• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Clil lend torino2011
 

Clil lend torino2011

on

  • 1,395 views

Presentazione tenuta al seminario nazionale LEND a Torino nel 2011.

Presentazione tenuta al seminario nazionale LEND a Torino nel 2011.

Statistics

Views

Total Views
1,395
Views on SlideShare
1,395
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
13
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Clil lend torino2011 Clil lend torino2011 Presentation Transcript

    • Seminario nazionale LEND Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 1
    •  CLIL= integrazione di lingua e contenuto, ma anche di Modalità e strategie di insegnamento/apprendimento Collaborazione fra docenti L1 e L2…ma anche L3 Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 2
    •  Una serie di motivazioni concomitanti:• Interesse per il CLIL da parte dei docenti di LS• Forte motivazione all’innovazione metodologica nei docenti di disciplina• Interesse per lo sviluppo di competenza in LS nei docenti di disciplina Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 3
    •  Incrementa motivazione e partecipazione sia negli studenti che nei docenti Incoraggia il team teaching Migliora le competenze in LS Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 4
    •  Deve essere condiviso (nell’istituto, dal Consiglio di Classe) Deve essere inserito nel POF e nella programmazione Costituisce un’occasione di lifelong learning/training (apprendimento/aggiornamento integrato) Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 5
    •  Quali fattori consideri quando progetti gli obiettivi CLIL? Se non sei insegnante sia di disciplina non linguistica che di lingua straniera, come gestisci la collaborazione con il tuo collega per progettare l’insegnamento CLIL? Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 6
    • SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CLIL“GIANNI RODARI”LINGUA/E CLILDISCIPLINA/EINSEGNATA/EDURATA DEL PROGETTO(N° ORE? TRIMESTRE?ANNO SCOLASTICO?)CONTENUTI (SINTETICI)DOCENTI COINVOLTI(QUALI MATERIE?)CLASSE/I Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 7
    • Per il docente CLIL Abitudine ad esprimersi in LS Metodologia della LS distante da quella abituale Quantità eccessiva di contenuto Isolamento dagli altri docenti non CLIL Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 8
    •  Richiesta di formazione diffusa da parte dei docenti Esigenza di progetto formativo complessivo: Sviluppo competenza linguistico- comunicativa in L2 Sviluppo competenze metodologiche CLIL Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 9
    •  Modalità e tipologie di attività dei corsi riflettono quanto proposto in classe Corsi di lingua (interazione, comprensione, riflessione linguistica) + Laboratorio di metodologia CLIL (progettazione, ricerca e adattamento materiali, microlessons, group work) Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 10
    •  Benefici: Maggiore esposizione a L2 in una fase ideale “Immersione” linguistica Interdisciplinarietà Atteggiamento positivo nei confronti dell’apprendimento di L2 Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 11
    •  Scegliere un’area tematica/argomento Identificare obiettivo disciplinare e obiettivo linguistico Quale relazione fra gli obiettivi? Quale competenza in L2 degli alunni? Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 12
    •  “User-friendly”  Layout accattivante  Contenuto adeguato a età/competenza L2/ interessi  Ridondanza linguistica  Adattati didatticamente alla classe Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 13
    •  Lingua della disciplina Lingua per la comunicazione quotidiana Classroom language Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 14
    • Abilità Lessico StruttureLetturaScritturaAscoltoProduzione orale Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 15
    •  Make groups of four. Move your desks into groups of four people. Have you finished? Come in. Go out. Stand up. Sit down. Come to the front of the class. Put your hands up. Put your hands down. Show me your pencil.(…) Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 16
    •  Fornire istruzioni relative alla routine quotidiana Identificare i luoghi e gli oggetti della scuola e della classe Quaderno CLIL per gli allievi Organizzare L2 Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 17
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 18
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 19
    • Osservando una lezione CLIL o ripensando alla propria lezione appena svolta, è consigliabile riflettere su alcuni comportamenti e strategie tenuti dall’insegnante sia nella gestione/ coinvolgimento della classe, che nella presentazione/esercitazione dell’argomento prescelto. La seguente griglia può essere utile come guida; scrivete SI’ ,NO o NON SO, aggiungendo esempi e commenti personali. L’insegnante parla a una velocità e con un volume di voce adeguati: Fornisce istruzioni e spiegazioni chiare: Controlla che tutti gli studenti abbiano compreso le istruzioni: Sollecita l’intervento degli studenti: Sottolinea con approvazione le risposte corrette: Corregge gli errori degli studenti: Riepiloga: Si sofferma su vocaboli, frasi o espressioni: Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 20
    •  Usare menu in lingua originale, foto da riviste, flash cards, immagini; L2: nomi di cibo; matematica: numeri, prezzo, quantità; educazione interculturale, civiltà: confrontare le abitudini e gli stili di vita; geografia: localizzare i paesi dai quali sono tratti questi cibi; scienze: sostanze nutritive. Usare molto la ripetizione delle parole- chiave; matching fra parole e foto, espressioni semplici come Do you like? Do you eat…? How much is…? Far lavorare a gruppi. Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 21
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 22
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 23
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 24
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 25
    •  Which two food groups give you energy? Which food contains lots of carbohydrates? What are proteins good for? Where can you find vitamins? What are iron, calcium and magnesium? Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 26
    •  Vitamins are good for your ****, *****, and *****. Proteins help your body **** and ****** itself. Fibre helps you ****** your food. Carbohydrates and fats provide you with ****** so that you can do things. repair digest grow skin bones teeth Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 27
    •  You are what you eat, You eat what you are, If you eat the right stuff then you’ll go far Apples, oranges, bananas and pears, Are packed with vitamins for body repair cos….. You are what you eat, You eat what you are, If you eat the right stuff then you’ll go far Meat, is neat Packed with protein and iron Builds up your muscles Makes you strong like a lion cos You are what you eat, You eat what you are, If you eat the right stuff then you’ll go far Milk, yoghurt and cheese is yum, Builds up your bones with calcium cos  You are what you eat, You eat what you are, If you eat the right stuff then you’ll go far Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 28
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 29
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 30
    • Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 31
    • “No teacher is an island”Grazie! carlatoso@libero.it Carla Tosoratti, LEND Torino 2011 32