Prot Funzioni
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Prot Funzioni

on

  • 3,465 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,465
Views on SlideShare
3,414
Embed Views
51

Actions

Likes
0
Downloads
21
Comments
0

3 Embeds 51

http://mywikiscience.pbworks.com 39
http://mywikiscience.pbwiki.com 9
http://www.slideshare.net 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Prot Funzioni Prot Funzioni Presentation Transcript

    • Niko Pagan Manuel Vincenzi PROTEINE
    • FUNZIONI
      • SOSTEGNO: Proteine strutturali, quali collageno, cheratina, elastina, fibroina.
      • MOVIMENTO: Proteine contrattili, quali actina e miosina.
      • TRASPORTO: Emoglobina, mioglobina, lipoproteine, albumina, proteine di membrana.
      • CATALISI: Tutti gli enzimi
      • ORMONI: Insulina e glucagone sono solo alcuni esempi di ormoni di natura proteica.
      • "DIFESA": Immunoglobuline (anticorpi).
      • "ATTACCO": Tossine batteriche, veleni dei serpenti.
      • RISERVA: Normalmente le proteine non hanno un ruolo di riserva di amminoacidi, ma l'ovoalbumina e la caseina sono esempi di proteine con questa funzione.
    • PROTEINE FIBROSE
      • Tra le più importanti proteine fibrose vi sono
      • il collagene
      • la cheratina
      • il fibrinogeno
      • le proteine muscolari
    • COLLAGENE
      • Il collagene, che entra nella costituzione del tessuto connettivo (per es. la pelle), del tessuto osseo e cartilagineo , è la proteina più abbondante presente nei vertebrati .
      • La molecola di collagene è generalmente formata da tre lunghe catene polipeptidiche (ciascuna di circa 1000 amminoacidi), avvolte l’una sull’altra a formare una tripla elica che fornisce ai tendini e alla pelle un’elevata resistenza allo stiramento.
      • Il collagene estratto da un organismo animale e denaturato dalla bollitura forma una sostanza gelatinosa.
    • CHERATINA
      • La cheratina, che entra nella composizione dello strato più esterno della pelle, dei peli e delle unghie nell’uomo e delle squame, degli zoccoli e delle piume negli animali , presenta una struttura secondaria regolare ad alfa elica.
      • Grazie alla sua impermeabilità e insolubilità in acqua, la cherat ina contribuisce a proteggere la superficie del corpo dalle sostanze nocive presenti nell’ambiente .
      • Inoltre, la sua struttura chimica la rende estremamente stabile e resistente all’azione degli enzimi che idrolizzano le proteine. Quando i capelli sono sottoposti a trattamenti di “permanente”, vengono messi a contatto con un agente chimico di tipo acido, che va a modificare la struttura chimica della cheratina di cui sono costituiti. Il capello così trattato cambia la sua forma.
    • FIBROGENO
      • Il fibrinogeno è una proteina plasmatica, responsabile della coagulazione del sangue .
      • Grazie all’azione catalitica della trombina, il fibrinogeno viene convertito in fibrina, una proteina insolubile le cui molecole si uniscono tra loro a formare il coagulo.
    • PROTEINE MUSCOLARI
      • La miosina e l’actina sono le proteine responsabili della contrazione muscolare e insieme formano le fibre di actomiosina che riempiono le cellule dei muscoli.
    • PROTEINE GLOBULARI
      • A differenza delle proteine fibrose , le proteine globulari sono sferiche e molto solubili. Esempi di queste proteine, che svolgono un ruolo dinamico nel metabolismo corporeo, sono l’ albumina, le globuline, la caseina, l’emoglobina, tutti gli enzimi e gli ormoni proteici.
      • Le albumine e le globuline costituiscono classi di proteine solubili, abbondanti nelle cellule animali, nel siero del sangue, nel latte e nelle uova.
      • L’emoglobina è la proteina che trasporta l’ossigeno a tutti i tessuti corporei e conferisce ai globuli rossi il caratteristico colore rosso vivo. Sono state scoperte più di 100 emoglobine umane diverse, tra cui l’emoglobina S, che è una forma mutata, responsabile dell’anemia falciforme.
    • ENZIMI
      • Tutti gli enzimi sono proteine globulari che si combinano rapidamente con altre sostanze, chiamate substrati, per catalizzare, ioè per rendere più veloci, le numerose reazioni chimiche che avvengono all’interno del corpo.
      • La specificità di queste molecole risiede nella struttura tridimensionale dei loro siti catalitici, a cui il substrato si adatta come una chiave in una serratura .
      • Le loro numerose funzioni contribuiscono a regolare il metabolismo di tutto l’organismo. Un esempio sono gli enzimi digestivi, che sono diversi e ciascuno ha il compito di digerire una determinata molecola. Se l’organismo non produce un enzima digestivo, il risultato è che il soggetto soffre di una allergia alimentare.
    • ORMONI PROTEICI
      • Queste proteine, prodotte e secrete dalle ghiandole endocrine , stimolano particolari organi bersaglio che, a loro volta, avviano e controllano fenomeni importanti, come la velocità del metabolismo, la produzione di enzimi digestivi e quella del latte materno .
      • L ’insulina , secreta dal pancreas, regola il metabolismo dei carboidrati controllando la concentrazione di glucosio nel sangue (glicemia) .
      • La tireoglobulina , secreta dalla tiroide , regola il metabolismo complessivo dell’organismo , mentre la calcitonina , anch’essa prodotta dalla tiroide , riduce il livello di calcio nel sangue .
    • ANTICORPI
      • Gli anticorpi, o immunoglobuline , costituiscono le migliaia di proteine diverse che vengono prodotte nel siero del sangue in seguito al riconoscimento degli antigeni (cellule o corpi estranei, es. batteri e virus) da parte delle cellule del sistema immunitario.
      • Un solo antigene può provocare la produzione di molti anticorpi , che si combinano con siti diversi della molecola dell’antigene, la neutralizzano e ne provocano la distruzione.
    • MICROTUBULI
      • Le proteine globulari possono anche riunirsi a formare minuscoli tubi cavi che contribuiscono a determinare la struttura delle cellule e rendere possibili i trasporti interni .
      • Queste strutture sono chiamate microtubuli e sono costituite da numerose subunità appaiate di due tipi di molecole proteiche di forma sferica; i microtubuli sono strutture dinamiche , che si allungano o si accorciano secondo le necessità della cellula.
      • I microtubuli si trovano anche nelle ciglia, le appendici simili a peli usate da alcuni microrganismi per la locomozione.