Your SlideShare is downloading. ×
Smart Technology 3 novembre
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Smart Technology 3 novembre

574
views

Published on

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
574
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. L’importanza di una supervisione affidabile e sicura, nei sistemi di telecontrollo e di analisi energetica e idrica Ing. Marco Ceriani Progea Srl
  • 2. Il telecontrollo su SCADA
    • La tecnologia SCADA offre numerosi vantaggi rispetto ai sistemi di telecontrollo basati su architetture chiuse o proprietarie:
    • Indipendenza dalle RTU
    • Indipendenza dai protocolli
    • Apertura all’integrazione
    • Flessibilità d’impiego
    • Funzionalità complete ed affidabili
    • Ciclo di vita superiore
  • 3. I settori applicativi
    • La tecnologia SCADA è applicata in settori applicativi diversi. Il largo impiego e la diffusione su più settori garantiscono:
    • Maggiore affidabilità
    • Maggiori funzionalità
    • Maggiore apertura
    • Maggiore indipendenza
    • Maggiore sicurezza
    • Conformità agli standard di mercato
  • 4. L’architettura dei sistemi
    • L’architettura tipica di un sistema di telecontrollo basato su SCADA prevede:
    • Personal Computer
    • Architettura Client/Server e Web
    • Protocolli di comunicazione standard (es. IEC870)
    • Rete geografica pubblica (GPRS, UMTS) o privata (VPN, radio modem)
    • Ampia gamma di dispositivi in campo, basati su RTU o PLC o Strumentazione anche su sistemi bus
  • 5. Esempio architettura
  • 6. I protocolli di comunicazione
    • Grande importanza nei sistemi di telecontrollo è riservata ai protocolli di comunicazione tra Supervisione e RTU.
    • Tra i vari protocolli, proprietari o standard, disponibili sul mercato, si vanno affermando protocolli standard definiti da organismi internazionali.
    • In particolare si evidenzia il protocollo IEC 870-5-101 (seriale) o IEC870-5-104 (TCP-IP).
  • 7. IEC 870-5-101 e 104
    • I dati sono inviati spontaneamente dallo slave (Controller) al master (PC) in caso di modifica (No polling).
    • Comunicazione ottimizzata, dati bufferizzati e gestione del time-stamp.
    • Particolarmente adatto a reti di comunicazione pubbliche, via GPRS o UMTS.
    • Affidabilità di comunicazione e riduzione dei costi (traffico generato).
  • 8. La sicurezza
    • I sistemi di telecontrollo basati su SCADA garantiscono la massima sicurezza, derivante da impieghi anche in settori con normative severissime (es. FDA CFR21 in campo farmaceutico).
    • Gestione utenti e password
    • Supporto sistemi biometrici
    • Audit Trail
    • Criptazione dati trasmessi e registrati
    • Supporto Firewall
    • Ridondanza
  • 9. Settore Elettrico
    • Produzione da centrali convenzionali
    • Produzione da fonti rinnovabili
    • Cogenerazione
    • Distribuzione MT/BT
    • Smart Grid
    • Risparmio Energetico e consumi
  • 10. Settore Idrico
    • Captazione e adduzione da falda
    • Rete di distribuzione
    • Sollevamento e reti fognarie
    • Bonifiche
    • Depurazione
    • Monitoraggio qualità acqua di falda
    • Monitoraggio livelli e protezione civile
  • 11. Acque Spa
    • Telecontrollo del SII (Servizio Idrico Integrato) della Valdarno, basato su Scada
    • 5 Provincie, 57 Comuni, 720.000 abitanti
    • 2.500 Km di canalizzazione e 150 impianti di depurazione
    • 26 stazioni di supervisione remote
    • Server centrali ridondati, dati su MySQL
    • Connessione Radio o GPRS verso le RTU
    • Protocollo di comunicazione Modbus, Modbus TCP e proprietari
    • Accesso Web al server centrale, 30 utenti contemporanei
    • Pubblicazione dati on line su Web
  • 12. Acque Spa
  • 13. Acque Spa
    • Telecontrollo Web Client
    • Accesso via web all’impianto
    • Sistema indipendente dal browser e dal S.O.
    • Nessuna installazione sul client
    • Trasmissione dati su evento e criptati
    • Accesso per 30 utenti simultanei, espandibili in futuro
    • Log in, sicurezza ed indipendenza utenti web
    • Accesso ai dati storici, analisi e filtri
    • Possibilità gestione comandi remoti
    • Piena visibilità impianti locali
    • Sicurezza intrinseca e firewall
  • 14. ACSM Como
    • Sistema di controllo e telecontrollo impianto di potabilizzazione acque del Lago di Como
    • Impianto in caverna (35.000 Metri cubi)
    • Trattamento 600 litri di acqua al secondo
    • L’impianto alimenta con ripompaggio le reti principali dell’acquedotto di Como, nei serbatoi di Como Centro- Baradello (265 m.s.l.m), Como Est – Refrec (310 m.s.l.m.) e Como Sud – Doss (325 m.s.l.m.)
    • Potenza pompe circa 1000 Kw, con gruppi elettrogeni di sicurezza
    • Controller PLC ridondati, con supervisione Scada nelle stazioni in grotta e nel centro di telecontrollo ACSM
  • 15. ACSM Como
  • 16. ACSM Como
    • Il sistema è dotato delle seguenti strutture:
    • Vasche di accumulo dell’acqua prelevata dal lago da 1000 m³ che alimentano sia le linee di trattamento sia l’acquedotto industriale.
    • Camera di pre-ozonazione (tempo di contatto 3 minuti), per la riduzione della carica batterica.
    • N. 6 filtri a sabbia multistrato (dimensioni unitarie 31,5 m²- velocità filtrazione 11 m/h)
    • Camera di ozonazione (tempo di contatto 10 minuti)
    • N. 6 filtri carbone attivo granulare (dimensioni unitarie 31,5 m² altezza carbone 3 mt. – tempo contatto 15 minuti);
