Nutrizione Enterale
modalità, miscele, complicanze




   Dr.ssa Carlotta Fontaneto
Nutrizione Enterale

Somministrazione di nutrienti in forma liquida
direttamente nel tubo digerente a pz non in
grado di a...
Vantaggi


   Mantenimento integrità e funzione mucosa GE
   Favorisce il trofismo dei villi intestinali e la peristalsi...
Controindicazioni

   Sub/occlusione intestinale
   Ischemia intestinale non su base ipovolemica
   Peritonite
   Panc...
Cenni di fisiologia




         assorbimento
         trasporto lume  circolo
         scambi metabolici interorgano
Carboidrati
               amilasi salivari e pancreatiche
                 Poli/Oligosaccaridi (amido, saccarosio, latto...
8,3Kcal/g
MCT                                                            Catena lineare
                                  ...
MCT                                          LCT
             Lipasi pancreatica

            AG(CM)            AG(CL)    ...
Emulsioni di MCT + (30-50%) LCT
 rallenta metabolismo MCT
 sopperisce al fabbisogno di AG essenziali       (≥2 doppio le...
Modificazioni indotte da NE

 Svuotamento gastrico

 dipende dal carico calorico (kcal/min)
  2e: natura calorie, compos...
 dipende dall’ osmolarità

una miscela iperosmolare rallenta
lo svuotamento gastrico nella prima ora
rispetto ad una misc...
 Motilità del tenue

nel periodo interprandiale c’è un’ attività ciclica


1. riposo motorio
2. attività irregolare, non ...
NE (a meno che non si perfondano CMT) all’inizio dell’infusione

                 ┤o ↓ fase 3 del CMM
      che riprende p...
Fam carboidrati; R idrolisi enzimi umani,
Fibre in NE                        fermentate dalla microflora del colon


Solub...
se pH↓ : ulcere da stress
 Secrezioni digestive   se pH↑ : prolif batt +
                         polmoniti nosocomiali d...
 Secrezione Pancreatica

 NE gastrica ↑ SP > NE digiunale




SP è inibita con Ф < 3,5kcal/min
“ freno digiunale ”  mal...
Immunonutrizione

      somministrazione GI di sostanze nutrienti
     glutamina (+ ev), arginina, nucleotidi (RNA), AG ω3...
Glutamina
• substrato energetico principale x enterociti
• fornisce E al tenue 5 volte più del glucosio
• previene TB e ↓ ...
RNA (acido ribunucleico)
• componente di ADP-ATP
• mediatore di processi flogistici (cAMP, cGMP)
• componente di coenzimi ...
 ↓ mortalità in pz settici con Gravity Score basso
    Galban et al. Critical Care Medicine 2000




   ↓ infezioni noso...
Miscele Nutritive

caratteristiche fisico-chimiche  tolleranza prodotto


 pH 7-7,5
 pH <3,5 riduce motilità gastrica
 ...
1-1,5kcal/ml
Soluzioni

iso-osmotiche (polimeriche)
richiedono un normale lavoro digestivo x essere assorbite
iperosmolari...
Scelta delle formule

 in base a capacità digestive
(funzionalità gastrica, pancreatica, epatica, biliare)
 in base a ca...
Isosource mix                                Quantità         100
                                             Calorie    ...
Nutrison concentrated 40               Quantità          100
                                       Calorie           200
...
Vie di somministrazione


 sondino oro/naso-enterale
            (sng;snd)


 accesso chirurgico al tubo digerente
     ...
 Via naso-enterica

 periodi brevi (<4-6 sett)
 controindicata se:
frattura base cranica, sinusiti, varici esofagee, di...
1. Intermittente
    Modalità                     2. Continua
                                 3. Continua ciclica

     ...
assenza di borborigmi = assenza di peristalsi


                          ma


• pz in VAM, sedato, curarizzato non deglut...
 Politrauma/NE precoce (< 24h dal ricovero in ICU)
  Kompan L. Intensive Care Med 1999;25:157-161
  Neumann DA et al. Cri...
Complicanze                 Meccaniche e digestive


 esofagiti (50-60% in Ria)
singhiozzo persistente, emorragia  FBS,...
Gastro/digiunostomie (1-2%)

 perdite di soluzione a livello del sito di puntura
 infezioni sottocutanee
 spostamento, ...
4% in Ria
 Emorragie digestive
                            1,5% clinicamente importanti


                               ...
1% nella popol. generale
 Polmonite da inalazione
                                    22% pz nch in coma

