Spaghetti comics   cos'e' e come si fa il giornalismo a fumetti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Spaghetti comics cos'e' e come si fa il giornalismo a fumetti

  • 947 views
Uploaded on

Una presentazione di Carlo Gubitosa sulle caratteristiche, la storia e le prospettive del giornalismo a fumetti. La corrispondenza tra i generi del fumetto e i generi del giornalismo, i risultati......

Una presentazione di Carlo Gubitosa sulle caratteristiche, la storia e le prospettive del giornalismo a fumetti. La corrispondenza tra i generi del fumetto e i generi del giornalismo, i risultati delle differenti combinazioni tra testi e illustrazioni, il passaggio dalla scrittura giornalistica alla sceneggiatura di un fumetto, un caso concreto di realizzazione di una intervista a fumetti.

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
947
On Slideshare
835
From Embeds
112
Number of Embeds
4

Actions

Shares
Downloads
14
Comments
0
Likes
3

Embeds 112

http://www.primaonline.it 102
https://twitter.com 7
http://www.pearltrees.com 2
http://feedreader.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Spaghetti Comics cos'è e come si fa il giornalismo a fumetti  Carlo Gubitosa - carlo@gubi.it info@mamma.am - www.mamma.am
  • 2. Un po' di nomenclatura Comics Non-fiction Graphic Novel Editorial Cartoons Strips Graphic Journalism Comic Journalism Data Journalism Audiovisual Graphic Journalism
  • 3. Definizione: che cos'e' un fumetto? "Juxtaposed pictorial and other images in deliberate sequence, intended to convey information and/or produce an aesthetic response in the reader." Scott McCloud, "Understanding Comics"
  • 4. Fumetti Incisioni rupestri della Val Camonica -VIII - I Millennio a. C.
  • 5. Fumetti Colonna Traiana - 113 d.c.
  • 6. Fumetti Manuale d'uso
  • 7. I generi del fumetto Strips
  • 8. I generi del fumetto  Political Cartoons / Editorial Cartoons
  • 9. I generi del fumetto Political Cartoons Editorial Cartoons 
  • 10. I generi del fumetto Comics
  • 11. I generi del fumetto e i generi del giornalismo I generi del fumetto hanno una corrispondenza con i generi del giornalismo, dove la striscia corrisponde alla notizia breve o al corsivo, la vignetta al commento o all'editoriale, il comic al reportage o all'inchiesta.
  • 12. 1936 BOOKS Novel (Narrativa) Non-Fiction (Saggistica) Nonfiction Novel Non-fiction Graphic Novel 1969 1978 Non n fictio ic Com Gra ph Nov ic el Comic (Fumetti)
  • 13. Data Journalism Infographic s Non-Fiction Graphic Novel Joe Sacco Guardian Comic Journalism Giornalismo a fumetti o raf g oto Il F Frontiera sperimentale esperienze: non strettamente catalogabili in un genere Graphic Journalism Dat ablo g Photo Journalism
  • 14. Comic Journalism (Giornalismo a fumetti) Online Video Broadcasting Animated Cartoons Audiovisual Graphic Journalism i d iste Riv aF G Molteplicita' di contenitori e non solo molteplicita' dei contenuti Giornalismo Polimediale Qr-C Sm odes + artp hon e s Printed Press
  • 15. Un po' di storia Anni 70/80 - Letteratura a fumetti Nel 1978 Will Eisner scommette la sua carriera professionale su un linguaggio e un pubblico piu' maturi: il termine "Graphic Novel", pubblicato sulla copertina del libro a fumetti "A Contract with God" inizia a diffondersi nel settore per indicare un utilizzo del fumetto piu' vicino alla letteratura per adulti che alla narrativa per ragazzi. 
  • 16. Anni 70/80 - Letteratura a fumetti Il genere cresce lentamente, anche a causa della prudenza degli editori che non colgono immediatamente il potenziale commerciale di questo genere. Ma nel 1986/87 tre libri cambiano lo sguardo del mondo sul fumetto. "Watchmen" di Alan Moore e "The Dark Knight Returns" di Frank Miller stravolgono i canoni del genere supereroistico, mentre "Maus" di Art Spiegelman usa i codici del fumetto per raccontare l'esperienza del padre di Spiegelman, sopravvissuto all'olocausto. 
