Your SlideShare is downloading. ×
NUOVO SISTEMA DI TASSAZIONE IN MATERIA DI IMPOSTA SUI REDDITI
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

NUOVO SISTEMA DI TASSAZIONE IN MATERIA DI IMPOSTA SUI REDDITI

264
views

Published on

Published in: Economy & Finance

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
264
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. NUOVO SISTEMA DITASSAZIONE IN MATERIA DI IMPOSTA SUI REDDITI LEGGE DELEGA PER LA RIFORMA DEL SISTEMA FISCALE STATALE (L. n.80 del 07/04/2003) 1
  • 2. ISTITUZIONE DELL’ IRES ISTITUZIONE (Art. 4) DELLA NUOVA IRE (Art. 3) (Attuazione con Dlg. 344/2003 GRADUALE ELIMINAZIONE RIFORMA DELL’IRAP DELL’IVA (Art. 8) LEGGE DELEGA Sullo standard N. 80 DEL 07/04/2003 Comunitario RIFORMA DEL (Art. 5)SISTEMA DELL’ACCISA (art. 7) ISTITUZIONE DI UNA IMPOSTA SUI SERVIZI (Art. 6) 2
  • 3. NUOVO SISTEMA DI TASSAZIONE IN MATERIA DI IMPOSTA SUI REDDITIL’ART. 3 DELLA LEGGE DELEGA 7 APRILE 2003 N.80 CONTIENE I PRINCIPI ED I CRITERI DIRETTIVIENTRO I QUALI IL GOVERNO DOVRA’ PROCEDERE ALL’EMANAZIONEDI DECRETI LEGISLATIVI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA IN MATERIA DI IRE DESTINATA A SOSTITUIRE L’ATTUALE IRPEF. 3
  • 4. OBIETTIVI DELL’IRERAZIONALIZZARE E RAFFORZARE LA PROGRESSIVITA’ DELL’IMPOSTA PERSONALE 4
  • 5. SOGGETTI PASSIVI SOGGETTI CHE PRODUCONO REDDITO PERSONALE - Persone fisiche residenti e non - Enti pubblici e privati diversi dalle società commerciali (NO PROFIT) Attualmente ancora collocati nell’ambito IRES SOGGETTI CHE PRODUCONO REDDITO DI IMPRESA REGIME INVARIATO PER LE SOCIETA’ DI PERSONE E SOGGETTI EQUIPARATI. 5
  • 6. RIDUZIONE DELLE ALIQUOTE PREVISTE Fino a € 100.000…………23% Oltre € 100.000…………33% 6
  • 7. NO TAX AREA L’ART. 2 LEGGE 289/2002 HA GIA’ DATO AVVIO, NELLA SOSTANZA, AL PROCESSO DI RIFORMA DELL’IMPOSTA PERSONALE CON L’INTRODUZIONE DI UNA NUOVA DEDUZIONE NUOVE DETRAZIONI VARIAZIONE DELLE ALIQUOTE E DEI RELATIVI SCAGLIONI 7 CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA
  • 8. La nuova tabella delle aliquote e scaglioni di reddito dal 1° gennaio 2003:Gli scaglioni di reddito e le nuove aliquote si applicano ai redditi che sono imputabilial periodo di imposta CHE INIZIA IL 1° GENNAIO 2003. 8
  • 9. DEDUZIONE PER ASSICURARE LA PROGRESSIVITA’ DELL’IMPOSIZIONE Lavoro dipendente € 4.500Deduzione teorica base € 3.000 + Pensione € 4.000 Lavoro autonomo e impresa minore € 1.500 9
  • 10. DEDUZIONE PER ASSICURARE LA PROGRESSIVITA’ DELL’IMPOSIZIONE Deduzione base € 3.000 Non va ragguagliata ad anno Ulteriori deduzioni Vanno sommate alla deduzione basePer lavoro dipendente - Va ragguagliata al periodo di € 4.500 lavoro nell’annoPer pensione - Va ragguagliata al periodo di € 4.000 pensione nell’annoPer lavoro autonomo - Non va ragguagliata al periodo di € 1.500 lavoro nell’anno 10
  • 11. DEDUZIONE PER ASSICURARE LA PROGRESSIVITA’ DELL’IMPOSIZIONE Le deduzioni previste per lavoro dipendente, pensione e lavoro autonomo NON SONO MAI CUMULABILI TRA LORO Se alla formazione del reddito complessivo concorrono due o più delle tipologie reddituali il contribuente potrà usufruire della deduzione più conveniente. 11
  • 12. DEDUZIONEEFFETTIVAMENTE SPETTANTE 12
  • 13. ESEMPI 1. Reddito annuo di LAVORO DIPENDENTE € 36.000 Oneri deducibili € 1.500 Essendo il risultato del rapporto minore di zero la deduzione non spetta 2. Reddito annuo di PENSIONE € 8.000 Oneri deducibili € 1.500Essendo il risultato maggiore di 1 la deduzione spetta per intero (3.000+4.000) = 7.000 3. Reddito annuo di LAVORO DIPENDENTE € 20.000 Oneri deducibili € 1.500 Essendo il risultato compreso tra 0 e 1, la deduzione effettivamente spettante è pari a (3.000+4.500) x 0,5769 = 4.327 13
  • 14. ULTERIORE AGEVOLAZIONE PER I SOGGETTI TITOLARI DI PENSIONE1. L’ IMPOSTA NON E’ DOVUTA QUALORA IL REDDITO COMPLESSIVO E’ COMPOSTO ESCLUSIVAMENTE DA : -- PENSIONE NON SUPERIORE A € 7.500 -- REDDITI DI TERRENI NON SUPER. A € 185,92 -- REDDITO INERENTE L’ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE 14
  • 15. ULTERIORE AGEVOLAZIONE PER I SOGGETTI TITOLARI DI PENSIONE2. SE L’ IMPORTO DEI REDDITI DA PENSIONE E’ COMPRESO TRA € 7.500 E € 7.800, NON E’ DOVUTA LA PARTE D’IMPOSTA NETTA EVENTUALMENTE ECCEDENTE LA DIFFERENZA TRA REDDITO COMPLESSIVO DEL CONTRIBUENTE E L’ IMPORTO DI € 7.500. 15
  • 16. LE NUOVE DETRAZIONI1. Sono finalizzate al mantenimento della progressività della imposizione e non più al riconoscimento forfetario di spese sostenute per la produzione di reddito.2. Vanno commisurate sul reddito complessivo al netto della deduzione per l’abitazione principale3. L’importo di detrazione spettante non deve essere più rapportata al periodo di lavoro o di pensione nell’anno, ma compete in misura piena. 4. NON SONO CUMULABILI TRA LORO, ma se alla formazione di reddito concorrono due o più tipologie reddituali il contribuente potrà fruire della detrazione più favorevole. 16
  • 17. LE NUOVE DETRAZIONI 17
  • 18. CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA E’ una clausola di garanzia che ha lo scopo di tutelare il contribuente da eventuali penalizzazioni derivanti dall’applicazione delle nuove disposizioni. Con tale clausola è riconosciuta la possibilità al contribuente di applicare, IN SEDE DI DICHIARAZIONE, le disposizioni del Testo Unico in vigore al 31.12.2002, qualora queste ultime risultino più favorevoli. Tale clausola può essere applicata nelle dichiarazioni relative ai redditi del 2003 e del 2004. 18
  • 19. 19
  • 20. 20