Franci   scenari fer h toscana(1)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
427
On Slideshare
427
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. SCENARI PER LE RINNOVABILI TERMICHE AL 2020 IN TOSCANA TOMMASO FRANCIFIRENZE, 13 GENNAIO 2012
  • 2. La direttiva 2009/28/CE richiede che ognipaese adotti un piano di azione nazionale (PAN) per le fonti rinnovabili ( Italia: 30 giugno 2010) Nel piano deve essere indicata una stima sul potenziale di sviluppo al 2020 per ogni fonte rinnovabile e tecnologia di sfruttamento Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 3. OBIETTIVO 2020 GLOBALE DEL PANITALIA PER LE FONTI RINNOVABILI OBIETTIVO GLOBALE DEL 17% DEL CONSUMO ENERGETICO FINALE LORDO COPERTO DA FONTI RINNOVABILI Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 4. Rapporto tra dinamica dei consumi e politicheper l’efficienza energetica nella direttiva 2009/28/CE Il piano di azione prevede la formulazione di due previsioni per i consumi finali di energia attesi tra il 2010 e il 2020: 1) “Scenario di riferimento” comprensivo degli effetti attesi delle politiche di efficienza energetica adottate prima del 2009, sul livello dei consumi; 2) “Scenario di efficienza energetica supplementare” comprensivo degli effetti attesi delle politiche di efficienza energetica adottate dal 2009, sul livello dei consumi; CRITICITA’ •  Integrazione tra politiche per le rinnovabili (direttiva 2009/28/CE) e politiche per l’efficienza energetica (direttiva 2006/32/CE); •  Formulazione di previsioni a breve-medio periodo anche alla luce della caduta dei consumi nell’attuale situazione di crisi. •  Valutazione dell’efficacia delle politiche di efficienza energetica in termini di impatto sul livello dei consumi Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 5. Consumo finale lordo di energia: 1990-2009e previsioni PAN 2010-2020 (ktep) Consumo energetico finale lordo 1990-2009 Consumo energetico finale lordo 2010-2020,"scenario di riferimento" PAN Consumo energetico finale lordo 2010-2020,"scenario di efficienza energetica supplementare" PAN 160.000   150.000   140.000   130.000   120.000   110.000   100.000   90.000   80.000   70.000   60.000   50.000   40.000   30.000   20.000   10.000   0   2000   2001   2002   2003   2004   2005   2006   2007   2008   2009   2010   2011   2012   2013   2014   2015   2016   2017   2018   2019   2020   Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 6. Obiettivo ITALIA 2020: 17% di consumi da fonti rinnovabili, scenari PAN di previsione 2010-2020 dei consumi:il trade-off tra rinnovabili e efficienza energetica (ktep e %) Consumi    coper:  da  FER  2000-­‐2009  (ktep)   ObieEvo  2020  e  traieGoria  della  quota  di  FER,  scenario  di  efficienza  energe:ca  supplementare  (ktep)   ObieEvo  2020  e  traieGoria  della  quota  di  FER,  scenario  di  riferimento  (ktep)   %  di  CEFL  coper3  da  FER  2000-­‐2009  (%)   Obie<vo  2020  e  traie?oria  indica3va  della  quota  di  FER  (%)   25.000   25   20.000   20   17  %   15.000   15   ktep   10.000   10   5.000   5   0   0   2000   2001   2002   2003   2004   2005   2006   2007   2008   2009   2010   2011   2012   2013   2014   2015   2016   2017   2018   2019   2020   Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 7. OBIETTIVI SETTORIALI 2020 DEL PAN ITALIA•  29,9 % obiettivo 2020 per il settore elettrico che richiede ulteriori 4,4 Mtep, (circa 51,2 TWh). Il 26,4 % coperto da produzione interna con una quota di import pari al 3,5% del CFL.