    • Vasche di disinfezione finale (con biossido di cloro) 1000 m³;
    • Vasche di accumulo e regolazione per l'erogazione
  • 17. Reverberi Enetec
    • Sistema di telecontrollo standard, autoconfigurabile su tecnologia Scada
    • Destinato principalmente ad enti pubblici o grandi enti privati
    • Telecontrollo sistemi energetici
    • Telecontrollo illuminazione pubblica
    • Connessione via GPRS/UMTS ai regolatori in campo prodotti dall’azienda
    • Protocollo di comunicazione proprietario, sia per RTU seriali o TCP-IP
    • Integrazione mappe geografiche
  • 18. Reverberi Enetec
    • Le apparecchiature da installare in campo sono componibili con semplice aggiunta o eliminazione di moduli.
    • controllo e gestione remota di elementi eterogenei: quadri di comando, regolatori di potenza, dimmer, moduli punto-punto,ecc.
    • Integra lo stato di fatto (dati anagrafici, informazioni statistiche) con i dati che provengono dal campo (operazioni di manutenzione, misure, allarmi) in un unico software.
    • schermate sinottiche intuitive mostrano lo stato degli elementi e gli allarmi attivi.
    • L ’uso di mappe con elementi animati rende rapida l’individuazione degli allarmi.
    • Il software possiede un proprio sistema di sicurezza per il controllo degli accessi, con l’impostazione di password e autorizzazioni piramidali.
  • 19. Reverberi Enetec • Il censimento degli elementi dell’impianto avviene in maniera semplice, attraverso l ’uso di strutture grafiche ad albero • Il comando e la gestione degli elementi possono avvenire attraverso l’uso di gruppi. • Integrazione dati con SAP e con la maggior parte dei programmi gestionali o di altri applicativi. • Attraverso l’uso di palmari e/o telefoni cellulari, i dati relativi agli interventi di riparazione e manutenzione sono scaricabili direttamente nel software, anche da remoto. • Il software fornisce tutti gli strumenti per la gestione della manutenzione degli impianti, sia preventiva che straordinaria. • Gestione reperibilità dei tecnici via SMS, e-mail e voce. • Creazione di scenografi e luminose gestite in modo automatico direttamente dal software: è possibile pianificare l’accensione e la dimmerazione per gruppi di lampade o per singola lampada.
  • 20. West Bengal SmartGrid - India
    • Sistema di telecontrollo governativo (stato del West Bengala, India) per ottimizzare la distribuzione elettrica e ridurre le perdite.
    • 14.000 Trasformatori Distribuzione
    • 150 Sotto stazioni
    • 10.000 meters su 4000 stazioni remote
    • Protocollo Modbus TCP su GPRS
    • 5 Server con 775.000 Variabili ognuno
    • 5 Web client per ogni server
    • Sistema di reportistica integrato e web
    • Connessione dati a SAP e GIS via XML
  • 21. West Bengal SmartGrid - India Ethernet Switch Meters communicating on Proprietary RS232 protocol GPRS based DCU with inbuilt I/O HMI Printer Meters on HT Customers (4000 location) GPRS Intelligent Modems Engg WS MS SQL Servers Data Acquisition Runtime & FTP Servers (2 per DISCOM – Qty 6 nos) APN by Service Provider Substation (126 location) 20 Mbps Leased Line with Public IPs NTP Server Data Center DTR communicating on serial/optical port (Qty 10000) M2M VPN Servers – Qty 3 FTP Servers – Qty 4 nos 5 Mbps Leased backup Line with Public IPs GSM Modems for SMS Alerts GPRS Intelligent Modems
  • 22. West Bengal SmartGrid - India Central government project to reduce power distribution losses in terms of revenue and actual distribution. The utility already has been using legacy meters which have are proprietary systems which have communication and required to have all this data for Billing, Network Analysis, GIS and Reporting. They have in their first phase 14000 Consumer and Distribution Transformers and about 150 Sub Stations. Modems GPRS to connect data to a central Data Center where Scada are running using secure communication. This data being transferred is encrypted and so data comes to FTP servers and push the same into back end redundant database servers. 2 Scada stations which is processing files as well as also being used as front end systems where Single Line Diagrams of the substation feeders and all individual metering data is visible. Scada has also been used to develop special objects like phasor diagrams to check lead and lag of the Voltage and Currents. Any tamper or outage data is to trigger SMS alerts. Also each visualization server has 5 Web Clients each so that users can see this data from anywhere on the network.
  • 23. Lo Scada/HMI standard, aperto, potente, flessibile e scalabile.
    • Innovazione : un’unica piattaforma per sistemi di supervisione e telecontrollo, su tecnologia XML
    • Flessibilità : un unico software per i sistemi centrali con server ridondati, per i sistemi HMI embedded, per i sistemi Mobile e per la tecnologia Web
    • Potenzialità : integra tutte le potenti funzioni Scada, la potente grafica, la comunicazione aperta
    • Semplicità : un unico software con programmazione ad oggetti semplificata.
  • 24. Grazie per la vostra attenzione! Restiamo a vostra disposizione per ogni ulteriore informazione o per dimostrazioni pratiche. Progea Srl – Modena, Italy (casa madre) Progea Deutschland GmbH – Villingen, D Progea USA Llc – Appleton, WI Progea International Ltd - Lugano, CH

×