Biologia

13,710 views

Published on

Published in: Technology, Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
13,710
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
100
Actions
Shares
0
Downloads
217
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Biologia

  1. 1. Unità didattica di biologia Premere Esc per Uscire <ul><li>Proprietà della VITA </li></ul><ul><li>La CELLULA </li></ul><ul><li>Classificazione dei viventi </li></ul>Diversità tra i viventi
  2. 2. Introduzione Ciascun vivente nasce, cresce, genera dei figli a lui simili e muore. La nascita, la crescita, la generazione di figli e la morte rappresentano le più evidenti manifestazioni della vita. Perché un vivente può realizzare questi eventi ? Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni
  3. 3. 1 La vita è organizzata su più livelli di complessità crescente Organizzazione particelle subatomiche atomo molecola popolazione comunità ecosistema biosfera organismo apparato organo tessuto cellula organulo Tutti i viventi sono formati da materia, organizzata in molecole , come i non viventi. La composizione chimica del vivente è, tuttavia, qualitativamente diversa rispetto a quella dell'ambiente che lo circonda. Le molecole dei viventi, inoltre, sono organizzate in &quot;impalcature&quot; che costituiscono sistemi altamente complessi. Le proprietà della vita (1/4)
  4. 4. Capacità di trasformare materia ed energia 2 Per mantenere la loro particolare organizzazione i viventi devono assumere materia e “spendere” energia . L’energia è indispensabile per trasformare la materia in strutture viventi. Attraverso la nutrizione il cibo viene trasformato in materia vivente Le proprietà della vita (2/4)
  5. 5. 3 Capacità di rispondere agli stimoli 4 Adattamento Un vivente è in grado di reagire di fronte al pericolo e di adattarsi ai cambiamenti ambientali Le proprietà della vita (3/4) Un vivente può muoversi per afferrare la preda, per sfuggire al pericolo, o, come nel caso delle piante, per “inseguire”la luce. Un vivente è inoltre in grado di trasformarsi per sopravvivere anche in condizioni avverse (evoluzione).
  6. 6. 5 Capacità moltiplicarsi La riproduzione consente di mantenere la vita nel tempo Le proprietà della vita (4/4) Qualsiasi organismo vivente è destinato presto o tardi a scomparire: con la riproduzione la vita passa da un individuo all’altro, permettendo la perpetuazione della specie.
  7. 7. La cellula : espressione minima della vita Tutti gli esseri viventi sono costituiti da una o più cellule: è la cellula la più piccola porzione organizzata di materia che possiede le caratteristiche della vita. CELLULA si riproduce scambia materia ed energia con l’ambiente si autoregola si può evolvere
  8. 8. La cellula procariota è organizzata per garantire la sopravvivenza di organismi molto semplici, con minime richieste energetiche, e non risulta specializzata nel compiere funzioni particolari. Tutto il volume cellulare è occupato da un liquido di consistenza gelatinosa (il citoplasma), in cui sono immersi tuti i costituenti chimici della cellula, e dei piccoli organuli ( ribosom i), deputati alla sintesi delle proteine. Il materiale genetico ( DNA ) si trova fluttuante nel citoplama, in una regione priva di una membrana che la delimiti ( non esiste un nucleo vero e proprio ). Esiste invece una struttura rigida di protezione e di contenimento, la parete cellulare , che la separa dall’ambiente esterno. La cellula procariota parete cellulare ribosomi citoplasma regione nucleare membrana cellulare
  9. 9. membrana cellulare nucleo citoplasma membrana nucleare mitocondri La cellula eucariota è un tipo di cellula molto più voluminosa e complessa della cellula procariota. Al suo interno lo spazio è organizzato in settori cui compete una certa funzione in modo da assicurarne la sopravvivenza e la riproduzione. Le diverse regioni all’interno della cellula sono delimitate da membrane interne. In particolare , una membrana ( membrana nucleare ) delimita il nucleo , in cui si trova il materiale genetico ( DNA ) che presiede al controllo di tutte le attività della cellula stessa. La cellula eucariota possiede inoltre numerosi organuli , in alcuni dei quali hanno luogo i processi metabolici fondamentali : nei ribosomi , ad es.,avviene la sintesi delle proteine; i mitocondri sono la sede della respirazione cellulare La cellula eucariota Reticolo endoplasmatico con ribosomi