• dispnea e/o d...
 prevenzione
verifica cuffia tubo
posizione semiseduta sistematica (ove possibile)
non iniettare grossi boli
verifica ass...
 Nausea e vomito

   posizione sottodiaframmatica del sondino
   contaminazione batterica del soluto
   intolleranza a...
emissione >300mg/die
 Diarrea (15% in ria)                             feci liquide o molli


 errori tecnici
       bol...
 farmacologica
        antibiotici
∆ flora e motilità intestinale;tox diretta su mucosa intestinale
        antisecretori...
 Contaminazione batterica (frequenza imprecisa)


 [germi↑] > 102 CFU/ml
 mancanza di asepsi causa fondamentale
 colon...
 Complicanze metaboliche


 anomalie glicemiche
      diuresi osmotica
 anomalie idroelettrolitiche
      ↓ natriemia, ...
precoce
              iniziare se RG <150ml




       Dieta “starter”
• M bassa osmolarità
• 25ml/h per 12-24h
• riverifi...
Sorveglianza biologica

 Bilancio azotato                                  1 volta/sett

[urea urinaria (g/24h) x 0,4665]...
1 volta/sett
 elettroliti urinari
 colesterolemia e trigliceridemia
 linfociti ematici/mm3
       <1500 malnutrizione l...
2 volte/sett




   elettroliti completi (Mg, P, Ca)
   funzionalità epatica e renale
   quadro proteico
   esame urin...
Fabbisogni nutrizionali


 BEE (basic energy expenditure)



Formula di Harris-Benedict
• Uomini: 66,5 + (13,75xPA) + (5x...
 REE (resting energy expenditure)
= BEE x fattore di stress/malattia e attività

               Fattori di stress

      ...
Fabbisogni energetici

 normale (postop non complicato)
       20 Kcal/kg/die
 aumentato (sepsi, neoplasie,…)
       25-...
Fabbisogno azotato

1g N = ~ 6g AA
      0,1-0,4 g/kg/die (come N)
      0,7-2,5 g/kg/die come AA o proteine
in base al gr...
Fabbisogno idrico

 30 ml/kg/die in soggetto normale
 40-50 ml/kg/die (febbre, stress ch, fistole intestinali,…)
 100-1...
Fabbisogno micronutrienti

 Elettroliti
   Na (1-1,5 mEq/kg/die)
   K (0,5-2 mEq/kg/die)
   Cl (1-1,5 mEq/kg/die)
   Ca (...
Insulina in corso di NA
                                   • stick/6-8h
                                   • /2-4h se ∆ te...
 NA vs N naturale



   miscele molto fluide
   sondini molto piccoli, morbidi, poco disturbanti
   quantità calorica ...
SNG
                                      NE di breve durata

   facile posizionamento
   costo ridotto
   calibro rido...
 Posizionamento

• spiegare procedure a pz se possibile
• lavare mani
• lubrificare narice e sonda
• inserimento senza ge...
 Verifica                           20% malposizionati


• iniezione intragastrica di 20-50ml di aria
attraverso la sonda...
 sollevare testa e spalle del pz di almeno 30°
  durante l’infusione
 lavare il sondino prima e dopo l’uso (30ml SF)
 s...
PEG

 ↓ rischio di spostamento
 ↓ inalazioni gastriche
 miglior comfort dei pz
 (estetico, psicologico)

 ostruzione

...
 Manutenzione in fase acuta (1a settimana)


 nelle prime 24h si lascia drenare la sonda a caduta
 ruotarla sul proprio...
 Cedimento, allargamento della ferita
   • disinfezione
   • rotazione
   • applicazione pasta di ossido di zinco 2v/die
...
 Manutenzione in fase cronica (dopo 1a settimana)

 disinfezione con acqua saponata
 abbandonare medicazione a piatto
 ...
Materiali
                      velocità fissa
 pompe
                      velocità variabile
 circuiti e sacche
 manovrare asetticamente
 mantenere sacca con nutrimento < 24h

         sono ideali ambienti di coltura
               ...
Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza
                    Creative Commons
             Attribuzione-Non commerc...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Nutrizione Enterale

11,233

Published on

progetto formativo ASL VC 2003-2004

Published in: Health & Medicine
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
11,233
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Nutrizione Enterale"