•  17,09 % (10,5 Mtep) obiettivo 2020 per i consumi nel settore “riscaldamento – raffreddamento” che rispetto al 2008 richiede ulteriori 7,6 Mtep (55% dello sforzo complessivo per arrivare all’obiettivo globale)•  10 % obiettivo 2020 per il settore trasporti 2,5 Mtep, che richiede ulteriori 1,8 Mtep rispetto al 2008 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 8. Elettricità, trasporti e riscaldamento raffreddamento:consumi 1990-2009 e previsioni PAN 2010-2020 (ktep) Consumo  finale  lordo  per  riscaldamento/raffreddamento  1990-­‐2009   Consumo  finale  lordo  di  eleGricità  1990-­‐2009   Consumo  finale  di  energia  per  traspor:  (art.3,  par.4,  let.  a)  1990-­‐2009   Consumo  finale  lordo  per  riscaldamento/raffreddamento  2010-­‐2020  (PAN)   Consumo  finale  lordo  di  eleGricità  2010-­‐2020  (PAN)   Consumo  finale  di  energia  per  traspor:  (art.3,  par.4,  let.  a)  2010-­‐2020  (PAN)   70.000   60.000   50.000   40.000   30.000   20.000   10.000   0   1990   1991   1992   1993   1995   1996   1997   1999   2000   2001   2002   2003   2005   2006   2007   2009   2010   2011   2012   2013   2015   2016   2017   2019   2020   1994   1998   2004   2008   2014   2018   Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 9. Obiettivi settoriali del Piano di azionenazionale per le rinnovabili (ktep) Settore elettrico* Settore riscaldamento/raffreddamento Settore trasporto11 00010 000 9 000 8 000 7 000 6 000 5 000 4 000 3 000 2 000 1 000 0 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020*Dati e previsioni normalizzateFonte: elaborazioni REF su dati Eurostat e PAN Italia Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 10. Consumi riscaldamento-raffreddamento scenario PAN: Obiettivo FER e obiettivo efficienza energetica •  2010-2020 scenario di efficienza energetica supplementare PAN: prevede per l’Italia al 2020 un CFL-H pari a 61,2 Mtep con un aumento rispetto al valore stimato per il 2010 (58,9 Mtep), di 2,2 Mtep (+0,37%) ad un t.m.a. dello 0,37 %. •  L’effetto sui consumi delle politiche di efficienza energetica nello scenario 2010-2020 del PAN si manifesterebbe tra il 2010 e il 2011con una riduzione iniziale dei consumi di circa 5 Mtep rispetto allo scenario di riferimento •  L’obiettivo 2020 (17,1 %) per i consumi FER nel settore “riscaldamento – raffreddamento” rispetto al 2008 richiede ulteriori 7,6 Mtep per arrivare a 10,5 Mtep CFL-H da fonti rinnovabili CFL-H da fonti non rinnovabili Minori consumi previsti dal PAN 70.000 60.000 50.000 40.000ktep 30.000 20.000 10.000 0 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 11. Le stime del PAN Italia per il contributo delle diverse fontiper l’obiettivo “riscaldamento/raffreddamento” (2010-2020) Var. Rip. % (ktep) 2010 2020 2010-2020 variazione Geotermia 226 300 74 1,1 Solare 113 1.586 1.473 22,3 Biomasse 2.239 5.670 3.431 51,9 solide 2.206 5.254 3.048 46,1 biogas 26 266 240 3,6 bioliquidi 7 150 143 2,2 FER da pompe di calore 1.273 2.900 1.627 24,6 di cui aerotermica 1.127 2.175 1.048 15,9 di cui geotermica 40 522 482 7,3 di cui idrotermica 105 203 98 1,5 TOTALE 3.851 10.456 6.605 100,0 di cui teleriscaldamento 144 900 756 11,4 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 12. Le stime del PAN Italia per il contributo delle diversefonti all’obiettivo riscaldamento raffreddamento Biomasse Geotermia Solare termico Pompe di calore 11.000 10.000 9.000 8.000 7.000ktep 6.000 5.000 4.000 3.000 2.000 1.000 0 Fonte: elaborazioni UGI su dati Eurostat e PAN Italia Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 13. Consumi “riscaldamento e raffreddamento”:settori d’uso e fonti •  Nei consumi per riscaldamento raffreddamento (al contrario di quelli di elettricità o per trasporti) la scelta di passare alle FER è quasi sempre una scelta consapevole della domanda e non imposta dall’offerta. •  Le maggiori potenzialità sembrano esserci oggi nel settore civile (domestici e servizi) •  Le politiche di promozione delle fonti rinnovabili nel settore riscaldamento raffreddamento devono coinvolgere in modo più forte i protagonisti della domanda rispetto ai settori elettrico e dei trasporti Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 14. Politiche per la promozione delle FER termiche2010-2020: regolazione e incentivazione•  Regolazione ü  Standard tecnici ü  Qualificazione degli installatori ü  Obblighi negli edifici•  Incentivi ü  Per abbattere il differenziale di costo rispetto alle tecnologie di riferimento “non FER” e consentire la penetrazione delle tecnologie FER disponibili e mature ai fini degli obiettivi o  Efficacia (riduzione del costo delle tecnologia FER adeguata a stimolare una crescita della domanda che consenta di raggiungere gli obiettivi) o  Efficienza (minimizzazione dei costi di sostegno) Il ruolo degli incentivi è rivolto prevalentemente alle decisioni delle famiglie e delle imprese come utenze di consumi di energia termica Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 15. Strategia di attuazione delle politiche per l’obiettivo 2020 FER termiche: 4 driverü  Emersione consumi non contabilizzati con il nuovo sistema statistico per la rilevazione degli usi di FER termiche in base alla 2009/28/CE (SIMERI-GSE)ü  Ulteriore penetrazione delle FER termiche nei segmenti di mercato in cui sono già competitive (informazione)ü  Penetrazione indotta dagli obblighi di integrazione delle FER negli edificiü  Incremento sostenuto dall’incentivazione delle diverse tecnologie FER nei segmenti di mercato dove sono più vicine alla competitività Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 16. Regolazione per le FER termiche nel DLgs28/2011obblighi integrazione FER negli edifici •  L’installazione delle pompe di calore Zona C - edifici nuovi garantisce un consumo da fonte rinnovabile superiore al 70% del consumo Rinnovabile Non rinnovabile totale della famiglia. 100% •  per gli edifici nuovi o sottoposti a 90% ristrutturazioni rilevanti, le percentuali minime di consumo di energia proveniente 80% da impianti alimentati a fonte rinnovabile 70% ai fini del riscaldamento e del 60% raffrescamento e per acqua calda sanitaria kWh/anno 50% previste dall’allegato 3 del decreto 40% legislativo n. 28/2011 30% ü  20% per gli edifici nuovi/fortemente ristrutturati nel 2013 20% ü  35% per gli edifici nuovi/fortemente 10% ristrutturati nel 2016 0% ü  50% per gli edifici nuovi/fortemente gas nat + stufa pellet caldaia PdC aria- PdC suolo- gas nat GPL ristrutturati nel 2017 solare + gas nat legna acqua acqua tra le configurazioni considerate quelle che prevedono l’utilizzo di biomassa o Fonte: elaborazioni Ref l’installazione di PdC forniscono il maggior contributo al rispetto dei vincoli di legge. 16 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 17. Regolazione per le FER termiche nel DLgs 28/2011 Qualificazione degli installatori•  Articolo 15 del Dlgs n. 28/2011•  La qualifica professionale per l’attività di installazione e di manutenzione straordinaria di caldaie, caminetti e stufe a biomasa, sistemi solari termici, sistemi geotermici a bassa entalpia e di pompe di calore, è conseguita col possesso dei requisiti tecnico professionali di cui alle lettere a), b) o c) del c. 1 dell’art. 4 del DM MSE 22 1 2008, n. 37,•  A decorrere dal 1° agosto 2013, i requisiti tecnico professionali di cui all’art. 4, c. 1, lettera c) del regolamento di cui DM MSE 22 1 2008, n. 37, si intendono rispettati quando: a) il titolo di formazione professionale è rilasciato nel rispetto delle modalità di cui ai commi 3 e 4 e dei criteri di cui all’allegato 4 e attesta la qualificazione degli installatori; b) il previo periodo di formazione è effettuato secondo le modalità individuate nell’allegato 4.•  Entro il 31 dicembre 2012, le Regioni e le Province autonome, nel rispetto dell’allegato 4, attivano un programma di formazione per gli installatori di impianti a fonti rinnovabili o procedono al riconoscimento di fornitori di formazione, dandone comunicazione al Ministero dello sviluppo economico, al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.