  • 17. L'evoluzione e l'incontro di due generi Giornalismo Comics New Journalism Graphic novel Graphic Journalism Graphic Journalism
  • 18. I primi esperimenti in Italia - Il Male (Giochi grafici) - Linus (Interviste a fumetti) - Cuore (Reportage Illustrati) - Frigidaire (Cronache) - Mamma! (Graphic Journalism)
  • 19. La storia del giornalismo incontra quella del fumetto   
  • 20. 1915
  • 21. 1938
  • 22. 1946
  • 23. 1969
  • 24. 1992
  • 25. 2001
  • 26. 2011
  • 27. 2050 (?)
  • 28. A cosa puo' servire? Inside story War Reporting Whistleblowing e intercettazioni Committed Journalism - giornalismo sociale Citizen Journalism Divulgazione scientifica
  • 29. I valori notizia Comunicabilita' Human Interest Drammaticita'
  • 30. Dall'infografica alla grafinchiesta     Il linguaggio grafico e' sempre piu' utilizzato come strumento autonomo per comunicare dati complessi con immagini sintetiche.
  • 31. E' sempre meglio il fumetto? Il giornalismo a fumetti non annulla i generi precedenti, ma li arricchisce. Di volta in volta il giornalista e la redazione dovranno chiedersi se preferire l'approfondimento del racconto e dei dati che puo' avere solo un articolo, la densita' di informazioni che puo' avere solo una grafinchiesta, o l'impatto comunicativo che puo' avere solo un fumetto.
  • 32. settimanalizzazione vs multimedializzazione Settimanalizzazione dei quotidiani un "adeguamento del giornale quotidiano alla formula dei  settimanali" (Cfr. Papuzzi) attraverso l’aumento di pagine, illustrazioni, inserti e supplementi.  Settimanalizzazione della notizia "dilatazione della notizia in un duplice senso: a) ogni evento di un certo rilievo si spezzetta e si rifrange in una serie di eventi, minori e specifici, ciascuno dei quali ne rispecchia un’ immagine; b) l’evento è considerato da una molteplicità e pluralità dei punti di vista a cui corrisponde una gamma sempre più ampia di specializzazioni professionali" (cit.)
  • 33. settimanalizzazione vs multimedializzazione "Multimedializzazione" dei periodici un adeguamento del periodico su carta stampata alla formula dei  siti web attraverso l'inserimento di elementi grafici, giornalismo a fumetti, grafinchieste, rimandi a contenuti interattivi. "Multimedializzazione" della notizia dilatazione della notizia in un duplice senso: a) ogni evento di un certo rilievo si spezzetta e si rifrange in una serie di contenuti, formati e generi che ricordano la ricchezza e la molteplicita' delle risorse informative online; b) l’evento è considerato da una molteplicità e pluralità di linguaggi multimediali a cui corrisponde una gamma sempre più ampia
  • 34. settimanalizzazione vs multimedializzazione In sintesi: la tendenza a offrire contenuti sempre piu' ricchi dal punto di vista grafico e con un maggiore impatto e' figlia della concorrenza del web, cosi' come la tendenza all'approfondimento e alla settimanalizzazione e' figlia della concorrenza televisiva.
  • 35. Un esempio concreto Intervista a fumetti: Pino Caprioli. Il punto di partenza e' lo stesso (la notizia). Analoghi sono i criteri di notiziabilita' adottati, e analogo lo strumento utilizzato per raccogliere materiali informativi (taccuino, telefono, incontro diretto, registrazione, macchina fotografica). Quello che cambia e' che il prodotto finito (l'intervista di 8000 battute) nel giornalismo a fumetti diventa la materia prima per la realizzazione di una sceneggiatura da 4mila battute)
  • 36. Fase 1: Il reportage   
  • 37. Fase 2: La sceneggiatura
  • 38. Fase 3: Il confronto e lo scambio FLAVIANO: ti mando dei jpeg parziali in cui troverai dei riquadri gialli e dei riquadri arancioni (riquadri che poi scompariranno) in quelli gialli ci devi posizionare il testo (non in tutti se non è necessario) nel caso in cui avessi bisogno di più spazio utilizza anche quelli arancioni, che sono di riserva diciamo. appena hai fatto manda ;)