  1. 1. Nutrizione Enterale modalità, miscele, complicanze Dr.ssa Carlotta Fontaneto
  2. 2. Nutrizione Enterale Somministrazione di nutrienti in forma liquida direttamente nel tubo digerente a pz non in grado di alimentarsi sufficientemente per via naturale, ma che hanno conservato, in modo totale o parziale, l’integrità funzionale dell’apparato digestivo  Sempre se non controindicata Supporto nutrizionale (totale/suppletiva) Ruolo farmacologico Cosmos et al. Orv Hetil. 2003 Mar 23;144(12):569-72
  3. 3. Vantaggi  Mantenimento integrità e funzione mucosa GE  Favorisce il trofismo dei villi intestinali e la peristalsi  Migliore utilizzazione dei substrati  Migliore tolleranza a glucosio  Riduce la traslocazione batterica  Riduce l’incidenza delle infezioni nosocomiali  Facile utilizzazione  Costi contenuti Gianotti et al. Minerva Anestesiol. 2003 Apr;69(4):275-80 Heyland DK et al. J Crit Care. 2002 Sep;17(3):161-7 Linee Guida SINPE 2002
  4. 4. Controindicazioni  Sub/occlusione intestinale  Ischemia intestinale non su base ipovolemica  Peritonite  Pancreatite (dolore, ascite, fistole, ileo paralitico)  Shock protratto e severo  Intestino corto (<30cm)  Fistole digiunali o ileali (con output > 400ml/die) Relative:  Pazienti a rischio di aspirazione  Disfunzione pancreatica (amilasi ↑ con eco/TAC negative) Linee Guida SINPE 2002 Woodcock N et al. Nutrition. 2002;18(6):523-4
  5. 5. Cenni di fisiologia  assorbimento  trasporto lume  circolo  scambi metabolici interorgano
  6. 6. Carboidrati  amilasi salivari e pancreatiche Poli/Oligosaccaridi (amido, saccarosio, lattosio)  idrolisi a monosaccaridi (orletto a spazzola)  carriers specifici (glc, galattosio) o gradC (fruttosio) Proteine  idrolisi a peptidi e AA a livello gastrico  peptidasi pancreatiche  carriers specifici x classi di AA Acqua Ingerita + scrz gastrica, biliare, pancreatica ~8L assorbiti x grad idrostatico lume:cll GE e forze osmotiche Lipidi
  7. 7. 8,3Kcal/g MCT Catena lineare 6-12C Glicerolo + AG saturi (ac. esanoico, ottanoico, decanoico, dodecanoico)  30% assorbito direttamente senza modifica  idrolisi indipendente da sali biliari  lipasi pancreatiche  monogliceridi + 3 MCFA  secreti nella circ. portale direttamente 9,2Kcal/g ≥2 doppi legami ≥ 18C LCT Glicerolo + AG insaturi (ac. oleico, linoleico, palmitico, stearico)  lipasi pancreatiche  monogliceridi + 2 LCFA  sali biliari (micellazione)  assorbimento (epitelio intest)  riesterificati in LCT  chilomicroni  sistema linfatico
  8. 8. MCT LCT Lipasi pancreatica AG(CM) AG(CL) MG(CL) MG MCT AG(CM) AG(CL) LCT Lipasi Mucosa intestinale Vena porta Linfatico  Idrolisi MCT 5 volte > LCT  Assorbimento MCFA è 2 volte > LCFA E rapidamente disponibile dopo ossidazione MCT
  9. 9. Emulsioni di MCT + (30-50%) LCT  rallenta metabolismo MCT  sopperisce al fabbisogno di AG essenziali (≥2 doppio legame) Limite 1-1,5g/kg/die a 0,12g/kg/h Velocità  ixchetonemia, ixlattacidemia ω è posizione primo DL a partire da CH3 terminale ω3 (oli di pesce) ω6 (oli vegetali, tra cui la soia) ω9 (olio di oliva) ω6/ω3 5:1  migliora difese immunitarie (PG, LBT,..)  protezione vascolare
  10. 10. Modificazioni indotte da NE  Svuotamento gastrico  dipende dal carico calorico (kcal/min) 2e: natura calorie, composizione polimerica o meno ≤3kcal/min svuot ↑ proporzionalmente al carico ≥3kcal/min Ф evacuazione dei nutrienti < Ф infusione se ↑ V gastrico  il rischio di rigurgito ↑ = carico (cal/die) , ma ↑ durata infusione  ↓ Kcal/min, V endogastrico, flusso pilorico RGE 5-8%
  11. 11.  dipende dall’ osmolarità una miscela iperosmolare rallenta lo svuotamento gastrico nella prima ora rispetto ad una miscela iso-osmolare
