Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas             Smart meter gas    Impatto sulla regolazione tariffariaDocumento per...
Agenda                           g- Contesto normativo- Impatto regolatorio:    • copertura dei costi relativi ai gruppi d...
Contesto normativo                     3
Atti regolatori di riferimento       g Allegato A alla deliberazione 22 ottobre 2008, ARG/gas 155/08 Requisiti minimi e ob...
Evoluzione normativaLegge 23 luglio 2009, n. 99• La validità temporale dei bolli metrici e della marcatura <CE> apposti su...
Evoluzione tecnologica                  gGruppi di misuraIl rispetto dei requisiti richiesti dalla delibera ione ARG/gas 1...
Finalità della consultazione Documento per la consultazione 19 maggio 2011, DCO 17/11 Valutazione di possibili modifiche d...
Impatto regolatorio  p       g                      8
Copertura degli investimenti di località  p         gAspetto interessatoL attualeL’attuale regolazione del servizio di dis...
Copertura dei costi operativi relativiall’installazione e manutenzione ll’i t ll i            t   iAspetto interessatoI co...
Copertura degli investimenti in sistemi ditelegestionet l    tiAspetto interessatoL’attuale regolazione del servizio di di...
Copertura dei costi operativi relativi allaraccolta, validazione e registrazione dellemisureAspetto interessatoI costi ope...
Costi capitalizzati / costi di service        pAspetto interessatoAlcune attività (man ten ione straordinaria/raccolta, al...
Alimentazione degli apparati                g ppAspetto interessatoAlimentazione batteria:Alimenta ione a batteria costi d...
Proposte   p           15
Copertura degli investimenti di località  p         g Mantenimento dell’attuale criterio di regolazione:           • compo...
Copertura dei costi operativi di installazionee manutenzione dei gruppi di misura           i    d i       i      iDall’ag...
Copertura dei costi dei misuratori sostituiti  pSostituzione dei misuratori tradizionali con misuratori elettronici:• grup...
Copertura dei costi di capitale centralizzatirelativi a sistemi di telegestione  l ti i    i t i t l        ti• Introduzio...
Copertura dei costi operativi relativi allaraccolta, validazione e registrazione dellemisure• Mantenimento dell’attuale cr...
Alimentazione degli apparati                g ppRicomprendere i costi nelle componenti già proposteConcentratori• Costi di...
Per osservazioni e proposte al DCO 17/11:        tariffe@autorita.energia.it        tariffe@autorita energia it     Grazie...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Smart meter gas. Impatto sulla regolazione tariffaria

1,424 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,424
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
25
Actions
Shares
0
Downloads
23
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Smart meter gas. Impatto sulla regolazione tariffaria

  1. 1. Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas Smart meter gas Impatto sulla regolazione tariffariaDocumento per la consultazione DCO 17/11 del 19 maggio 2011 p gg Ing. Samuele Larzeni - Direzione Tariffe Convegno “Smart Meter Gas” Padova, 7 giugno 2011
  2. 2. Agenda g- Contesto normativo- Impatto regolatorio: • copertura dei costi relativi ai gruppi di misura • copertura dei costi relativi agli elementi dei sistemi di telegestione diversi dai gruppi di misura- Proposte 2
  3. 3. Contesto normativo 3
  4. 4. Atti regolatori di riferimento g Allegato A alla deliberazione 22 ottobre 2008, ARG/gas 155/08 Requisiti minimi e obblighi di messa in servizio dei misuratori elettronici nella distribuzione del gas naturale Allegato A alla deliberazione 6 novembre 2008, ARG/gas 159/08 (RTDG) g , g ( ) Regolazione delle tariffe del servizio di distribuzione e misura del gas per il periodo 2009-2012 4
