Telecontrollo e gestione della rete idraulica  nel comprensorio del Consorzio di Bonifica  dell’Emilia Centrale
PRESENTAZIONE – IL TERRITORIO - Estensione comprensorio kmq 3.127 - 3 regioni, Emilia Romagna, Lobmardia, Toscana; - 5 pro...
<ul><li>OPERE GESTITE IN PIANURA: </li></ul><ul><li>134.500 Ha di comprensorio </li></ul><ul><li>3.587 Km di canali  </li>...
PRESENTAZIONE – FUNZIONI IN MONTAGNA <ul><li>Sorveglianza e presidio del territorio </li></ul><ul><li>Sistemazione delle p...
PRESENTAZIONE – FUNZIONI IN PIANURA <ul><li>Assicurare il regolare deflusso delle acque piovane , evitando ristagni o inon...
PRESENTAZIONE – ATTIVITA’ <ul><li>La bonifica esercita una funzione composita in quanto partecipa a numerose altre funzion...
TELECONTROLLO – LA STORIA <ul><li>ANNO 1978: Il consorzio BPMS realizza il primo sistema di telecontrollo </li></ul><ul><l...
TELECONTROLLO – IL MONITORAGGIO 97 Stazioni periferiche installate nei punti strategici della rete idraulica 1 Postazione ...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SITUAZIONE ESISTENTE PRIMA DEL 2010 </li></ul>STAZIONI METEO MISURE LIVELLO  E PORTAT...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>OBIETTIVO PRIMARIO DEL  CONSORZIO </li></ul><ul><li>REALIZZARE L’UNIFICAZIONE DEI SIS...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>L’attività si è svolta in più fasi con gli apparati in continuo servizio: </li></ul><...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SITUAZIONE TRANSITORIA </li></ul>WAN HMI SERVER WEB FIREWALL SERVER NTP SERVER AZIEND...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>I sistemi di comunicazioni esistenti sono stati correttamente ripristinati sul nuovo ...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>Le necessità che hanno spinto il Consorzio CBEC al rinnovo sono: </li></ul><ul><ul><l...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SITUAZIONE FINALE </li></ul>RTU   WAN  DEL TELECONTROLLO  IEC 60870.5.104 TELECONTROL...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>OBIETTIVI DEL RINNOVAMENTO </li></ul><ul><li>Sostituzione a caldo degli apparati senz...
TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SVILUPPI OPERATIVI DEL SISTEMA </li></ul><ul><li>Acquisizione in tempo reale dei cons...
TELECONTROLLO –  AUTOMAZIONE NODO BORETTO ACCESSO TELECOM BORETTO SCOLO BORETTO CHIAVICA BORETTO 2 BORETTO 1 BORETTO VECCH...
TELECONTROLLO –  AUTOMAZIONE NODO BORETTO
TELECONTROLLO –  AUTOMAZIONE NODO BORETTO
PRESENTAZIONE FINE http:telecontrollo.emiliacentrale.it http:pda.emiliacentrale.it
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

SMART WATER 4 novembre

753 views
644 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
753
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
123
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

SMART WATER 4 novembre

  1. 1. Telecontrollo e gestione della rete idraulica nel comprensorio del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale
  2. 2. PRESENTAZIONE – IL TERRITORIO - Estensione comprensorio kmq 3.127 - 3 regioni, Emilia Romagna, Lobmardia, Toscana; - 5 province, Reggio Emilia, Modena, Parma, Mantova, Massa Carrara; - 65 comuni
  3. 3. <ul><li>OPERE GESTITE IN PIANURA: </li></ul><ul><li>134.500 Ha di comprensorio </li></ul><ul><li>3.587 Km di canali </li></ul><ul><li>72 Impianti irrigui e 6 impianti idrovori per esercizio di scolo - Portata complessiva di 416 mc/sec </li></ul><ul><li>12 casse di espansione per un totale di 547 Ha di estensione e capacità di stoccaggio acqua di 14.282.000 mc </li></ul><ul><li>8 impianti fotovoltaici e un impianto eolico sperimentale per produzione energia da fonti rinnovabili </li></ul><ul><li>Innumerevoli manufatti secondari </li></ul>PRESENTAZIONE – INFRASTRUTTURE <ul><li>OPERE GESTITE IN MONTAGNA: </li></ul><ul><li>178.200 Ha di comprensorio </li></ul><ul><li>Dal 1950 ad oggi abbiamo realizzato: </li></ul><ul><li>1.534 sistemazioni sul reticolo idraulico minore </li></ul><ul><li>7.192 sistemazioni idrualico-forestali </li></ul><ul><li>37 acquedotti rurali </li></ul><ul><li>18 invasi collinari </li></ul><ul><li>458km di viabilità minore </li></ul>