  12. 12.  Motilità del tenue nel periodo interprandiale c’è un’ attività ciclica 1. riposo motorio 2. attività irregolare, non propagata 3. contrazioni regolari (10-13/min) che si propagano a stomaco e tenue CMM (Complesso Migrante Motorio) “House keepers” = ruolo di pulizia del tubo digerente
  13. 13. NE (a meno che non si perfondano CMT) all’inizio dell’infusione ┤o ↓ fase 3 del CMM che riprende prima della fine dell’infusione ↓ traslocazione batterica durante NE EMC 36-880-C-10  Motilità del colon l’assenza di residui indigeriti durante NE • rallenta transito colico • ↓ peso feci
  14. 14. Fam carboidrati; R idrolisi enzimi umani, Fibre in NE fermentate dalla microflora del colon Solubili e Insolubili Fermentate da batteri anaerobi  SCFA (Guar, pectine, oligofruttosio, inulina) • regolano funzioni GE e sistemiche S • ↑ quantità feci e biomassa batterica • ↓ pH colico, svuot. gastrico e assorbimento • ↓ risposta glicemica e insulinica post-prandiale Fermentate solo in parte (lignina, cellulosa, crusca) • creano massa fecale • ↑ transito intestinale I • regolano solo funzioni GE •↓ traslocazione batterica
  15. 15. se pH↓ : ulcere da stress  Secrezioni digestive se pH↑ : prolif batt + polmoniti nosocomiali dopo rigurgito  sopprime fase cefalica del pasto NE  ↓ secrez acida data omogeneità della miscela Infusione intragastrica • + scz gastrica acida • miscele non polimeriche  distensione gastrica  gastrina ↑ Infusione duodenale • ↓ scz gastrica acida che non è tamponata da miscela • svuot gastrico è rallentato  feedback negativo
  16. 16.  Secrezione Pancreatica  NE gastrica ↑ SP > NE digiunale SP è inibita con Ф < 3,5kcal/min “ freno digiunale ”  malassorbimento  in corso di NE ileale dipende dai nutrienti: • lipidi inibiscono SP LCT attivano scz di colecistochinina > MCT • glucidi + SP esocrina a parità di carica azotata indipendentemente da natura miscela Pupelis G et al. Zentralbl Chir. 2002 Nov;127(11):975-81
  17. 17. Immunonutrizione somministrazione GI di sostanze nutrienti glutamina (+ ev), arginina, nucleotidi (RNA), AG ω3 (+ ev) che in quantità > fabbisogni nutrizionali  modulano risposta infiammatoria  agiscono su immunodepressione ritardata  assenza di effetti collaterali documentati (sovraccarico N, ixtrigliceridemia, ∆ coagulazione)  necessità di ulteriori studi  costi elevati Zulfikaroglu B et al. 2003;22(3):277-81 Gentilini et al. Minerva Anestesiol 2000;66:362-6 Jolliet P et al. Intensive Care Med 1999;25:631-633;3:215-217
  18. 18. Glutamina • substrato energetico principale x enterociti • fornisce E al tenue 5 volte più del glucosio • previene TB e ↓ endotossinemie • previene ↑ permeabilità intestinale • effetto trofico e protettivo su mucosa intestinale Arginina • essenziale per sintesi AA e proteica • stimola ormoni anabolizzanti (GH - Insulina) • precursore sintesi NO (vasodilatatore mucosa intestinale; regola sintesi proteica epatica; genera radicali liberi; ha effetti anti-infiammatori) • promuove sintesi del collagene • ↑ proliferazione linfocitaria
  19. 19. RNA (acido ribunucleico) • componente di ADP-ATP • mediatore di processi flogistici (cAMP, cGMP) • componente di coenzimi (CoA, NAD, …) • stimola risposta immunitaria (umorale e T mediata) Poliamine esogene/endogene (putrescina, spermina, spermidina) • effetto trofico su mucosa intestinale • moltiplicazione cll giovani in divisione • ruolo su maturazione/differenziamento cll ?
  20. 20.  ↓ mortalità in pz settici con Gravity Score basso Galban et al. Critical Care Medicine 2000  ↓ infezioni nosocomiali: • ascessi addominali (OR:0.26 CI:0.12-0.55) • inf. Pneumonia (OR: 0.54 CI:0.35-0.84) • batteremia (OR: 0.45 CI:0.35-0.84) Montejo JC et al. Clin Nutr. 2003 Jun;22(3):221-33 Suchner U et al. Br J Nutr. 2002;87Suppl1:S121-32
  21. 21. Miscele Nutritive caratteristiche fisico-chimiche  tolleranza prodotto  pH 7-7,5 pH <3,5 riduce motilità gastrica  osmolarità bassa M polimeriche standard < 300mOsm/L M elementari > 500mOsm/L  sterili (flaconi pronti all’uso x evitare manipolazioni)  bassa viscosità per non ostruire le pompe  non dovrebbero contenere allergeni
