Product Management Nel Settore Business To Consumer

  • 673 views
Uploaded on

Excite: Riposizionamento di un Portale Web. Product Manager Workshop organizzato da Eccellere Business Community il 7 maggio 2008. Intervento di Emiliano Carlucci.

Excite: Riposizionamento di un Portale Web. Product Manager Workshop organizzato da Eccellere Business Community il 7 maggio 2008. Intervento di Emiliano Carlucci.

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
673
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
16
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. PRODUCT MANAGEMENT NEL SETTORE B2C Riposizionamento di un Portale Web 7 Maggio 2008 – Domus Talenti - Roma
  • 2.
    • SCENARIO: La Crisi del Web 1.0
    • CONCEIVE : Market Requirements
    • DEFINE : Organizzazione del Team e Scheduling
    • PERFORM : Specifiche, Web-design e Sviluppo
    • TEST : Test del prodotto in sviluppo e Test pre-lancio
    • LANCIO : Launch & Learn
    • ANALISI TRAFFICO : Unique Users & Page Views
    EXECUTIVE SUMMARY
  • 3. SCENARIO La Crisi del Web 1.0
  • 4.
    • Web 1.0 = Commercio
    SCENARIO: La crisi del Web 1.0
  • 5.
    • Web 2.0 = Persone
    SCENARIO: La crisi del Web 1.0
  • 6.
    • Web 1.0 vs Web 2.0
    • Old Marketing *
    • Strategia orizzontale (hits)
    • Comunicazione Marketer to Consumer
    • Barriera fra produttori e consumatori
    • Spam
    • Customer support
    • Focus Groups
    • New Marketing *
    • Strategia verticale (nicchie)
    • Comunicazione Consumer to Consumer
    • Trasparenza fra produttori e consumatori
    • Permesso
    • Community Support
    • Launch & Learn
    * da Meatball Sundae di Seth Godin SCENARIO: La crisi del Web 1.0
  • 7.
    • La Tag Cloud del Web 2.0
    SCENARIO: La crisi del Web 1.0
  • 8. CONCEIVE Market Requirements
  • 9.
    • 3 Premesse
    • Con la fine del Web 1.0, tramonta il concetto di portale generalista .
    CONCEIVE: Market Requirements
    • Da sempre percepito come portale generalista, Excite deve creare un ' immagine distintiva ed efficacemente competitiva nella mente degli utenti.
    • Ogni studio di riposizionamento deve partire da un’ analisi approfondita del traffico , al fine di individuare gli interessi che Excite riesce ad intercettare.
  • 10.
    • Analisi del Traffico (Q3-Q4 2007)
    CONCEIVE: Market Requirements
  • 11.
    • Posizionamento Attuale
    • Pur proponendo una vasta gamma di contenuti editoriali , che spazia dalla politica alla cronaca passando per lo sport, l’utenza di Excite è essenzialmente interessata a:
        • Calendari
        • Servizi in-house (Webmail e MyExcite)
        • Servizi in partnership (loghi & suonerie, cartoline, ecc.)
    • Vi è, inoltre, una buona percentuale di utenti fidelizzati che arriva sulla Home Page di Excite in due modi:
        • Direttamente
        • Dopo aver cercato la Kw “Excite” su Google
    CONCEIVE: Market Requirements
  • 12.
    • Posizionamento Desiderato
    • Differenziarsi vuol dire riposizionarsi come Portale Web 2.0 , rinunciando a velleità generalistiche e focalizzandosi su nicchie di utenti.
    • A tal fine, Excite deve concentrarsi sull’ Entertainment e sviluppare servizi che incentivino la partecipazione e l’ interazione fra gli utenti.
    • Concentrarsi sull’Entertainment non vuol dire abbandonare (ad esempio) contenuti di politica o cronaca, ma significa conferire a questi ultimi un taglio meno serioso , cogliendone aspetti curiosi e accattivanti .
    • Il nuovo posizionamento non deve intaccare l’ attuale business model : offrire agli utenti contenuti editoriali e servizi web, monetizzando il traffico attraverso la pubblicità (CPM, CPC, CPA, direct marketing).
    CONCEIVE: Market Requirements
  • 13. DEFINE Organizzazione del Team e Scheduling
  • 14.
    • Organizzazione del Team
    DEFINE: Organizzazione del Team e Scheduling Top Management Director of Product Mgmt Project Manager Chief Technology Officer Product Manager Software Leader Art Director Sys Admin Manager
    • Project Manager è responsabile del roll-out del progetto.
    • Product Manager supervisiona il progetto in quanto responsabile ultimo della gestione del prodotto.
  • 15.
    • Scheduling
    • Step 1 - Gennaio 2008
        • Lancio Nuovo Layout
        • Lancio Nuovi Servizi: Excite Bookmarks ed Excite Mix
    • Step 2 - Marzo 2008