  4. 4. PRESENTAZIONE – FUNZIONI IN MONTAGNA <ul><li>Sorveglianza e presidio del territorio </li></ul><ul><li>Sistemazione delle pendici e dei versanti in frana dei territori acclivi </li></ul><ul><li>Controllo del dilavamento e dell’erosione dei terreni; </li></ul><ul><li>Valorizzazione agronomica del suolo </li></ul><ul><li>attraverso la sistemazione delle strade </li></ul><ul><li>interpoderali, degli acquedotti rurali, </li></ul><ul><li>dei bacini collinari; </li></ul><ul><li>Regimazione idraulica (risagomatura </li></ul><ul><li>fossi, correzioni d’alveo, briglie, soglie, </li></ul><ul><li>difese di sponda nei corsi d’acqua minori); </li></ul><ul><li>Consolidamento delle scarpate erose </li></ul><ul><li>(gabbionate tradizionali, terre armate, gabbionate con talee,…) </li></ul><ul><li>1800 kmq caratterizzati da un elevato grado di dissesto idrogeologico </li></ul>
  5. 5. PRESENTAZIONE – FUNZIONI IN PIANURA <ul><li>Assicurare il regolare deflusso delle acque piovane , evitando ristagni o inondazioni in seguito ad eventi meteoclimatici avversi; </li></ul><ul><li>Garantire l’irrigabilità dei terreni agricoli, contribuendo all’andamento della produzione agricola locale; </li></ul><ul><li>Raccolta, allontanamento e collettamento delle acque provenienti dagli scarichi di acque reflue (depuratori), quindi Supporto per la depurazione delle acque reflue , essendo la capillare rete dei canali di bonifica una sorta di enorme fito-auto-depuratore; </li></ul><ul><li>Questo complesso di fondamentali funzioni, che interessa discipline diverse quali la difesa del suolo, l’uso e la tutela delle risorse idriche, viene esercitato unitariamente dal Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale </li></ul>
  6. 6. PRESENTAZIONE – ATTIVITA’ <ul><li>La bonifica esercita una funzione composita in quanto partecipa a numerose altre funzioni pubbliche </li></ul><ul><li>Protezione civile (art. 14 della L.R. n. 1/2005 ) </li></ul><ul><li>Urbanistica (L.R. n. 20/2000) </li></ul><ul><li>Lavori pubblici (art. 90 D.Lgs. N. 163/2006 e art. 9 L.R. n. 22/2000) </li></ul><ul><li>Pesca (artt. 18 – 22 L.R. n. 11/1993) </li></ul><ul><li>Sviluppo della montagna (art. 5 L.R. n. 9/2004) </li></ul>
  7. 7. TELECONTROLLO – LA STORIA <ul><li>ANNO 1978: Il consorzio BPMS realizza il primo sistema di telecontrollo </li></ul><ul><li>ANNO 1995: Rinnovo complessivo del sistema di supervisione e controllo del Consorzio Bonifica Parmigiana Moglia Secchia (BPMS) </li></ul><ul><li>ANNO 1998: Rinnovo complessivo del sistema di supervisione e controllo del Consorzio Bentivoglio Enza (BBE) </li></ul><ul><li>ANNO 2002: Up-grade del centro di telecontrollo del Consorzio Bonifica Parmigiana Moglia Secchia (BPMS), con aggiornamento Software ed Hardware degli apparati centrali e sviluppo di interfaccia per pubblicazione dati sul WEB – storici e real-time </li></ul><ul><li>ANNO 2010 </li></ul><ul><li>In occasione della nascita del nuovo Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale (CBEC) - nato dalla fusione dei due consorzi BPMS+BBE - si manifesta l’esigenza di unificare e uniformare i processi di gestione e controllo degli impianti e viene realizzato il nuovo centro di telecontrollo </li></ul>
  8. 8. TELECONTROLLO – IL MONITORAGGIO 97 Stazioni periferiche installate nei punti strategici della rete idraulica 1 Postazione centrale di controllo e supervisione della rete 300 Km di linea in cavo proprietario che garantisce la comunicazione tra centro e periferia 800 Il numero degli strumenti installati in campo I numeri del sistema N. Accessi contemporanei dal WEB per comando, gestione e controllo