  22. 22. 1-1,5kcal/ml Soluzioni iso-osmotiche (polimeriche) richiedono un normale lavoro digestivo x essere assorbite iperosmolari (elementari) non richiedono alcun processo digestivo, pronte da assorbire Componenti • Carboidrati 40-60% (amidi, poli/oligo/disaccaridi, glucosio) • Lipidi 20-35% (LCT, MCT) • Proteine 15-20% (proteine intatte, peptidi, slz AA) • Vitamine e oligoelementi (fabbisogni non coperti  +Cernevit 1fl/die; Vit K 1fl/sett; Ferlixit ½fl/die; oligoel 1fl/die) • Elettroliti • Fibre
  23. 23. Scelta delle formule  in base a capacità digestive (funzionalità gastrica, pancreatica, epatica, biliare)  in base a capacità di assorbimento (estese resezioni intestinali) Polimeriche • se funzione GE intatta con aggiunta di fibre se costipazione o diarrea Elementare • se intestino corto • patologie infiammatorie intestinali • insuff. pancreatica • intolleranza alimentare
  24. 24. Isosource mix Quantità 100 Calorie 105 • polimerica standard Proteine gr 4,3 • comp. naturali omogeneizzati • priva di lattosio Na mg 64 • apporto fisiologico di fibre K mg 140 • 303 mOsm/L Ca, Mg, Cl, Vitamine totali Nutricomp diabetes Quantità 100 Calorie 100 • per pz diabetici Proteine gr 4,1 • apporto di fibre  ↓ [glucosio] e Na mg 100 ↑ sensibilità a insulina K mg 160 • 209 mOsm/L Ca, Mg, Cl, Vitamine totali
  25. 25. Nutrison concentrated 40 Quantità 100 Calorie 200 • per pz nefropatici non in dialisi Proteine gr 4 • ↓ N, elettroliti e acqua Na mg 100 • priva di glutine K mg 150 • contenuto in lattosio minimo Ca, Mg, Cl, Vitamine totali Nutrison concentrated 75 • per pz nefropatici in dialisi • ↑ proteine
  26. 26. Vie di somministrazione  sondino oro/naso-enterale (sng;snd)  accesso chirurgico al tubo digerente (gastro/digiunostomie)  PEG
  27. 27.  Via naso-enterica  periodi brevi (<4-6 sett)  controindicata se: frattura base cranica, sinusiti, varici esofagee, diatesi emorragica, trombocitopenie, …  PEG  lunga durata (>4-6 sett)  controindicata se: ascite, IP, pregressa ch gastrica, diatesi emorragica, infezioni parete addominale, …
  28. 28. 1. Intermittente Modalità 2. Continua 3. Continua ciclica  boli rapidi (da 20 a 300ml con una siringa) svuotare  segnare RG  somministrare  chiudere  richiede buona motilità GE, stabilità emodinamica 1  rischio di rigurgito e distensione addominale  termogenesi più bassa vs C  se transito intestinale insufficiente   E sufficiente anche in caso di atonia digestiva 2  < diarrea e inalazioni bronchiali  solo la notte in genere 3  preserva deambulazione diurna
  29. 29. assenza di borborigmi = assenza di peristalsi ma • pz in VAM, sedato, curarizzato non deglutisce aria • drenaggio a caduta previene movimento aria stomaco  tenue quindi intestino funzionante anche in assenza di borborigmi
  30. 30.  Politrauma/NE precoce (< 24h dal ricovero in ICU) Kompan L. Intensive Care Med 1999;25:157-161 Neumann DA et al. Crit Care Med 2002;30(7):1436-8;1654-8 • superiorità sng rispetto a via digiunale • efficace sul trofismo intestinale • ↓ permeabilità intestinale • forme meno severe di MOF Non influenza • durata VAM • lunghezza degenza in ICU  in TC + tollerata NE continua che intermittente Rhoney DH et al. Neurol Res 2002;24(6):613-20
  31. 31. Complicanze  Meccaniche e digestive  esofagiti (50-60% in Ria) singhiozzo persistente, emorragia  FBS, 45°  ↓ incidenza RGE  gastriti, ulcerazioni gastriche (0,8%)  malposizionamento  false strade bronchiali (0,3% a dx) • se anche versamenti, ascessi, pnx: rimozione immediata della sonda + abt + sorveglianza protratta  rimozione involontaria della sonda 90% provocato da pz agitato, confuso; non SS accesso naso/bocca  lesioni nasali, faringo-laringee (irritazione, disfonia)  fistola tracheo-esofagea  gastro/digiunostomia fino a chiusura  occlusione della sonda