        • Completamento Nuovo CMS
    • Step 3 - Luglio 2008
        • Focalizzazione sull’Entertainment
    DEFINE: Organizzazione del Team e Scheduling
  • 16. PERFORM Specifiche, Web Design e Sviluppo
  • 17.
    • Specifiche: le Fasi
    PERFORM: Specifiche, Web Design e Sviluppo
    • Sessioni di Brainstorming alle quali partecipano i responsabili delle aree coinvolte nel progetto (Product, Software, Grafica, Sistemi).
    • Primo draft di specifiche stilato dal Project Manager e concordato col Product Manager. Vengono inserite delle deadlines ideali .
    • Team IT analizza il documento ed esegue studio di fattibilità , includendo deadlines realistiche .
    • Director of PM e CTO approvano il documento finale e definiscono tempistiche definitive .
  • 18.
    • Specifiche: Alcuni Esempi
    La giusta dose di creatività aiuta il documento di specifica ad essere comprensibile ed appealing , agevolando il selling interno … … ma non a scapito della completezza delle informazioni e della chiarezza espositiva! PERFORM: Specifiche, Web Design e Sviluppo
  • 19.
    • Web Design e Sviluppo: Le Fasi
    • Art Director presenta mock-up del prodotto (Home Page + layout di alcune pagine interne ).
    • Il Team IT sviluppa il progetto.
        • Team Software: Codice
        • Team Sistemi: Architettura (server, database, ecc.)
        • Team Grafico: Stili e Immagini
    • Project Manager e Product Manager analizzano mock-up. Se viene approvato , si procede con lo sviluppo . In caso contrario vengono avanzate nuove proposte fino ad approvazione.
    PERFORM: Specifiche, Web Design e Sviluppo
  • 20.
    • Web Design e Sviluppo: Alcuni Esempi
    Le realizzazione di un mock-up presuppone lo studio dei colori , del lettering , della disposizione degli elementi grafici nella pagina, ecc. Lo sviluppo tecnico del prodotto prende in considerazione, fra le altre cose, la velocità di download della pagina, la sicurezza del codice, ecc. PERFORM: Specifiche, Web Design e Sviluppo
  • 21. TEST Test del Prodotto in Sviluppo e Test Pre Lancio
  • 22.
    • Test del Prodotto in Sviluppo
    TEST: Test del Prodotto in Sviluppo e Test Pre Lancio
    • Durante lo sviluppo del prodotto, vengono organizzate presentazioni interne e successive sessioni di debriefing per essere sicuri che la direzione intrapresa sia quella giusta.
    • Il Team Product effettua test a varie riprese su aree di staging preposte a tali attività. Lo scopo di questi test è di dare una prima valutazione su:
          • La corrispondenza del lavoro con il documento di specifiche
          • L’usabilità del prodotto
          • Eventuali bug in fase embrionale
  • 23.
    • Test Pre Lancio
    • Terminata la fase di sviluppo, la palla passa al Team di Prodotto , il quale procede con i test di rito. Nella fattispecie viene analizzato in profondità:
        • La completa corrispondenza con il documento di specifica (eventualmente rivisto in seguito alle presentazioni e ai debriefing successivi)
        • Il corretto funzionamento del prodotto in tutte i suoi dettagli (es. la registrazione dell’utente va sempre a buon fine? Si verificano eventuali messaggi di errore? Testi e immagini si visualizzano correttamente?)
        • L’ usabilità del prodotto (è facile navigare il sito? L’utente accede rapidamente alle informazioni che sta cercando? Il tempo di download delle pagine è accettabile?)
    TEST: Test del Prodotto in Sviluppo e Test Pre Lancio
  • 24. LANCIO Launch & Learn
  • 25.
    • Launch & Learn
    LANCIO: Launch & Learn
    • Coerentemente con l’approccio Web 2.0, la strategia migliore è quella di lanciare il prodotto e, attraverso l’ osservazione empirica e l’ analisi dei risultati , programmare eventuali enhancements .
    • La fase di learning prevede l’attenta valutazione di:
        • Statistiche (UV, page views, tempo di permanenza)
        • Feedback degli utenti (partecipazione e interazione!)
        • Revenues
  • 26. ANALISI DEL TRAFFICO Unique Users & Page Views
  • 27.
    • Unique Visitors per Country
    ANALISI DEL TRAFFICO: Unique Users & Page Views
  • 28.
    • Visits per Country
    ANALISI DEL TRAFFICO: Unique Users & Page Views
  • 29.
    • Page Views per Country
    ANALISI DEL TRAFFICO: Unique Users & Page Views
  • 30. Grazie per l’attenzione! [email_address] http://www.goadv.com http://controrete.blog.excite.it