• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
2011   green and sustainability
 

2011 green and sustainability

on

  • 818 views

a short and intense summary about green & sustainability: from scenario tips to project approaches

a short and intense summary about green & sustainability: from scenario tips to project approaches

Statistics

Views

Total Views
818
Views on SlideShare
817
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

1 Embed 1

http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    2011   green and sustainability 2011 green and sustainability Presentation Transcript

    • Green, Sustainability & Co.Maggio 201107/07/2011 1 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Indice dei contenuti Scenario Sustainability? The Companies point of view Alcune riflessioni sulla Sostenibilità Sustainability in the business world The sustainable future key findings Sustainability in the Industry Segments The top three benefits of sustainability Managing for Sustainability Progettualità Sustainability: following the leader The new rules Check list Un paradigma di riferimento: la piramide verde Le fasi di un progetto di sviluppo della sostenibilità in azienda L’analisi di sostenibilità Un Pioniere in Italia LifeGate: People, Planet, Profit 07/07/2011 2 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • SCENARIO07/07/2011 3 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Sustainability? The Companies point of viewMIT Sloan Management Review 07/07/2011 4 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Alcune riflessioni sulla SostenibilitàGFK Eurisko – Social Trends – Remo Lucchi …… Quando si sviluppa una proposta di sostenibilità - è d’obbligo tenere conto dei pilastri: le proposte di prodotto e/o di logiche di consumo non li potranno tradire. Anzi, possibilmente, all’interno di un sistema territoriale, li dovranno esaltare. Parliamo di: Sostenibilità ambientale - non solo la capacità di preservare nel tempo le tre funzioni dell’ambiente di fornitore di risorse, di ricettore di rifiuti e di fonte diretta di utilità. Ma anche la capacità di valorizzare l’ambiente in quanto “elemento distintivo” del territorio. Sostenibilità economica - cioè la capacità di produrre e mantenere all’interno del territorio il massimo del valore aggiunto combinando efficacemente le risorse, al fine di valorizzare la specificità dei prodotti e dei servizi territoriali Sostenibilità sociale - cioè la capacità di garantire condizioni di benessere umano - sicurezza, salute, istruzione - equamente distribuite per tutti i segmenti di una popolazione convivente Sostenibilità culturale - la diversità culturale è necessaria per l’umanità quanto la biodiversità per la natura; la diversità culturale è una delle radici dello sviluppo inteso non solo come crescita economica, ma anche come un mezzo per condurre una esistenza più soddisfacente sul piano intellettuale, emozionale, morale e spirituale. 07/07/2011 5 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Sustainability in the business worldMIT Sloan Management Review07/07/2011 6 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • The sustainable future key findings© The Economist Intelligence Unit Limited 2011 1. Sustainability is spreading from developed to developing markets. Globally 78% of respondents say that sustainability will be important for their firms in the coming three years, while in developing economies, the figure is 85%. Emerging market firms see sustainability-oriented ESG practices as a chance to bolster relations with customers and investors in developed economies. 2. Customers are the strongest influence on firms’ sustainability objectives. Fifty-four per cent of executives say customers have the strongest influence on their ESG policies— more than any other stakeholder. Experts caution that consumers are fickle. However, the influence of regulators and investors appears to be growing. 3. Short-term financial pressures are an obstacle to sustainability. Forty-four per cent of executives say immediate financial goals are an obstacle to sustainability. Many Promoting growth through sustainability managers fail to see the opportunities: only 14% of managers see a link between sustainability and short-term profit, even though some ESG initiatives pay off in under a year. 4. Sustainability reporting is not widespread—but is growing fast in emerging markets. Despite firms increasingly embedding ESG principles into strategy, only 18% publish ESG targets and performance yearly. In developing economies, 45% of companies that do not currently publish ESG information say they plan to launch sustainability reporting in the coming two years, versus 19% in developed countries. 5. Senior executives are divided on the benefits of integrated reporting. Among large firms, 35% report ESG information annually, yet only 18% publish an integrated report. Some business leaders see the web as an opportunity to target individual stakeholder groups with specific information. 6. Companies have an ad hoc approach to including sustainability in risk management. Just 22% of executives say sustainability is a fundamental part of their risk management programmes; 35% have more of an ad hoc approach. Yet, only 22% of respondents expect to begin including sustainability in their risk management in the future. 7. The relationship between ESG and long-term financial performance is becoming clearer. Fully 76% of executives agree that sustainability is a pre-requisite for long-term growth. Mainstream investors are paying closer attention to corporate sustainability. Poor performance in ESG practices may restrict companies’ access to capital. 