Referendum nucleare
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Referendum nucleare

on

  • 1,044 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,044
Views on SlideShare
537
Embed Views
507

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

2 Embeds 507

http://carlimoretti.wordpress.com 505
url_unknown 2

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Cassazione: assicurare "l'esatta osservanza e l'uniforme interpretazione della legge, l'unità del diritto oggettivo nazionale, il rispetto dei limiti delle diverse giurisdizioni".
  • Consulta: corte costituzionale

Referendum nucleare Referendum nucleare Presentation Transcript

  • NUCLEARE Come la mettiamo???
  • STORIA
    • 1959  reattore di ricerca vicino a Varese. Appoggio della popolazione.
    • 1966  Italia terzo produttore
    • al mondo di energia elettrica
    • di origine nucleare.
    • 1980  centrale nei pressi di Piacenza.
    • 1986  con il disastro
    • Chernobyl la popolazione italiana assume un atteggiamento
    • critico nei confronti
    • d ell ’ energia nucleare.
    Bloccata l'apertura di cantieri per nuove centrali nucleari.
    • 8/9 novembre
    • 1987  tre
    • referendum
    • sul nucleare.
  •  
    • E ’ ancora da completare lo smantellamento, la rimozione e la decontaminazione degli impianti nucleari.
  • L ’AVVENTURA DEL REFERENDUM
    • Nel decreto legislativo omnibus  prevista l’introduzione e l’utilizzo di impianti nucleari di terza generazione .
  • Perché si va a votare?
    • Per decidere se far continuare o no la decisione del Governo.
    o
  • Com ’è nata questa storia del referendum?
    • Italia dei Valori  presenta iniziativa referendaria
  • 7 dicembre 2010  la Corte di Cassazione dichiara valida la proposta
  • 14 gennaio 2011, Corte Costituzionale  autorizza il referendum per abrogare il decreto.
    • Il Governo aveva pensato di rinviare il referendum sul nucleare modificando le norme sul nucleare, ma la Corte di Cassazione e la Corte Costituzionale hanno confermato il referendum.
  • Una questione anche regionale!
    • Avevano presentato ricorso contro la legge delega del 2009.
    Emilia-Romagna Basilicata Molise Calabria Puglia Liguria Toscana Lazio Marche Umbria
    • Legge delega del 2009  disciplina la localizzazione e l'autorizzazione agli impianti nucleari nel nostro Paese.
    • Ricorsi  respinti dalla Corte di Cassazione.
    Novembre 2010  Consulta dichiara l'illegittimità delle leggi regionali di Puglia, Basilicata e Campania.
  •  
  • REFERENDUM SUL NUCLEARE 12-13 GIUGNO 2011
  •  
  • FAVOREVOLI=voto NO
    • Ambiente: Le centrali nucleari non comportano emissioni, né di anidride carbonica, né di ossidi di azoto e zolfo.
  • Economia :
    • Riduzione dell ’ importazione del petrolio.
    Per abitanti e imprese nelle vicinanze della centrale: riduzione della bolletta elettrica e di quella per i rifiuti urbani.
  • Secondo Margherita Hack
    • Scorie a parte, è la fonte di energia che inquina meno l ’aria.
    • Andrebbero costruite nei luoghi del pianeta con minor rischio geologico perché l’energia è un problema globale e va risolto a questo livello.
    • Il disastro di Fukushima deve far riflettere il mondo e far pensare a nuove precauzioni.
  • Secondo Umberto Veronesi
    • Tre maggiori problemi del nucleare sono:
    • garantire la sicurezza del funzionamento,
    • le scorie radioattive,
    • personale qualificato.
  • Secondo lo scienziato :
    • I n realtà solo una piccola parte delle scorie richiede millenni per depotenziarsi completamente.
    Le scorie vanno messe in sicurezza ma ci sono le soluzioni per farlo (es. dentro una montagna o a grandi profondità).
    • Si stanno affinando tecniche per rendere le scorie innocue più in fretta.
    Le scorie verrebbero messe in un unico luogo. In Europa ci sono tre possibili depositi, tutte fuori dai nostri confini.
  • “ Umberto, cosa pensi delle fonti rinnovabili??”
    • “ Mah, guarda… l’idroelettrica non produce quasi nulla, l’eolica essendoci poco vento nel nostro paese non funzionerebbe, il solare invece potrebbe funzionare solo per le famiglie, per le grandi fabbriche non riuscirebbe a produrre abbastanza energia”.
    • Ambiente : ci sono sempre danni, anche se le centrali funzionano alla perfezione.
    CONTRARI= voto SI
    • Terremoti : centrali esposte al rischio sismico.
    • Scorie : dal 1954 non si è trovato un modo per “sbarazzarsi” delle scorie. I rifiuti nucleari restano radioattivi per migliaia e migliaia di anni.
    • Energie pulite : verrebbero sfavorite le fonti rinnovabili.
    • Economia : più le perdite dei guadagni!
    • Costi elevati per costruire le centrali.
    • In dieci anni, l’elettricità nucleare arriverà a costare il 75% in più di quella da gas, poco meno del 30% in più di quella eolica.
    • Per 20 anni la bolletta dei cittadini aumenterà per coprire i costi del nucleare.
    • Il prezzo dell’uranio è già aumentato e le riserve si stanno esaurendo.
  •  
    • Salute : rischio leucemie soprattutto per i bambini sotto i 5 anni.
    • Terrorismo :
    • “ Guerra all ’ Italia! Da dove partiamo?!?” “Semplice, un colpo alle centrali nucleari e l’abbiamo già cavata di torno!”
  •  
  •  
  •  
  • DOVE SPUNTEREBBERO I REATTORI
    • Secondo il P. D. la Sogin avrebbe stilato un elenco con 52 luoghi possibili per centrali e depositi di scorie.
    • P.d.L.  ha confermato l ’esistenza dell’elenco (formato probabilmente dagli stessi luoghi pensati per il referendum del 1987).
  • In quali località?
    • Lungo i fiumi o alle loro foci, o nelle zone costiere.
    • In Emilia Romagna  zona costiera a nord (Ferrara e Ravenna) e la meridionale fino a Rimini; oppure dalle parti di Parma.
  •