Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
196
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. I nostri obiettivi: le tre sfide dell’apprendimento.Formazione e aggiornamento come apprendimento continuo“La prima sfida nel pensare l’educazione del domani è fare proprio ilconcetto e la pratica dell’apprendimento aperto e flessibile, ridefinendo lecategorie di spazio e tempo, comunque determinanti nella didattica inpresenza, a distanza e online.” (1) 1“La scuola nella rete” di Luciano Galliani, editori Laterza 2004 Introduzione 1
  • 2. Le comunità onlineLa seconda sfida sta nel passaggio da un insegnamento basato sulleconoscenze curricolari a una didattica centrata sulla costruzionesociale delle “competenze per la vita “, attraverso comunità di discorsie di pratiche, reali e virtuali, nella società “connessa” in rete.(2) 2“La scuola nella rete” di Luciano Galliani, editori Laterza 2004 Introduzione 2
  • 3. Il nostro ambiente online“La terza sfida, ma anche la grande chance della scuola e dei suoi attori, èquella di partecipare direttamente – attraverso le tecnologiedell’informazione (che trattano conoscenze e saperi) e della comunicazione(che trattano linguaggi e relazioni sociali) – ai processi di produzione dellacultura e non solo della sua trasmissione alle nuove generazioni”(3) 3“La scuola nella rete” di Luciano Galliani, editori Laterza 2004 Introduzione 3
  • 4. L’AMBIENTE DI LAVORO ONLINE Moodlexnoi.mdl2.com 4
  • 5. Cos’è Moodle ?Moodle è un Course Management System open source, CMS, ancheconosciuto come LCMS, cioè Learning Management System o ancheVLE, Virtual Learning Enviroment. E’ scritto in PHP, è distribuitogratuitamente con licenza Open Source (GNU/GPL) e include strumentitipici del web 2.0. 5
  • 6. E’ uno strumento utilizzato da milioni di docenti nel mondo perchéi suoi strumenti permettono di creare classi e corsi virtuali, conmodalità flessibili e facilmente accessibili. In questa carta si vedono in rosso le aree di distribuzione di questo pacchetto software free e come si può notare esso ha un’ampia diffusione soprattutto negli USA e in Europa, ma si può affermare che si stia diffondendo in molte altre zone della terra. Moodle è un acronimo: Modular Object-Oriented Dynamic Learning Enviroment (Ambiente di Apprendimento Dinamico Modulare e Orientato ad Oggetti), anche se originariamente la M stava per "Martin", il nome del primo sviluppatore Martin Dougiamas. 6
  • 7. Chi usa Moodle?Il pacchetto di Moodle offre molte possibilità di utilizzo agli insegnanti e aglistudenti:• La sua architettura, la sua flessibilità e i suoi strumenti ne permettono l’utilizzodalla scuola primaria all’università, da strutture aziendali all’istruzione del singoloindividuo;•Viene usato spesso per la conduzione di corsi completamente online, ma molti altrisemplicemente per integrare e migliorare i corsi in presenza( conosciuti come“blended learning”) ossia apprendimento misto; 7
  • 8. • Per molti degli utenti e di chi crea dei corsi in questa piattaforma, l’uso dei varimoduli e strumenti (forum, chat, wiki, database …) è finalizzato alla costruzione diuna comunità di apprendimento fortemente collaborativa, secondo la tradizionedel costruttivismo sociale, mentre altri preferiscono usarlo come un modo ditrasferire contenuti agli studenti dei corsi (ad esempio con i pacchetti SCORM)valutando l’apprendimento attraverso lo strumento compiti o quiz. 8
  • 9. Gli strumenti di moodle: •Lezione esposizione di contenuti (in formato testo, presentazione o video) Scorm (1) importabili e preparati in altro luogo per l’attività prevista •Compito: permette al docente di assegnare un’attività e/o un elaborato agli studenti che dovranno prepararli in formato digitale per caricarli sul server del corso. •I Compiti possono essere oggetto di valutazione •Esistono quattro tipi di compiti:1-(Shareable Content Object Reference Model) definisce, in ambito e-Learning, le specifiche relative al riutilizzo,tracciamento e catalogazione dei Learning Object (in seguito LO), i "mattoni elementari" con i quali vengonostrutturati e costruiti i corsi fruibili in modalità elettronica. La piattaforma e-Learning si limita al solo compito didialogare con i LO, mediante un sistema di messaggi. SCORM è composto da due elementi fondamentali: Shareable Content Object: SCOs, sono unità di insegnamento (learning unit) in formato elettronico che possono essere utilizzate, componendole fra di loro, per la creazione di corsi;  Reference Model: descrive come i contenuti didattici e il sistema che li gestisce (LMS, Learning Management System) possono interoperare utilizzando una modalità di comunicazione standard. SCORM è stato progettato, a partire dal 1997, dalla Advanced Distributed Learning (ADL) su mandato del Dipartimento della Difesa statunitense (Department of Defense), con lo scopo di sviluppare una tecnologia di apprendimento. Da eXeleraning.it 9
  • 10. Trasferimento file avanzato: consente agli studenti inviare al docente piùdocumenti in funzione di una traccia/consegna predisposta dal docente.Testo online: questo compito consente allo studente di elaborare un testo,direttamente in piattaforma, in funzione di una traccia/consegna predisposta daldocente.Trasferimento file: questo compito consente agli studenti di inviare al docenteun solo documento in funzione di una traccia/consegna predisposta dal docente.Attività in aula: questa attività consente al docente di elaborare unatraccia/consegna per un compito che lo studente elaborerà a casa e checonsegnerà poi in aula 10