  32. 32. Gastro/digiunostomie (1-2%)  perdite di soluzione a livello del sito di puntura  infezioni sottocutanee  spostamento, strappamento (per fissaggio insufficiente  gastrografin)  peritonite, fascite necrotizzante (casi eccezionali)  occlusioni  rare complicanze intestinali ( volvolo, perforazioni,…  sospensione NE + sostituzione sonda durante intervento chir
  33. 33. 4% in Ria  Emorragie digestive 1,5% clinicamente importanti VAM >48h;  profilassi: ustioni, traumi maggiori; NE precoce insufficienza renale coagulopatie (PT, PTT, Plts) ranitidina (4-6fl/die) traumi cranici o omeprazolo (20-40mg ev/sng) shock protratto epatopatie  trattamento autolimitanti (70-80%) omeprazolo trattamento endoscopico Sucralfato Committe on Safety of Medicine  ↑ mortalità  +1 sett degenza in Ria
  34. 34. 1% nella popol. generale  Polmonite da inalazione 22% pz nch in coma • dispnea e/o disattamento a ventilatore brutale + febbre che sale bruscamente  RxT + abt + interruzione provvisoria NE  rischio crescente se: • pz curarizzati, sedati, in coma  no riflesso tosse/deglutizione • sonde di grosso calibro  beanza LES > • postop ch viscerale, TC, malnutrizione, farmaci (oppiacei, anticolinergici, βbloccanti,…)  rallentato ritmo di svuotamento gastrico  carattere NE C/I non SS
  35. 35.  prevenzione verifica cuffia tubo posizione semiseduta sistematica (ove possibile) non iniettare grossi boli verifica assenza residuo gastrico >150ml complicanza spesso mortale
  36. 36.  Nausea e vomito  posizione sottodiaframmatica del sondino  contaminazione batterica del soluto  intolleranza ai lipidi in corso di patologie epato-biliari  flussi rapidi e boli >150ml se RG > 150ml • eliminare pox cause (sedazione, curari) e verificare dopo 2h • Metoclopramide 10mg x 3 per 24h • Eritromicina 100-200mg ev in 15’ • se RG>200ml ripetutamente  sonda naso-digiunale Miskovitz et al. Crit Care Med 2002;30(6):1237-41;1386-87 Berne JD et al. J Trauma 2002;53(3):422-5
  37. 37. emissione >300mg/die  Diarrea (15% in ria) feci liquide o molli  errori tecnici boli grossi, flussi rapidi, carico calorico importante  origine infettiva modificazione pH gastrico e peristalsi  malassorbimento flora anaerobia durante NE sostituita da Klebsielle, colibacilli  nutrizionale miscele ipertoniche fonte di ipermotilità intestinale diete con >50% di lipidi  da carenza di apporto sodato Na <80mmoli/L  secrezione acqua endogena  diarrea  ipoalbuminemia (< 2,5g/dl)  atrofia mucosa intestinale
  38. 38.  farmacologica antibiotici ∆ flora e motilità intestinale;tox diretta su mucosa intestinale antisecretori ∆ pH gastrico  germi coliformi ∆ assorbimento nutrienti FANS aggressività diretta su mucosa digestiva • trattamento eziologico e sintomatico • dimezzare velocità infusiva (integrazione parenterale) • ↓ osmolarità M, volume M, carboidrati • Colestiramina (Questran®) che adsorbe sali biliari • se diarrea >3gg  Clostridium difficile ? • curare lavaggio mani • sostituire linea di somministrazione reidratare
  39. 39.  Contaminazione batterica (frequenza imprecisa)  [germi↑] > 102 CFU/ml  mancanza di asepsi causa fondamentale  colonizzazione stomaco ∆ pH gastrico (abt, cortisonici, immunosoppressori,...) • + polmonite da inalazione • - con diarrea Belknap et al. J Parenter Enteral Nutr 1990,14:622-628
  40. 40.  Complicanze metaboliche  anomalie glicemiche diuresi osmotica  anomalie idroelettrolitiche ↓ natriemia, kaliemia, fosforemia, magnesemia  ∆ funzione epatica ↑PAL x apporti di carboidrati importanti e prolungati  Complicanze addominali  flatulenze, crampi addominali, meteorismo  costipazione (clisteri e purganti)