•  Allo scopo di favorire la coerenza con i criteri di cui all’allegato 4 e l’omogeneità a livello nazionale, ovvero nel caso in cui le Regioni e le Province autonome non provvedano entro il 31 dicembre 2012, l’ENEA mette a disposizione programmi di formazione per il rilascio dell’attestato di formazione. 17 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 18. Regolazione per le FER termiche nel DLgs 28/2011Regolamentazione tecnica•  Articolo 10 e allegato 2 del Dlgs n. 28/2011•  A un anno dalla data di entrata in vigore del dlgs n. 28/2011, gli impianti accedono agli incentivi statali a condizione che rispettino i requisiti e le specifiche tecniche di cui all’allegato 2.•  Ogni due anni, UNI e CEI trasmettono al MSE e al MATTM una rassegna della normativa tecnica europea, tra cui i marchi di qualità ecologica, le etichette energetiche e gli altri sistemi di riferimento tecnico creati da organismi europei di normalizzazione, applicabili ai componenti, agli impianti e ai sistemi che utilizzano fonti rinnovabili. La rassegna include informazioni sulle norme tecniche in elaborazione.•  Sulla base della documentazione trasmessa da UNI e CEI, l’allegato 2 è periodicamente aggiornato.•  Allegato 2 del Dlgs n. 28/2011•  Per le pompe di calore laccesso agli incentivi statali di ogni natura è consentito a condizione che soddisfino i seguenti requisiti:•  a) per le pompe di calore elettriche il coefficiente di prestazione (COP) e, qualora lapparecchio fornisca anche il servizio di climatizzazione estiva, lindice di efficienza energetica (EER) devono essere almeno pari ai valori indicati per l’anno 2010 nelle tabelle di cui all’allegato 1, paragrafi 1 e 2 del DM 6 agosto 2009. La prestazione delle pompe deve essere misurata in conformità alla norma UNI EN 14511:2008. Al momento della prova la pompa di calore deve funzionare a pieno regime, nelle condizioni indicate nella tabella;•  b) per le pompe di calore a gas il coefficiente di prestazione (COP) deve essere almeno pari ai valori indicati per l’anno 2010 nella tabella di cui all’allegato 1, paragrafo 3, del DM 6 agosto 2009. Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 19. Incentivi per le FER termichenel DLgs 28/2011Esclusione della fiscalità generale per finanziare i nuovi incentivi (Art. 27)•  Contributi per piccoli interventi (Art. 28) L’art. 28 introduce contributi per sostenere interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili (e di incremento dell’efficienza energetica) di piccole dimensioni (dal 31 dicembre 2011), i contributi sono finanziati tramite le tariffe del gas naturale.•  Titoli di efficienza energetica (Art. 29) L’articolo 29 è dedicato ai certificati bianchi e al ruolo che dovrebbero svolgere come incentivo per le FER termiche, contiene però solo nuovi indirizzi integrativi per i provvedimenti già previsti dalla norma di riordino del sistema dei TEE. I TEE sono finanziati tramite le tariffe elettriche e del gas naturale.•  Fondo di garanzia per reti TLR (Art. 22) L’art. 22 prevede l’istituzione di un fondo di garanzia per lo sviluppo delle reti di teleriscaldamento, il fondo sarà finanziato con oneri a carico delle tariffe del gas. Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 20. L’EVOLUZIONE NEL RUOLO DEGLI ATTORIISTITUZIONALI DELLE POLITICHE ENERGETICHE   POLITICHE UNIONE   Le   poli3che   di   promozione   delle   EUROPEA fon3   rinnovabili   e   dell’efficienza   energe3ca   sono   cara?erizzate   da   una   pluralità   degli   a?ori   e   dei   livelli   di   governo   (Commissione   POLITICHE NAZIONALI europea,   sta3,   regioni   ed   en3   locali)   che   cos3tuiscono   la   g o v e r n a n c e   i s 3 t u z i o n a l e   dell’intervento   pubblico   nel   se?ore   POLITICHE LOCALI Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 21. BURDEN SHARING REGIONALE DEGLIOBIETTIVI NAZIONALI 2020 PER LE RINNOVABILI Commi 167 e 168 dell’articolo 2 della legge Finanziaria 2008 modificati con la L. n.13 del 27 febbraio 2009 •  comma 167 Entro novanta giorni (27 maggio 2009) con uno più decreti la ripartizione tra le regioni della quota minima di incremento dell’energia prodotta con fonti rinnovabili necessaria per raggiungere l’obiettivo del 17% del consumo interno lordo entro il 2020 •  comma 168 Le regioni nei successivi novanta giorni dovranno adeguare i propri atti di indirizzo, o definirli se non esistenti, e adottare le iniziative di propria competenza per concorrere al raggiungimento dell’obiettivo nazionale. Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 22. Toscana: consumi finali di energia “riscaldamentoraffreddamento” per settore, 1990 e 2005(Fonte Enea, ktep)5.0004.5004.0003.5003.000 Domestici2.500 Terziario2.000 Agricoltura1.500 Industria1.000 500 0 Toscana 1990 Toscana 2005 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 23. Toscana: consumi finali di energia “riscaldamentoraffreddamento” 1990 - 2020 (ktep) ConsumI per "riscaldamento-raffreddamento" 2000-2009 ConsumI per "riscaldamento-raffreddamento" 2010-2020,"scenario di riferimento" ConsumI per "riscaldamento-raffreddamento","scenario A di efficienza energetica supplementare" ConsumI per "riscaldamento-raffreddamento","scenario B di efficienza energetica supplementare" 5.000 4.000 3.000ktep 2.000 1.000 0 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 24. Stima Amici della Terra per l’obiettivo 2020riscaldamento raffreddamento per la Toscana (ktep) Consumi per riscaldamento-raffreddamento coperti da FER 2000-2009 (ktep) Obiettivo 2020 e traiettoria intermedia della quota di FER-H, scenario di efficienza energetica supplementare (ktep) Obiettivo 2020 e traiettoria indicativa della quota di FER-H (%) 1.200 60 1.100 ktep 1.000 50 800 40ktep 600 28 % 30% 400 20 200 10 0 0 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 25. Stima Amici della Terra per il contributo delle fontirinnovabili all’obiettivo riscaldamento raffreddamento2020 per la Toscana (ktep) Biomasse Geotermia Solare termico Pompe di calore 1.200 1.100 1.000 900 800 700ktep 600 500 400 300 200 100 0 Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 26. requisiti per i piani d’azione regionali 2020 per le energie rinnovabili •  consumo finale di energia previsto nel 2020 tenendo conto degli effetti delle politiche di efficienza energetica; •  obiettivi settoriali 2020 per la quota di energia da fonti rinnovabili; •  obiettivi intermedi (2012, 2014, 2016 e 2018) per la quota di energia da fonti rinnovabili; •  rassegna delle politiche per la promozione delle fonti rinnovabili; •  misure per assicurare il coordinamento a livello regionale nel ruolo dei diversi livelli amministrativi coinvolti nelle procedure autorizzative, e nella pianificazione territoriale; •  misure per accelerare le procedure autorizzative e a ridurre gli ostacoli non tecnologici; •  misure di sostegno per le fonti rinnovabili; •  valutazioni sul contributo previsto di ciascuna tecnologia al conseguimento degli obiettivi 2020; •  valutazioni sul contributo delle misure di efficienza energetica e di risparmio energetico al conseguimento degli obiettivi 2020. Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 27. Il ruolo delle regioni nelle politiche per lefonti rinnovabili e l’efficienza energetica PRINCIPALI STRUMENTI DELLE POLITICHE REGIONALI •  PROGRAMMAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI SVILUPPO (Piani Energetici e atti di indirizzo Regionali) •  INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI •  REGOLAZIONE REGIONALE DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE CONNESSE AGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI •  REGIMI DI SOSTEGNO REGIONALI (Incentivi agli investimenti tramite POR-FESR, PSR-FEASR e altri strumenti) Ing. Massimiliano Pancani Tommaso Franci
  • 28. AMICI DELLA TERRAwww.amicidellaterra.it GRAZIE…