07/07/2011 7 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Sustainability in the Industry SegmentsMIT Sloan Management Review07/07/2011 8 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • The top three benefits of sustainabilityMIT Sloan Management Review07/07/2011 9 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Managing for SustainabilityEconomist Intelligence Unit – Sponsored by ENEL 201007/07/2011 10 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Managing for SustainabilityEconomist Intelligence Unit – Sponsored by ENEL 201007/07/2011 11 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Managing for SustainabilityEconomist Intelligence Unit – Sponsored by ENEL 201007/07/2011 12 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • PROGETTUALITA’07/07/2011 13 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Sustainability: following the leaderMIT Sloan Management Review 1. Move early even if information is incomplete 2. Balance Borad, Long term visionwith projects offering concrete near-term wins 3. Drive sustainability top-down and bottom-up 4. Aggressively de-silo sustainability – integrating it trhough company operations 5. Measure everything (and if way of measuring something don’t exist start inventing them) 6. Value intangible benefits seriously 7. Try to be authentic and transparent – internally and externally 07/07/2011 14 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • The new rules Check listJacquelyn Ottman – The New Rules of green Marketing07/07/2011 15 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Un paradigma di riferimento: la piramide verdeL’approccio SCS consulting07/07/2011 16 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • Le fasi di un pjt di sviluppo della sostenibilità in aziendaR. Nidumolu, C. K. Prahalad, M. R. Rangaswamii07/07/2011 17 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • La valutazione della sostenibilità d’impresa – 1/3(Mark Up) Non esiste una definizione univoca di sostenibilità ma la più generalizzabile afferma che: “La sostenibilità è la caratteristica di un processo o di uno stato che può essere mantenuto ad un certo livello indefinitamente.” (fonte: Wikipedia e altre). È sostanzialmente impossibile estrapolare un valore di sostenibilità di unimpresa in termini assoluti in quanto la correlazione con lambiente è inscindibile e mutamente interferente. Per questo motivo sarebbe forse più ragionevole misurare linverso della sostenibilità, ovvero un coefficiente di impatto ambientale che tende a zero solo per attività e/o processi totalmente integrati nella catena biologica del pianeta e in piena armonia. La metodologia messa a punto da MARK UP per valutare il livello di sostenibilità di unimpresa prende in considerazione 3 ambiti dazione più uno (variabile in funzione del tipo di impresa). Ogni ambito prevede delle voci che sono misurate in modo binario (zero assente, uno presente) più un bonus di punteggio nel caso di eccellenza. Ogni ambito definisce un area di azione. Per ogni ambito è calcolato un risultato percentuale sul massimo teorico previsto dalla tabella di riscontro. I quattro valori tracciano un grafico radar con assi in bisettrice (per facilità di lettura). Maggiore è larea, maggiore è il livello di sostenibilità. Aree disomogenee indicano uno squilibrio dellimpresa verso il tema della sostenibilità. Limiti del metodo I valori ricavati si basano esclusivamente sul dichiarato dellimpresa e non è effettuata nessuna verifica. Il raffronto tra imprese è approssimativo in quanto la valutazione delle voci è binaria e quindi solo qualitativa Il metodo può acquisire nel tempo ulteriori voci di valutazione, limitando maggiormente le possibilità di raffronto. 07/07/2011 18 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • La valutazione della sostenibilità d’impresa – 2/3(Mark Up)07/07/2011 19 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • La valutazione della sostenibilità d’impresa – 3/3(Mark Up)07/07/2011 20 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • UN PIONIERE IN ITALIA07/07/2011 21 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • LifeGate: People, Planet, ProfitEcopartners: l’approccio LifeGate è il partner ideale per imprese ed enti che vogliono allinearsi al forte "eco-trend" in atto attraverso lo sviluppo di azioni concrete e progetti di posizionamento. Azioni concrete di sviluppo sostenibile mediante l’implementazione di servizi e progetti eco- sostenibili (Impatto Zero®, Energia Rinnovabile, Engineering) Progetti di posizionamento e di eco-comunicazione integrata, anche attraverso il proprio media network (LifeGate Radio, LifeGate Magazine, LifeGate Web, You Impact). LifeGate offre servizi di consulenza per supportare a 360° le organizzazioni in percorsi ad hoc di sviluppo sostenibile. La strategia La strategia improntata allo sviluppo sostenibile presuppone che le organizzazioni integrino aspetti sociali e ambientali nei loro processi operativi e nelle interazioni con i propri stakeholders (azionisti, dipendenti, fornitori, clienti, ambiente, collettività) preservando e migliorando la competitività e la reputazione dellorganizzazione stessa. Questa strategia di crescita implica ladozione di un nuovo modo di fare impresa - un approccio People, Planet, Profit - e conseguentemente una nuova comunicazione dimpresa. E una concreta opportunità di differenziazione strategica e di valorizzazione di lungo periodo, che apporta innovazione, riduzione dei rischi e migliori performance finanziarie. I percorsi di ecosostenibilità Un percorso di sviluppo sostenibile prevede, come da immagine, ladozione di un range di iniziative interne che determinino l’applicazione di criteri di razionalizzazione e un utilizzo sostenibile delle risorse, la sensibilizzazione e l’adeguamento di processi e della struttura organizzativa a supporto; quindi l’avvio di iniziative esterne di marketing e comunicazione, sia istituzionale sia di prodotto, coerenti con il posizionamento raggiunto. 07/07/2011 22 giorgio.cannizzaro@hotmail.com
    • LifeGate: People, Planet, ProfitEcopartners: l’approccio07/07/2011 23 giorgio.cannizzaro@hotmail.com