  5. 5. Evoluzione normativaLegge 23 luglio 2009, n. 99• La validità temporale dei bolli metrici e della marcatura <CE> apposti sui misuratori di gascon portata massima fino a 10 metri cubi/h è di quindici anni decorrenti dall’anno della loro anni, dall annoapposizione, in sede di verificazione o accertamento della conformità prima della loroimmissione in commercio (art. 30, comma 21)• Non può essere apposto un nuovo bollo recante l’anno di verificazione o di fabbricazione o di p ppapposizione della marcatura <CE> ai misuratori di gas sottoposti a verificazione dopo la lororiparazione o rimozione (art. 30, comma 23)• Ai fini di una graduale applicazione della prescrizione sul limite temporale dei bolli metrici,l’Autoritàl’A torità definisce le modalità e i tempi per procedere alla sostit ione dei mis ratori sostituzione misuratorivolumetrici di gas a pareti deformabili soggetti a rimozione, assicurando che i costi deimisuratori da sostituire non vengano posti a carico dei consumatori né direttamente néindirettamente (art. 30, comma 25)• L’Autorità può disporre la sostituzione dei misuratori volumetrici a pareti deformabili concontatori elettronici teleletti e telegestiti, che assicurino vantaggi ai consumatori finali in terminidi maggiori informazioni nonché di riduzioni tariffarie conseguenti ai minori costi sostenuti dalleimprese (art 30 comma 25) (art. 30,D. Lgs. 2 febbraio 2007, n. 22 (recepimento Direttiva MID)Si rimandano ad un successivo decreto le disposizioni in merito di controlli sui sistemi dimisura del gas naturale (art. 19, comma 2) 5
  6. 6. Evoluzione tecnologica gGruppi di misuraIl rispetto dei requisiti richiesti dalla delibera ione ARG/gas 155/08 p ò essere req isiti deliberazione puòperseguito utilizzando diverse soluzioni tecnologiche.Sistemi di telecomunicazione per la trasmissione dei datiE’ possibile scegliere di realizzare i sistemi ICT in proprio oppure in outsourcingAlimentazione degli apparati di misuraI gruppi di misura e i concentratori possono essere alimentati a batteria o attraversola rete elettrica. 6
  7. 7. Finalità della consultazione Documento per la consultazione 19 maggio 2011, DCO 17/11 Valutazione di possibili modifiche della regolazione tariffaria del servizio di misura sulle reti di distribuzione del gas naturale, finalizzate: • garantire la copertura dei costi (efficienti) • differenziare meglio il livello dei ricavi ammessi p le singole imprese g per g p distributrici in funzione del grado di assolvimento degli obblighi di installazione previsti dalla deliberazione ARG/gas 155/08 e dei costi ad essi conseguenti Il documento non analizza né eventuali opzioni tecnologiche né eventuali ipotesi di differimento degli obblighi previsti dalla deliberazione ARG/gas 155/08. 7
  8. 8. Impatto regolatorio p g 8
  9. 9. Copertura degli investimenti di località p gAspetto interessatoL attualeL’attuale regolazione del servizio di distribuzione e misura del gas naturale prevedeche i costi di capitale relativi alle immobilizzazioni di località (vedasi comma 5.2della RTDG) siano coperti mediante una componente tariffaria - t(mis)capex -calcolata sulla base degli investimenti effettivamente sostenuti. gAnalisiNel caso del servizio di misura appartengono ai cespiti di località le sole tipologierelative a gruppi di misura, ivi compresi i trasduttori di segnale.In futuro potranno essere introdotti valori standard, ma la stratificazione dei costisostenuti fino a tale data sarà comunque riconosciuta riconosciuta. 9
  10. 10. Copertura dei costi operativi relativiall’installazione e manutenzione ll’i t ll i t iAspetto interessatoI costi operativi relativi alle operazioni di installazione e manutenzione deimisuratori - t(ins)opex - sono stati determinati sulla base dei costi medi sostenutinell’anno 2006 e riflettono pertanto gli obblighi esistenti nell’anno 2006 inmateria di verifiche periodiche dei gruppi di misura (misuratore e convertitore).Analisi• Obbligo di fornire la misura del gas alle condizioni standard: introdotto con ladeliberazione ARG/gas 155/08, potrebbe comportare un aumento dei costioperativi p le imprese distributrici p la verifica biennale obbligatoria dei p per p per gconvertitori di volume (costi in funzione del proprio parco misuratori).• Obblighi di verifica dei misuratori, di cui ai previsti decreti ex D.Lgs. 22/2007:comporteranno un aumento dei costi di manutenzione. 10