  • 11. Glossario: in questo spazio vengono raccolti termini specifici riferiti alle attività e ai contenuti dei corsi, permette di essere utilizzato come FAQ, ma permette anche agli studenti di inserire files, attraverso le categorie e inoltre vi è la possibilità dei commenti .” Viene anche usato spesso come portfolio dello studente grazie allopzione "Approva i termini automaticamente" è possibile definire se i messaggi inseriti dagli studenti debbano avere o meno lapprovazione del docente prima di essere visualizzati. Quindi solo il docente e lo studente stesso possono visualizzarli.”(4) Quiz: serie di domande con diverse tipologie per verificare la conoscenza di specifici contenuti,test di controllo dell’apprendimento Quiz Hotpotatoes (programma interattivo per costruire quiz e giochi didattici)4 Prof .Cecilia Dal Bon Laboratorio Multifad Università di Padova 2008/09 forum moodle 11
  • 12. RegistroChat Il modulo chat permette ai partecipanti di avere un discussionesimultanea in tempo reale attraverso il web,Forum “può riferirsi allintera struttura informatica nella quale degli utentidiscutono su vari argomenti, a una sua sottosezione oppure al softwareutilizzato per fornire questa struttura. Un senso di comunità virtuale si sviluppaspesso intorno ai forum che hanno utenti abituali ed interessi comuni..Ci siriferisce comunemente ai forum anche come board, message board, bulletinboard, gruppi di discussione, bacheche e simili.Molti forum richiedono la registrazione dellutente prima di poter inviaremessaggi ed in alcuni casi anche per poterli leggere. Differentemente dalla chat,che è uno strumento di comunicazione sincrono, il forum è asincrono in quanto imessaggi vengono scritti e letti anche in momenti diversi.” 12
  • 13. DiarioEsercizioWiki permette di scrivere collettivamente dei documenti in un semplicelinguaggio di marcatura (markup) usando un navigatore (web browser). Poichéla maggior parte dei wiki si basa sul web, il termine "wiki" è di solito sufficiente.Una singola pagina in un wiki è chiamata "pagina wiki", mentre linsieme dellepagine, che sono usualmente strettamente interconnesse, è chiamato "ilwiki".Una caratteristica distintiva della tecnologia wiki è la facilità con cui lepagine possono essere create e aggiornate. Generalmente, non esiste unaverifica preventiva sulle modifiche, e la maggior parte dei wiki è aperta a tuttigli utenti o almeno a tutti quelli che hanno accesso al server wiki. In effetti,perfino la registrazione di un account utente non è sempre richiesta.SceltaSondaggiodatabase archivio strutturato in modo tale da consentire la gestione dei datistessi (linserimento, la ricerca, la cancellazione ed il loro aggiornamento) da partedi applicazioni software. Il database è un insieme di informazioni, di dati chevengono suddivisi per argomenti in ordine logico (tabelle) e poi tali argomentivengono suddivisi per categorie (campi). 13
  • 14. Ha un editor interno e può implementare diversi formati esterni ad es. Hotpotatoes,webCt … e ha anche un messenger interno, con il quale posso vedere chi è in lineain quel momento e collegarmi, la chat invece deve essere prenotata conappuntamento;Moodle permette anche audio- video conferenze integrandosi con Msn di Microsoftad esempio.Permette quindi una interazione continua e di qualità, dando la possibilità dicondividere file di vario tipo. 14
  • 15. I contesti di un sito Moodle sono: L’intero Sistema (sito) Pagina Principale (home page) La Una Categoria di Corsi Corso Un Blocco Un Una Attività/Risorsa Utente Un 15
  • 16. Questa breve e sintetica descrizione della piattaforma Moodle, evidenzia lecaratteristiche che ci hanno portato a sceglierla per lo sviluppo della nostraidea di costruzione di comunità di apprendimento e aggiornamento online.E’ un ambiente open source, permette di gestire comunità di varie dimensioni,si basa sulla pedagogia del costruttivismo sociale che prevede una didatticabasata sulla cooperazione e la collaborazione tra gli studenti e in cui i docentiassumono un ruolo diverso dalla didattica tradizionale, diventando deifacilitatori competenti e autorevoli di costruzione della conoscenza e dlsapere, nelle varie discipline toccate, ma anche dando impulso allacostruzione di relazioni interpersonali positive ed efficaci, secondo il modellodel Cooperative Learning. 16
  • 17. Questi sono i ruoli predefiniti in Moodlenome Cosa fa English versionAmministratore Può fare tutto, nel sito e nei Administrator, admin corsiCreatore di corsi Può creare corsi e insegnare Course creatordocente All’interno di un corso può fare Editing teacher tutto, modificare attività e valutare studentiDocente non editor Come sopra, ma non può Teacher modificare le attivitàstudente Non ha tutti i privilegi del student docente, solo alcuni permessiospite Ha privilegi minimi, scarsa guest interattivitàUtente autenticato Tutti gli utenti che entrano con user login: loggati 17