Aiscon   Presentazione Sistema Scada
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Aiscon Presentazione Sistema Scada

on

  • 362 views

 

Statistics

Views

Total Views
362
Views on SlideShare
357
Embed Views
5

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 5

http://www.linkedin.com 5

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Aiscon   Presentazione Sistema Scada Aiscon Presentazione Sistema Scada Presentation Transcript

  • Panoramica GeneraleAISCON Srl - Dicembre 2009
  • I sistemi di controllo per macchine e impianti possono essere principalmente del seguente tipo:A) Con Logica CablataTutte le funzioni di controllo sono realizzate con cablaggio elettrico dagli elementi di comando (es.pulsanti) agli elementi di controllo elettromeccanico (es. relè) fino agli attuatori (es. motori)Questo tipo di controllo si trova su impianti o macchine datatiB) PLC di Controllo, con o senza Pannelli Operatore Unità centrale PLC Tutti gli elementi di comando e rilevamento (es. pulsanti, finecorsa) sono collegati a schede del PLC che ne acquisisce lo stato Tutti gli elementi di uscita (es. relè di comando elettrovalvole) sono collegati alle schede del PLC che ne controlla lo stato Il PLC viene programmato per ottenere il comportamento desiderato dal sistema, incluso il rispetto di interblocchi funzionali e di sicurezza Eventuali pannelli operatore forniscono una interfaccia grafica di controllo per gli operatori AISCON Srl - Dicembre 2009
  • C) PLC di Controllo eSistema di Supervisione SCADAUn sistema SCADA si affianca ad un sistema di controllo tipicamentebasato su PLC ed aggiunge molte funzionalità, tra cui: visualizzazione grafica del processo, con la rappresentazione sulle pagine video dello stato di dispositivi (es. finecorsa, motori, valvole) e delle grandezze analogiche (es. livello, pressione, temperatura) comando del processo (es. impostazione modo di funzionamento, avvio di sequenze, controllo manuale di dispositivi attuatori, ect.) memorizzazione in archivi storici delle variabili di processo (risoluzione anche nell’ordine dei millisecondi) e degli allarmi consultazione grafica dei trend storici delle variabili di processo funzioni di ridondanza a vario livello, per scongiurare la perdita di dati schedulazione di azioni di controllo gestione di ricette di produzione configurazione , generazione, stampa ed esportazione di report in forma tabellare esportazione dei dati per elaborazioni con programmi di terze parti espandibilità delle funzionalità con programmazione dedicata per l’implementazione di calcoli o altre logiche di controllo (es. per risparmio energetico) supporto alla manutenzione dei dispositivi con moduli specifici (es. rilevamento delle ore di funzionamento, warning per manutenzione programmata, storico delle ...) possibilità di interconnessione con altri sistemi di controllo o con sistemi di livello superiore (ERP, Business Intelligence, etc.) molto altro ancora... Un sistema SCADA è costituito da uno o più Personal Computer, interconnessi in rete, su cui vengono installati uno o più pacchetti e licenze software. Questi software vengono configurati e programmati per ottenere le funzionalità desiderate AISCON Srl - Dicembre 2009
  •  Non richiede competenze specifiche per  Limitata possibilità di interblocchi manutenzione funzionali, che può portare ad errori di Minore costo di realizzazione manovra, disservizi ed incidenti  Scarsa interfaccia operatore, limitata a pulsanti e spie o a visualizzatori digitali di limitate capacità  Nessuna possibilità di modifica della logica di funzionamento senza modifiche di cablaggio e aggiunta di componenti nei quadri  Difficile diagnostica e ricerca guasti  Nessuna tracciabilità delle informazioni di funzionamento e di allarme  Nessuna possibilità di trarre informazioni utili dal sistemaPRO CONTRO AISCON Srl - Dicembre 2009
  •  Logica di funzionamento dell’impianto  Scarse possibilità di storicizzazione dei definita nel programma del PLC, per dati di processo e di allarme ridurre al minimo la possibilità di errori  Scarsa condivisione delle informazioni, di manovra, disservizi ed incidenti che sono disponibili solo “localmente” Conseguente notevole aumento della  Poca interconnessione tra le varie parti sicurezza dell’impianto  Costo elevato dei pannelli operatore Visualizzazione e gestione dell’impianto con interfaccia grafica sinottica Buona possibilità di diagnosi e ricerca guasti Facilità di modifica o adeguamento della logica di funzionamentoPRO CONTRO AISCON Srl - Dicembre 2009
  •  Migliore conduzione delle macchine e degli  Costo più elevato impianti grazie ad una visione di insieme dei processi produttivi Archiviazione dei dati di processo e agevole consultazione in forma di trend grafici di immediata utilità Archiviazione e consultazione degli allarmi Gestione utenti con password per l’accesso selettivo alle funzioni operative e di consultazione Ottimizzazione della diagnosi dell’impianto e della ricerca guasti grazie alla memorizzazione storica dei dati ed alla disponibilità di strumenti specifici in supporto alla manutenzione Robustezza intrinseca del sistema, in quanto la macchina può continuare a funzionare grazie al controllo dato dal PLC anche in caso di avaria del sistema di Supervisione Scalabilità del sistema, che nel tempo può essere espanso con nuove stazioni e funzionalità aggiuntive Possibilità di interconnessione con sistemi di terze parti, per mezzo di driver e protocolli di comunicazione (es. Profibus, Ethernet, OPC...) accesso da remoto per manutenzione e piccoli interventiPRO CONTRO AISCON Srl - Dicembre 2009
  • AISCON Srl - Dicembre 2009
  • AISCON Srl - Dicembre 2009
  • AISCON Srl - Dicembre 2009
  • AISCON Srl - Dicembre 2009
  • Gli aspetti positivi offerti dall’impiego di un sistema SCADA sono molteplici, ma vorremmosoffermarci su due di essi. Una macchina o un processo possono essere controllati in modo corretto e sicuro solo se tutte le informazioni necessarie vengono acquisite dal campo e proposte all’operatore in una forma chiara ed immediata e se un sistema automatico si occupa di gestire in modo autonomo tutte quelle funzioni che possono essere predeterminate. Quindi: - meno errori - più sicurezza - interventi tempestivi per risolvere un fermo macchina Solo avendo a disposizione i dati reali istantanei e storici di un processo si possono intraprendere azioni importanti quali: - ottimizzare la produzione - ridurre gli sprechi - risparmiare energia AISCON Srl - Dicembre 2009