Ottimizzazione dei consumi di energia con interruttori di bassa tensione

675 views
579 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
675
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
287
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Immagine centro com
  • foto
  • Ritorno investimento il primo anno, dato che il dispositivo costa qlc centinaia di €
  • Ottimizzazione dei consumi di energia con interruttori di bassa tensione

    1. 1. Pietro Esposto, Conferenza stampa tecnologica, 14 febbraio 2013Ottimizzazione dei consumi di energia in BTIl Power Controller di SACE Emax2
    2. 2. I profili di carico L’elevato numero di utilizzatori degli impianti in BT genera un profilo di consumo variabile in modo non sempre prevedibile. Effetti: Aumento della domanda di Potenza  penali, aumento potenza contrattuale e costi fissi maggiori Rischio sovraccarico  interruzione di servizio, necessità di sovradimensionamento impianti Elevato impegno di potenza disponibile  riserve di energia, copertura picchi con energia ad alto costo© ABB Italia – Conferenza Stampa Tecnologica14 febbraio 2013 | Slide 3
    3. 3. Il controllo dei carichiOggi Sistemi di power management possono coordinare l’utilizzo delle utenze mantenendo il livello di servizio e ridurre picchi. Struttura del sistema di controllo: Dispositivi dedicati o PLC Software dedicato Strumenti di misura su ogni utenza collegati al controller I sistemi di power management, a causa della complessità introdotta, vengono previsti solo in situazioni particolari.© ABB Italia – Conferenza Stampa Tecnologica14 febbraio 2013 | Slide 4
    4. 4. Il controllo dei carichiCon Power Controller di SACE Emax2 ABB introduce la funzione «Power Controller» direttamente a bordo del nuovo interruttore aperto SACE Emax2, che rende il Power Management accessibile ovunque. Vantaggi: Efficace: logica basata su previsione potenza assorbita. Il Power Controller mantiene i limiti desiderati comandando carichi (interruttori, contattori, drives…) a valle. Può anche avviare generatori locali Personalizzabile: l’utente sceglie l’elenco carichi controllabili in base a tipo, priorità e fasce orarie Semplice: non richiede sistemi di controllo dedicati. Autonomo e programmabile dall’utente finale via PC. Controllo dei soli utilizzatori che non richiedono alimentazione continua: HVAC, ricarica veicoli, frigoriferi, forni… Quadro con Quadro remoto Power Controller© ABB Italia – Conferenza Stampa Tecnologica14 febbraio 2013 | Slide 5
    5. 5. Il controllo dei carichi con Power ControllerEsempio applicativo Edificio commerciale Quota Potenza [€/anno] Potenza installata: P. impegnata 580kW 500kW Risparmio senza Power Controller: 580kW [€/anno] Con Power Controller: 500kW Italia 16,261 14,018 2,243 Spagna 7,638 6,585 1,053 Brasile 20,949 18,060 2,889© ABB Italia – Conferenza Stampa Tecnologica14 febbraio 2013 | Slide 6
    6. 6. Power ControllerEvoluzioni  Integrazione con Smart Grids: il Power controller diventa il gestore della rete di BT, e agisce da interfaccia unica con la rete di distribuzione MT  Integrazione sistemi di microgenerazione e di ricarica veicoli elettrici  Migliore pianificazione dell’energia, a partire dai singoli utilizzatori I nuovi interruttori aperti SACE Emax2© ABB Italia – Conferenza Stampa Tecnologica14 febbraio 2013 | Slide 7
    7. 7. © ABB GroupFebruary 15, 2013 | Slide 8

    ×