  11. 11. Copertura degli investimenti in sistemi ditelegestionet l tiAspetto interessatoL’attuale regolazione del servizio di distribuzione e misura del gas naturale prevedeche i costi di capitale relativi alle immobilizzazioni centralizzate diverse dai fabbricati(vedasi commi 5.1 – 5.3 della RTDG) siano coperti mediante una componente( 1 3 G)tariffaria - t(cen)capex - calcolata in modo parametrico sulla base dei dati di bilancio al31 dicembre 2006 e aggiornata in funzione del tasso medio di variazione degliinvestimenti rilevato in ciascun anno anno.AnalisiEssendo i sistemi di telegestione appartenenti alle immobilizzazioni centralizzate, ilmeccanismo previsto per la remunerazione del capitale investito prescindedall’effettivo investimento delle singole imprese e tende a essere premiante per leimprese che non ii h investono ovvero che i t h investono meno d ll media nazionale. t della di i l 11
  12. 12. Copertura dei costi operativi relativi allaraccolta, validazione e registrazione dellemisureAspetto interessatoI costi operativi relativi alle operazioni di raccolta, validazione e registrazionedelle misure - t(rac)opex - sono stati determinati sulla base della mediana deicosti unitari sostenuti nell’anno 2006. Tale costo fa riferimento a modalità diraccolta dati manuali e alle frequenze di rilevamento fissate con la deliberazione229/01,229/01 ora recepite dal TIVGTIVG.AnalisiLa legge 99/2009 ( t 30 comma 25) prefigura che i misuratori elettroniciL l (art. 30, fi h i t i l tt i iassicurino ai consumatori finali “riduzioni tariffarie conseguenti ai minori costisostenuti dalle imprese”.A fronte di una riduzione d i costi, il mantenimento d ll attuali regole per f t id i dei ti t i t delle tt li ll’aggiornamento della componente t(rac)opex potrebbe determinare temporaneisovra-profitti per le imprese. 12
  13. 13. Costi capitalizzati / costi di service pAspetto interessatoAlcune attività (man ten ione straordinaria/raccolta, alida ione registrazione,Alc ne atti ità (manutenzione straordinaria/raccolta validazione e registra ione maanche l’acquisto degli strumenti) potrebbero essere svolte direttamente dall’impresaacquisendo i cespiti relativi all’attività, oppure essere delegati ad un servizio esterno(service).(service)L’alternativa del service, inoltre, può essere sia condizionata dalla dimensioneaziendale, sia temporalmente limitata.AnalisiUna tariffa media di riferimento potrebbe non intercettare tutte le realtà, ovvero unriferimento medio b if i t di basato sui d ti di bil t i dati bilancio potrebbe essere alterato d ll scelte i t bb lt t dalle ltorganizzative e/o strategiche delle imprese. 13
  14. 14. Alimentazione degli apparati g ppAspetto interessatoAlimentazione batteria:Alimenta ione a batteria costi di capitale limitati ma inter enti di sostit ione delle interventi sostituzionebatterie frequenti e dipendenti dal grado di utilizzo delle apparecchiatureAlimentazione da rete elettrica: praticamente costi di connessione (costi annuali peruso dell’energia esigui)AnalisiPer i gruppi di misura appare più efficiente l’alimentazione a batteria Frequenza attesa di sostituzione della batteria: q - per gruppi di classe superiore a G6: ogni 2 anni, durante la verifica periodica - per gruppi di classe non superiore a G6: 1 volta nella vita utilePer i concentratori appare più efficiente l’alimentazione a rete 14
  15. 15. Proposte p 15
  16. 16. Copertura degli investimenti di località p g Mantenimento dell’attuale criterio di regolazione: • componente calcolata sulla base dei costi effettivi sostenuti dalle imprese • a regime, componente calcolata in base a costi standard per gli investimenti successivi alla fissazione degli standard medesimi 16