  9. 9. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SITUAZIONE ESISTENTE PRIMA DEL 2010 </li></ul>STAZIONI METEO MISURE LIVELLO E PORTATA CANALI MISURE LIVELLO E PORTATA CANALI CONTROLLO POMPE E AUTOMAZIONI STAZIONI METEO MISURE LIVELLO E PORTATA CANALI CENTRI DI CONTROLLO NON COMUNICANTI LAN ETHERNET RIDONDATA LAN AZIENDALE N°57 STAZIONI PERIFERICHE DI TELECONTROLLO RETE IDRAULICA EX BPMS SCADA DUALE CONTROLLO POMPE E AUTOMAZIONI LINEA TELEFONICA CONSORZIALE + GSM CENTRO DI TELECONTROLLO - SEDE DI REGGIO EMILIA – RETE EX BPMS ARCHIVIO DATI E INTERNET RETE RADIO UHF LAN ETHERNET RIDONDATA SCADA DUALE N°18 STAZIONI PERIFERICHE ETG STAZIONI METEO CENTRO DI TELECONTROLLO - SEDE DI GUALTIERI – RETE EX BBE N°11 STAZIONI PERIFERICHE SELTA IMPIANTI E NODI EX BBE UTENTE REPERIBILE
  10. 10. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>OBIETTIVO PRIMARIO DEL CONSORZIO </li></ul><ul><li>REALIZZARE L’UNIFICAZIONE DEI SISTEMI SENZA INCONVENIENTI E CON LA GARANZIA DI AVERE CONTINUITA’ E SICUREZZA DI SERVIZIO DURANTE IL TRANSITORIO </li></ul>
  11. 11. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>L’attività si è svolta in più fasi con gli apparati in continuo servizio: </li></ul><ul><ul><li>Implementazione di una rete di server e workstation per la supervisione, interazione con la rete aziendale; </li></ul></ul><ul><ul><li>Upgrade alla versione eXPert della configurazione ex BPMS mantenendo invariate le funzionalità del sistema; </li></ul></ul><ul><ul><li>Upgrade alla versione eXPert della configurazione ex BBE mantenendo invariate le funzionalità del sistema; </li></ul></ul><ul><ul><li>Creazione di un gateway di interfacciamento di tutte le periferiche ex BBE con funzionalità di monitoraggio e comando. Questo tipo di intervento ha consentito di mantenere inalterate alcune peculiarità del sistema: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Utilizzo del ponte radio come sistema di comunicazione con i nodi idraulici; </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Integrazione delle periferiche ETG nel nuovo centro di supervisione. </li></ul></ul></ul>
  12. 12. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SITUAZIONE TRANSITORIA </li></ul>WAN HMI SERVER WEB FIREWALL SERVER NTP SERVER AZIENDALE LAN ETHERNET RIDONDATA GPS FRONT END CBEC LAN BEC UTENTI ESTERNI CBBE FRONT END GTW UTENTE REPERIBILE HMI WEB N°57 STAZIONI DI TELECONTROLLO RETE IDRAULICA EX BPMS MISURE LIVELLO E PORTATA CANALI CONTROLLO POMPE E AUTOMAZIONI STAZIONI METEO CONTROLLO PARATOIE LINEA TELEFONICA CONSORZIALE + GSM N°18 STAZIONI PERIFERICHE ETG STAZIONI METEO STAZIONI METEO MISURE LIVELLO CANALI N°11 STAZIONI IMPIANTI E NODI IDRAULICI EX BBE CONTROLLO PARATOIE CONTROLLO POMPE E AUTOMAZIONI MISURE LIVELLO E PORTATA CANALI PONTE RADIO UHF
  13. 13. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>I sistemi di comunicazioni esistenti sono stati correttamente ripristinati sul nuovo centro di supervisione. </li></ul><ul><li>E’ stata completata l’integrazione della base dati dei due ex consorzi creando un unico punto di raccolta dati per tutto il territorio composto da: </li></ul><ul><ul><li>Un DBS real time contenente i dati di tutti gli impianti CBEC; </li></ul></ul><ul><ul><li>Un DBS ORACLE contenente i dati storici di tutti gli impianti CBEC. </li></ul></ul><ul><li>Sono state rese disponibile le nuove funzionalità del sistema eXPert per la gestione dei dati. </li></ul><ul><li>Le pagine video sono state raggruppate in un unico DBS e rese disponibili agli operatori. La veste grafica verrà rivisitata in concomitanza della sostituzione degli apparati periferici. </li></ul><ul><li>E’ stato mantenuto il funzionamento del quadro sinottico in sala operativa. </li></ul><ul><li>Sono stati attivati gli accessi WEB per l’interazione da remoto con il sistema di supervisione e gli impianti : </li></ul><ul><ul><li>HMI remoti, ScadaWEB per PC e ScadaWEB Pda, applicativo per palmari. </li></ul></ul><ul><li>Disponibilità di un sistema aperto (protocolli di comunicazione standard IEC, connettività IP fra tutte le funzioni centrali e/o le periferiche. </li></ul>
