Questa presentazione parla di dati e UX e più in particolare di visualizzazione deidati.
Perchè siamo qui a parlare di visualizzazione dei dati? Cosa rende necessario lavorare con idati ?
Occorre fare un piccolo passo indietro, quando a un certo punto della storia è iniziato un portentoso processo diproduzion...
Proviamo a vedere cosa si intende per Data Deluge con qualche esempio. Per illustrare il significato profondodel Data Delu...
●
●
●
Ma guardiamo a qualcosa di più «alieno»: CowView è un sistema, simile a Nike+ FuelBand o FitBit, applicatoalle mucche.Il s...
Nel momento in cui prendiamo coscienza che tutto intorno a noi è fatto di dati e che questi dati rappresentanomeglio lesse...
●
●
Siamo dunque circondati dai dati. Come la data visualization può aiutarci a trasformarli in una risorsa? Vediamo,con un es...
Come vedete ci sono almeno una dozzina di possibili diverse rappresentazioni deidue numeri.
Cosa abbiamo fatto con questo esercizio, accorgendocene o meno? Abbiamo trasformato due cifresostanzialmente prive di qual...
Le fasi di questo processo possono essere definite in modo diverso a seconda a seconda che il focus sia posto suldato, sul...
●
●
Trovare i pattern: qualsiasi sia il nostro ruolo allinterno del processo produttivo della data visualization dobbiamoanali...
●
Se dovessi dare una definizione, non certo rigorosa, ma espressiva, della differenza tra Data visulization einfografica di...
Cosa occorre per analizzare il dato ricavandone schemi nascosti? La numeracy, il corrispondente per i numeri diquello che ...
David MacCandless disegna con i dati la skyline delle bolle mediatiche, delle paure mediatizzate. Vedete inordine, da sini...
Trovato il pattern abbiamo tutti gli elementi per iniziare un racconto.
Charles Minard racconta così la campagna di Russia condotta da Napoleone nel 1812, riuscendo a rendere inmaniera esemplare...
●
Se è vero che le immagini parlano alla parte meno razionale del nostro cervello, per emozionare dobbiamo averela capacità ...
●
Kim Rees, di Periscopic, ha creato questa data visualization interattiva che ci mostra laccumularsi degli anni divita perd...
Per ogni domanda, contattatemi:linkedin.com in/ /toccaceliblasitwitter.com/toccaceliblasi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Data Driven UX - Data Visualization

1,103

Published on

Le slide presentate all'Agile UX Italia 2013 in un talk sul mondo della Data Visualization. Cos'è e come funziona la visualizzazione dei dati e come utilizzarla nell' UX design? Daremo uno sguardo all'evoluzione della disciplina, alle pietre miliari e alle nuove tendenze, fino ad arrivare a scoprire come, partendo dai dati, sia possibile costruire un'esperienza utente del tutto nuova.

Published in: Design
0 Comments
8 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,103
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
8
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Data Driven UX - Data Visualization