  17. 17. Copertura dei costi operativi di installazionee manutenzione dei gruppi di misura i d i i iDall’aggiornamento tariffario dell’anno 2013, prevedere due corrispettivi unitaridifferenziati per tipologia di gruppo:• per gruppi di misura di classe inferiore o uguale a G6 (per i quali ad oggi non siipotizzano obblighi di verifica periodica) o di classe maggiore a G6 non conformi airequisiti della deliberazione ARG/gas 155/08 base t (ins)topex• per gruppi di misura di classe maggiore di G6 conformi ai requisiti delladeliberazione ARG/gas 155/08 >G 6 ele t (ins ) topex = base t (ins ) topex + ΔCVERunit 17
  18. 18. Copertura dei costi dei misuratori sostituiti pSostituzione dei misuratori tradizionali con misuratori elettronici:• gruppi di misura con anzianità maggiore o uguale a 15 anni (dismessi dopo lascadenza del relativo bollo metrico) nessuna copertura• altri gruppi di misura mantengo la copertura dell’ammortamento residuo: d ll’ t t id dichiarazione di vetustà del parco misuratori all’Autorità sulla base della distribuzione di età dei gruppi di misura per anno di installazione e tenendo conto dei gruppi di misura effettivamente sostituiti in ciascun anno, l’Autorità determina il costo residuo da riconoscere, assumendo che i primi contatori ad essere sostituiti siano quelli più vetusti nel caso in cu l’impresa d st but ce non s a in g ado d docu e ta e e cui p esa distributrice o sia grado di documentare l’effettiva vetustà dei gruppi di misura installati: nessuna copertura 18
  19. 19. Copertura dei costi di capitale centralizzatirelativi a sistemi di telegestione l ti i i t i t l ti• Introduzione, a partire dall’aggiornamento tariffario per il 2012, della t t(cen,mis)capex relativa alle “icomponente t( i ) l ti ll “immobilizzazioni materiali e i bili i i t i li immateriali t i licentralizzate relative ai sistemi di telegestione”• Livello parametrico della componente: costo unitario medio per punto diconsegna valutato aggregando i costi di investimento in sistemi di telegestionedelle imprese che hanno scelto la soluzione “make” nell’anno 2010, rapportatoal numero di punti di riconsegna di cui è prevista la predisposizione per latelegestione nell’anno 2012 riferito alle medesime it l ti ll’ if it ll d i imprese di t ib t i i distributrici• Applicazione: anche alle imprese che hanno scelto soluzioni outsourcing• Aggiornamento: nel transitorio in analogia a quanto sopra riportato e a regimea costi standard• Incremento al vincolo dei ricavi ammessi solo per le imprese che rispettano gliobblighi: bbli hi VRM tcen ,capex = ele NUAteff ⋅ t (cen, mis ) tcapex ,c ,c 19
  20. 20. Copertura dei costi operativi relativi allaraccolta, validazione e registrazione dellemisure• Mantenimento dell’attuale criterio di aggiornamento della componente t(rac)opexfino alla fine dell’anno 2016 (ultimo anno del quarto periodo regolatorio e ultimascadenza degli obblighi)• Differenziazione del valore t(rac)opex tra imprese in regola e imprese in ritardorispetto agli obiettivi di i t ll i i tt li bi tti i installazione d i misuratori elettronici (fi dei i t i l tt i i (fissazione d l i dellivello iniziale per il quarto periodo regolatorio a vantaggio delle imprese cherispettano gli obblighi: quota del maggior recupero di produttività maggiore del50%)• Ripartizione a regole vigenti per il quinto periodo regolatorio (anno diriferimento 2015) 20
  21. 21. Alimentazione degli apparati g ppRicomprendere i costi nelle componenti già proposteConcentratori• Costi di connessione: ricompresi nei costi di capitale centralizzati, nellacomponente t(cen,mis)capex• Costi relativi all’alimentazione: ricompresi nei costi operativi di raccolta, nellacomponente t(rac)opexGruppi di misura• Costi relativi all alimentazione a batteria dei gruppi di misura: all’alimentazione - per gruppi di classe superiore a G6: ricompresi negli extra-costi per le verifiche, nella componente ΔCVERunit - per gr ppi di classe non s periore a G6 gruppi superiore G6: i costi relativi alle batterie si ritengono capitalizzabili• Costi relativi alla connessione elettrica dei gruppi di misura: - non riconosciuti nei costi di capitale di località - da scorporare dal capitale investito riconosciuto 21
  22. 22. Per osservazioni e proposte al DCO 17/11: tariffe@autorita.energia.it tariffe@autorita energia it Grazie per l’attenzione l attenzione 22

×