  41. 41. precoce iniziare se RG <150ml Dieta “starter” • M bassa osmolarità • 25ml/h per 12-24h • riverificare RG dopo 3h • ↑ 25ml/h ogni 12-24h se RG <150ml • controllare RG ogni 4-8h velocità desiderata di solito 75-100ml/h
  42. 42. Sorveglianza biologica  Bilancio azotato 1 volta/sett [urea urinaria (g/24h) x 0,4665] + ∆BUN* + 3 (3=perdita di N x altre vie) * =[Urea pl alla 24ah-Urea pl alla 1ah x peso corporeo (kg)**] x 0,4665 ** 50% se uomini; 60% se donne Grado di Perdita N Catabolismo (g/die)  identificare pz ipercatabolico Normale <5 • ↑ spesa energetica Lieve 5-10 • ↑ perdita N a digiuno; Moderato 10-15 • ritenzione idrica; ↑ spazio extracell Grave > 15 • ∆ metabolismo substrati energetici Pennington Minerva Anestesiol. 2000;66:348-50
  43. 43. 1 volta/sett  elettroliti urinari  colesterolemia e trigliceridemia  linfociti ematici/mm3 <1500 malnutrizione lieve <1200 malnutrizione moderata <800 malnutrizione severa  albuminemia (g/dL) (scarso valore come marker nutrizionale avendo emivita 18gg)  transferrinemia (mg/dL) <200 malnutrizione lieve <150 malnutrizione moderata <100 malnutrizione grave  prealbuminemia (mg/dL) <22 malnutrizione lieve <17 malnutrizione moderata <10 malnutrizione grave
  44. 44. 2 volte/sett  elettroliti completi (Mg, P, Ca)  funzionalità epatica e renale  quadro proteico  esame urine completo
  45. 45. Fabbisogni nutrizionali  BEE (basic energy expenditure) Formula di Harris-Benedict • Uomini: 66,5 + (13,75xPA) + (5xH) - (6,76xE) • Donne: 65,5 + (9,56xPA )+ (1,85xH) - (4,67xE) • Bambini (<10aa; <30kg): 22,1 + (31,05xPA) + (1,6xH) PA = peso corporeo (kg); ideale se pz obeso H = altezza (cm) E = età
  46. 46.  REE (resting energy expenditure) = BEE x fattore di stress/malattia e attività Fattori di stress Malnutrito 1 Chir elettiva 1,10 Chir complicata 1,25 Trauma o sepsi 1,25-1,50 Correzione x attività Riposo assoluto 1 Allettato sveglio 1,10 Deambulante 1,25-1,50 Cheng CH et al. Clin Nutr. 2002;21(2):164-72
  47. 47. Fabbisogni energetici  normale (postop non complicato) 20 Kcal/kg/die  aumentato (sepsi, neoplasie,…) 25-30 Kcal/kg/die  elevato (politraumi, MOF,…) 30-35 Kcal/kg/die per non eccedere velocità max di ox glucosio pari a 4mg/kg/min nel pz critico se Ф >35 Kcal/kg/die glc non viene metabolizzato  steatosi epatica
  48. 48. Fabbisogno azotato 1g N = ~ 6g AA 0,1-0,4 g/kg/die (come N) 0,7-2,5 g/kg/die come AA o proteine in base al grado di catabolismo Se > 0,4 g/kg/die N  squilibrio AA • acidosi metabolica • insufficienza renale • iperammoniemia apporto di N / adeguato apporto calorico utilizzazione di proteine a scopo energetico
  49. 49. Fabbisogno idrico  30 ml/kg/die in soggetto normale  40-50 ml/kg/die (febbre, stress ch, fistole intestinali,…)  100-150 ml/kg/die (sepsi, ustioni, diarre,…) • portata urinaria sempre >30ml/h • almeno 1 ml di acqua/kcal • aumentare volume 250ml/1°C dopo i 37°C se febbre • acqua endogena 200-400ml/die x ossidazione nutrienti 100g lipidi 107 ml acqua 100g proteine  41ml acqua 100g carboidrati  55ml acqua
  50. 50. Fabbisogno micronutrienti  Elettroliti Na (1-1,5 mEq/kg/die) K (0,5-2 mEq/kg/die) Cl (1-1,5 mEq/kg/die) Ca (0,2-0,25 mEq/kg/die) P (2-4 mEq/kg/die) Mg (0,08 mEq/kg/die)  Vitamine idrosolubili/die liposolubili/sett x evitare fenomeni di accumulo  Oligoelementi sett in NE a lungo termine
  51. 51. Insulina in corso di NA • stick/6-8h • /2-4h se ∆ terapia e NE • 1UI/10gr glucosio glicemia < 200mg/dL glicosuria/24h <20-10gr/L  a richiesta fino a 1UI/kg peso corporeo die frazionarla in 3-4 somministrazioni sc  continua se necessari dosaggi più alti infusione continua iniziando con 1UI/h glicemia/2h
  52. 52.  NA vs N naturale  miscele molto fluide  sondini molto piccoli, morbidi, poco disturbanti  quantità calorica definita (1-1,5kcal/ml)  preparati completi e bilanciati Swanson et al. Crit Care Nurs Q. 2002;24(4):67-74 QuirK J. Br J Nurs. 2000;9(9):537-41