  1. 1. Questa presentazione parla di dati e UX e più in particolare di visualizzazione deidati.
  2. 2. Perchè siamo qui a parlare di visualizzazione dei dati? Cosa rende necessario lavorare con idati ?
  3. 3. Occorre fare un piccolo passo indietro, quando a un certo punto della storia è iniziato un portentoso processo diproduzione e valorizzazione dei dati, processo che più tardi verrà definito, con unespressione sicuramentesuggestiva, Data Deluge.
  4. 4. Proviamo a vedere cosa si intende per Data Deluge con qualche esempio. Per illustrare il significato profondodel Data Deluge potremmo utilizzare Ville Vivente, un progetto della città di Ginevra, in cui i dati anonimizzatidegli smartphone presenti quotidianamente nellarea urbana di Ginevra, sono stati utilizzati per creare unamappa delle interazioni delle persone con la città.È un progetto del 2010: mediamente in quellanno in un solo giorno i soli abbonati Swisscom nella città diGinevra, generavano circa 15 milioni di connessioni a partire da 2 milioni di smartphone: un diluvio di dati.
  5. 5.
  6. 6.
  7. 7.
  8. 8. Ma guardiamo a qualcosa di più «alieno»: CowView è un sistema, simile a Nike+ FuelBand o FitBit, applicatoalle mucche.Il sistema, attraverso la continua produzione di dati, consente di monitorare spostamenti, comportamenti e statodi salute di interi allevamenti bovini.
  9. 9. Nel momento in cui prendiamo coscienza che tutto intorno a noi è fatto di dati e che questi dati rappresentanomeglio lessenza delle cose di quanto possano fare gli oggetti fisici e i sensi naturali cosa facciamo, noi esssereifiniti alla continua ricerca della verità definitiva? Fondiamo un culto. Il Quantified Self è una filosofia e allo stessotempo una mistica, dalle regole estremamente semplici: si tratta di usare i più svariati dispositivi tecnologici permisurare e registrare le attività quotidiane, dalle più triviali alle più importanti. Cè chi calcola il numero di calorieconsumate, chi le e-mail ricevute e spedite, chi la distanza percorsa. Cè chi fa tutto questo e molto altrocontemporaneamente. Questa pratica di registrazione, annotazione (e autocomunicazione) si chiama personaltracking. Il manifesto del movimento è un articolo di Gary Wolf sul New York Times del 2010, dal titolo,emblematico, e non a caso citato da questo talk, "The Data Driven Life".
  10. 10.
  11. 11.
  12. 12. Siamo dunque circondati dai dati. Come la data visualization può aiutarci a trasformarli in una risorsa? Vediamo,con un esercizio, come funziona la visualizzazione dei dati. Questi sono due numeri, 5 e 3. Avete 1 minuto percreare quante più rappresentazioni grafiche potete.
  13. 13. Come vedete ci sono almeno una dozzina di possibili diverse rappresentazioni deidue numeri.
  14. 14. Cosa abbiamo fatto con questo esercizio, accorgendocene o meno? Abbiamo trasformato due cifresostanzialmente prive di qualsiasi valore semantico in un rapporto, in una differenza, in una posizione nellospazio, in un colore: abbiamo, seppur in maniera aleatoria, attribuito un senso alle due cifre, trasformandole ininformazione. Mettendo in pratica lequazione informazione = dati + senso. Ecco come far parlare dati: con lavisualizzazione, con un processo di trasformazione grafica dei dati in informazioni.Ecco come far parlare dati: con la visualizzazione, con un processo di trasformazione grafica dei dati ininformazioni.Ho detto processo: questa trasformazione è infatti possibile perché la visualizzazione non è solo un prodottografico ma appunto un processo complesso di interpretazione del dato per via grafica.5
  15. 15. Le fasi di questo processo possono essere definite in modo diverso a seconda a seconda che il focus sia posto suldato, sulla grafica, sul codice, ma credo sia essenziale vedere con voi gli step che scandiscono la reazionefondamentale che la visualizzazione dei dati è in grado di innescare, appunto la trasformazione dei dati ininformazioni.
  16. 16.
  17. 17.
  18. 18. Trovare i pattern: qualsiasi sia il nostro ruolo allinterno del processo produttivo della data visualization dobbiamoanalizzare il dato: capire quello che dice e soprattutto quello che non dice, che spesso è più importante di quelloche dice (perchè “Se si torturano i dati abbastanza a lungo, alla fine confessano” tutto, parafrasando Coase).
  19. 19.
  20. 20. Se dovessi dare una definizione, non certo rigorosa, ma espressiva, della differenza tra Data visulization einfografica direi proprio che nellinfografica manca la parte di ricerca dei pattern.
  21. 21. Cosa occorre per analizzare il dato ricavandone schemi nascosti? La numeracy, il corrispondente per i numeri diquello che è il saper leggere e scrivere per le lettere.
  22. 22. David MacCandless disegna con i dati la skyline delle bolle mediatiche, delle paure mediatizzate. Vedete inordine, da sinistra a destra, Millennium Bug, Sars, aviaria, influenza suina e sotto effetti dei videogiochi violenti,asteroidi e attacchi di vespe assassine. I videogiochi, in particolare, evidenziano uno schema ricorrente. I picchisi trovano a dicembre e ad aprile di ogni anno, regolarmente. Il picco di dicembre è comprensibile essendoquesto il mese in cui escono la maggior parte dei nuovi videogiochi, ma aprile? Aprile è il mese della strage diColumbine e i media anglosassoni rinnovano la preoccupazione per quello che è accaduto così, “celebrando”con nuove paure quello che è accaduto.
  23. 23. Trovato il pattern abbiamo tutti gli elementi per iniziare un racconto.
  24. 24. Charles Minard racconta così la campagna di Russia condotta da Napoleone nel 1812, riuscendo a rendere inmaniera esemplare la realtà di quello che accadde.
  25. 25.
  26. 26. Se è vero che le immagini parlano alla parte meno razionale del nostro cervello, per emozionare dobbiamo averela capacità di lavorare e comunicare efficacemente in modo visuale.
  27. 27.
  28. 28. Kim Rees, di Periscopic, ha creato questa data visualization interattiva che ci mostra laccumularsi degli anni divita perduti a causa delle morti per arma da fuoco in America. Informando nello stesso momento in cui (eproprio perché) ci emoziona.
  29. 29. Per ogni domanda, contattatemi:linkedin.com in/ /toccaceliblasitwitter.com/toccaceliblasi

×