acquisire ai partecipanti familiarità con un numero definito di vocaboli ed espressioni della lingua araba e di insegnare gli elementi grammaticali di base
    • al fine di
      • saper formulare domande semplici e comprendere le risposte nella relazione con gli stranieri di lingua araba
      • acquisire contestualmente le informazioni di base sulla cultura araba anche al fine di ottimizzare gli atteggiamenti e i comportamenti relazionali con gli stranieri di lingua araba.
  • 22. Corso di lingua araba
    • La lingua araba oggetto di insegnamento del corso è la lingua “classica” (fusiha) l’unica scritta e l’unica conosciuta da quasi tutti gli arabi.
    • Delle lingue/dialetti “nazionali” (darija) verranno presentate, a titolo dimostrativo e nelle parti più rilevanti del corso, le due più significative: l’egiziano e il marocchino .
    • Il corso non si assume l’impegno di insegnare a leggere e scrivere l’arabo, ma si concentra su alcune espressioni particolarmente significative per il contesto di lavoro dei partecipanti. Tuttavia non rinuncia ad inquadrare tali espressioni nel contesto linguistico corretto (alfabeto, grammatica) e ad utilizzare una modalità di traslitterazione scientifica .
    VINCOLI E LIMITI
  • 23. Corso di lingua araba I MODULO Unità 1 Unità 2 Unità 3
    • Saluti e presentazioni per introdurre dialoghi semplici
    II MODULO Unità 4 Unità 10
    • Dialoghi semplici per evidenziare le lettere dell’alfabeto e la corretta pronuncia
    STRUTTURA DEL CORSO Unità …
  • 24. Corso di lingua araba III MODULO Unità 11 Unità 17
    • Dialoghi implicanti l’uso di regole grammaticali elementari per poter comporre frasi e utilizzare i numeri
    IV MODULO Unità 18 Unità 24
    • Dialoghi implicanti l’uso delle principali forme verbali utilizzabili in contesti operativi
    STRUTTURA DEL CORSO Unità ... Unità ...
  • 25. Corso di lingua araba
    • L’approccio alla lingua sarà di tipo pratico/esercitativo:
      • partendo da dialoghi sceneggiati
        • fra le forze dell’ordine e stranieri
        • fra stranieri e stranieri
      • l’utente sarà condotto a compiere
        • l’analisi delle espressioni/parole utilizzate
        • svolgere esercizi basati soprattutto sull’ascolto e la memorizzazione di parole/frasi.
    • Inoltre sarà invitato ad esplorare “ambienti” tipici della cultura araba (mercato, moschea, biblioteca) all’interno dei quali troverà informazioni sulla lingua, sulla cultura, sulla religione, su usi e costumi ecc.
    L’APPROCCIO ADOTTATO
  • 26. Corso di lingua araba
    • Gli esercizi saranno principalmente mirati a:
        • ascoltare
        • ripetere
        • confrontare
        • riconoscere
    • L’utente sarà informato in modo esplicito in ogni unità dell’obiettivo specifico che deve raggiungere, per consentirgli di autogestire il proprio processo di apprendimento e verificare i risultati ottenuti.
    L’APPROCCIO ADOTTATO
  • 27. Corso di lingua araba
    • Per quanto riguarda la lettura
      • fin dalle prime unità si evidenzierà la corrispondenza fra fonema-grafoma
      • ma solo al termine della presentazione dell’alfabeto si richiederanno prestazioni di lettura.
    • Tali prestazioni riguarderanno fondamentalmente la lettura di documenti ufficiali o modulistica straniera.
    L’APPROCCIO ADOTTATO
  • 28. Corso di lingua araba
    • Arabisti, esperti di insegnamento della lingua araba
    • Team di progettisti didattici on-line
    • Referenti delle Forze dell’Ordine (per la raccolta delle situazioni da sceneggiare)
    • Speaker madrelingua
    • Team di sviluppo software
    GRUPPO DI LAVORO