  10. 10. La chiave della classificazione naturale del mondo vivente è la specie . Tassonomia : livelli gerarchici Riconoscere individui della stessa specie può risultare abbastanza complesso. Ecco una definizione di specie universalmente accettata: “ la specie rappresenta una categoria sistematica comprendente una o più popolazioni di individui con caratteri simili, in grado di accoppiarsi originando prole feconda ”. Varie specie con caratteristiche comuni vengono raggruppate in generi ; a loro volta i generi possono essere riuniti tra loro per alcuni caratteri generali e raggruppati in famiglie ; le famiglie in ordini ; gli ordini in classi ; le classi in tipi di phila per gli animali e divisioni per i vegetali; i phila/divisioni in regni . SPECIE Generi Famiglie Ordini Classi Phyla Divisioni REGNI
  11. 11. MONERE PROTISTI PIANTE ANIMALI FUNGHI Organismi unicellulari procarioti Organismi eucarioti per lo più unicellulari Organismi eucarioti pluricellulari ( differiscono principalmente per il modo di nutrirsi ) I cinque regni Il modello ad albero di Whittaker in cinque regni evidenzia l’origine comune e la successiva evoluzione di tutte le forme viventi.
  12. 12. <ul><li>Conoscere le proprietà che contraddistingue un vivente. </li></ul><ul><li>Capire le differenze essenziali tra cellula procariota e cellula eucariota. </li></ul><ul><li>Comprendere la necessità di riunire per gruppi gli organismi viventi. </li></ul>La presente Unità Didattica ti ha consentito di : Esci
  13. 13. <ul><li>La caratteristica che forse più di ogni altra contraddistingue gli esseri viventi è la capacità di riprodursi, cioè di dare origine ad altri esseri simili a se stessi. </li></ul><ul><li>In ogni cellula di ciascun essere vivente è presente un archivio in cui vengono conservate le informazioni che consentono, generazione dopo generazione, di mantenere costanti i caratteri e svolgere senza errori tutte le attività biologiche. </li></ul><ul><li>Tale archivio è rappresentato dagli acidi nucleici, il materiale genetico di ogni cellula. </li></ul><ul><li>Gli acidi nucleici sono sostanze organiche complesse rappresentate da due tipi di macromolecole : il DNA (acido desossiribonucleico) e l’ RNA (acido ribonucleico). </li></ul><ul><li>Entrambi sono polimeri costituiti da lunghi filamenti di monomeri, detti nucleotidi . </li></ul><ul><li>Ogni nucleotide è costituito da tre tipi di molecole legate assieme: </li></ul><ul><li>l’acido fosforico, </li></ul><ul><li>uno zucchero pentoso (desossiribosio nel DNA, ribosio nell’RNA), </li></ul><ul><li>una base azotata (adenina A , guanina G , citosina C , timina/uracile T/U ). </li></ul>Gli acidi nucleici SCHEDA DI APPROFONDIMENTO Il DNA è formato, secondo il modello della doppia elica proposto da James Watson e Francis Crick, da due filamenti complementari, le cui basi azotate si appaiano grazie alla complementarietà della loro struttura chimica. L’RNA è formato da un filamento singolo, che può assumere una forma differente a seconda del tipo (RNA messaggero; RNA di trasporto; RNA ribosomiale). Le informazioni contenute negli acidi nucleici sono costituite dalla sequenza con cui sono disposte le basi azotate; tale sequenza, attraverso un codice genetico universale, viene interpretata dalla cellula come sequenza di amminoacidi e permette la sintesi delle proteine, da cui dipende il corretto svolgimento di di qualsiasi attività biologica di un organismo. T A G A G C A T C T C G Sequenze di basi complementari nella molecola di DNA Nucleotide G fosfato desossiribosio Guanina ( G )

×