  53. 53. SNG NE di breve durata  facile posizionamento  costo ridotto  calibro ridotto  tollerate meglio  guida o mandrino metallico  facile inserimento  estremità arrotondata x facilitare passaggio transpilorico  radiopache  doppio lume: drenaggio gastrico/nutrizione  sonde siliconate o in poliuretano • meno traumatiche di quelle in PVC • + costose
  54. 54.  Posizionamento • spiegare procedure a pz se possibile • lavare mani • lubrificare narice e sonda • inserimento senza gesti bruschi • dirigere sonda posteriormente seguendo pavimento cavità nasale fino all’orofaringe • se pz collaborante, facilitare discesa facendo deglutire un po’ d’acqua
  55. 55.  Verifica 20% malposizionati • iniezione intragastrica di 20-50ml di aria attraverso la sonda ascoltando borborigma epigastrico (numerosi i FP) • Rx torace A/P comprendente addome sup • se dubbi meglio Rx addome previa somministrazione di alcune gocce di lq radiopaco idrosolubile nella sonda • Ok se raccolta di lq gastrico o bile pH<5 = lq gastrico sempre
  56. 56.  sollevare testa e spalle del pz di almeno 30° durante l’infusione  lavare il sondino prima e dopo l’uso (30ml SF)  sorveglianza RG/4-8h con aspirazione seguita da lavaggio del sondino occlusione 6-22% > NE continua • compresse schiacciate troppo poco • calibro aperture laterali • tipo di sonda riempire sonda con 20ml di acqua/8h
  57. 57. PEG  ↓ rischio di spostamento  ↓ inalazioni gastriche  miglior comfort dei pz (estetico, psicologico)  ostruzione • polverizzazione di farmaci solidi e dissoluzione in almeno 60ml di acqua • dopo ogni somministrazione (formula enterale/farmaci) somministrare 60ml di acqua tiepida o gassata • no: colestiramina, lassativi di V
  58. 58.  Manutenzione in fase acuta (1a settimana)  nelle prime 24h si lascia drenare la sonda a caduta  ruotarla sul proprio asse di 360° 2v/die  impedire a sierosità della ferita di coagulare  spinta e rotazione della sonda sul piano ┴ al cutaneo  evitare ischemia da compressione  detergere cute circostante la ferita con acqua ossigenata (anche quella sotto il fermo)  medicare a piatto
  59. 59.  Cedimento, allargamento della ferita • disinfezione • rotazione • applicazione pasta di ossido di zinco 2v/die • medicazione a piatto  Orifizio eritematoso, violaceo, purulento • tampone per colorazione di Gram, • coltura • Abt empirica in attesa di antibiogramma (amoxi-sulbactam e/o clindamicina o metronidazolo)  Fascite necrotizzante sofferenza ischemica dei piani cutanei attraversati dalla sonda  lasciare 1-2 cm dal piano cutaneo al fermo esterno
  60. 60.  Manutenzione in fase cronica (dopo 1a settimana)  disinfezione con acqua saponata  abbandonare medicazione a piatto se dalla fistola non fuoriesce materiale  mantenere mobilità sonda come già descritto  controllare orifizio (eritema, pus,…)  Sostituzione PEG Non ci sono scadenze fisse la si mantiene finchè risulta funzionante (anche anni)
  61. 61. Materiali velocità fissa  pompe velocità variabile  circuiti e sacche
  62. 62.  manovrare asetticamente  mantenere sacca con nutrimento < 24h sono ideali ambienti di coltura e proliferazione microbica • flaconi (500-1000ml) direttamente utilizzabili • circuito adattabile ad una specifica pompa • circuito/flacone: agganciamento diretto
  63. 63. Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale- Condividi allo stesso modo 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ Tu sei libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera di modificare quest'opera alle seguenti condizioni: Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali. Condividi allo stesso modo. Se alteri o trasformi quest'opera, o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica o equivalente a questa.

×