  14. 14. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>Le necessità che hanno spinto il Consorzio CBEC al rinnovo sono: </li></ul><ul><ul><li>Realizzare un unico centro di controllo nella sede di Reggio Emilia; </li></ul></ul><ul><ul><li>Sostituire l’hardware dei posti di supervisione che, essendo ormai obsoleto, non è più in grado di offrire le garanzie di continuità necessarie; </li></ul></ul><ul><ul><li>Fornire agli utenti che hanno la necessità di interfacciarsi al consorzio strumenti nuovi e più flessibili; </li></ul></ul><ul><ul><li>Sostituire e uniformare le apparecchiature di acquisizione periferiche con apparati di nuova generazione allineati alle attuali tecnologie e agli standard vigenti ; </li></ul></ul><ul><ul><li>Monitorare e controllare nuovi impianti; </li></ul></ul><ul><ul><li>Utilizzo di un rinnovato sistema di comunicazione orientato alla connettività IP, che realizza una WAN capillare nel territorio, con l’abbandono dei sistemi cavo proprietari e radio UHF, con minori costi di gestione (reperibilità / pronto intervento / ricambi / mezzi…) </li></ul></ul>
  15. 15. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SITUAZIONE FINALE </li></ul>RTU WAN DEL TELECONTROLLO IEC 60870.5.104 TELECONTROLLO, IMPIANTI, IDROPLUVIOMETRICHE, METEREOLOGICHE, SGRIGLIATORI, NODI IDRAULICI, RINNOVABILI RTU RTU RTU RTU RTU RTU RTU RTU WAN HMI SERVER WEB FIREWALL SERVER NTP SERVER AZIENDALE LAN ETHERNET RIDONDATA GPS FRONT END CBEC LAN BEC UTENTI ESTERNI UTENTE REPERIBILE HMI WEB
  16. 16. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>OBIETTIVI DEL RINNOVAMENTO </li></ul><ul><li>Sostituzione a caldo degli apparati senza fermo impianti. Infatti lavorando in parallelo con il gestore Telecom sarà possibile sostituire i vecchi apparati periferici con i nuovi al momento della disponibilità della connettività nei siti. </li></ul><ul><li>Ottimizzazione dei processi di automazione già presenti negli impianti, decentralizzando sugli apparati periferici (RTU) ed ampliandone le funzioni e la personalizzazione. </li></ul><ul><li>Presenza negli impianti di sollevamento, di un supervisore locale a supporto del personale operativo e con funzioni di backup, pannelli operatore touch screen in sostituzione di quadri sinottici. </li></ul><ul><li>Ampliamento degli impianti telecontrollati. </li></ul>
  17. 17. TELECONTROLLO – ARCHITETTURA <ul><li>SVILUPPI OPERATIVI DEL SISTEMA </li></ul><ul><li>Acquisizione in tempo reale dei consumi energetici degli impianti di sollevamento irrigui e scolo grazie alla porta MOD-BUS interfacciata con la strumentazione presente sulle cabine elettriche di nuova generazione in apparati SEPAM; </li></ul><ul><li>Gestione automatizzata del bilancio energetico e volumi sollevati dagli impianti del Consorzio ricavata dal funzionamento delle pompe irrigue e relativo calcolo delle portate in tempo reale; </li></ul><ul><li>Acquisizione dei dati di produzione energia elettrica da impianti fotovoltaici già in funzione ed in gestione al Consorzio con sviluppo piattaforma per ulteriori impianti di produzione idroelettrici ed olici; </li></ul><ul><li>Archivio storico con estrazione dati consultabile da WEB; </li></ul><ul><li>Gestione istantanea del campo; </li></ul><ul><li>Apertura per video controllo remoto dei siti periferici strategici; </li></ul>
  18. 18. TELECONTROLLO – AUTOMAZIONE NODO BORETTO ACCESSO TELECOM BORETTO SCOLO BORETTO CHIAVICA BORETTO 2 BORETTO 1 BORETTO VECCHIO LAN LOCALE BORETTO – L=1km SNN SNN SNN SNN SNN
  19. 19. TELECONTROLLO – AUTOMAZIONE NODO BORETTO
  20. 20. TELECONTROLLO – AUTOMAZIONE NODO BORETTO
  21. 21. PRESENTAZIONE FINE http:telecontrollo.emiliacentrale.it http:pda.emiliacentrale.it

×