  • 39. Fase 3: Il confronto e lo scambio GUBI: Oltre all'immagine finale le foto non le utilizziamo per niente? Secndo me danno un valore aggiunto per far vedere che noi siamo stati sul posto. Proposta. nella vignetta grande della seconda tavola sostituiamo alcuni elementi disegnati con le rispettive immagini fotografate (la foto te la allego...potremmo sostituire con immagini reali la caraffa di vino, pino col biberon e il giocattolo della bimba, la copia di mamma aperta sul tavolo... sarebbe un bell'effetto.
  • 40. Fase 3: Il confronto e lo scambio GUBI: Ecco qui il pdf con lo script piu' dettagliato, e la bozza del fumetto con alcune proposte di ritocco. Ho solo aggiunto come proposta la sostituzione di una vignetta che evidenziava la reazione del senatore per sostituirla con una che descrive il giro di telefonate attorno a Pino...
  • 41. Fase 3: Il confronto e lo scambio FLAVIANO: ho fatto una prova di montaggio, non viene granchè bene una via di mezzo o si fa una cosa accurata come quella per la cnn, ma sinceramente non ne ho il tempo o quantomeno dove si utilizzano le foto bisogna farlo per entrambi i personaggi (tu e caprioli) perchè uno foto e uno cartoon (come nell'intestazione) viene un po una porcheria.
  • 42. Fase 3: Il confronto e lo scambio GUBI: Il trucco che vorrei sperimentare col giornalismo a fumetti e' proprio questo: mischiare foto e disegni in modo tale che: - La foto ti dia il senso del reale, dell'inviato "sul posto", del fatto di cronaca, dell'informazione - Il fumetto ti permette di raccontare quello che non riesci a fotografare, di esagerare le cose in maniera da rafforzarne il significato, e anche di sostituire la telecamera per far vedere le cose oltre a raccontarle. La foto dalla testatina possiamo toglierla e lasciare il Pino "fumettato" che c'era prima, ma quell'intarsio che fa vedere la faccia "vera" dell'intervistato e' fondamentale per dire "noi eravamo li', ti stiamo raccontando una storia vera, questo non e' un fumetto come quelli che leggi di solito, ma e' qualcosa di nuovo che ti da' delle
  • 43. Fase 3: Il confronto e lo scambio Nella vignettona grande se lasciamo me fumettato come nella prima versione e mettiamo pino fotografato come hai fatto nell'ultima prova che mi hai mandato secondo me l'effetto e' duplice: - Si crea la sensazione "squarcio sulla realta'" che rompe la barriera fantastica del fumetto per farti sbirciare il mondo reale che il fumetto raffigura - Si centra il focus della vignetta sull'intervistato, mettendo in secondo piano il giornalista che viene rappresentato con la sua icona fumettata e non con la forza dell'immagine reale.
  • 44. Fase 3: Il confronto e lo scambio FLAVIANO: ti mando come al solito la bassa risoluzione, a te l'onore di controllare i testi (anche se avendo fatto copia incolla dovrebbero essere ok)
  • 45. Fase 3: Il confronto e lo scambio GUBI: Qualche piccolo dettaglio che possiamo rifinire: Tavola 1: "unmisterioso senatore" e' saltato uno spazio dopo "un" (...)
  • 46. Fase 3: Il confronto e lo scambio FLAVIANO: si anche a me le tavole piacciono più ora che prima! Dovrebbe essere tutto ok, ho ingrandito la foto ed aggiunto il mamma cartaceo sul tavolo. La versione di tutte e 3 le pagine che ho mandato ora è quella definitiva.
  • 47. Un genere ancora tutto da inventare ● Per quanto ne sappiamo non esistono atenei italiani con corsi specifici sull'argomento ● In questo settore ci sono potenzialita' di espressione e opportunita' lavorative tutte da scoprire ● Le competenze nell'ambito del fumetto sono sempre piu' richieste in editoria ● La crisi del giornalismo tradizionale puo' diventare una opportunita' di evoluzione grazie al fumetto ● Siamo in una fase pionieristica dove l'utilizzo del fumetto non e' ancora istituzionalizzato nel giornalismo ● L'Italia ha l'occasione di fare scuola in questo settore grazie alla sua forte tradizione nell'ambito del fumetto  
  • 48. Case study: la rivista Mamma!